Vai al contenuto
Alcibiade

Cartello tra amministratori

Buongiorno a tutti,

questo è il mio primo post e ringrazio Condominioweb per lo spazio concessomi.

 

Recentemente ho contattato, in tempi diversi, 2 amministratori per verificare prezzi e servizi offerti e confrontarli con quelli dell' attuale amministratore.

 

In entrambi i casi, nel giro di poche ore, mi ha contattato l' attuale amministratore, dettagliatamente informato delle mie mosse e fortemente risentito, per usare un eufemismo, della mia iniziativa. Pazienza, questo non è un problema, me ne farò una ragione.

 

Quello che invece inquieta in questa storia è la presenza di un “cartello” tra amministratori, e inquieta ancora di più il fatto che non vivo in un piccolo centro di montagna dove tutti si conoscono, bensì in un capoluogo di provincia del nord Italia dove operano almeno 25/30 amministratori condominiali.

 

Potrei essere proprietario di molti immobili e avere voce in capitolo in diverse assemblee condominiali, ma i due amministratori da me contattati hanno bellamente ignorato qualsiasi valutazione di carattere commerciale e di mercato (nonché di privacy) pur di difendere il cartello vigente.

 

Mi interesserebbe sapere se altri utenti del forum hanno vissuto esperienze analoghe.

Grazie per l'attenzione.

Sono al corrente di questa prassi, e davvero da tanti anni, perchè il mio "maestro  in Amm.ni Imm.ri" veniva puntualmente informato da colleghi a cui suoi amministrati chiedevano preventivi per sostituirlo. 

 

Che dire? 😏

 

Intanto direi che è sicuramente irragionevole e urtante e assolutamente NON professionale l'atteggiamento del tuo amm.re, ovvio restando che sia un tuo pienissimo diritto quello di guardarti intorno e valutare alternative. 

 

Dei "colleghi che avvertono" ...davvero non saprei cosa dire. 

Se mi chiedono un preventivo ...io non faccio questa telefonata al collega, a meno che non sia già un mio carissimo amico nella vita. 

Però non giudico chi lo fa, perchè penso corrisponda ad un (secondo me malinteso) "spirito deontologico", e quindi ad una forma di "correttezza" (...a buon rendere? 🤔) verso il collega.... 

Non so se esistano indicazioni in tal senso da parte di qualche Associazione di Amm.ri. 

Io sono Anammi e in Anammi non esiste alcun "obbligo deontologico" di questo tipo. 

 

Di più non so. 😶

Se nella tua città ci sono 25-30 studi di amministrazioni condominiali direi che generalizzare dopo averne sentiti 2 mi pare riduttivo.

Onestamente ritengo più intelligente rifiutare di fare il preventivo e amen.

 

Comunque da che mondo e mondo ci sono gruppi di professionisti che si mettono più o meno ufficialmente insieme.

Nella mia città, direi almeno 1/3 della tua ci sono tre gruppi che fanno riferimento ad un ex amministratore fallito dopo aver fatto sparire diversi milioni di € e punto di riferimento e credo socio di un noto franchising nazionale di amministrazioni condominiali (e ai quali ha passato circa i 3/4 dei suoi condomini prima del fallimento attraverso i capiscala), alla principale azienda di spurghi (ex socio occulto del precedente amministratore) che giusto qualche mese fa ha fatto acquistare a 4 volte il prezzo di mercato da propri finanziatori uno studio con un centinaio di condomini amministrati in vendita, e da un grosso studio del capoluogo di provincia (legato al mondo cooperativo) che tira la fila di due ex amministratori del primo studio ed ha come soci e fornitori esclusivi alcuni che erano in affari con il primo studio.

E la sapete la cosa bella, i condomini sono molto felici di far parte del sistema e guai agli altri a mettersi sulla loro strada, hanno un enorme potere persuasivo grazie a capiscala ecc

Come la vogliamo rigirare la questione è veramente poco edificante e assolutamente da condannare. Quante volte si è letto nel forum: se non sei soddisfatto del comportamento del tuo amministratore prendi l'iniziativa per cambiarlo!!  Come puoi riuscire a cambiarlo se fanno cartello?

