Vai al contenuto
cristinakri

Atto di precetto a se stesso

si puo fare atto di precetto a se stessi così lo gestisco meglio in tempo

lo faccio e mi opongo

se fanno altri rischio che non riesco fare opposizione in 20 giorni visto che viaggio molto

che significa atto di precetto a se stessi, è la prima volta che lo sento.

mi hanno fatto atto ingiuntivo e poi atto di precetto che dopo 90 giorni e scaduto non siamo riusciti trovare soluzione e probamente /sicuro mi faranno un altro atto di precetto per arrivar poi a pignorare e io voglio in 20 giorni fare oposizione per quanto mio nome errato non ho potuto difendermi al tempo e ho ricevute di pagamento solo che non lo so quando lo fanno probamente fanno quando io sono fuori casa per 1-2 mesi così che passano 20 giorni e che non posso fare opposizione

allora io pensato se mi faccio da sola atto di precetto - lo so sembra ridicolo ma e comodo perché così mi pongo subito in tempo cosa dici?

Non credo sia possible richiedere un'atto di precetto a se stessi, semplicemente perchè tu non sei la parte avversa di te stessa.

Non esiste farsi un auto atto di precetto è una cosa fuori da ogni logica...........potremmo stare qui ad elencarti il corretto iter per opposizioni ecc.........ma sinceramente te lo dico con obbiettività è inutile.......come negli altri post che hai aperto il suggerimento migliore che ti si possa dare è di andare da un avvocato

il consiglio potrebbe essere : contatta legale ed eleggi domicilio legale preso di lui , quindi tutta la corrispondenza inerente verrà consegnata allo stesso il quale potrà e dovrà fare tutto il possibile per la tua tutela

si questa e una buona risoluzione - domiciliare tutto su mio avvocato

 

sentite ragazzi io sono stata da legale e mi ha detto quello che dite voi cioè pagare

 

ma trovate giusto che mi hanno fatto atto ingiuntivo per pagamenti fatti e io adesso non posso dire niente

adesso ho controllato tutti conti dietro e risulta e io ero più meno posto con conti

allora che diritto abbiamo?

 

oppure se pago questo atto ingiuntivo posso dopo fare processo a loro per verifica conti ?

 

trovo molto ingiusto che nn ce possibilità di difendersi e mi fa paura questa cosa perché io viaggio molto e rischio che quando torno non trovo più niente perché non mi sono oposta al tempo

 

- - - Aggiornato - - -

 

ma qualcuno sa dirmi che dovrei fare? se nn voglio pagare perché trovo ingiusto?

il legale avrà visto, purtroppo per te le carte e ti ha consigliato al meglio per non subire ulteriori danni !!

consigliati con lui

ma bisogna più difendere la casa da legge che da ladri

 

- - - Aggiornato - - -

 

io in mia difesa ho mancato anagrafe nome errato delega false una parte di ricevute in mano non riconosciute e non posso fare niente con questo?

ma come e possibile?

e poi da un debito 1000e - che non risulta da effettuata adesso verifica- devo pagare con spese 3000e e stare zitta

Non si può difendersi con asserzioni nebulose, parole e vaghe giustificazioni (tipo nome errato e quant'altro) quando si parla di denaro ed obblighi finanziari, oltre alle parole ciò che conta sono le carte, in questo caso le ricevute di pagamento originali cioè: bollettini eseguiti alle poste con ntanto di timbro, oppure ricevute di bonifici bancari eseguiti alla banca oppure on line, od anche ricevute firmate dall'amministratore a fronte di pagamenti in contanti. Carta canta. Dire di essere "più o meno a posto" con i pagamenti conta zero, presentati con le pezze d'appoggio e sei in una botte di ferro, per chiedere i decreti ingiuntivi (da chi avanza i crediti) bisogna presentare alcuni documenti dopodichè altri documenti dovranno necessariamente essere presentati (da chi ritiene di aver già dato tutto) per dimostrare di essere "più o meno" in regola, diversamente si perde la causa

senti non sono qua per spiegarmi giustificarmi e raccontare bugie ma cerco di capire situazione che per me molto buia per esempio dalle carte risulta che nn ho ritirato avviso ma risulta anche che ero presentata e pure votato al assemblea da sig modugno che io non conosco - e come devo capire questa cosa?

