Vai al contenuto
paolo 88

Cambio amministratore - come bisogna procedere per il cambio prima che scada il suo mandato?

salve

un amministratore può essere cambiato anche prima della scadenza, come bisogna procedere per il cambio prima che scada il suo mandato?

salve

un amministratore può essere cambiato anche prima della scadenza, come bisogna procedere per il cambio prima che scada il suo mandato?

Si può procedere così anche prima della scadenza del mandato;

voi condomini potreste avvalervi dell'art. 66 Dacc (almeno 2 condomini rappresentanti almeno 1/6 del valore del condominio pari o superiore a 166.66p mlm) richiedendo all'amministratore in carica un'assemblea straordinaria (meglio con lettera RR) con all'OdG “nomina amm.re” e quant'altro desiderate deliberare, se lui non stabilisce una data (anche tra mesi) per questa assemblea entro 10 gg (dalla ricezione) gli stessi richiedenti potranno convocarla con lo stesso OdG richiesto, inviando una lettera RR, o fax, o Pec, oppure lettera consegnata a mano a tutti i proprietari invitandoli all’assemblea che si terrà in data “gg.mm.aa.” comunicando anche la 2° convocazione che si terrà almeno un giorno dopo e non oltre 10 gg dalla prima, specificando anche luoghi e ore e OdG (lo stesso richiesto), la comunicazione deve giungere almeno 5 gg prima della 1° riunione. Cercate per tempo un bravo amministratore e assicuratevi di ottenere in assemblea la maggioranza del 2°c. Art. 1136. cc 1° e 2° convocazione - maggioranza delle teste dei partecipanti all'assemblea rappresentanti almeno la metà del valore dell'edificio (500 mlm)

 

p.s. se non c'è giusta causa si deve pagare all'amministratore revocato l'intero anno di gestione

la giusta causa si applica nei rapporti di lavoro subordinato.

Nei rapporti di committenza (o di prestazione d'opera) il mandato può essere revocato in ogni momento,salvo retribuire quella parte dell'opera che per il committente ha un certo valore. esempio:se io revoco un amministratore dopo sei mesi di mandato,debbo retribuirlo per quel rateo,a meno che non dimostro un danno,una inadempienza grave, ma ripeto: non confondiamo il rapporto di lavoro subordinato con il contratto di prestazione d'opera intellettuale. la giusta causa qui non c'entra.

Revoca dell’amministratore di condominio: anche senza giusta causa

...

La revoca può avvenire anche senza una giusta causa: un recesso in tronco che non necessita di un comportamento necessariamente colpevole da parte dell’amministratore. In tali casi, però, l’amministratore ha diritto di ricevere il compenso per l’intero periodo del rapporto inizialmente pattuito.

...

- See more at: https://www.condominioweb.com/dimissioni-dellamministratore-senza-giusta-causa.12253#sthash.5tgAUgxy.dpuf

Per essere sicuri alcuni amministratori in sede di preventivo (per esempio io) inseriscono la dicitura "il compenso si intende forfettario e dovuto anche in caso di revoca anticipata del mandato (un anno)" che, se accettato alla nomina garantisce in qualche maniera la destituzione del mandatario senza alcuna valida motivazione: rileggetevi il preventivo approvato prima di agire

Per essere sicuri alcuni amministratori in sede di preventivo (per esempio io) inseriscono la dicitura "il compenso si intende forfettario e dovuto anche in caso di revoca anticipata del mandato (un anno)" che, se accettato alla nomina garantisce in qualche maniera la destituzione del mandatario senza alcuna valida motivazione: rileggetevi il preventivo approvato prima di agire
Ottima soluzione, meglio una riga in più che eventuali contrasti, ma molti amministratori non sono così attenti, comunque la nomina vale anno ed in compenso si intende per lo stesso periodo.
×