Vai al contenuto
perpetuo

Canoni non percepiti

Cortesemente avrei bisogno di una risposta in merito al modello unico nel caso di canoni non percepiti per una parte dell'anno nei quali la convalida sia arrivata prima della presentazione del modello unico. Il caso è questo 5 mesi affitto pagato 7 mesi no.1) Devo fare nel modello unico quadro RB Un solo rigo o più righi?

2)se devo fare un solo rigo devo indicare nell'imponibile solo i 5 mesi di affitto(superiori all'intera rendita annuale) o i cinque mesi più la rendita relativa ai sette?

3)Oppure devo fare un rigo con i 5 mesi e l'altro con i sette confrontando qual'è l'imponibile superiore e dichiarando il più grande.

4) oppure due righi dichiarando in uno l'affitto pagato e nell'altro la rendita assoggettandoli entrambi a tassazione?

Vi ringrazio anticipatamente e spero in un vostro aiuto

Ritengo che occorra compilare due righi. Uno con i canoni percepiti ed i giorni relativi, il secondo con la sola rendita catastale, i giorni relativi e il codice "4" alla casella 7 (casi particolari), barrando la casella 8 (continuazione). Ho il dubbio del codice utilizzo se "9" o comunque "3".

Ciao

ma secondo te vanno assoggettati a tassazione entrambi cioè i canoni percepiti + la rendita catastale relativa ai 4 mesi oppure solo il più grande tra i due?(come avviene per esempio nel caso di casa tenuta a disposizione per un periodo e locata per l'altro perioso)

Si ritiene che il Fisco pretenda comunque le imposte, per cui, in mancanza di canone, si assoggetta la rendita catastale. Se non ricordo male, nei casi di richiesta di rimborso di imposte per canoni non percepiti ma assoggettati a ritenuta, il calcolo si deve effettuare calcolando l'onere fiscale sostenuto per i canoni meno le imposte che sarebbero gravate sulla sola rendita. Ti consiglio comunque di chiedere conferma.

Ciao.

Scritto da oct13 il 14 Mag 2012 - 18:05:26: .... nei casi di richiesta di rimborso di imposte per canoni non percepiti ma assoggettati a ritenuta..........

!!!!

I canoni di locazione non percepiti per morosità dell'inquilino non devono essere dichiarati se, entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi, si è concluso il procedimento di convalida di sfratto per morosità.

Qualora il giudice confermi la morosità dell'inquilino anche per periodi precedenti, è riconosciuto un credito di imposta di ammontare pari a quelle versate sui canoni scaduti e non percepiti. In tali casi permane, comunque, l'obbligo di dichiarare il reddito dei fabbricati sulla base della sola rendita catastale.

Buona sera.

×