MADDY60 dice:

Sono al corrente di questa prassi, e davvero da tanti anni

Questa frase mi preoccupa moltissimo dato che "normalmente" Maddy60 difende la categoria degli amministratori. 

MADDY60 dice:

Intanto direi che è sicuramente irragionevole e urtante e assolutamente NON professionale l'atteggiamento del tuo amm.re, ovvio restando che sia un tuo pienissimo diritto quello di guardarti intorno e valutare alternative. 

 

Dei "colleghi che avvertono" ...davvero non saprei cosa dire

Certo che tra l'indifferenza (per dire poco) dei condomini e il comportamento poco professionale di alcuni amministratori ( quelli corretti sono solo nel forum!!!!) senza generalizzare è impossibile procedere al cambio.

  • Mi piace 1
Dino40 dice:

Come la vogliamo rigirare la questione è veramente poco edificante e assolutamente da condannare. Quante volte si è letto nel forum: se non sei soddisfatto del comportamento del tuo amministratore prendi l'iniziativa per cambiarlo!!  Come puoi riuscire a cambiarlo se fanno cartello?

Questa frase mi preoccupa moltissimo dato che "normalmente" Maddy60 difende la categoria degli amministratori. 

Certo che tra l'indifferenza (per dire poco) dei condomini e il comportamento poco professionale di alcuni amministratori ( quelli corretti sono solo nel forum!!!!) senza generalizzare è impossibile procedere al cambio.

Dino, la questione è che i condomini sono parte del meccanismo. Che esistono gruppi di amministratori, professionisti, fornitori è cosa nota, basta informarsi un po' e ci sono tantissimi amministratori fuori da questi gruppi. Magari studi più piccoli e meno noti. Basta cercare, certo che se ci fi ferma ai primi 2 su 25-30 come nel primo caso, magari fra quelli noti e conosciuti, sono cose che possono succedere di finire nello stesso gruppo.

Anzi, a mio parere sono stati perfino poco furbi, per la mia esperienza solitamente all'interno dello stesso gruppo quando un condomino spinge per cambiare amministratore se lo girano tranquillamente (ed il condomino spesso è contento).

  • Mi piace 1
Dino40 dice:

Questa frase mi preoccupa moltissimo dato che "normalmente" Maddy60 difende la categoria degli amministratori. 

Ti puoi traquillizzare, se è per questo. 

Io difendo ( e ne sono fiera ) una visione professionale e corretta di questa Professione, in cui il mio primo "nemico" è l'amm.re squallido. 

 

Nello specifico ho GIA' scritto (sopra) che : 

- ne sono al corrente da almeno vent'anni; 

- non la pratico affatto; 

- e (con o senza il tuo permesso) se qualche condòmino, nel fare le scarpe a mio Collega che è mio carissimo Amico nella Vita...embè...certo che senza bisogno di nessun "cartello" gli faccio una telefonata, SENZA LA QUALE MI VERGOGNEREI DI ESISTERE COME ESSERE UMANO. 

Chiaro, ora? 

E...😂...siccome tra i "colleghi" gli Amici ...avanzano alla grande le dita di una mano per contarli...'sto problema...non è proprio un mio problema! 

 

Dino40 dice:

quelli corretti sono solo nel forum

Questa ....👍 !!!!

E da mo' che ce rido pure io! 😂

Ciao

Normalmente, non esiste un cartello tra amministratori visto che quasi sempre c'è una corsa per sostituire il collega lavorando su ribasso dei prezzi. Personalmente quando Ricevo una richiesta per un'offerta per l'amministrazione di un condominio chiedo sempre se mi vogliono dire chi è l'attuale amministratore e anch'io informo il collega, se lo ritengo una persona corretta, della richiesta. Questo escludendo qualsiasi cartello con lui ma semplicemente per correttezza proprio per evitare quella guerra al ribasso che ha portato negli ultimi tempi la professione a livelli indecorosi.

