Vai al contenuto
Grippo

Cambio assicurazioni condominiali

Buongiorno, nel 2012 abbiamo cambiato amministratore. Nell'assemblea ordinaria del 06/2015, discutendo il bilancio, si SCOPRE che l'attuale amministratore ha autonomamente disdetto la polizza RC condominio + rischi vari e la polizza tutela legale stipulate dal condominio dopo discussione in assemblea nel 2010 e valutazione dei preventivi presentati dal vecchio amministratore: il nuovo amministratore, tra l'assemblea ordinaria del 06/2014 e quella del 06/2015 ha quindi disdetto su propria valutazione le polizze sopra per stipularne una unica nuova con altra compagnia che comprende RC + rischi vari + tutela legale. Ora devo verificare se le coperture sono le stesse, ma vorrei sapere se l'amministratore può di sua iniziativa procedere come sopra descritto.

L'amministratore di sua iniziativa non può cambiare assicurazione, deve passare prima per l'assemblea sovrana che a maggioranza valuterà l'opportunità di cambiare assicurazione su proposta dell'amministratore.

Anche fosse in buona fede e l'amministratore cambia assicurazione alla pari e con un premio minore, non potrebbe farlo se non prima di passare per l'assemblea, ovvero sono i condomini che possono decidere anche per una assicurazione più cara perchè l'assicuratore è più simpatico senza tener conto della proposta dell'amministratore.

Di solito l'amministratore si dovrebbe comportare da buon padre di famiglia, dovreste chiedere all'amministratore come mai ha sostituito vecchia compagnia d'assicurazione, spesso capita che magri sono le stesse compagnia a disdettare le polizze e l'amministratore per non far trovare scoperto il condominio assicura lo stabile con un'altra compagnia.

Di solito l'amministratore si dovrebbe comportare da buon padre di famiglia, dovreste chiedere all'amministratore come mai ha sostituito vecchia compagnia d'assicurazione, spesso capita che magri sono le stesse compagnia a disdettare le polizze e l'amministratore per non far trovare scoperto il condominio assicura lo stabile con un'altra compagnia.
Però sarebbe opportuno avvisare i condomini in assemblea e lasciare a loro la decisione prima di agire.

Un dubbio che aleggia spesso nelle menti dei proprietari dello stabile è: "la polizza, se non è scelta in assemblea, può essere liberamente stipulata dall'amministratore, che ha come obbligo di legge (art.

--link_rimosso--) la tutela delle parti comuni condominiali da rovine e pericoli?". La Cassazione ha risposto "no", affermando: "... l'amministratore del condomino non è legittimato a concludere il contratto di assicurazione del fabbricato se non abbia ricevuto l'autorizzazione da una deliberazione dell'assemblea dei partecipanti alla comunione" (--link_rimosso-- e 3 aprile 1997, n. 8233). Inoltre, ha aggiunto che l'obbligo dell'amministratore di eseguire gli atti conservativi delle parti comuni dell'edificio riguarda solo gli atti materiali (riparazioni di muri portanti, di tetti e lastrici) e giudiziali (azioni contro comportamenti illeciti posti in essere da terzi). Tra di essi non può farsi rientrare il contratto di assicurazione, che ha come suo unico e diverso fine di evitare pregiudizi economici ai proprietari dell'edificio danneggiato.Anzi, all'amministratore che agisce senza mandato si possono chiedere i danni, con azione che si prescrive in dieci anni. C'è un inghippo, però: il contratto resta valido nei confronti della compagnia assicuratrice se essa aveva buoni motivi di credere che l'amministratore fosse stato incaricato dai condomini a sottoscriverlo. Nella prassi, posto il fatto che la disdetta annuale è comunque possibile, non vale la pena intentar causa all'assicurazione, dichiarandone l'invalidità: buona norma sarebbe comunque che le società, prima di stipulare, chiedessero copia della delibera assembleare che autorizza la stipula.L'amministratore potrebbe però cautelarsi, affermando che i suoi atti sono stati ratificati dall'assemblea con l'approvazione del rendiconto consuntivo del condominio, nel quale sia stata inserita anche questa spesa. Una giustificazione, a nostro avviso, insufficiente (dal momento che una polizza non è fatta solo di spese, ma anche di condizioni contrattuali di cui non si aveva conoscenza), ma che qualche giudice potrebbe anche prendere per buona.(condominio24.ilsole24ore.com)

Salve, alcuni amministratori DEVONO IMPARARE e RISPETTARE i propri compiti che ognuno di noi ha. A cosa serve la ratifica ? A farsi perdonare? Condomini, impariamo a non farci calpestare i nostri diritti e cerchiamo nelle assemblee di essere più uniti .informiamo ci è aggiorniamoci sulla materia occorre solo Buona volontà .Saluti.

