Vai al contenuto
fioredoriana

Biciclette nel vano scala...è possibile lasciarle?

Salve a tutti.avevo bisogno di un'informazione.io abito in un residence recintato composto da 2 palazzine con tre scale ciascuna..ogni scala ha 6 appartamenti.io ho avuto la sfortuna di avere sopra il mio appartamento un coinquilino (avvocato) che non si è mai presentato alle riunioni di condominio,ha sempre dato idea di fregarsene di tutto e nonostante ciò crea solo disagi agli altri inquilini.L'ultima vicenda è questa: all'interno del nostro portone qualcuno (non sapevo chi) aveva preso l'abitudine di lasciare le biciclette dei bambini parcheggiate lì,sotto la scala a vista di chiunque entri nel portone.A me la cosa ha sempre dato fastidio perchè le trovo antiestetiche lì e anche perchè lo trovo poco corretto verso gli altri...tutti hanno le proprie biciclette aggianciate alla recizione presso i propri posti auto scoperti ed altri,come me,ce le hanno nel balcone per quanto sia scomodo dato che non abbiamo l'ascensore e dobbiamo farle scendere dalle scale.Ho aspettato sperando che le levassero,ma così non è stato.Ieri ho messo dei cartelli in cui chiedevo rispetto per i luoghi comuni e di mettere le biciclette in un luogo più appropriato come fanno tutti.Uno la bicicletta l'ha levata..l'altro,l'avvocato di cui vi parlavo,ha risposto così: "è vero che le biciclette non possono sostare nel vano scala del piano terra in quanto parte comune dell'edificio, è pur vero che è prassi dei condomini l'aver lasciato ,nelle parti comuni delle scale, piante, recipienti in vetro decorati utilizzati come vasi e quadri di dubbio e non condiviso gusto (e qui si riferisce ad un mio quadro di un nudo di donna che non so co'abbia che non va)senza previa autorizzazione degli altri condomini.Senza poi parlare dei barbecue accesi sui balconi durante il periodo estivo,senza alcun rispetto degli altri condomini la cui unica difesa,dai cattivi odori che inevitabilmente si spandono nell'aria,è quella (antipatica) di chiudere le finestre.Il sottoscritto,pertanto,si dichiara disposto ,sin da subito,a togliere la piccola bicicletta a condizione che anche gli altri condomini tolgano gli oggetti depositati nelle parti comuni ed interne all'edificio e che siano più accorti per il futuro all'uso del barbecue".

Apparte il fatto che si capisce che questo ha zero tollerabilità con gli altri,secondo voi è corretto quello che dice?io che ho abbellito il mio pianerottolo con un quadro e un vaso da me decorati dovevo chiedere il permesso a lui che abita al pianerottolo sopra il mio?ed è giusto che lui lasci la bici lì e la rimuova solo se anch'io rimuovo le mie decorazioni lasciando il pianerottolo triste e vuoto?io sono disposta a cambiare quadro se quello non gli piace,ma non a svuotare il pianerottolo dalle ornamentazioni.

aspetto vostre notizie..grazie della disponibilità.

Doriana

tu togli i quadri e i vasi e lui la biciletta.

mi pare corretto.

Oppure tutto rimane così.

art. 1102

scusami, per quale motivo dovrei togliere le decorazioni?

ai sensi dell'art. 1102 c.c. ogni condòmino ha diritto di collocare davanti alla porta d'ingresso oggetti ornamentali che normalmente portano un vantaggio estetico alle stesse parti comuni. I quadri certamente contribuiscono ad abbellire nonchè a rendere più accogliente il pianerottolo.quindi non ha senso che io li levi...mentre le biciclette non possono stare lì.altrimenti adesso metto anch'io nel sottoscala le tre biciclette che io invece ho nel mio balcone,così mi evito di fare su e giù per le scale ogni volta che le devo usare e lui capirà cosa intendo..ma non vorrei ricorrere a questi "espedienti" da bambini...lo trovo infantile.

Scritto da fioredoriana il 27 Set 2012 - 15:50:58: scusami, per quale motivo dovrei togliere le decorazioni?

ai sensi dell'art. 1102 c.c. ogni condòmino ha diritto di collocare davanti alla porta d'ingresso oggetti ornamentali che normalmente portano un vantaggio estetico alle stesse parti comuni. I quadri certamente contribuiscono ad abbellire nonchè a rendere più accogliente il pianerottolo

non penso che l'art 1102 stabilisca il diritto di collocare davanti alla porta di casa oggetti ornamentali, e poi.....chi lo stabilisce il "vataggio estetico"? quello che per te è bello magari per me non lo è!!!!

scusa mai io ho riportato ciò che ho trovato scritto su questo forum...ed è scritto in maniera più che eloquente che ogni condòmino ha DIRITTO di collocare davanti alla porta d'ingresso OGGETTI ORNAMENTALI. Per la questione del gusto io l'ho detto..sono disposta a cambiare il quadro se a lui non piace...ma per me ha solo trovato un pretesto per non togliere la bici di lì.