  • Grazie 1
davidino1978 dice:

Dino, la questione è che i condomini sono parte del meccanismo. Che esistono gruppi di amministratori, professionisti, fornitori è cosa nota, basta informarsi un po' e ci sono tantissimi amministratori fuori da questi gruppi. Magari studi più piccoli e meno noti. Basta cercare, certo che se ci fi ferma ai primi 2 su 25-30 come nel primo caso, magari fra quelli noti e conosciuti, sono cose che possono succedere di finire nello stesso gruppo.

Anzi, a mio parere sono stati perfino poco furbi, per la mia esperienza solitamente all'interno dello stesso gruppo quando un condomino spinge per cambiare amministratore se lo girano tranquillamente (ed il condomino spesso è contento).

Davidino78, certo 2 amministratori su 25/30 non fanno statistica. Ma guarda caso i primi 2 che ho contattato erano nel cartello....mah.

Tu dici che è cosa nota che esistono gruppi di amministratori e professionisti (basta informarsi un po'...) Mi dici dove dovrei informarmi, ci sono delle liste ufficiali di questi gruppi? Chi detiene queste liste? Chi le fa? Ci sono liste anche di coloro i quali non appartengono a questi gruppi?

MADDY60 dice:

con o senza il tuo permesso)

Frase veramente molto infelice perchè a me non è mai passato nemmeno per l'anticamera del mio cervello di pensare che uno non possa  fare una telefonata all'amico fraterno.  E' una sua scelta. Punto.

Se un condomino vuole cambiare il suo amministratore non è certo perchè vuole fare le scarpe, ma soltanto perchè il condomino pensa che l'amministratore in questione non è stato esemplare nello svolgere la sua attività e perciò fare la telefonata in questo caso, anche senza fare cartello, non è certamente la cosa migliore. Ciascuno, comunque, ha la libertà di comportarsi come crede meglio e non penso proprio che oggi esista una corsa al ribasso anzi forse il contrario.

camillo50 dice:

Ciao

Normalmente, non esiste un cartello tra amministratori visto che quasi sempre c'è una corsa per sostituire il collega lavorando su ribasso dei prezzi. Personalmente quando Ricevo una richiesta per un'offerta per l'amministrazione di un condominio chiedo sempre se mi vogliono dire chi è l'attuale amministratore e anch'io informo il collega, se lo ritengo una persona corretta, della richiesta. Questo escludendo qualsiasi cartello con lui ma semplicemente per correttezza proprio per evitare quella guerra al ribasso che ha portato negli ultimi tempi la professione a livelli indecorosi.

Grazie Camillo, a me è stato detto che senza poter identificare il condominio non avrebbero potuto formulare il preventivo.

Alcibiade dice:

Davidino78, certo 2 amministratori su 25/30 non fanno statistica. Ma guarda caso i primi 2 che ho contattato erano nel cartello....mah.

Tu dici che è cosa nota che esistono gruppi di amministratori e professionisti (basta informarsi un po'...) Mi dici dove dovrei informarmi, ci sono delle liste ufficiali di questi gruppi? Chi detiene queste liste? Chi le fa? Ci sono liste anche di coloro i quali non appartengono a questi gruppi?

Basta saper "ascoltare", sentire con amici, con artigiani o professionisti che si conosce. Gli stessi amministratori li puoi andare ad incontrare, fare domande per conoscerli, mica ti mangiano.

In ogni caso questi ti hanno fatto un piacere così li elimini dalla tua ricerca, oppure magari gli chiedi perché hanno informato il tuo amministratore, magari la pensano come Camillo e non c'è nulla di male.

Per i prossimi preventivi vai magari da un giovane e fai presente che coprirai i dati del condominio (comunque è utile conoscere il condominio per il quale si fa il preventivo perché spesso ci tocca fare preventivi con informazioni parziali o addirittura volutamente errate puntando a far sottovalutare i servizi da erogare e tenere basso il prezzo.

MADDY60 dice:

Sono al corrente di questa prassi, e davvero da tanti anni, perchè il mio "maestro  in Amm.ni Imm.ri" veniva puntualmente informato da colleghi a cui suoi amministrati chiedevano preventivi per sostituirlo. 

 

Che dire? 😏

 

Intanto direi che è sicuramente irragionevole e urtante e assolutamente NON professionale l'atteggiamento del tuo amm.re, ovvio restando che sia un tuo pienissimo diritto quello di guardarti intorno e valutare alternative. 

