Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
DLF

Assicurazione fabbricato chi la paga il proprietario o l'inquilino?

Il proprietario di un appartamento affitta ad una persona (inquilina) senza contatto di affitto.

Le rate condominiali arrivano all' inquilino e lui si rifiuta di pagare la quota dell' assicurazione, dell' affitto della sala riunioni e del passo carrabile.

Logicamente bisogna vedere come sono gli accordi che hanno preso per il pagamento delle rate condominiali tra proprietario e inquilino.

Volevo sapere l' assicurazione globale fabbricati da chi deve essere pagata unitamente alla sala riunioni e passo carrabile.

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Fatto salvo accordi tra i due, proprietario - inquilino, l'assicurazione dello stabile dovrebbe pagarla il proprietario, per il semplice fatto che in caso il condominio riceva un risarcimento all'inquilino non spetterà nulla, ma anche perchè questa spesa non è tra quelle previste dalla Legge 392/78 art. 9

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ok perfetto. e le spese per affitto sala riunione e passo carrabile?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ok perfetto. e le spese per affitto sala riunione e passo carrabile?
Se l'inquilino è invitato a partecipare all'assemblea nei casi in cui ha la facoltà, dovrebbe contribuire, per il passo carrabile anche perchè è a servizio di tutti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Buongiorno

da tabella di ripartizione spese che fornisce Confedilizia, l'assicurazione e la sala riunioni dovrebbero essere ripartire al 50% tra propritario ed inquilino, mentre la spesa del passo carrabile è tutta dell'inquilino.

 

La tabellina dovrebbe essere scaricabile anche dal sito.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Buongiorno

da tabella di ripartizione spese che fornisce Confedilizia, l'assicurazione e la sala riunioni dovrebbero essere ripartire al 50% tra propritario ed inquilino, mentre la spesa del passo carrabile è tutta dell'inquilino.

 

La tabellina dovrebbe essere scaricabile anche dal sito.

Tabelle di ripartizione se ne trovano diverse e con diversità di competenze tra locatore e locatario, Confedilizia, Sunia, Sicet, ecc ecc, ma se non espressamente inserite nel contratto di locazione non sono vincolanti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

LA tabella della Confedilizia, così come qualsiasi altra redatta da associazioni varie, per poter avere efficacia tra le parti deve essere indicata nel contratto di locazione.

Viceversa, valgono gli accordi tra locatore e locatario e la legge 392/78 art. 9.

  • Confuso 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Infatti il contratto tra inquilino e proprietario non esiste

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

In tal caso, si segue la legge...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

La tassa sul passo carrabile è a carico dell'inquilino (salvo il caso in cui evidentemente non ne possa usufruire: es. il passo carrabile serve solo i box, non il portone dello stabile, e l'inquilino non abbia il box in affitto).

Per la sala assemblee l'inquilino ha diritto di partecipazione e voto solo per le materie di propria competenza (es. il riscaldamento) quindi, a logica, dovrebbe contribuire solo per quelle riunioni in cui sono all'odg materie di sua spettanza (normalmente una all'anno) e, se vogliamo, solo per quota parte rispetto agli altri argomenti all'odg.

L'assicurazione è in ogni caso a carico del proprietario. Infatti, volendo fare un esempio, anche nel caso in cui questa coprisse pure i danni a beni presenti entro l'appartamento (es. a seguito di infiltrazioni), sarebbe sempre in favore del proprietario. In tal caso infatti l'inquilino potrebbe chiedere i danni al condominio, che si troverebbe poi costretto a risarcirlo. Quindi l'assicurazione è a tutto vantaggio del proprietario. (all'inquilino non cambia nulla se il risarcimento viene dal condominio o dall'assicurazione).

 

Le molteplici tabelle esistenti (diverse fra loro) sono valide solo se espressamente citate nel contratto di locazione. Diversamente fa fede esclusivamente la L 392/78.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Scusate invece la redazione del 770 chi deve pagarlo il proprietario o l'inquilino?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

é piu' corretto che l'assicurazione venga pagata dal proprietario. L'assicurazione infatti copre il Condominio, la proprietà del condominio.

