Vai al contenuto
Pareto

Caso di abuso di potere da parte dell'amministratore ?

Un azienda commissiona un progetto di trasformazione di un immobile da uso commerciale a uso abitativo e chiede al condominio l'utilizzo di un cortile comune e l'apertura di una porta di accesso nell'ingresso.

L'amministratore può decidere con il consenso dei soli consiglieri di incaricare un avvocato di mandare una raccomandata di diffida all'azienda senza avvisare gli altri condomini ?

Un azienda commissiona un progetto di trasformazione di un immobile da uso commerciale a uso abitativo e chiede al condominio l'utilizzo di un cortile comune e l'apertura di una porta di accesso nell'ingresso.

L'amministratore può decidere con il consenso dei soli consiglieri di incaricare un avvocato di mandare una raccomandata di diffida all'azienda senza avvisare gli altri condomini ?

il cortile comune è di proprietà di tutti i condomini compresa l'azienda?

il cortile comune è di proprietà di tutti i condomini compresa l'azienda?

Sì, compresa l'azienda.

Sì, compresa l'azienda.

se l'azienda è comproprietaria del cortile, non deve chiedere nessun permesso per l'utilizzo dello stesso e, a mio avviso, nemmeno per l'apertura di una porta d'accesso nell'ingresso, se l'opera rispetta quanto dettato dall'art. 1102 c.c.

 

Ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il miglior godimento della cosa.

Il partecipante non può estendere il suo diritto sulla cosa comune in danno degli altri partecipanti, se non compie atti idonei a mutare il titolo del suo possesso.

Infatti chiedono l'utilizzo di una parte in via esclusiva.

Ma non è questo il punto.

Può l'amministratore rispondere senza interpellare l'assemblea ?

Infatti chiedono l'utilizzo di una parte in via esclusiva.

Ma non è questo il punto.

Può l'amministratore rispondere senza interpellare l'assemblea ?

l'utilizzo esclusivo è un'altra cosa, in questo caso la decisione deve essere presa dall'assemblea all'unanimità, l'amministratore non può decidere un bel niente, proprio perché i proprietari degli spazi comuni sono i condomini e non certo l'amministratore. Stesso discorso vale per i consigliere, anche loro non hanno alcun potere decisionale in merito.

×