Scritto da fioredoriana il 27 Set 2012 - 16:04:40: scusa mai io ho riportato ciò che ho trovato scritto su questo forum...ed è scritto in maniera più che eloquente che ogni condòmino ha DIRITTO di collocare davanti alla porta d'ingresso OGGETTI ORNAMENTALI. Per la questione del gusto io l'ho detto..sono disposta a cambiare il quadro se a lui non piace...ma per me ha solo trovato un pretesto per non togliere la bici di lì.

no, in maniera eloquente del tutto inventata da te.

L'articolo è chiaro: PUOI farne uso a patto che gli altri possano fare lo stesso.

Quindi nel pianerottolo davanti a casa tua (che non è TUO) il vicino di sopra avrebbe lo stesso diritto di mettere un SUO quadro al posto del tuo.

Ergo: nessuno dei due non mette nulla.

Oppure (ma questo la legge non lo prevede) tu metti il tuo quadro, lui la sua bicletta.

 

non penso che questo art reciti quello che sostieni tu fioredoriana

 

Art. 1102

(Uso della cosa comune)

 

Ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il miglior godimento della cosa. Il partecipante non può estendere il suo diritto sulla cosa comune in danno degli altri partecipanti, se non compie atti idonei a mutare il titolo del suo possesso.

scusate...sto cercando di capire..dato che qui si parla di oggetti ornamentali ..la bicicletta non lo è,i quadri e i vasi sì.lui può tranquillamente mettere un quadro a suo piacere nel suo pianerottolo (non vedo che senso avrebbe metterlo nel mio visto che non è lì che abita lui).io non glie lo impedirei di certo anche se non sarebbe di mio gusto...ma la bici è diverso.non ha valenza estetica ed è situata in una zona d'ingresso a vista..fosse stata in una sottoscala nascosto,avrei lasciato stare,ma è la prima cosa che vedi come entri nel portone di casa!

i pianerottoli non sono di proprietà di chi ci abita, ma sono zone comuni, il vicino di sotto vanta sul tuo pianerottolo gli stessi diritti che hai tu, e viceversa sempre im ottemperanza dell'art 1102.

 

Modificato Da - sipax il 27 Set 2012 16:22:32

quindi in teoria,anche se non ha senso farlo e non lo farei mai,io potrei lasciare le mie biciclette sul suo pianerottolo invece di tenermele in casa mia visto che anch'io ho gli stessi diritti sul suo?

se anche gli altri condomini hanno la stessa possibilità, si

art 1102

Ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto

Mah... Forse mi sbaglio, ma stavolta non sono mica d'accordo con i forumisti. Esprimo la mia opinione, anche se di fronte a un avvocato servirà a poco.

 

"Ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione...": l'ingresso di un palazzo non è un garage. La sua destinazione sarebbe di "accoglienza", in quanto fornisce uno spazio dove districarsi con borse, valigie ecc. prima di salire scale, oppure di passaggio verso eventuale cantina, cose così.

 

"... e non impedisca agli altri partecipanti di farne PARIMENTI uso secondo il loro diritto...": PARIMENTI, anche gli altri devono poterci lasciare le biciclette e altri oggetti con ruote, ammesso che il CONDOMINIO decida di DESTINARE il vano scale a garage.

 

"...A tal fine può apportare A PROPRIE SPESE le modificazioni necessarie per il miglior GODIMENTO della cosa...": Fioredoriana ha speso soldi suoi per decorare a suo modo uno dei pianerottoli, in quanto personalmente ritiene di aver migliorato il godimento dello stesso.

 

"... Il partecipante non può estendere il suo diritto sulla cosa comune in danno degli altri partecipanti, se non compie atti idonei a mutare il titolo del suo possesso." : Fioredoriana non ha esteso il suo diritto in danno della creatività altrui. Tutti gli altri possono appendere un quadro e mettere un vaso in tutti gli altri pianerottoli, finché c'è spazio sui muri e finché non impediscono il passaggio (che è la destinazione del pianerottolo).

 

Comunque fai un sondaggio: il nudo di donna a te sembra bello, e magari invece non si può guardare. O magari la religione dell'avvocato (che dev'essere anche vegetariano) gli impedisce di guardare una donna nuda.