770 idem, paga il proprietario, salvo diverso accordo in contratto (che però manca)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ok grazie provvederò

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Scusate però credo che il compenso amministratore deve essere a carico dell' inquilino giusto?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Scusate però credo che il compenso amministratore deve essere a carico dell' inquilino giusto?
Si, infatti fatto salvo accordi spetta al proprietario, comunque di solito sui contratti si stabilisce al 50% tra i due, ma se non c'è nulla spetta al proprietario.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ho avuto alcune informazioni dall' inquilino, nel senso che ci sono due inquilini dove uno ha stipulato il contratto di affitto con il proprietario e l'altro è in sub affitto. Per le quote condominiali cmq devo far riferimento a quanto c'è scritto sul contratto di affitto stipulato con un inquilino e l'altro che è in sub affitto deve attenersi comunque a pagare in base a quanto descritto el contratto.

Quindi se sul contratto c'è scritto che l' inquilino deve pagare le spese condominiali senza alcuna esclusione e senza nessuna specifica , gli dovranno essere addebitate tutte le spese condominilai comprese quelle dell' assicurazione, 770 ecc... ovvero quelle che vi ho indicato precedentemente giusto...? Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

se cosi dice il contratto di locazione l'inquilino dovra' rimborsare al proprietario tutte le spese condominiali .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

L'amministratore svolge un ruolo nell'esclusivo interesse e per conto dei condomini. Non è tenuto ad avere alcun rapporto con gli inquilini. Anche quando si occupa di servizi (tiop il riscaldamento) lo fa sempre per conto dei proprietari. Infatti il proprietario è tenuto a garantire all'inquilino che ci siano certi servizi. Infatti considera che un appartamento senza riscaldamento, ascensore o luce delle scale, costerebbe certamente meno di affitto. Il canone di affitto infatti già comprende che l'appartamento sia dotato di certi servizi che il proprietario deve assicurare, ovviamente affidandosi a un amministratore. L'inquilino poi deve pagare la manutenzione ordinaria e i consumi, ma l'amministrazione è svolta per conto dei condomini.

Va da sé che il compenso dell'amministratore è a carico del proprietario, salvo che non sia espressamente stabilito diversamente. Eventuali tabelle che prevedono una ripartizione diversa devono essere espressamente citate. Bisogna poi fare attenzione ai "patti contrari alla legge". Non si può prevedere che TUTTO genericamente è a carico dell'inquilino.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Quindi se sul contratto c'è scritto che l' inquilino deve pagare le spese condominiali senza alcuna esclusione e senza nessuna specifica , gli dovranno essere addebitate tutte le spese condominilai comprese quelle dell' assicurazione, 770 ecc... ovvero quelle che vi ho indicato precedentemente giusto...? Grazie

NO. se non c'è nessuna specifica si fa riferimento alla L.392/1978 che peraltro è probabilmente citata nel contratto. Quindi SOLO le voci lì specificate.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ok. Ma se nel contratto c'è scritto...."spese condominiali a carico dell' inquilino"..... e basta, senza alcuna eccezione, tutte le spese devono essere pagate dall' inquilino, logicamente quelle di ordinaria gestione.

Giusto?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ho avuto alcune informazioni dall' inquilino, nel senso che ci sono due inquilini dove uno ha stipulato il contratto di affitto con il proprietario e l'altro è in sub affitto. Per le quote condominiali cmq devo far riferimento a quanto c'è scritto sul contratto di affitto stipulato con un inquilino e l'altro che è in sub affitto deve attenersi comunque a pagare in base a quanto descritto el contratto.

Quindi se sul contratto c'è scritto che l' inquilino deve pagare le spese condominiali senza alcuna esclusione e senza nessuna specifica , gli dovranno essere addebitate tutte le spese condominilai comprese quelle dell' assicurazione, 770 ecc... ovvero quelle che vi ho indicato precedentemente giusto...? Grazie

no. Le spese padronali (compenso amministratore, assicurazione ecc..) salvo diverso accordo sono a carico del proprietario. Pertanto se il contratto si limita a parlare di spese condominiali non si intendono quelle padronali.