 

Dei "colleghi che avvertono" ...davvero non saprei cosa dire. 

Se mi chiedono un preventivo ...io non faccio questa telefonata al collega, a meno che non sia già un mio carissimo amico nella vita. 

Però non giudico chi lo fa, perchè penso corrisponda ad un (secondo me malinteso) "spirito deontologico", e quindi ad una forma di "correttezza" (...a buon rendere? 🤔) verso il collega.... 

Non so se esistano indicazioni in tal senso da parte di qualche Associazione di Amm.ri. 

Io sono Anammi e in Anammi non esiste alcun "obbligo deontologico" di questo tipo. 

 

Di più non so. 😶

Grazie del tuo commento. Guarda, io ho lavorato in aziende private per tanti anni. Se mi fossi permesso di divulgare alla concorrenza notizie simili sarei stato licenziato in tronco. Ma inizio a capire che nel mondo degli amministratori non vigono le regole del libero mercato.

davidino1978 dice:

Basta saper "ascoltare", sentire con amici, con artigiani o professionisti che si conosce. Gli stessi amministratori li puoi andare ad incontrare, fare domande per conoscerli, mica ti mangiano.

In ogni caso questi ti hanno fatto un piacere così li elimini dalla tua ricerca, oppure magari gli chiedi perché hanno informato il tuo amministratore, magari la pensano come Camillo e non c'è nulla di male.

Per i prossimi preventivi vai magari da un giovane e fai presente che coprirai i dati del condominio (comunque è utile conoscere il condominio per il quale si fa il preventivo perché spesso ci tocca fare preventivi con informazioni parziali o addirittura volutamente errate puntando a far sottovalutare i servizi da erogare e tenere basso il prezzo.

Lo so che gli amministratori non mi mangiano, ma quando ho chiesto un appuntamento hanno voluto il mio nome, tel. e indirizzo del condomio. Poi hanno chiamato il mio amministratore. In effetti io ho chiesto a grossi nomi noti perchè mi interessava entrare in contatto con amministratori attrezzati per una buona gestione telematica e di software. Senz'altro il giovane amministratore dovrebbe essere più immune da queste logiche, ma forse non è ancora ben attrezzato. Grazie cmq per i tuoi consigli.

camillo50 dice:

Personalmente quando Ricevo una richiesta per un'offerta per l'amministrazione di un condominio chiedo sempre se mi vogliono dire chi è l'attuale amministratore e anch'io informo il collega, se lo ritengo una persona corretta, della richiesta

Questo modo di fare non mi piace per nulla. Chiedo a Camillo50 di esplicitare, se vuole e se può, il perchè della telefonata visto che il suo giudizio potrebbe non collimare con la realtà dei fatti. La telefonata potrebbe nuocere, inoltre, al condomino se poi non riuscisse a raggiungere il suo scopo proprio perchè non è per nulla facile convincere i tanti condomini indolenti nel prendere una decisione anche se per il loro bene. 

Mi spiegate perchè, come dice Alcibiade, senza poter identificare il condominio non è possibile formulare il preventivo? Posso capire che si voglia sapere la grandezza, se ci sono casini o liti in corso e altre informazioni generiche , ma voler sapere di quale condominio si tratti per poi informare l'amministratore non è ( per me ) corretto.

Alcibiade dice:

Lo so che gli amministratori non mi mangiano, ma quando ho chiesto un appuntamento hanno voluto il mio nome, tel. e indirizzo del condomio. Poi hanno chiamato il mio amministratore. In effetti io ho chiesto a grossi nomi noti perchè mi interessava entrare in contatto con amministratori attrezzati per una buona gestione telematica e di software. Senz'altro il giovane amministratore dovrebbe essere più immune da queste logiche, ma forse non è ancora ben attrezzato. Grazie cmq per i tuoi consigli.

Il giovane avrà un po' meno software ma è sicuramente più immune a certe logiche corporativistiche.

