Vai al contenuto
anidner

Certificato di abitabilità

Ciao ragazzi come al solito mi serve il vostro aiuto, questa volta a nome di mia madre. In pratica Mia madre 15 anni fa comprò un appartemento in condominio, ci ha abitato per tutti questi anni ora essendo sola perchè nel frattempo è venuto a mancare mio padre lo vuole vendere, ha travato già un acquirente, solo che ha scoperto di non possedere il certificato di abitabilità. Rivedendo l'Atto di acquisto abbiamo scoperto che sullo stesso c'è scritto quanto segue: Il venditore ha richiesto al comune di ...il rilascio del certificato di abitabilità dell'appartamento oggetto del presente atto, giusta richiesta presentata al suddetto comune in data .... protocollo n.... Lo stesso si obbliga curare il rilascio dal comune. Ovviamente siamo andati da questo signore (ex costruttore) il quale non vuole saperne assolutamente. l'aiuto che vi chiedo è questo: come dobbiamo fare per avere il certificato di abitabilità. Inoltre, volevo chiedere se è possibile fare adesso la pratica a nostre spese e a chi rivolgersi. E se ciò è possibile, quanto si spenderebbe? vi ringrazio. saluti.

Puoi vendere anche senza il certificato. Per maggior cautela fai inserire ed accettare all'acquirente questa mancanza nel rogito notarile.

Il problema è che adesso le banche per dare un mutuo chiedono tutto, per cui senza certificato di agibilitàl'acquirente non può avere il mutuo.

Inoltre, se tu facesi scrivere sul rogito quanto detto da Tesseri, credi che l'acquirente accetterebbe? Visto che se manca l'agibilità l'immobile non è conforme dal punto di vista edilizio, ed è il venditore che deve garantire la conformità, direi che come condominio dovrete sentire un tecnico che predisponga la pratica per l'agibilità. Purtroppo è una cosa che non può essere data solo per un appartamento.

Il costo del tecnico non è tantissimo: il problema è che chiedendo oggi l'agibilità, dovrete rispettare le normative attuali, che in 15 anni sono cambiate, per cui prima di richiederla dovrete rimettere a norma tutto. Questo è il costo maggiore che, ovviamente, non può essere quantificato in questa sede.

Ripeto: puoi vendere e non tutte le banche richiedono il certificato di abitabilità per erogare il mutuo. lavoro presso uno studio notarile e di queste cose ne vedo tante ma tante tante.

Rivedendo l'Atto di acquisto abbiamo scoperto che sullo stesso c'è scritto quanto segue: Il venditore ha richiesto al comune di ...il rilascio del certificato di abitabilità dell'appartamento oggetto del presente atto, giusta richiesta presentata al suddetto comune in data .... protocollo n.... Lo stesso si obbliga curare il rilascio dal comune.

 

Il certificato di abitabilità potrebbe essere stato già rilasciato dal comune, ma materialmente non ne sei in possesso.

L'abitabilità, inoltre, si ottiene di fatto con il "silenzio-assenso" qualora trascorsi 60 giorni dalla presentazione della richiesta (nel tuo caso la data ed il protocollo citato nell'atto), non si sia avuta alcuna comunicazione da parte del comune.

In ogni caso puoi sempre richiederne copia presso l'ufficio urbanistica del comune, citando nella richiesta i riferimenti che trovi sul tuo rogito.

Ciao

Il silenzio assenso è stato introdotto con il DPR 380/01. Essendo la tua una costruzione antecedente, non c'era ancora.

Comuqnue può essere che ci sia e che il costruttore non ve l'abbia dato. Fatene richiesta in Comune e vedete cosa vi rispondono. Se c'è ve lo daranno, se non c'è valutate a che punto è ferma la cosa.

In ogni caso, l'agibilità non sarà solo per il tuo appartamento, bensì per tutto il condominio. Quindi senti l'amministratore.

 

Per Tesseri:

si può fare l'atto ugualmente senza certificato, purchè si scriva sull'atti che non c'è. In tutta onestà, in qualità di tecnico, ho sempre dato parere negativo in mancanza di tale certificato, facendo obbligare il venditore a produrlo a sue spese.

Scritto da wolverine75 il 09 Ott 2012 - 09:21:39: No,oggi è difficile trovare un notaio che sia disposto a scrivere una cosa del genere e se lo fa è poco serio, anzi pochissimo.

E' più difficile trovare un notaio che, in mancaza di tale certificato, non scriva nulla sull'atto, non tutelando l'acquirente (che gli paga la parcella), ed esponendolo a eventuali sanzioni.

Scritto da lollolalla il 09 Ott 2012 - 10:24:37:

 

E' più difficile trovare un notaio che, in mancaza di tale certificato, non scriva nulla sull'atto, non tutelando l'acquirente (che gli paga la parcella), ed esponendolo a eventuali sanzioni.

Quanti atti vuoi vedere che ti smentiscono ?

Scritto da lollolalla il 09 Ott 2012 - 08:31:09: Il silenzio assenso è stato introdotto con il DPR 380/01. Essendo la tua una costruzione antecedente, non c'era ancora.

Comuqnue può essere che ci sia e che il costruttore non ve l'abbia dato. Fatene richiesta in Comune e vedete cosa vi rispondono. Se c'è ve lo daranno, se non c'è valutate a che punto è ferma la cosa.

In ogni caso, l'agibilità non sarà solo per il tuo appartamento, bensì per tutto il condominio. Quindi senti l'amministratore.

 

Per Tesseri:

si può fare l'atto ugualmente senz [...]

Il DPR 380/2001 è un testo unico sull'edilizia, ossia una "raccolta" di leggi vigenti. Nella fattispecie, il rilascio del certificato di agibilità fa capo a norme precedenti (DPR 425/1994 - Legge 1086/71 - Regio Decreto N. 1265/1934 - L. 47/85) "inglobate" nel DPR 380/2001.

Scritto da spartakus il 09 Ott 2012 - 14:27:37:

 

Il DPR 380/2001 è un testo unico sull'edilizia, ossia una "raccolta" di leggi vigenti. Nella fattispecie, il rilascio del certificato di agibilità fa capo a norme precedenti (DPR 425/1994 - Legge 1086/71 - Regio Decreto N. 1265/1934 - L. 47/85) "inglobate" nel DPR 380/2001.

Il DPR 380/01 ha sì inglobato queste leggi, abrogandole in toto o in parte, e nello stesso tempo cambiandone il testo:

DPR 425/94 abrogata in toto

Regio decreto 1265/34 abrogato negli art. 219 e 220 (riguardo visto del podestà per salubrità e prosciugamento muri)

ecc.

Quindi oggi fa fede il DPR 380/01.

Essendo quella di Anidner una casa di 15 anni fa, all'epoca della costruzione faceva fede il DPR 425/94.

×