Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
david45

Balcone aggettante - secondo voi chi ha ragione?

Vi pongo il caso:

 

Mia sorella abita in un appartamento al p.1° ed al p. 2° sopra di lei è presente un balcone aggettante che praticamente funge da soffitto al suo balcone.

 

Ora il balcone del P.2° che le fà da soffitto alcune volte quando piove molto in pochi minuti (piogge torrenziali come successo giorni fà) non riesce a smaltire completamente e rapidamente l'acqua perchè è stato dimensionato male dal costruttore e quindi il soffitto del balcone presenta in questi casi dei leggeri scrostamenti all'intonaco dovuti al ristagno dell'acqua sul balcone.

 

Io sò che la normativa attuale dice che i balconi aggettanti sono di proprietà di chi ne fà uso di prolungamento alla propria abitazione e per questo mia sorella ha chiesto al proprietario di sopra di provvedere a sistemare la situazione migliorandone lo scolo.

 

Ma di contro il proprietario di sopra ha risposto dicendo che lui non ha colpe per incuria perchè fà la manutenzione ordinaria prevista e se è stato costruito così lui non ne ha colpe perchè anche lei ha comprato il suo sapendo che era così, inoltre sottolinea che se il balcone è di sua proprietà allora lei non deve preoccuparsi se il soffitto del suo balcone (del proprietario di sopra e che fà da soffitto) presenta scrostamenti perchè è suo e quindi decide lui se sistemarne o meno il soffitto.

 

Secondo voi chi ha ragione?

 

saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Un balcone aggettante è considerato un prolungamento dell'appartamento di cui fa parte, quindi è il proprietario dell'appartamento che risponde di eventuali danni provocati dallo stesso. In questo caso il proprietario del balcone in questione dovrà effettuare gli opportuni lavori di sistemazione, al fine di evitare gli inconvenienti da te lamentati.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Un balcone aggettante è considerato un prolungamento dell'appartamento di cui fa parte, quindi è il proprietario dell'appartamento che risponde di eventuali danni provocati dallo stesso. In questo caso il proprietario del balcone in questione dovrà effettuare gli opportuni lavori di sistemazione, al fine di evitare gli inconvenienti da te lamentati.

questa è una cosa che già sapevo, ma il proprietario argomenta che non ha fatto alcun danno, visto che la soletta del balcone aggettante e relativo soffito con intonaco sono di proprietà di sè medesimo e quindi il danno lo fà a sè stesso e quindi decide lui se sistemarsi o meno il proprio danno.

 

hai capito?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

La Cass. Civ. Sez. II, 16.02.2012 n. 2241 ha stabilito che: " i balconi aggettanti, costituendo un prolungamento della corrispondente unità immobiliare, appartengono in via esclusiva al proprietario di questa. A sua volta, i rivestimenti e gli elementi decorativi della parte frontale e di quella inferiore dei balconi "aggettanti" si devono considerare beni comuni a tutti, ex art. 1117 c.c.," in quanto inerenti alla facciata

 

Pertanto è da considerarsi di uso esclusivo solo il calpestio del balcone in quanto ne ha accesso esclusivo, la parte esterna del balcone è da considerarsi bene comune.

Il rifacimento dei rivestimenti della parte esterna a carico del condomino con accesso esclusivo al balcone nasce solo nel caso in cui da sua negligenza rechi danni al rivestimento esterno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Vero è che il balcone aggettante è proprietà privata e le spese di manutenzione sono a carico del proprietario così come è altrettanto vero che se cagiona un danno al condomino del piano di sotto ne sarà responsabile. Fai scrivere una lettera a tua sorella, raccomandata alla francese, nella quale descrive la situazione in atto, l'invito a porvi rimedio con l'ipotesi di essere chiamato a risponderne qualora dovesse subire danni a cose o persone.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

E' possibile che l'assemblea deliberi una diversa ripartizione delle spese di manutenzione dei balconi aggettanti??

mi spiego meglio...prima dell'entrata in vigore della nuova normativa nel mio condominio alcuni proprietari avevano già provveduto alla manutenzione della parte superiore (del piano superiore) e della parte inferiore (calpestio) mentre altri, nonostante il degrado non hanno effettuato alcun ripristino. Con l'entrata in vigore della nuova normativa, i condomini che già si erano adoperati alla manutenzione, si sono ritrovati a manutenzionare nuovamente il balcone mentre gli altri l'hanno ritrovato già manutenzionato.

Vista tale ingiustizia l'assemblea ha deliberato che ogni condomino deve provvedere alla manutenzione di un solo balcone.

Questa delibera è adottata validamente??

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Il criterio legale di ripartizione può essere derogato solo all'unanimità (1000/1000).

Ribadisco che la manutenzione dei balconi aggettanti è di competenza dei legittimi proprietari.

Una diversa ripartizione può avvenire, secondo la sentenza della cassazione su riportata, quando" i rivestimenti e gli elementi decorativi della parte frontale e di quella inferiore dei balconi si inseriscono nel prospetto dell'edificio e contribuiscono a renderlo esteticamente gradevole"

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Vero è che il balcone aggettante è proprietà privata e le spese di manutenzione sono a carico del proprietario così come è altrettanto vero che se cagiona un danno al condomino del piano di sotto ne sarà responsabile. Fai scrivere una lettera a tua sorella, raccomandata alla francese, nella quale descrive la situazione in atto, l'invito a porvi rimedio con l'ipotesi di essere chiamato a risponderne qualora dovesse subire danni a cose o persone.

è questo il punto non è che reca un danno fisico a mia sorella (non cadono pezzi di intonaco ma è solo venuta via la pittura, si è scrostata) perchè l'unico danno reale che reca è al soffitto del balcone aggettante che in base alle ultime sentenze è di totale proprietà dell'inquilino di sopra, a mia sorella crea solo un brutto effetto estetico (per lei e per le persone che la vanno a trovare) e per questo motivo il proprietario in questione dice che la manutenzione la fà solo quando vuole lui.

 

spero di essermi chiarito che 2 sono le ipotesi:

 

o il balcone aggettante è di competenza e proprietà di entrambi e cioè la parte di calpestio dell'inquilino di sopra e la parte sottostante (soffitto) di quello di sotto (come era una volta)

 

o in base alle ultime sentenze è di totale competenza e proprietà di quello di sopra ed in base agli art. del Cod. Civ. sulla proprietà allora è di suo uso esclusivo e di conseguenza ha il diritto di trattarlo come lo ritiene opportuno sempre senza arrecare danno fisico ad altri.

 

chi mi sà rispondere?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

E' del proprietario del piano sopra tua sorella e, giustamente, gli fa la manutenzione quando ritiene opportuno, non arrecando danni.

Se tua sorella vuole il balcone carino per gli ospiti, può sempre pittarlo a spese sue, nessuno glielo vieta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×