Grazie a tutti per le gentili e precise risposte... Vi aggiornerò sul seguito, ora comunque verificherò anche se le coperture sono rimaste le stesse.

Il mio amministratore l'ha fatto:ha scelto autonomamente l'assicurazione,pur non essendoci il quorum legale nell'assemblea.

 

- - - Aggiornato - - -

 

Io sono ricorsa in tribunale per questo.

 

- - - Aggiornato - - -

 

Parole sante.Il giudice cui mi sono rivolta si è espressa proprio cosi'(ma l'amministratore mi paga le spese legali).....Attenti,cari condomini!Leggete i rendiconti,chiedete i documenti contabili e gli estratti conto corrente.Attenti quando dovete votare per l'approvazione consuntivo!

Però sarebbe opportuno avvisare i condomini in assemblea e lasciare a loro la decisione prima di agire.

Se c'è il tempo per l'assemblea sono pienamente d'accordo con te. Altrimenti bisogna provvedere subito, magari cambiando poi l'anno successivo con una nuova compagnia scelta in assemblea.

Il mio amministratore l'ha fatto:ha scelto autonomamente l'assicurazione,pur non essendoci il quorum legale nell'assemblea.

 

- - - Aggiornato - - -

 

Io sono ricorsa in tribunale per questo.

 

- - - Aggiornato - - -

 

Parole sante.Il giudice cui mi sono rivolta si è espressa proprio cosi'(ma l'amministratore mi paga le spese legali).....Attenti,cari condomini!Leggete i rendiconti,chiedete i documenti contabili e gli estratti conto corrente.Attenti quando dovete votare per l'approvazione consuntivo!

Salve, alcuni amministratori DEVONO IMPARARE e RISPETTARE i propri compiti che ognuno di noi ha. A cosa serve la ratifica ? A farsi perdonare? Condomini, impariamo a non farci calpestare i nostri diritti e cerchiamo nelle assemblee di essere più uniti .informiamo ci è aggiorniamoci sulla materia occorre solo Buona volontà .Saluti.

Si traduce in " partecipare attivamente alla vita condominiale"

Più i condòmini partecipano, si informano, accettano il confronto, senza porsi come controllori, senza esser prevenuti, ma con il mutuo fine di collaborare e più il sistema " condominiale" funzionerà.

 

ma vorrei sapere se l'amministratore può di sua iniziativa procedere come sopra descritto.

NO.

Se c'è il tempo per l'assemblea sono pienamente d'accordo con te. Altrimenti bisogna provvedere subito, magari cambiando poi l'anno successivo con una nuova compagnia scelta in assemblea.

A cosa si dovrebbe provvedere subito? A disdettare la vecchia assicurazione e fare un nuovo contratto?

Non è meglio aspettare la convocazione della prossima assemblea e far scegliere ai condòmini?

 

Ricordo che l'assicurazione pur essendo fortemente consigliata non è obbligatoria e pertanto l'amministratore senza delibera assembleare non può fare nessuna assicurazione, neanche se il condominio ne è completamente sprovvista.

Salve, scusa perchè dici " senza porsi come controllore" . Un vecchio proverbio diceva: " prevenire e meglio che curare". Che ben venga la collaborazione abbinato al confronto , ecc...E sotto inteso l' intervento e rivolto SOLO a quei mandatari poco trasparenti visto la mia esperienza. Distinti saluti.

A cosa si dovrebbe provvedere subito? A disdettare la vecchia assicurazione e fare un nuovo contratto?

Non è meglio aspettare la convocazione della prossima assemblea e far scegliere ai condòmini?

