Vai al contenuto
lella79

Bene comune censibile/non censibile o nessuno dei due?

Buongiorno,

scusatemi la domanda forse un po' ingenua! Desideravo sapere se un mappale in comproprietà condominiale deve necessariamente risultare in visura catastale o come bene comune censibile o come bene comune non censibile.

Si può ammettere invece anche un bene comune condominiale che non è nè censibile nè non censibile?

Cosa intendi per mappale......forse volevi dire subalterno ?

Dovresti chiarire di cosa si tratta, esempio andorne d'ingresso, scale ecc. ecc.

L'area urbana cat. catastale F/1 è intanto afferente al catasto urbano e non al catasto terreni (come l'espressione mappale avrebbe portato a pensare) nel tuo caso è una superficie, per cosi dire, pertinenziale all'edificio condominiale equiparabile a un BCNC.

Ed è area nelle prossimità dell'edificio che non produce rendita, come avrai capito.

L'area è sicuramente legata all'immobile (l'edificio) ne discende che i diritti reali della stessa sono a capo dei relativi proprietari dell'edificio, ossia i condomini.

 

In altri termini è un area assoggettata all'edificio senza una particolare funzione.

Un tipico esempio di area urbana è, per esempio, la superficie che se ne ricava dalla demolizione di un edificio che pre-esisteva

 

Una cosa che forse ti potrebbe interessare è che se quell'area è abbastanza vasta e se le sue condizioni lo permettono è già predisposta per una eventuale alienazione..... non conosco in dettaglio la sitazione.

Si, grazie per il chiarimento, quindi sarebbe equiparabile ad un BCNC ma senza esserlo. Ma ciò può creare dei problemi a livello di condominio? Chiedo questo perchè al catasto risulta come un area senza funzione come hai detto, quando invece ha proprio una funzione molto importante per le varie unità immobiliari, principalmente quella dell'accesso. Per esempio se come dici è pronta per essere alienata, anche da un solo intestatario, questo non sarebbe una cosa desiderabile, perchè è come se un condomino potesse vendere a chiunque la sua parte di BCNC... per evitare questi problemi conviene chiedere di trasformarlo in BCNC?

L'area come dicevo è come un BCNC ove tutti sono comproprietari allo stesso modo.

quindi è ipotizzabile che su quell'aria insiste una sevitù di passaggio a favore dell'edificio ossia dei condòmini.

 

Vendita > mi riferivo ad una vendita a corpo ......per intero e se vi sono le condizioni.

Venderne la propria aliquota significherebbe trovare un matto disposto ad acquistare

 

Trasformare in BCNC? è un area esterna ed è stata classificata opportunamente/correttamente come area urbana

Effettivamente è un area esterna, nel senso che è a parte rispetto all'edificio, che ha i suoi giardini privati adiacenti a quest'area. Per accedere ai giardini privati e quindi alle varie unità del condominio tutti però devono passare attraverso questa area urbana di cui tutti hanno la proprietà a catasto. Non dovrebbero esserci servitù perchè gli atti non le indicano e se tutti sono proprietari credo che dovrebbero comunque sparire... A parte il rischio della vendita, potrebbe significare però anche che quest'area non è gestita con le regole del condominio?? E se fosse una comunione semplice chiunque può chiedere la divisione nonostante sia necessaria a tutti per l'accesso?? Per questo pensavo alla BCNC che ricondurrebbe senza più dubbi la situazione nella norma dei condomini, sempre che non sia già ora un condominio. L'area urbana ho visto che è una "categoria fittizia", nel senso come temporanea in attesa di una sistemazione definitiva e come hai detto senza funzione.. ma non è proprio il caso nostro perchè si tratta di una parte importante.. Essendo un complesso recente è probabile che sia una specie di residuo dei frazionamenti dei giardini, che è stato fatto in modo un po' grezzo forse senza pensare a "finezze" quali la BCNC (io stessa fino a poco fa non ne sapevo nulla di BCNC o BCC)...

La servitù è instaurata a prescindere che non ne sia riportata indicazione negli atti.

Non sarebbe possibile nessuna divisione, perchè sarebbe un qualcosa di non plausibile e tecnicamente non realizzabile.

 

Hai scritto:

"devono passare attraverso questa area urbana di cui tutti hanno la proprietà a catasto."

Poi

"potrebbe significare però anche che quest'area non è gestita con le regole del condominio??"

