Vai al contenuto
umberto772

Canna fumaria ed odori molesti

Buongiorno a tutti, sono un nuovo iscritto, avvocato in pensione, che da tempo segue il sito.

Sotto un balcone di casa mia si è installata una friggitoria che aprirà a giorni. All'inizio dei lavori (credo del tutto abusivi) gli operai hanno aperto nel muro maestro dell'edificio - facciata principale - un buco di circa 40 cm. di diametro per l'installazione di una canna fumaria. Alle rimostranze di alcuni condomini e dell'Amministratore nei confronti della proprietà dell'immobile, il buco è stato tompagnato in maniera provvisoria ma tutta la tubazione interna al locale, necessaria per il convogliamento dei fumi, è rimasta dove era e termina dove era stato eseguito il foro, vicino all'ingresso del locale. Interessato più e più volte l'Ufficio Antiabusivismo, nulla si è mosso e, poichè sono a Napoli, dove ogni abuso diventa un diritto, sono certo che all'apertura del locale dovrò sopportare i fumi e le puzze delle fritture.

Mi hanno detto che il regolamento edilizio del comune di Napoli vieta l'installazione di canne fumarie sulla facciata principale di un edificio e che la distanza di una canna fra un balcone ed un altro vicino deve essere superiore a 140.cm. per lato. Qualcuno mi può dare conferma? Posso interessare l'Ufficio di Igiene dell' ASL competente?

Quale ex avvocato conosco bene i rischi ed i tempi della giustizia.

Grazie per qualsiasi suggerimento e cordiali saluti.

umberto772 -08.01.2015

Quì c'è il regolamento edilizio del comune di Napoli. Da una ricerca veloce, non ho trovato alcun divieto in merito all'installazione di canne fumarie nella facciata dell'edificio. Pertanto, si deve far riferimento ad eventuali divieti contenuti nel vostro regolamento e, in genere, alla normativa nazionale.

http://www.comune.napoli.it/flex/files/D.94266515b54252597606/regedilizio.PDF

Vivissimi ringraziamenti. Cercherò d'informarmi meglio.U.Vignati

Buongiorno, sono appena iscritto e avrei bisogno di una informazione. Abito in un condominio di 8 alloggi ognuno con la propria caldaia autonoma installata sul terrazzo.Per legge ogni caldaia ha le sue canne fumarie che sfogano sul tetto ma oggi ho visto che dentro ad una di queste hanno inserito un tubo canna fumaria pellet. E' a norma una cosa simile? puo' risultare pericoloso per gli altri condomini? Grazie e buona giornata a tutti

Ho appena affrontato un caso analogo

la norma che regolamenta la materia è l'art. 890 c.c. il quale richiama come distanza legale i regolamenti

questi ( i regolamenti) non sono solo quelli edili e di igiene.

Infatti la normativa che tu devi evocare è la UNI CIG 8723 ( valida per le cucine industriali) che prevede una canna fumaria fuimo al tetto dell'edificio.

cosa diversa è per le canne fumarie degli appartamenti, qui la normativa è la UNI 7129 ( che prevede lo scarico a parete).

su internet troverai una interessante sentenza , basta scrivere " canna fumaria tribunale di taranto" estensore CAsarano, trattasi di una sentenza del 2013.

 

Aggiungo: la procedura è quella della molestia possessoria ( entro l'anno) ed il procedimento è più breve di un ordinario giudizio

Buona sera , ho bisogno cortesemente di un Vs.parere.Sono un condomino di una palazzina di quattro piani,ogni piano ha due appartamenti per un totale di otto.Nella palazzina ci sono due canne fumarie che rispettivamente dovrebbero servire quattro appartamenti lato nord e quattro lato sud. Attualmente le due canne non sono utilizzate dai condomini da parecchi anni(circa venti), per problemi di non idoneità a supportare gli scarichi delle caldaie in esercizio .Da qualche anno un inquilino del primo piano lato sud in autonomia e senza autorizzazioni condominiali , ha infilato il suo tubo di scarico di una caldaia a condensazione per arrivare a tetto tramite la canna condominiale. Oggi i quattro condomini del lato nord hanno programmato di togliere le quattro caldaie vecchie poste sul balcone,con scarico a parete,per sostituirle con nuove a condensazione e relativi tubi di scarico con sezione idonea utilizzando lo spazio lasciato dallo sfilamento della vecchia canna fumaria in ETERNIT,per portare i fumi a tetto ed evitare odori molesti . Per quanto sopra gradirei sapere:

1) Le spese di bonifica , sfilamento della canna in eternit e muratura devono essere ripartite , in millesimi , da tutti e otto

i condomini e non solamente dai quattro condomini lato nord ? ( è normale che le altre spese per la nuova caldaia e per

tutti i lavori di installazione sono a carico personale dei quattro lato nord).

2) La partecipazione alle spese di bonifica deve partecipare anche l'inquilino del primo piano lato sud, ?

3) L'Amministratore del condominio ha invece sentenziato,secondo me sbagliando,che i lavori sono completamente a

carico dei condomini lato nord. Ma non si tratta comunque di una bonifica di Eternit di un bene comune condominiale?

Grazie e saluti a tutti.

×