Vai al contenuto
leviathan

Autoclave per emergenza idrica senza assemblea ?

Ecco il problema: in uno stabile di 7 piani, prima con molti appartamenti vuoti bastava la pressione dell'acquedotto. Passato il tempo, tutte le unità immobiliari sono ora occupate, e l'acqua ai piani alti comincia a scarseggiare al punto che le caldaie per il sanitario si spengono, le lavatrici pure, ecc. Questo accade specialmente al mattino presto e alla sera al ritorno di tutti, per i piani alti.

 

Chiedo se è possibile inserire l'installazione di una autoclave per una cifra di 4350€ con rapidità, visto che tra poco arriverà il freddo, senza delibere assembleari la cui ordinaria viene sempre fatta dopo chiusura bilancio in genere fine Febbraio, essendo inoltre per un senvizio essenziale. La montante aumenterà la pressione per tutti costantemente, non essendo possibile intercettare le 3 montanti per parti diverse dello stabile. Uno di questo condomini senza acqua minaccia da tempo azioni legali.

 

L' assemblea straordinaria, fra preparazione delle RA, attesa dei tempi con preavviso idoneo, noleggio sala,ecc., col rischio di fare "buca", andrebbe per le lunghe considerando anche il tempo per il lavoro da fare.

 

Grazie

Per effettuare una spesa che non sembra urgentissima il problema principale è quello che i condomini non approvino quando si presenterà il conto, per cui sarebbe molto meglio convocare un'assemblea straordinaria, oppure effettuare un giro tra i condomini e assicurarsi che voteranno favorevole nell'assemblea dove si ratificherà la spesa già effettuata ottenendo la maggioranza regolare in assemblea, così che si potrebbe rischiare di effettuare il lavoro senza delibera.

è un problema di impianto del vs stabile o è un problema della società che gestisce l'acquedotto ?

anche altri fabbricati della stessa altezza hanno lo stesso inconveniente ?

E' il nostro stabile che ha il problema perchè privo di qualsiasi spinta.

 

Scusa Tullio, ma se non approvano lasci diverse persone senza l'acqua ? per 4350€, a rischio di causa ?

Se quelli si ammalano e danno colpa alla doccia fredda improvvisa ?

Inoltre è un servizio inderogabile

 

Mi era anche sembrato di capire che cifre sotto i 5000€ sono per" giurisprudenza" effettuabili senza delibera per lavori urgenti.

 

Quella del giro dei condomini ci avevo pensato, oppure dei consiglieri.

E' il nostro stabile che ha il problema perchè privo di qualsiasi spinta.

 

Scusa Tullio, ma se non approvano lasci diverse persone senza l'acqua ? per 4350€, a rischio di causa ?

Se quelli si ammalano e danno colpa alla doccia fredda improvvisa ?

Inoltre è un servizio inderogabile

 

Mi era anche sembrato di capire che cifre sotto i 5000€ sono per" giurisprudenza" effettuabili senza delibera per lavori urgenti.

 

Quella del giro dei condomini ci avevo pensato, oppure dei consiglieri.

Non esiste nessuna norma che fissa in 5000 euro una spesa urgente da effettuare senza delibera, una spesa urgente, ma deve essere veramente urgente, si può effettuare comunque se ci sono i fondi, ma se non ci sono si deve deliberare con un'assemblea straordinaria, fatto salvo l'amministratore non anticipi di tasca sua.

Tullio io tuttavia ritengo l'uso di acqua sia calda che fredda una spesa urgentissima, non puoi togliere un servizio primario a dei condomini nei mesi invernali. Mi è stato detto che la spesa massima dei 5000 sia un "uso e consuetudine" depositato presso le camere di commercio provinciali, costituite appunto per le consuetudini, predisposte da ordini professionali.

 

Per "Uso" si intende una norma giuridica non scritta derivante dal comportamento generale uniforme e costante, osservata per un lungo periodo di tempo * Camera di commercio.

 

Comunque sia la mancanza cronica di acqua non è accettabile anche se la delibera è negativa poichè a mio parere va contro il benessere, igiene e salute dei condomini, e è prevista anche nella Carta Costituzionale. Quindi a che serve la delibera? Se negativa sarebbe nulla poichè contro legge.

O sbaglio ?

Comunque adotto il tuo sempre prezioso consiglio: faccio apporre un documento o faccio passare tra condomini alcune firme di consenso, ma volevo un tuo parere sulla inderogabilità del servizio come ho esposto.

Grazie Tullio

Comunque adotto il tuo sempre prezioso consiglio: faccio apporre un documento o faccio passare tra condomini alcune firme di consenso, ma volevo un tuo parere sulla inderogabilità del servizio come ho esposto.

Grazie Tullio

Grazie della fiducia, per quanto riguarda l'inderogabilità del servizio era necessario pensarci quando fu costruito lo stabile, ovvero l'errore è stato fatto dal costruttore, e la portata (pressione) d'acqua doveva essere sufficiente per arrivare abbondantemente fino agli ultimi piani e servire così tutti gli appartamenti, se la costruzione ha meno di 10 anni si potrebbe ricorrere alla garanzia del costruttore prevista dall'art 1669 cc;

 

- Quando si tratta di edifici o di altre cose immobili destinate per la loro natura a lunga durata, se, nel corso di dieci anni dal compimento, l'opera, per vizio del suolo o per difetto della costruzione, rovina in tutto o in parte, ovvero presenta evidente pericolo di rovina o gravi difetti, l'appaltatore è responsabile nei confronti del committente e dei suoi aventi causa, purché sia fatta la denunzia entro un anno dalla scoperta.Il diritto del committente si prescrive in un anno dalla denunzia.

purtroppo è del 1961, e nella zone vi erano solo pochi palazzi. il problema si è presentato nel 2003 via via subdolamente piano piano, a mano a mano che vi venivano fatte le ultime costruzioni fino a al 2013- A quei tempi nessuno aveva l'autoclave nelle zone odierne

purtroppo è del 1961, e nella zone vi erano solo pochi palazzi. il problema si è presentato nel 2003 via via subdolamente piano piano, a mano a mano che vi venivano fatte le ultime costruzioni fino a al 2013- A quei tempi nessuno aveva l'autoclave nelle zone odierne
Bhe allora, quando si sono presentati i primi problemi si doveva deliberare l'installazione e non attendere tempo, per cui la fretta odierna non è giustificata.

Non sarà mica responsabilità del gestore che non fornisce la pressione necessaria?

Provate a seguire anche questa strada informandovi dal Gestore se è possibile risolvere il problema.

×