Non ti sembra che dici una cosa per poi subito contraddirla......se tutti ne sono proprietari ne discende che rientra tra le cose comuni / parti comuni del condominio e gestibili in tal senso.

 

"L'area urbana ho visto che è una "categoria fittizia"" è fittizia perché è una superfice che afferisce al catasto urbano ossia in area edificabile, ne discende (e in teoria) che se vi sono le condizioni quel area può essere usata anche per edificare........

Ma prima che te ti allarmi, con questo non significa che un singolo prende il suo "pezzo" e ci costruisce sopra.

Quali sono le sue dimensioni ? qual è la sua superficie ?

Dimmi .....ma sugli atti si fa menzione dell'area urbana, a cui ti riferisci ?

Sono quasi 900 metri quadri ed è menzionata negli atti.. il notaio ha scritto che "è a servizio e di pertinenza del complesso immobiliare", ma ha calcolato addirittura le imposte a parte per questo pezzo... quello che non mi torna è che secondo me non si fa così per una cosa condominiale, io non ho molta esperienza al riguardo ma credo che quando si compra un immobile condominiale si acquisisce anche la compoprietà su altri beni appunto condominiali oltre che sulle parti esclusive, mentre questo sembra fare proprio storia a sè pur essendo essenziale per tutti. Scusa ma non credo di essermi contraddetta perchè un bene può essere una comproprietà e quindi risultare a catasto intestato a più persone e contamporaneamente non essere un condominio e quindi non essere gestito con le regole del condominio (tipo tabelle millesimali, assemblee eccetera). Mi sto riferendo in pratica ad una comunione semplice... da quello che so o si applicano le regole della comunione semplice, o quelle della comunione forzosa (condominio), si tratta solo di capire in che situazione ci si trova ora!

Vedo che proprio non ti entra in testa.............scusa la battuta.

 

Sin dall'inizio ho subito ipotizzato (anche senza saperlo) che non si trattasse di una piccola superfice....infatti scrivi "quasi 900 metri quadri" e per giunta debitamente "menzionata negli atti.."

 

CERTO che si fa cosi.....non è un piccolo quadrato di terra o area, sono ben 900 mq, ti ricordo che in alcuni comuni il lotto minimo per costruire è di 500 mq e si realizza un edificio minimo di 2 piani!

 

"ma credo che quando si compra un immobile condominiale si acquisisce anche la compoprietà sualtri beni appunto condominiali" e ti contraddici da te > perchè questo cosa significa ?

"è menzionata negli atti.. il notaio ha scritto che "è a servizio e di pertinenza del complesso immobiliare""

CHE SEI COMPROPRIETARIA PROPORZIONALMENTE di quell’area, perchè di pertinenza condominiale ......ma questo l'avevo detto sin da principio, senza conoscere i fatti reali.

 

Stai confermando, con dei dati che menzioni, delle cose che avevo ipotizzato già da prima.

 

""ha calcolato addirittura le imposte a parte per questo pezzo..."" è cosa vuoi di più .....di meglio non si poteva fare ed ora ci si lamenta anche delle cose ben fatte!

 

In che situazione vi travate ? lo dice chiaramente il tuo atto "è a servizio e di pertinenza del complesso immobiliare" ossia è un area comune a tutto il complesso, più chiaro di cosi.

Se il complesso immobiliare e costituito da più edifici ossia da diversi condomini.....l'area appartiene proporzionalmente ad ogni condominio ed in ciascuno di essi incide proporzionalmente su ciascun condòmino facente parte del singolo condominio.

Ed è gestita congiuntamente da tutto il complesso immobiliare.

So che il concetto è un pò complesso ma per quell'area in termini condominiali si innesca ciò che si chiamo SUPERCONDOMINIO > qualota il complesso immobiliare è formato da più edifici/condomini

puoi leggere qualcosa qui --link_rimosso--

Guarda io sono d'accordo con te, nel senso che si tratti di una situazione condominiale e non di una comunione semplice, anche perchè l'atto lo specifica e soprattutto è del tutto assimilabile ad un vano scale perchè serve per l'accesso! Volevo esserne sicura perchè mi è stato detto da un tecnico che non c'è nessun condominio perchè a catasto questo mappale è un'Area urbana.. cioè il fatto che sia area urbana impedisce che si formi un condominio... Ecco il punto. Ma dove sta scritto questo? Da nessuna parte mi sembra, per cui il tecnico avrà preso un abbaglio.. ti ringrazio

×