Vai al contenuto
Mix59

Cattiva amministrazione?

Salve, vorrei cercare di affrontare alcuni problemi del condominio in cui vivo, in parte a mio avviso riconducibili a una scarsa adesione dell'Amministratore ai suoi doveri.

In ordine sparso:

Dal momento che molti condòmini sono morosi l'amministratore sostiene di non avere soldi per inviare le ingiunzioni di pagamento delle rate arretrate.

Per lo stesso motivo serratura elettrica del portone condominiale e citofoni non vengono riparati, col risultato di dare libero accesso a chiunque all'edificio.

Da anni un ex-condòmino a cui fu pignorata la casa per insolvenza, dorme sul mezzanino con risultato estetico, etico e igienico che lascio immaginare.

Sempre per mancanza di fondi non vengono più effettuate le pulizie delle scale, vabè ci si può adattare..

Ultima chicca: un condòmino ha iniziato a costruire una copertura sul terrazzo al piano di sua pertinenza, con deciso cambio della linea architettonica dell'edificio ben visibile dalla strada, sostenendo di avere avuto autorizzazione verbale dell'amministratore (non ci vorrebbero invece concessione edilizia e autorizzazione dell'assemblea condominiale?)

 

Domande: ci sarebbero i presupposti per chiedere un'amministrazione giudiziaria di questo condominio?

Esistono consultori o uffici (città di Milano) cui chiedere consulenza in proposito?

Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Salve,

da quanto lei riferito la gestione è alquanto lacunosa ed infruttuosa. Il consiglio è di cambiare Amministrazione non per forza per via giudiziaria. In merito alla domanda sulla copertura del terrazzo tutto dipenda dal tipo di opera che se edile sicuramente ha bisogno di una concessione comunale che varia a seconda dell'opera. Se non è edile tipo installazione gazebo mobile non serve la concessione edilizia, ad ogni modo in entrambi i casi se terrazzo di sua proprietà esclusiva non serve il consenso assembleare. L'assemblea a tal proposito può solo richiedere certezza sul rispetto degli eventuali adempimenti normativi e consigliare metodologie che abbiano il minor impatto sull'edificio. Se si ravvisa un danno economicamente quantificabile si può comunque agire per risarcimento danni.

 

Cordiali saluti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie Nicolas,

non si tratta di gazebo, sono dei pali in legno assicurati alla ringhiera fronte strada e sormontati da una traversa per un totale di circa 4 metri in larghezza. Mi è stato detto che dovrebbe essere ricoperto da una tettoia in plexiglass. Dove posso trovare i riferimenti normativi in materia di questo tipo di costruzioni?

Ripeto la domanda sull'esistenza di consultori che aiutino i condomìni in difficolta, ho sentito qualcosa del genere, finora conosco solo l'Uppi che però è altra cosa.

grazie ancora e buona giornata

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Domande: ci sarebbero i presupposti per chiedere un'amministrazione giudiziaria di questo condominio?

Esistono consultori o uffici (città di Milano) cui chiedere consulenza in proposito?

Grazie.

Ci sarebbero i presupposti per la creazione di un fondo spese legali, per la creazione di un fondo di emergenza per esigenze di cassa.

Ma voi sareste disposti a deliberarli?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ci sarebbero i presupposti per la creazione di un fondo spese legali, per la creazione di un fondo di emergenza per esigenze di cassa.

Ma voi sareste disposti a deliberarli?

Forse qualche condomino di buona volontà lo si può trovare. Ma che garanzie ci sarebbero di rivedere i soldi? Ad ogni modo in che modo crearlo, con che quota millesimale? Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Forse qualche condomino di buona volontà lo si può trovare. Ma che garanzie ci sarebbero di rivedere i soldi? Ad ogni modo in che modo crearlo, con che quota millesimale? Grazie

Va fatta una valutazione obbiettiva con l'aiuto di un legale prima di procedere eventualmente con stanziamenti di fondi, in quanto vi sono situazioni che vanno valutate singolarmente (esempio anche noi tante volte non procediamo con D.I. in quanto il debitore ha già pendenze che superano il valore patrimonuiale verso creditori privilegiati che hanno già titolo esecutivo), oltre alla parte legale va anche fatta una valutazione finanziaria per evitare il default condominiale.

Quindi l'amministratore può anche aver agito anche nel giusto nulla è da escludere.

In ogni caso a Milano per consulenze di questo tipo vi è la Proprietà Edilizia in Via Meravigli, ove vi sono avvocati, commercialisti, notai ecc...... siamo anche noi associati e ci avvaliamo spesso della loro consulenza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×