 

P.S. Prova ad aver bisogno di un avvocato o un geometra o un commercialista ecc per una azione dei confronti di un collega… vedrai che dovrai cambiare almeno provincia.

bilbetto dice:

Personalmente per redigere un preventivo chiedo di ricevere un rendiconto completo dell’ultimo bilancio presentato in assemblea in modo da rendermi conto del tipo di spese sostenute e faccio sempre la mia quotazione, MAI più bassa di quella del collega (a meno che non sia scandalosamente fuori mercato) e abbastanza spesso più alta

Questo è un comportamento al 1000% corretto.

 

bilbetto dice:

Quando la invio chiedo al mio referente di farmi sapere se c’è l’intenzione di presentarla in assemblea. In quel caso, e solo in quel caso, avviso il mio contatto che chiamerò il diretto interessato per avvisarlo della cosa in modo da  prepararlo a ciò che potrebbe trovarsi in assemblea.

Solo dopo!! Perfetto

bilbetto dice:

in modo da farmi un esame di coscienza per capire quali errori ho fatto (se li ho fatti)

Solo le persone veramente corrette fa l'esame di coscienza per vedere se ha commesso errori ( sempre possibili, ma certamente non voluti altrimenti non si fa l'esame di coscienza!!)

Questo intervento dovrebbe essere di esempio.

 

  • Mi piace 2
davidino1978 dice:

Prova ad aver bisogno di un avvocato o un geometra o un commercialista ecc per una azione dei confronti di un collega… vedrai che dovrai cambiare almeno provincia.

Esatto, verissimo! 

 

E la logica è più o meno la stessa, in questo caso. 

 

Non esiste nessun cartello.

Nella media si tratta semplicemente di forme di correttezza verso colleghi stimati e/o amici. 

Personalmente non sento questo "obbligo" verso Amm.ri che non conosco o di cui non ho stima, ma...in totale franchezza...mi sentirei in motivato imbarazzo nel far trovare un collega amico dinanzi ad un mio preventivo in assemblea, "a sorpresa", e senza aver alzato neanche il telefono per avvisarlo. 

Se vogliamo, c'è anche qualcosa di nobile in questo : vuol dire che la prospettiva di un nuovo cliente/incarico non vale a superare rapporti umani e professionali solidi e preesistenti. 

 

davidino1978 dice:

Il giovane avrà un po' meno software ma è sicuramente più immune a certe logiche corporativistiche.

 

P.S. Prova ad aver bisogno di un avvocato o un geometra o un commercialista ecc per una azione dei confronti di un collega… vedrai che dovrai cambiare almeno provincia.

ma qui non si tratta di fare un'azione nei confronti di un altro professionista. Si sta solo parlando di chiedere prezzi e servizi ad un amministratore. Non penso che per questo io debba rivolgermi ad un ammimistratore fuori provincia.

  • Mi piace 1
Alcibiade dice:

ma qui non si tratta di fare un'azione nei confronti di un altro professionista. Si sta solo parlando di chiedere prezzi e servizi ad un amministratore.

Sì, ok. 

Ma si tratta pur sempre di sfiduciare o non rinnovare la fiducia ad un professionista. 

E qualunque professionista è auspicabile che colga questo aspetto. 

MADDY60 dice:

Esatto, verissimo! 

 

E la logica è più o meno la stessa, in questo caso. 

 

Non esiste nessun cartello.

Nella media si tratta semplicemente di forme di correttezza verso colleghi stimati e/o amici. 

Personalmente non sento questo "obbligo" verso Amm.ri che non conosco o di cui non ho stima, ma...in totale franchezza...mi sentirei in motivato imbarazzo nel far trovare un collega amico dinanzi ad un mio preventivo in assemblea, "a sorpresa", e senza aver alzato neanche il telefono per avvisarlo. 

Se vogliamo, c'è anche qualcosa di nobile in questo : vuol dire che la prospettiva di un nuovo cliente/incarico non vale a superare rapporti umani e professionali solidi e preesistenti. 

 

Non penso che per chiedere info su prezzi e servizi debba rivolgermi ad un ammistratore fuori provincia. Dissento totalmente dal tuo intervento: ritengo siano argomentazioni corporativistiche, preludio proprio del famoso cartello.

