Vai al contenuto
Alcibiade

Cartello tra amministratori

MADDY60 dice:

2) il sito avrebbe un senso compiuto - in termini di trasparenza - se in esso fosse pubblicata l'INTERA documentazione del condominio (compresi estratti conto bancari, contratti, corrispondenze con fornitori e legali, ecc.

peccato per la mia "incompiuta" trasparenza: la corrispondenza non la carico (e neanche le ricevute delle raccomandate postali)

 

  • Mi piace 2
paul_cayard dice:

peccato per la mia "incompiuta" trasparenza: la corrispondenza non la carico (e neanche le ricevute delle raccomandate postali)

 

Peccato davvero per te, ma io sono più bravo di te  😂 😂

Io pubblico tutto,non per trasparenza ma per comodità di avere un ulteriore backup raggiungibile da ogni dove tramite lo smartphone. Oltre alla corrispondenza carico perfino i rapportini dell'ascensorista;

in sintesi, ogni "pizzino" caratceo e non, è archiviato sul sito.

Visto il successo ormai decennale del nostro sito, i condòmini del mio condominio non potrebbero più farne a meno, qualsiasi fosse il costo.

Il motivo che ci ha spinto a scegliere un dominio di proprietà e di non avvalerci del sito del gestionale dell'amministratore è stata proprio una scelta ragionata, perchè non vogliamo rinunciare allo storico.

Ci pensò già il precedente amministratore a perderci buona parte della documentazione.

  • Mi piace 3
bilbetto dice:

Ritengo che sia giunto il momento di far capire ai condòmini che il condominio è loro e non dell’amministratore e che, casomai, l’amministratore deve cominciare a considerare il condominio come un Cliente.

Oltretutto, per i condòmini più giovani che sono più avvezzi all'utilizzo on line, il sito web potrebbe anche essere un risparmio ed un'opportunità e non una sciagura perchè così come l'amministratore si fa pagare il sito, allo stesso modo credo si faccia pagare la documentazione se corposa.

Immaginiamo che io prima del rendiconto chieda copia di ogni giustificativo di spesa, del registro di contabilità e dell'estratto del conto corrente.

Sicuramente dovrei chiedere almeno una 50ina di fogli.

Se in un condominio ci sono 10 richieste, non credo che l'amministratore stampa 500 fogli a gratis.

dovesse chiedere anche solo 2 euro a foglio, saremmo già sui 1.000 euro.

Cn quella cifra conviene chiedere una sola copia di tutto all'amministratore e far gestire il sito ad una società esterna su dominio proprio... con i prezzi che fanno oggi i webmaster, secondo me si spenderebbe più o meno la metà avendo il sito, rispetto a non averlo.

Modificato da Leonardo53
  • Mi piace 3
Leonardo53 dice:

Peccato davvero per te, ma io sono più bravo di te  😂 😂

😭😣😢😖🤬

 

😄

bilbetto dice:

È vero. Il sito probabilmente lo vedono in pochi ma il solo fatto che esista, credetemi, è un deterrente per i rompiscatole (almeno per me è così). Il solo fatto che esista è “tranquillizzante”. Aggiungo che abituare i condòmini ad avere informazioni è importante per ... abituarli ... a pretenderle. Tutto ciò gioca a favore di chi non ha timore di “mostrare” e a sfavore di chi quelle informazioni se le tiene strette ... per chissà quali motivi. Ritengo che sia giunto il momento di far capire ai condòmini che il condominio è loro e non dell’amministratore e che, casomai, l’amministratore deve cominciare a considerare il condominio come un Cliente.

ottimo e abbondante.

un plauso.

 

davidino1978 dice:

Se nella tua città ci sono 25-30 studi di amministrazioni condominiali direi che generalizzare dopo averne sentiti 2 mi pare riduttivo.

Onestamente ritengo più intelligente rifiutare di fare il preventivo e amen.

 

Comunque da che mondo e mondo ci sono gruppi di professionisti che si mettono più o meno ufficialmente insieme.