 

Lapin

grazie Lapinu23..anch'io sono di questa opinione..il vano scala non è un garage..la sua destinazione non è quella di tenerci le biciclette...ma volevo il parere di chi ne capisce più di me per sapere se ero nel torto o nella ragione

P.S. bella la battuta del vegetariano!

Buongiorno a tutti,

 

non per difendere il Collega (sono avvocato anche io), ma temo che in questo caso la Sig.ra Doriana abbia torto.

 

Poiché infatti il miglioramento estetico della cosa comune è un concetto davvero troppo opinabile, è indubbio che - anche in maniera strumentale - ogni intervento può essere facilmente contestabile, anche se "oggettivamente" teso a rendere più bella o più godibile una parte comune dell'edificio.

 

Personalmente non condivido lo strumento di reazione posto in essere dal Collega: è chiaro che, avendo riscontrato una violazione, non è certo ponendone in essere una uguale e contraria che si arriverà ad un rapporto civile con i vicini di casa.

 

Ma, al di là delle considerazioni personali, direi che entrambi i condomini hanno titolo per chiedere la rimozione degli oggetti dalle parti comuni: l'avvocato, dei quadri e vasi apposti dalla Sig.ra Doriana; quest'ultima, della bicicletta parcheggiata nelle scale.

infatti trovo anch'io che sia troppo vago questo articolo...o si dà l'autorizzazione a poter decorare i pianerottoli o no...dire di farlo a "valenza estetica" implica per l'appunto un giudizio che può essere soggettivo...in poche parole questa legge non serve a niente detta così perchè può essere interpretata come uno vuole!Comunque,ragione o torto che sia,io resto dell'opinione che le biciclette non debbano essere lasciate nel portone a vita perchè non è a quell'uso che esso è destinato.I quadri possono piacere o meno ed io sono disposta a cambiarli a questo suo anche,ma loro non alterano la destinazione del pianerottolo anche perchè non occupano spazio sul suolo calpestabile...le biciclette invece prendono spazio,sono antiestetiche e stanno sporcando tutti i muri con le ruote...non capisco perchè non ci si possa "appigliare" a questo

Scritto da fioredoriana il 28 Set 2012 - 11:27:42: infatti trovo anch'io che sia troppo vago questo articolo...o si dà l'autorizzazione a poter decorare i pianerottoli o no...dire di farlo a "valenza estetica" implica per l'appunto un giudizio che può essere soggettivo...in poche parole questa legge non serve a niente detta così perchè può essere interpretata come uno vuole!Comunque,ragione o torto che sia,io resto dell'opinione che le biciclette non debbano essere lasciate nel portone a vita perchè non è a quell'uso che esso è destinato [...]

e io non capisco perchè ti ostini a occupare uno spazio (anche se verticale) che non è tuo impedendo ad altri di fare lo stesso.

La legge, fioredoriana, è invece molto chiara: nessuno di voi due potrebbe fare quello che sta facendo. Tu non puoi mettere vasi e fiori sul pianerottolo come lui non può mettere la bicicletta.

Ci sono solo 2 modi di risolvere:

1) tolgiete entrambi le vostre cose (e tutte le altre anche di altri condomini presenti)

2) tu tolleri la sua bicicletta, lui i tuoi quadri e i tuoi vasi.

 

non riesco a convincermi per il semplice fatto che "la sua occupazione" è puramente egoistica per suo tornaconto..non per dare decoro al nostro stabile.io ho semplicemente abbellito il mio pianerottolo e nessuno tranne lui,solo ora che mi sono lamentata delle bici,si è mai lamentato delle "decorazioni"...invece la sua bici lì ,oltre ad essere d'intralcio,sta sporcando anche i muri.quindi oltre il danno la beffa come si sul dire...se la mettesse come tutti nel proprio posto auto coperta da un telo a lui non cambierebbe niente perchè non dovrebbe fare sali e scendi dalle scale con la bici e il portone sarebbe più pulito e decoroso..anche perchè,come avevo detto all'inizio,avendola messa lui per primo,anche gli altri inquilini si sono sentini "giustamente" autorizzati a mettere le loro..quindi non vi dico com'era diventato il portone.e questa è una constatazione non solo mia ma di chiunque ,ad esempio,veniva a trovarmi a casa...tutti hanno le proprie bicilette nel recinto al proprio posto auto..io ,non avendo abbastanza spazio perchè ho 3 bicilette e nei due posti auto destinati a ciascuno di noi ho 2 macchine e una moto,le mie bici le tengo fuori il balcone con la scomodità di dovermi fare ogni volta le scale con le biciclette sulle spalle.

