Vai al contenuto
StefanAm

Atto di precetto su bilancio consuntivo falsato, 10 giorni per decidere

Buongiorno,

 

scrivo qua perché spero di poter trovare qualche risposta riguardo alla mia storia, è una storia lunga ma cercherò di renderla breve.

Nel 2014 ho comprato all'asta fallimentare una casa facente parte di un condominio ATTENZIONE: non è un appartamento vero e proprio all'interno nel condominio, il condominio ha numero civico 36, la mia casa, che è tipo una depandance è al numero 40, però è comunque amministrata all'interno del condominio, per fare un esempio non paga l'ascensore che è solo interno al condominio, ma paga le spese del giardinetto perchè è in comune al condominio e alla mia casa.

 

Ora, a ottobre 2013 vado all'asta fallimentare e con mio padre ci aggiudichiamo questa casa, dopo varie pratiche la paghiamo effettivamente nei primi mesi del 2014, già qui avrei una domanda, l'anno di acquisto è il 2013 o il 2014? E' importante da sapere perché l'amministratore continua a dire che bisogna pagare le spese dell'anno corrente e di quello precedente, conta la vittoria all'asta nel 2013 (e quindi le tasse da pagare sono anno 2013 + anno 2012) oppure conta quando viene effettivamente pagata e quindi le tasse sono anno 2013 + anno 2014?

 

Dunque, dopo tutti i sacrifici, mutui eccetera, alla prima assemblea l'amministratore del condominio ci comunica che questa casa ha altri "debiti", debiti che erano del costruttore che poi è fallito e non ha pagato, in poche parole sono tutti i debiti antecedenti al 2013 che ammontano a circa 2000Euro per quanto riguarda la nostra casa (che ha i millesimi maggiori, per gli altri condomini circa 800/900).

 

Qui iniziano i problemi, l'amministratore dice che vanno pagati, il fatto è che anche gli altri condomini in assemblea decidono che vanno pagati, noi ci rifiutiamo, ma loro mettono questi "debiti" a bilancio nel 2014, così ora figurano come tasse condominiali del 2014, noi votiamo contro all'assemblea ma ovvimente è tipo 8 contro 1. Questo probabilmente perchè l'amministratore aveva già convinto o fatto pressione psicologica agli altri condomini che hanno pagato quei debiti antecedenti, e non gli stava bene che noi non pagassimo, ma ci rifiutiamo comunque.

Da notare che le spese "vere", cioè giardino, luce eccetera, sono sempre state pagate, ci rifiutiamo solo di pagare quei debiti antecedenti.

 

Ora mi è arrivato un atto di precetto da 2000Euro per le spese condominiali più 1000 Euro di compensi e spese legali dall'amministratore tramite giudice di pace in cui c'è scritto che non ho pagato le spese condominiali del 2014, peccato che sia praticamente un bilancio falsato perché si riferisce alle spese di fallimento. Vogliono far passare la storia come se noi ci rifiutassimo di pagare le spese condominiali vere e proprie, che invece sono già state pagate, ci rifiutiamo di pagare le spese di fallimento che non risultano neanche dagli atti di vendita.

 

Sull'atto c'è scritto che ci sono 10 giorni per pagare e 40 giorni per fare ricorso, ora, c'è la possibilità di vincere un ricorso del genere o pagherei un avvocato per niente?

Salve,

una volta vinta un'asta la proprietà è acquisita nel momento in cui viene redatto il decreto di trasferimento. Quindi bisognerà capire la data e da lì si capirà se si è debitori in solidi con il precedente proprietario e per quali anni.

Il giudizio di opposizione è sempre possibile e se dal decreto di trasferimento vedrete che la data è del 2014 allora vi converrà farlo (tenendo conto che comunque per quell'anno sarete comunque debitori in solido, vi levate solo il 2013), altrimenti è inutile spendere questi soldi, perchè se la data è del 2013 sarete co-obbligati al pagamento delle somme del 2013 e del 2014 e converrà pagare.

 

Ah scusa mi ero perso un passaggio, voi dite che i debiti contestati sono antecedenti al 2013, in questo caso se avete le prove vi conviene andare in opposizione.

 

Cordiali saluti.

Grazie per la risposta alla prima domanda, andrò a guardare il decreto di trasferimento!

 

Quello che mi preme capire è se sia possibile impugnare il bilancio anche se approvato dalla maggioranza dei condomini in assemblea, laddove il bilancio presenti atti illegali, come mettere le spese dovute ai fallimenti precedenti all'anno corrente e all'anno precedente di acquisto.

Salve,

i bilanci devono corrispondere a determinati requisiti di legge. Se nel loro contenuto ci sono dati falsi non valgono nulla e sono utilizzabili in fase di opposizione attraverso ad esempio una domanda riconvenzionale. Ad ogni modo il suo legale saprà come agire per dimostrare l'infondatezza della parte avversa...

 

Cordiali saluti.

×