Vai al contenuto
enrico dimitri

Avanzo di cassa errato ma approvato un anno fa.

Chiudendo un bilancio di un condominio preso da poco mi sono accorto che vi sono inesattezze nel rendiconto di cassa approvato nell'esercizio 2011/12,e di conseguenza nell'avanzo di cassa riportato poi nello stato patrimoniale.Bilancio però regolarmente approvato dall'assemblea.

Ma io adesso non mi posso agganciare ad un avanzo di cassa errato(determinato dal fatto che erano state messe in uscita spese non sostenute,dunque debiti),perché continuerei nell'errore.(errore fatto già presente nel passaggio di consegne perché è madornale!)

Io avrei pensato questo: faccio il bilancio con i mie dati,allego una relazione scritta,e se l'assemblea me l'approva bene,e se non l'approva?

Credetemi, i miei conti sono proprio esatti,il problema è giuridico.

Ciao.

Non hai caricato il condominio,controllata la quadratura e poi fatto un'assemblea straordinaria per rendere edotti i condòmini di quanto riscontrato,vero?

Questa sarebbe stata la procedura corretta ed in quella sede avresti verbalizzato il volere assembleare.

Lo dovrai fare ora.

Se non te lo approveranno verbalizzerai la motivazione e spiegherai loro e verbalizzerai le conseguenze.

Forse ho cpito male io ma se sono state messe in uscita spese non sostenute vuol dire che il denaro uscito sulla carta non è mai uscito nella realtà e quindi c'è un AVANZO DI CASSA (fisicamente ci sono più soldi di quanto risulta contabilmente).

Se così fosse, quali conseguenze potrebbe portare un fatto del genere?

O l'assemblea approva uno storno e quel denaro entra contabilmente oppure....

il denaro scompare e la cassa contabile quadra con la cassa fisica allineando il consuntivo approvato 🙂

Forse ho cpito male io ma se sono state messe in uscita spese non sostenute vuol dire che il denaro uscito sulla carta non è mai uscito nella realtà e quindi c'è un AVANZO DI CASSA (fisicamente ci sono più soldi di quanto risulta contabilmente).

Se così fosse, quali conseguenze potrebbe portare un fatto del genere?

O l'assemblea approva uno storno e quel denaro entra contabilmente oppure....

il denaro scompare e la cassa contabile quadra con la cassa fisica allineando il consuntivo approvato 🙂

Per considerarsi conseguenze non è detto che debbano essere di natura negativa.

Le conseguenze sono che i bilanci non quadrano e neppure la situazione patrimoniale parte integrante del rendiconto,poco importa se c'è un avanzo.

Questo è il punto.

Indubbio sia meglio un avanzo di un disavanzo ma rimane il fatto che i conti devono quadrare tra dare ed avere.

Allora avevo capito bene.

Non credo che l'assemblea avrà difficoltà ad approvare la contabilizzazione del "tesoretto".

In qualche modo bisognerà pur far quadrare le casse.

A mali estremi, partendo da un rendiconto approvato, la quadratura più semplice delle casse senza toccare la contabilità è ... :icon_lol::icon_lol:

Grazie per le risposte.

ho da subito evidenziato tale anomalia nel passaggio di consegne,e ho mandato a tutti i condomini un'informativa su tale problema.

L'avanzo risulta dal fatto che nell'esercizio precedente erano state contabilizzate appunto come uscite dei debiti verso il fornitore del gas per il riscaldamento centralizzato.Ma di fatto io con tale avanzo di cassa,ho pagato una marea di fornitori,tra cui il portiere,un direttore lavori che aspettava da anni,una ditta che aveva fatto un procedimento di messa in mora al condominio.Di fatto tali fondi non ci sono più,e questo sarà evidenziato nello stato patrimoniale generale.

Dunque faccio così:riporto per intero(allegata alla convocazione) sia la relazione già consegnata a tutti i condòmini sul passaggio di consegne,sia faccio verbalizzare che essendo stato verificato il vecchio bilancio del riscaldamento è stato rilevato un avanzo superiore in quanto spese messe in uscita,che figuravano nel rendiconto di cassa,erano debiti,e non erano state effettivamente pagate.Insomma lo spiego nel migliore dei modi,e poi accompagno anche il bilancio con una relazione scritta supplementare.

Può andare?

Ho molti dubbi sulla tua procedura, non l'ha ritengo correta, bisogna procedere al rimborso di spese non eseguite. Ovviamente rendendo edotta l'assembea, l'operazione deve essere eseguita nel bilancio corrente. Operazione semplice.

Cosa rimborso se con l'avanzo ho pagato altro?

e inoltre ho recuperato il disavanzo ordinario,evitato che fornitori facessero causa al condominio,l'errore è stato che invece di mandare una ""circolare informale"",avrei dovuto convocare una straordinaria e farlo ratificare dall'assemblea .E'ovvio che da questo problema(caos?) imparerò,ma adesso più di questo non posso,in buona fede,fare.Se mi mandano via è nelle regole,e non posso che prenderne atto.

Ciao.

Sei ragioniere, infatti tu hai pagato altro! L'operazione corretta e quella del rimborso dell'ammontare della somma che hai pagato erroneamente e nello stesso tempo addebiti le fatture corrette pagate ad altri fornitori. In ragioneria si definisce "operazione di rettifica".

Giovanni,grazie.

intendo proprio fare questo nel bilancio consuntivo,e lo accompagnerò da una relazione il più possibile completa.

Comunque rimane il fatto che in tutto questo ha ragione Patrizia,le cose andavano fatte appena preso il condominio,per questo adesso mi sono venuti tanti dubbi.

Non posso comunque che non essere felice dell'attenzione che tutti quanti mi avete dimostrato,e vi ringrazio di nuovo.

Ciao.

×