Scritto da Lapinu23 il 27 Set 2012 - 19:34:03: Mah... Forse mi sbaglio, ma .......

Concordo!

Tra l'altro, una bicicletta sporca e può arrecare danni alle parti comuni.

 

Sul buon gusto dei quadri...diciamo che sarebbe meglio una scelta più "democratica" del ritratto.

 

Inoltre, a mio avviso, l'argomentazione dell'Avvocato è cavillosa e pretestuosa, ma non sono un esperto.

 

@ GianlucaMal

Concordo!

Tra l'altro, una bicicletta sporca e può arrecare danni alle parti comuni.

 

Sul buon gusto dei quadri...diciamo che sarebbe meglio una scelta più "democratica" del ritratto.

 

Inoltre, a mio avviso, l'argomentazione dell'Avvocato è cavillosa e pretestuosa, ma non sono un esperto.

Appunto.sono due cose per niente correlate a mio avviso le biciclette che sporcano e ingombrano e i quadri che possono o meno piacere(e che ripeto sono disposta a cambiare).il problema principale è che quest'uomo ha sempre avuto atteggiamenti del genere nei confronti degli altri condomini..anche dei portoni adiancenti che non lo riguardano!pensa che una volta ha chiamato la polizia per denunciare l'inquilino del portone affianco al nostro perchè stava costruendo una tettoia (deliberata in una riunione di condominio alle quali lui non si presenta mai!) per risolvere un grosso problema che abbiamo noi con gli scarichi dell'acqua piovana.E a questo poveretto quella tettoia gli è costata 3000 di multa perchè non l'aveva ancora condonata.ora lasciando perdere la questione giusta o sbagliata del condono della tettoia...ma a lui cosa importava di cosa faceva uno dell'altra scala che con lui non ha nulla a che fare?ha chiamato direttamente i carabinieri senza neanche provare prima a parlarne con quell'uomo.mi dispiace dirlo,ma a me ha sempre dato l'impressione di uno che pensa solo a creare problemi e più passa il tempo e più ne ho la conferma..e purtroppo me lo ritrovo proprio sopra il mio appartamento!

facendo l'avvocato del diavolo, come la bici sporca il pianerottolo, il quadro rovina il muro (hai dovuto fare un buco per appenderlo e quando lo toglierai rimarrà l'alone)!

Quindi consiglio amichevole: sopportate entrambi!

io piante non ne ho messe...le hanno messe altre inquilini.io ho messo un vaso decorativo piccolo con stelie fiori finti vicino allo zerbino all'angolo del mio ingresso che quindi non sporca non avendo nè terra nè acqua e non ostacola nessun passaggio essendo piccolo e al mio angolo. poi vada per il buco..ma che alone dovrebbe lasciare il quadro?io ho la casa piena essendo pittrice e ti assicuro che nessun quadro ha mai lasciato aloni..

un mio amico avvocato mi ha risposto così:

"Ciao dori. Si, qualsiasi cosa anche ornamento che si mette su un luogo comune sia interno che esterno deve essere autorizzato dal condominio a meno chè nn ci sia un regolamento che lo preveda... comunque per gli ornamenti la cosa è più tollerata ma no per il parcheggio di biciclette!!!! dovrebbe intervenire subito l'amministratore senza neanche bisogno di un assemblea diffidando il collega a rimuovere immediatamente le biciclette. non ti può far nulla nè dire niente con riferimento ai quadri dato che li hai messi prima di lui e nessuno ti ha mai detto niente, ma lui nn può assolutamente fare una cosa illecita solo perchè qualcun altro secondo lui fa lo stesso!"

L'amministratore dovrebbe intervenire per far togliere sia biciclette che quadri poichè per le biciclette non è il giusto posteggio (le parti comuni devono essere sempre lasciate libere), ma anche i quadri possono piacere solo a te ..... Possono essere stupendi, ma quando si vive in condominio bisogna essere molto rispettosi verso gli altri condomini.

vedete nella vita si diventa cattivi perchè si ha a che fare con certa gente che si crede intelligente perchè magari ha dei titoli certo qualcuno che parcheggia una bicicletta nell'androne e me la paragona a un quadro mi da molto da pensare anche se è un nudo di donna (ci sono anche nelle chiese).Per me è solo una ripicca,allora consiglio a Fiorediana di farsi portare un furgone di legna per camino e l'accatasta nell'androne e poi dice al signore che latoglierà quando lui toglierà la bicicletta. Se dobbiamo fare i bambini facciamolo tutti.

×