Ripeto, ho lavorato in aziende private per decenni, la concorrenza c'era eccome, altrochè obblighi morali e atteggiamenti nobili verso i concorrenti. La strada verso il libero mercato è ancora molto lunga nel vs. settore.

Cmq, ringrazio tutti per i vs. commenti dai quali ho tratto le mie conclusioni (negative) al quesito iniziale. I miei interventi finiscono qui.

  • Mi piace 2
Alcibiade dice:

Non penso che per chiedere info su prezzi e servizi debba rivolgermi ad un ammistratore fuori provincia.

Non avrebbe alcun senso, poichè ben difficilmente un Amm.re di altra provincia assumerebbe l'incarico. 

 

Alcibiade dice:

ho lavorato in aziende private per decenni, la concorrenza c'era eccome, altrochè obblighi morali e atteggiamenti nobili verso i concorrenti.

C'è molta differenza tra il vendere merci e l'offrire prestazioni professionali. E continuo a sperare che risulti intuitiva. 

bilbetto dice:

Non ci vedo nulla di sbagliato in questo, ma come sempre esprimo un mio personalissimo parere.

@bilbetto esprimo anch'io un personalissimo parere.

Sono sempre stato positivamente colpito dalla tua professionalità e dai tuoi toni sempre pacati in cui ti poni con chi interloquisce con te.

Proprio avantieri sera, rispondendo ad un forumista che mi ha contattato in privato e che cercava un amministratore trasparente che mettesse a disposizione anche un sito condominiale, non ho potuto fare a meno di fare il tuo nome.

 

bilbetto.thumb.JPG.5d3452e135015da7226534c9c8313370.JPG

  • Mi piace 1

Mi son meravigliato molto nel constatare che il discorso di @bilbetto così preciso e senza logiche corporativistiche non sia stato preso in considerazione da nessuno escluso il sottoscritto. Anche lui parlava della necessità di avvertire l'attuale amministratore, ma soltanto dopo aver redatto il preventivo per permettergli di prepararsi, ma mai prima.

MADDY60 dice:

Ma si tratta pur sempre di sfiduciare o non rinnovare la fiducia ad un professionista. 

Certamente l'osservazione è sacrosanta, ma si tratta di un professionista che secondo un condomino ( che può essere anche in errore ovviamente) non ha lavorato al meglio. Sarà poi l'assemblea a stabilre se tutto è corretto.

Dino40 dice:

Mi son meravigliato molto nel constatare che il discorso di @bilbetto così preciso e senza logiche corporativistiche non sia stato preso in considerazione da nessuno escluso il sottoscritto. Anche lui parlava della necessità di avvertire l'attuale amministratore, ma soltanto dopo aver redatto il preventivo per permettergli di prepararsi, ma mai prima.

Trovo corretto quanto postato da Bilbetto, ma non vedo quale differenza faccia il contattare il collega prima oppure dopo aver redatto il proprio preventivo.

Anzi: se voglio fare  al collega la rispettosa cortesia di informarlo che qualcuno è insoddisfatto del suo operato...prima glielo dico e meglio è (secondo me). 

 

Dino40 dice:

Certamente l'osservazione è sacrosanta, ma si tratta di un professionista che secondo un condomino ( che può essere anche in errore ovviamente) non ha lavorato al meglio.

Appunto: il condòmino insoddisfatto può aver ragione o anche torto di essere insoddisfatto. Normalmente per noi è uno sconosciuto a cui hanno parlato bene di noi, ma non è con lui che abbiamo rapporto. Mentre lo abbiamo con quei colleghi che stimiamo. E trovo che sarebbe ben strano parteggiare a priori per uno sconosciuto (e magari per i soldini che ci può portare) e dimenticare che lo stesso sconosciuto sta censurando presso di noi l'operato di un professionista che conosciamo come corretto e affidabile. 

Poi, ripeto : almeno per quanto mi riguarda, io questo contatto preliminare lo assolvo esclusivamente verso quei colleghi che sono Amici. Certamente non lo farei verso chi non conosco o, peggio, verso chi ho motivo di non stimare. 

Ospite
Questa discussione è chiusa.
×