E' il contrario di cio' che dici: laddove nulla sia specificato, con la dicitura "spese condominiali a carico del conduttore" si fa riferimento alle spese ordinarie, non anche a quelle padronali

L’art. 9 della Legge 392/78 indica alcune delle voci di spesa che sono a carico dell’inquilino. In sintesi quest’ultimo dovrà pagare le spese relative al funzionamento e alla ordinaria gestione dei servizi condominiali (per tali spese ha diritto di poter visionare le ricevute); mentre sono a carico del proprietario le spese di sostituzione e riparazioni di impianti, innovazioni e manutenzioni straordinarie ed inoltre tutte le spese relative all’ Amministrazione del Condominio e all’ Assicurazione dello stabile.

 

Non esiste che tu faccia pagare il costo dell'amministratore (che è scelto dal proprietario, che è incaricato dal proprietario, che risponde al solo proprietario) all'inquilino.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ok. Ma se nel contratto c'è scritto...."spese condominiali a carico dell' inquilino"..... e basta, senza alcuna eccezione, tutte le spese devono essere pagate dall' inquilino, logicamente quelle di ordinaria gestione.

Giusto?

Troppo generica la dicitura, spese condominiali sono anche le spese straordinarie che all'inquilino non devono essere addebitate, o meglio non sono di sua competenza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ok. Ma se nel contratto c'è scritto...."spese condominiali a carico dell' inquilino"..... e basta, senza alcuna eccezione, tutte le spese devono essere pagate dall' inquilino, logicamente quelle di ordinaria gestione.

Giusto?

scusami, ma tu sei amministratore?

Non è per polemica, credimi. Ma tu dovresti sapere queste cose a menadito se di professione fai l'amministratore

Spese di ordinaria gestione NON comprendono nè il costo della polizza, nè il compenso dell'amministratore

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
scusami, ma tu sei amministratore?

Non è per polemica, credimi. Ma tu dovresti sapere queste cose a menadito se di professione fai l'amministratore

Spese di ordinaria gestione NON comprendono nè il costo della polizza, nè il compenso dell'amministratore

A dire il vero, l'amministratore si limita ad amministrare i beni comuni e ripartire le spese tra i condòmini.

L'amministratore non dovrebbe neanche entrare nei patti locatore/conduttore circa la ripartizione delle spese tra loro.

Se proprio vogliamo, l'amministratore non è nemmeno tenuto a ripartire le spese di una singola proprietà tra più comproprietari, figuriamoci se deve prendersi la briga di ripartire la spesa proprietario/inquilino.

 

Se l'amministratore ne è capace e ne ha voglia, dietro compenso o gratuitamente ed a richiesta del condòmino, può offrirsi di ripartire la spesa locatore/conduttore ma non è materia specifica di cui l'amministratore di condominio debba essere a conoscenza (infatti è ignorata anche nei corsi).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
scusami, ma tu sei amministratore?

Ma tu dovresti sapere queste cose a menadito se di professione fai l'amministratore

Spese di ordinaria gestione NON comprendono nè il costo della polizza, nè il compenso dell'amministratore

In realtà è proprio questo il punto. L'amministratore non è' tenuto a saperle queste cose, proprio perché i rapporti fra proprietario e inquilino esulano dai compiti dell'amministratore. E questa infatti è un'ulteriore riprova che l'amministratore non svolge alcun servizio in favore dell'inquilino e quindi non deve essere pagato dall'inquilino.

 

Il problema sorge proprio quando invece i proprietari che non conoscono le leggi si affidano all'amministratore (che fa tutt'altro mestiere) pensando che le conosca (anche quelle che esulano dalla sue competenze). E poi nascono i problemi fra proprietario e inquilino.

Almeno l'amico DLF ha l'onesta intellettuale e professionale di informarsi e chiedere qui nel forum.

Altri fanno di testa propria a lume di naso....e poi chi li mette più d'accordo proprietario e inquilino se "perfino" l'amministratore ha detto così???

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×