 

Ricordo che l'assicurazione pur essendo fortemente consigliata non è obbligatoria e pertanto l'amministratore senza delibera assembleare non può fare nessuna assicurazione, neanche se il condominio ne è completamente sprovvista.

Leonardo scusa ma forse non hai letto il mio post precedente dove ho detto che spesso sono le compagnia assicurative a disdettare l'assicurazione e non l'amministratore.

Leonardo scusa ma forse non hai letto il mio post precedente dove ho detto che spesso sono le compagnia assicurative a disdettare l'assicurazione e non l'amministratore.

Non avevo letto tutta la discussione, credevo fosse riferito alla domanda iniziale che mi pareva abbastanza chiara:

"si SCOPRE che l'attuale amministratore ha autonomamente disdetto la polizza RC condominio + rischi vari e la polizza tutela legale stipulate dal condominio dopo discussione in assemblea nel 2010 e valutazione dei preventivi presentati dal vecchio amministratore"

L'assemblea, dopo aver valutato diversi preventivi, aveva deciso di fare due polizze distinte e separate; una globale fabbricati + una di tutela legale (forse anche con due compagnie diverse).

"il nuovo amministratore, tra l'assemblea ordinaria del 06/2014 e quella del 06/2015 ha quindi disdetto su propria valutazione le polizze sopra per stipularne una unica nuova con altra compagnia che comprende RC + rischi vari + tutela legale"

L'amministratore non ha il potere decisionale di dare disdette stipulare nuovi contratti.

P.S. Anche in caso di disdetta anticipata da parte dell'assicurazione, di solito avviene per il prossimo rinnovo e comunque la disdetta viene data sempre in tempi congrui per convocare una straordinaria o quanto meno avvisare informalmente i condòmini più partecipi (consiglieri) al fine di raccogliere almeno un parere informale sul da farsi.

Salve, scusa perchè dici " senza porsi come controllore" . Un vecchio proverbio diceva: " prevenire e meglio che curare". Che ben venga la collaborazione abbinato al confronto , ecc...E sotto inteso l' intervento e rivolto SOLO a quei mandatari poco trasparenti visto la mia esperienza. Distinti saluti.

Significa che il mandato si i fonda n primis sulla fiducia.

Con lo spirito di collaborazione e confronto (senza esser prevenuti per il sol fatto di avere avuto esperienze negative precedenti )non nasce l'esigenza di controllare perchè dialogando e collaborando non si creano perplessità ma si ha la percezione della/e situazione/i.

Al contrario, se lo spirito è solo quello di controllare e di giudicare, cose che spesso non si sanno nè controllare nè valutare, non si ottiene alcun buon risultato ma solo tanta confusione alimentata dal non sapere.

Il mandatario deve rispettare le norme di trasparenza e la regola del buon padre di famiglia, ma i condòmini dovrebbero dargli una mano con positività.

Ecco cosa intendo.

Salve, tu hai ragione sulla teoria .ma in pratica non credo sia così. ALCUNI amministratori cercano alleanze così da confondere in assemblea a discapito dei condomini più deboli e per il solo fatto che per far valere i nostri diritti bisogna agire vie legali con i costi e tempi. Da come leggo ciò che scrivi tu sarai senz'altro una persona coerente e piena di trasparenza ricollegandomi alle tue precedenti risposte. Saluti.

i disssenzienti all'acquisto della polizza assicurativa approvata a maggioranza devono comumque partecipare alla spesa?

salute il vecchio

i disssenzienti all'acquisto della polizza assicurativa approvata a maggioranza devono comumque partecipare alla spesa?

salute il vecchio

Se la delibera è approvata a norma, anche i dissenzienti devono partecipare alla spesa --> art 1137 cc;

 

- Le deliberazioni prese dall'assemblea a norma degli articoli precedenti sono obbligatorie per tutti i condomini.

i disssenzienti all'acquisto della polizza assicurativa approvata a maggioranza devono comumque partecipare alla spesa?

salute il vecchio

Mi son dovuto leggere tutta la discussione del 2015 della quale mi è arrivata notifica perchè vi avevo partecipato, per scoprire che il tuo è un intervento che non riguarda la discussione iniziale.

Se la prossima volta apri una discussione tutta tua te ne sarei grato.

Ospite
Questa discussione è chiusa.
×