Nella mia città, direi almeno 1/3 della tua ci sono tre gruppi che fanno riferimento ad un ex amministratore fallito dopo aver fatto sparire diversi milioni di € e punto di riferimento e credo socio di un noto franchising nazionale di amministrazioni condominiali (e ai quali ha passato circa i 3/4 dei suoi condomini prima del fallimento attraverso i capiscala), alla principale azienda di spurghi (ex socio occulto del precedente amministratore) che giusto qualche mese fa ha fatto acquistare a 4 volte il prezzo di mercato da propri finanziatori uno studio con un centinaio di condomini amministrati in vendita, e da un grosso studio del capoluogo di provincia (legato al mondo cooperativo) che tira la fila di due ex amministratori del primo studio ed ha come soci e fornitori esclusivi alcuni che erano in affari con il primo studio.

E la sapete la cosa bella, i condomini sono molto felici di far parte del sistema e guai agli altri a mettersi sulla loro strada, hanno un enorme potere persuasivo grazie a capiscala ecc

Non sempre la colpa è degli amministratori, può capitare che qualcuno trovi un amministratore (su 10 convocati) a cui chi li selezionava, non guardava tanto al preventivo, ma se era disposto a firmare 10 regole d'ingaggio, tra cui l'estratto conto bancario, non doveva essere una proprietà dall'amministratore, ma anche i condomini proprietari potevano richiederlo alla banca, a loro spese ecc...... fatto questo e accettato, all'assemblea, quelli che sostenevano il vecchio amministratore dimessosi, dato che non presentava un vero bilancio, si opposero, facendo fallire l'assemblea e in dispregio della legge, passarono 30 giorni senza un amministratore in carica, prima di fare una nuova assemblea, così avevano il tempo di far eleggere uno di loro gradimento ( probabilmente amico del precedente) visto che l'assemblea è stata fatta nella sua sede, mentre prima, per oltre 20 anni la facevamo in un locale della chiesa, tenuto conto che il nuovo amministratore veniva eletto senza alcuna regola d'ingaggio, pertanto è evidente, più che un amministratore poteva diventare un Imperatore. Spesso i Presidenti e consiglieri, trainano i condomini, diventando dei segretari dell'Amministratore.

bilbetto dice:

È vero. Il sito probabilmente lo vedono in pochi ma il solo fatto che esista, credetemi, è un deterrente per i rompiscatole (almeno per me è così).

Mah... a me  per avere rompiscatole bastava, all'epoca, che sul sito fossero pubblicati soltanto i loro versamenti! 

Ossia: bastava questo per far telefonare il rompiscatole di turno che chiedeva "come mai ho fatto il versamento alle poste questa mattina, e ancora non risulta nel sito?" 😂

 

bilbetto dice:

abituare i condòmini ad avere informazioni è importante per ... abituarli ... a pretenderle.

Personalmente non mi sento l'insegnante di nessuno. 

Anche perchè tantissimi sono i condòmini che hanno professionalità e cultura di primo livello, e quindi sanno benissimo come guardarsi i fatti loro. Anzi : presumo che si sentirebbero proprio offesi e presi per i fondelli se volessi "insegnare" loro qualcosa. 

 

bilbetto dice:

Tutto ciò gioca a favore di chi non ha timore di “mostrare” e a sfavore di chi quelle informazioni se le tiene strette ... per chissà quali motivi.

No Bilbetto, no! Non confondiamo, please...🙂

Chi pubblica...anzitutto vediamo prima COSA pubblica, e poi possiamo parlarne. 

 

In secundis (ma forse primo in ordine di importanza) : chi non pubblica su un sito "condominiale" è un Amm.re che non ritiene dover spendere il proprio Tempo in questo modo, ma questo NON equivale ASSOLUTAMENTE a dire che "si tenga stretto qualcosa, per chissà quali motivi". 

E no, ma proprio no! 😉

A me non è mai capitato chi chieda l'estratto CC condominiale, ma sai quante volte è accaduto che uno o più condòmini volessero avere copia di qualche fattura, ritenendo che fosse contestabile qualche fornitore? 

Ebbene: l'hanno sempre avuta pressochè in tempo reale, a costo zero, via mail. E lo stesso sarebbe accaduto con l'estratto di CC o con qualunque corrispondenza. 

Quindi: "non pubblicare" e "tenersi strette le informazioni <chissà perchè>"...NON sono proprio parenti come concetti, e non trovo affatto corretto confonderli. 

 

bilbetto dice:

Ritengo che sia giunto il momento di far capire ai condòmini che il condominio è loro e non dell’amministratore e che, casomai, l’amministratore deve cominciare a considerare il condominio come un Cliente.