ho verificato verbali di anni precedenti e vedo che a nessuna parte non vedo 4 pagamenti effettuati 6 anni fa allora mandato copie di ricevute al amministratore per spiegazioni - penso che ancora ho diritto a spiegazioni aspetto risposta

non hanno mai fatto anagrafe hanno scritto mio nome per sentito dire e in modo errato - ancora so come si scrive mio nome

io non riesco trovare logica in tutto questo che successo

a raccontare bugie qua come pensi :-) non mi aiuta a capire

in mio quartiere hanno pignorato 2 case e hanno venduto al asta

comincio pensare che e un complotto perché non so dare nessuna spiegazione logica

magari sanno che sono pensionata che non riuscirò a difendermi

tutto e stato preparato in modo che non riesco a fare niente - due atti che difendermi mi costerà le cifre le il debito non e molto alto ma spese sono alte perché ci sono spese fisse hanno studiato tutto in tempi e quando ero via che io mi allontano spesso

 

non so che altro devo pensare perché non vedo nessuna altra logica

se va avanti cosi impazisco ahahaha

Ho detto semplicemente che si vince con le carte, non con le parole: se hai le carte sei in una botte di ferro, che preoccupazioni hai? Presenta le carte tramite l'avvocato e vinci, fine della storia, alla fine potrai richiedere i risarcimenti anche per i danni morali perchè magari ti hanno diffamato sostenendo che sei una "morosa", ripeto: nessun problema

grazie e una buona risposta

a questo punto cosa consigli? - pagare atto ingiuntivo e poi andare in tribunale con ricevute di miei pagamenti che non mi hanno riconosciuto - qui si parla di 6 anni fa- di conti che non tornano di mancato anagrafe e in conseguenza nome errato di delega falsa ecc danno morale spese interessi che avuto perché atto ingiuntivo fatto 2 anni fa in momento che avuto un altro reso conto

 

oppure aspettare che mi fanno altro atto di precetto e in 20 giorni fare opposizione per quando nome errato chiedere annullamento di ingiuntivo e rifare le carte?

 

ci tengo tanto a tua risposta grazie

Se fossi io ad avere questo problema andrei da un avvocato per chiedergli di fare opposizione al decreto ingiuntivo, cioè se sono in regola ed ho pagato ed ho le carte in regola (ricevue) perchè dovrei pagare? Se il decreto riguarda quote riferite a 6 anni fa ed è stato fatto in tempo utile (non sono passati i 5 anni in cui vanno in prescrizione) sarà facile confutare i mancati pagamenti, piuttosto bisogna scegliere bene a chi affidarsi: l'avvocato deve essere uno che ci capisce della materia. Consiglio: fare esaminare ad un contabile (commercialista, revisore dei conti od altro amministratore esperto) tutte le carte e se tutto è a posto si va dall'avvocato che valuterà cosa e quando fare, cioè deve essere lui se è meglio pagare oppure no

grazie tante

anche io penso esattamente così solo che mia avvocatessa dice che spendo tanto per difendermi e che non vale la pena che meglio pagare a loro e chiudere faccenda - io proposto mancati pagamenti che sono meno molto meno che dicono loro perché ho queste ricevute che loro non mi riconoscono e in più proposto meta spese giudiziarie e loro hanno rifiutato - non si aspettavano probamente che io ho carte da giocare a mio favore

 

io comunque preferisco difendermi in tribunale anche se spendo ma e una questione morale non vedo perché devo pagare tutto e chiedere scusa

 

al momento chiesto con raccomandata di fissare appuntamento per visuale verbali conti raccomandate del ultimi 10 anni - faccio foto e porto da un ragioniere

 

vi ingrazio tanto per consiglio ho imparato anche tanto ingrazia vostro forum

×