Vai al contenuto
Letiziia

Cedolare secca - vorrei avere qualche informazione riguardo

Salve vorrei avere qualche informazione riguardo i contratti di locazione con cedolare secca, vorrei affittare ad una famiglia un appartamento e orientarmi verso il 3+2. Chiedo alcune cose:

- conviene fiscalmente questa tipologia di contratto e a chi

- il prezzo lo posso stabilire io o ci sono dei parametri inoltre conviene fare ad es un prezzo unico comprensivo di spese condominiali o queste ultime separate

- la certificazione energetica dell'appartamento è obbligatoria

 

Grazie

Salve,

provo a risponderti, magari sotto la supervisione degli esperti del forum:

 

- conviene fiscalmente questa tipologia di contratto e a chi

In tema di tassazione, per la cedolare secca si applica l'aliquota del 21% ovvero non ha nessun riferimento all'aliquota Irpef che si applica, invece, per gli altri redditi prodotti dal soggetto con i seguenti scaglioni:

fino a 15.000 euro - 23% del reddito

oltre 15.000 e fino a 28.000 euro 27% (3.450 + 27% sulla parte eccedente 15.000 euro)

oltre 28.000 e fino a 55.000 euro 38% (6.960 + 38% sulla parte eccedente 28.000 euro)

oltre 55.000 e fino a 75.000 euro - 41% (17.220 + 41% sulla parte eccedente 55.000 euro)

oltre 75.000 euro - 43% (25.420 + 43% sulla parte eccedente 75.000 euro)

 

Pertanto la cedolare sembrerebbe essere, comunque, conveniente per qualsiasi fascia di reddito. Tuttavia, chi usufruisce di detrazioni per familiari a carico o per oneri si deve verificare se, escludendo dal reddito complessivo l'affitto soggetto a cedolare, non si perda in tutto o in parte la possibilità di beneficiare di tali detrazioni.

Questa circostanza è rilevante soprattutto per i redditi più bassi: se un contribuente può avvalersi di agevolazioni superiori alle tasse da pagare, in caso di regime ordinario può chiederne il rimborso; invece, qualora optasse per la cedolare secca, sarebbe costretto a rinunciarvi per "incapienza".

 

- il prezzo lo posso stabilire io o ci sono dei parametri inoltre conviene fare ad es un prezzo unico comprensivo di spese condominiali o queste ultime separate

il prezzo lo stabilisci tu sulla base del mercato immobiliare in cui si trova l'appartamento, mentre se opti per la cedolare a canone concordato (attuale aliquota al 15%) dovrai attenerti a dei parametri specificatamente previsti per zona ed immobile.

La convenienza di imputare alle spese condominiali ovvero se comprensive o separate, dipende ovviamente da che tipo di spese si debbono sostenere;

- la certificazione energetica dell'appartamento è obbligatoria

è un elemento indispensabile per stipulare il contratto di locazione.

Saluti

L'immobile in questione è quello avuto con la successione dopo la morte di mio padre, quindi può essere mia madre solamente e non noi figli gli intestatari del contratto e tenuto conto che gode della sola pensione di reversibilità si circa 16000 euro l'anno lordi , quanto pagherebbe di tasse tenuto conto che l'affitto che chiede è di 600 euro al mese comprese le spese condominiali che ammontano a 1000 euro .

Grazie

L'immobile in questione è quello avuto con la successione dopo la morte di mio padre, quindi può essere mia madre solamente e non noi figli gli intestatari del contratto e tenuto conto che gode della sola pensione di reversibilità si circa 16000 euro l'anno lordi , quanto pagherebbe di tasse tenuto conto che l'affitto che chiede è di 600 euro al mese comprese le spese condominiali che ammontano a 1000 euro .

Grazie

Se anche i figli sono entrati nella successione e, quindi, proprietari dell'immobile va da se che il contratto deve essere stipulato da tutti i proprietari o, al massimo, da vostra madre relativamente alla sua quota di proprietà.

Se invece ella è l'unica proprietaria dell'immobile il problema non sussiste.

Riguardo al pagamento delle imposte, come già detto, il reddito personale (16.000 euro) non entra nel cumulo con la cedolare per la quale si applica un'autonoma imposta del 21%.

Se invece si opta per un contratto di locazione senza l'applicazione della cedolare, l'ammontare del canone (600x12 +1.000) cumulerebbe con il predetto reddito e ricadrebbe nell'applicazione di un'aliquota non inferiore al 27%.

Sono calcoli piuttosto spiccioli che bisogna ben vedere in dettaglio.

Ma credo che, a grosse linee, la situazione fiscale sia quella esposta.

Magari aspettiamo il parere di qualche altro amico del forum il quale potrà confermare o meno quanto detto.

saluti

×