🤔 Ossignur....E ci vorrà forse qualche "rivoluzione" o qualche "rivoluzionario",  per affermare quel che è ovvio? 

Credo non esista Professionista che non consideri il condominio come un Cliente! 

 

Piuttosto, magari, ci sono contesti condominiali che sembrano LORO fare molta fatica a considerare l'Amm.re come un Professionista!

 

Esistono senza dubbio contesti in cui l'Amm.re viene vissuto con diffidenza aprioristica, così come esistono contesti in cui (con tutto il dovuto rispetto per i portinai, che però fanno un Lavoro diverso) l'Amm.re è quasi vissuto come equiparato al portinaio.

 

Infatti sono moltissimo d'accordo, @bilbetto , con il tuo concetto di "scrematura e scelta della clientela", assolutamente! Ma questo c'entra anche con il ruolo del "sito"  e mi spiego. 

 

UN CONTO è assecondare/alimentare  l'idea che la  diffidenza sia fondata, e quindi posturarsi  a tot gradi per allontanarla da se stessi (e solo da se stessi), facendo due vite nelle ore di una per "far vedere tutto" , e BEN ALTRO CONTO è aver chiara l'idea che "tu sei il cliente, io il professionista, e se tra noi c'è fiducia e gradimento reciproco bon, altrimenti ciaone!" . 

 

Questa, per me, è la "scrematura"! E non "darla vinta" aggratis a chi cerca Maria per Roma sulla spinta della diffidenza , salvo sempre poter essere lui stesso preso i fondelli a doppio, perchè ...mi ha fatto  riflettere questa tua esternazione : 

bilbetto dice:

Il solo fatto che esista è “tranquillizzante”.

Personalmente ho fatto moltissima "scrematura" nel corso degli anni.

E sono abbastanza soddisfatta di avere un certo tipo di clientela. 

Quale tipo? 

Semplice : quello che ...ce verrebbe da ride a tutti se io facessi l'insegnante di condominio, giacchè è gente che nella media sa vedersi di suo cose BEN PIU' complesse del condominio.

Gente che ha precisa idea di cosa significhi Professionalità e Responsabilità. 

Gente che è abituata a scegliere potendo scegliere e che ...se avesse un'idea negativa di me...mi ribalterebbe in mezz'ora e sapendo benissimo come farlo, ma che avendo invece di me un'idea più che lusinghiera... non mi oltraggerebbe mai chiedendomi un "fammi vede' le carte nel sito" !😂

  • Mi piace 1
bilbetto dice:

È vero. Il sito probabilmente lo vedono in pochi ma il solo fatto che esista, credetemi, è un deterrente per i rompiscatole (almeno per me è così). Il solo fatto che esista è “tranquillizzante”. Aggiungo che abituare i condòmini ad avere informazioni è importante per ... abituarli ... a pretenderle. Tutto ciò gioca a favore di chi non ha timore di “mostrare” e a sfavore di chi quelle informazioni se le tiene strette ... per chissà quali motivi. Ritengo che sia giunto il momento di far capire ai condòmini che il condominio è loro e non dell’amministratore e che, casomai, l’amministratore deve cominciare a considerare il condominio come un Cliente.

Leonardo53 dice:

Oltretutto, per i condòmini più giovani che sono più avvezzi all'utilizzo on line, il sito web potrebbe anche essere un risparmio ed un'opportunità e non una sciagura perchè così come l'amministratore si fa pagare il sito, allo stesso modo credo si faccia pagare la documentazione se corposa.

Immaginiamo che io prima del rendiconto chieda copia di ogni giustificativo di spesa, del registro di contabilità e dell'estratto del conto corrente.

Sicuramente dovrei chiedere almeno una 50ina di fogli.

Se in un condominio ci sono 10 richieste, non credo che l'amministratore stampa 500 fogli a gratis.

dovesse chiedere anche solo 2 euro a foglio, saremmo già sui 1.000 euro.

Cn quella cifra conviene chiedere una sola copia di tutto all'amministratore e far gestire il sito ad una società esterna su dominio proprio... con i prezzi che fanno oggi i webmaster, secondo me si spenderebbe più o meno la metà avendo il sito, rispetto a non averlo.

Leonardo53 e Bilbetto: per quel che può valere la mia opinione, condivido totalmente la vs. concezione del sito internet condominiale. La storia vi darà ragione.😉

  • Mi piace 1
  • Grazie 1
Leonardo53 dice:

Oltretutto, per i condòmini più giovani che sono più avvezzi all'utilizzo on line, il sito web potrebbe anche essere un risparmio ed un'opportunità e non una sciagura perchè così come l'amministratore si fa pagare il sito, allo stesso modo credo si faccia pagare la documentazione se corposa. 

Immaginiamo che io prima del rendiconto chieda copia di ogni giustificativo di spesa, del registro di contabilità e dell'estratto del conto corrente.

Sicuramente dovrei chiedere almeno una 50ina di fogli. 

Se in un condominio ci sono 10 richieste, non credo che l'amministratore stampa 500 fogli a gratis.

dovesse chiedere anche solo 2 euro a foglio, saremmo già sui 1.000 euro.

Cn quella cifra conviene chiedere una sola copia di tutto all'amministratore e far gestire il sito ad una società esterna su dominio proprio... con i prezzi che fanno oggi i webmaster, secondo me si spenderebbe più o meno la metà avendo il sito, rispetto a non averlo.

Leo vuoi sempre l'esperienza personale? Di documentazione in anni me ne è stata chiesta un paio di volte ed in entrambi i casi lo scopo era palesemente e solamente far perdere tempo. Ovviamente il faldoni sono disponibili in assemblea e anche li ci avranno guardato giusto un paio di volte.

Il tempo che farebbe perdere la digitalizzazione di tutto (sarà che anche se sono giovane prediligo la vecchia e maledetta carta che non prende virus, che non affatica la vista, non ha bisogno di 2-3 back-up ecc) ho notato che è meglio impiegato incontrando vari condomini (quelli veramente interessati) e fare il punto insieme della situazione. E il vantaggio del rapporto personale è mille volte superiore che fornirgli qualche fotocopia che nessuno ha mai voluto.

Fra l'altro visto che si associa (per me sbagliando) il sito alla trasparenza a mio parere stiamo parlando di un falso problema (roba da grillini e poi abbiamo visto come è andata a finire), il problema è che gli amministratori disonesti vanno a braccetto con i condomini disonesti che spesso sono proprio quelli che pontificano sulla trasparenza… sai com'è dovranno pulire la coscienza sporca! Poi sicuramente conta il tipo di città e mercato e magari le dimensioni dei condomini ma io di fatture false o strani movimenti bancari non ne vedo fra i colleghi (e visto che sto crescendo molto in questi anni ne vedo di documentazione che mi arriva da altri) mentre ho info di un sacco di buste ai capiscala e di incentivi da parte dei fornitori. Addirittura ho beccato diverse volte fornitori abituati agli incentivi che vanno a sponsorizzare i famosi super onesti condomini per obbligare amministratori onesti (che quando gli offrono la mazzetta li mandano dove meritano) a prendere loro al posto di fornitori onesti. 

Sinceramente vedo quindi molto sbagliato il ragionamento per categorie che fra l'altro sta portando un brutto clima qua sul forum. Ormai ho l'impressione che sia diventata una corsa ai like seguendo il classico stile dei social influencer.

Modificato da davidino1978
  • Mi piace 1

Sinceramente questa discussione pro e contro il sito con tutti i corollari per dimostrare che è utile / no non è utile portata avanti da chi ha il sito e da chi non lo ritiene utile, anzi una perdita di tempo, secondo me non può portare da nessuna parte. E' solo una disquisizione, secondo me, diventata inutile. Io avevo detto  al post  # 148  : "Come nessuno si deve sentire obbligato ad avere il sito solo perchè qualcuno lo usa, alla stessa maniera uno che non lo usa non dovrebbe denigrare il suo uso da parte di qualche amministratore. Libertà assoluta.". Mi è stato subito detto al post #149 : " La libertà di gestirlo o meno c'è già, senza bisogno che sia concessa da alcun forumista.". Non avevo tale pretesa, ma condivido ( anche se non sono un patito del sito ) le parole di @Alcibiade : " Leonardo53 e Bilbetto: per quel che può valere la mia opinione, condivido totalmente la vs. concezione del sito internet condominiale. La storia vi darà ragione.😉". Buona serata a tutti.

 

Modificato da Dino40
errore
  • Mi piace 2

La discussione non apportando nessun nuovo contenuto a quanto già detto, viene chiusa.

 

  • Mi piace 1
Ospite
Questa discussione è chiusa.
×