Vai al contenuto
boss123

Assicurazione: danni a terzi e persone

Volevo un informazione.

 

Parlando di un condominio in buono stato di manutenzione , quindi non ci sono ferri che sporgono o pezzi di intonaco che stanno li li per cadere..

 

se accade un imprevisto come:

 

- distacco pezzi di intonaco (dovuti per tot motivi, non imputabili alla condotta dolosa ovviamente)

- distacco dei tasselli di clinker di cui tutto il prospetto è ricoperto.

- distacco tegola del tetto..

- sdradicamento alberi dopo una tempesta

 

ecc...

 

ripeto, non per mancanza di manutenzione, ma per tot motivi (pioggia abbondante, o motivi non prevedibili..come sbalzi termici nel caso del clinker, vento forte nel caso di sdradicamento alberi)

 

chi paga eventuali danni a cose o persone?

 

so che l'assicurazione ha la responsabilità civile verso terzi, ma non so poi in pratica (e spero di non scoprirlo mai) fino a che punto si spinge..

 

Ve lo chiedo perchè a queste cose nessuno ci fa caso, poi appena avviene un problema, alla prima assemblea tutti iniziano ad agitarsi e a proporre a) di togliere tutti gli alberi b) di togliere tutti i tasselli di clinker di cui tutta la facciata è composta ecc..

 

logicamente sono opere costose a cui il condominio coi tempi che corrono non puo' far fronte economicamente, solo per tranquillare eventuali patemi d'animo (ripeto non parlo di manutenzione, quella va sempre fatta se ci fosse bisogno)

 

Quello che voglio sapere è se, una volta appurato che la manutenzione cè..ergo: gli alberi sono gia inclinati , i tasselli di clinker son tutti al loro posto, non ci sono tegole che stan per cadere...

 

a) è esclusa la responsabilità civile e penale dell'amministratore (e della compagine condominiale)

 

b) l'assicurazione paga i danni a persone o cose..

Volevo un informazione.

 

Parlando di un condominio in buono stato di manutenzione , quindi non ci sono ferri che sporgono o pezzi di intonaco che stanno li li per cadere..

 

se accade un imprevisto come:

 

- distacco pezzi di intonaco (dovuti per tot motivi, non imputabili alla condotta dolosa ovviamente)

- distacco dei tasselli di clinker di cui tutto il prospetto è ricoperto.

- distacco tegola del tetto..

- sdradicamento alberi dopo una tempesta

 

ecc...

 

ripeto, non per mancanza di manutenzione, ma per tot motivi (pioggia abbondante, o motivi non prevedibili..come sbalzi termici nel caso del clinker, vento forte nel caso di sdradicamento alberi)

 

chi paga eventuali danni a cose o persone?

 

so che l'assicurazione ha la responsabilità civile verso terzi, ma non so poi in pratica (e spero di non scoprirlo mai) fino a che punto si spinge..

 

Ve lo chiedo perchè a queste cose nessuno ci fa caso, poi appena avviene un problema, alla prima assemblea tutti iniziano ad agitarsi e a proporre a) di togliere tutti gli alberi b) di togliere tutti i tasselli di clinker di cui tutta la facciata è composta ecc..

 

logicamente sono opere costose a cui il condominio coi tempi che corrono non puo' far fronte economicamente, solo per tranquillare eventuali patemi d'animo (ripeto non parlo di manutenzione, quella va sempre fatta se ci fosse bisogno)

 

Quello che voglio sapere è se, una volta appurato che la manutenzione cè..ergo: gli alberi sono gia inclinati , i tasselli di clinker son tutti al loro posto, non ci sono tegole che stan per cadere...

 

a) è esclusa la responsabilità civile e penale dell'amministratore (e della compagine condominiale)

 

b) l'assicurazione paga i danni a persone o cose..

Quando succederà, ti auguro mai, le responsabilità saranno civili dei condomini e penali dell'amministratore, per cui una buona assicurazione globale per i danni è una cosa buona e giusta, per il penale nessuno è immune.

logicamente per il penale non esistono coperture..

 

domani chiamo l'assicurazione e chiedo bene i massimali e le clusolette nascoste, che poi quando cè il danno vien fuori che non pagano..e la son cavoli

Ho trovato questo che mi sembra molto chiaro ed esauriente, spero possa tornarti utile.

 

Clausole nascoste se la compagnia è seria non ce ne devono essere e se per "penale" intendi "la morte" di un terzo la stessa è coperta dalla polizza nella garanzia per danni verso terzi

 

--link_rimosso--

Per penale si intendono le conseguenze dovute ad un fatto che si configura come reato (delitto o contravvenzione ).

Nessun assicuratore va in galera per tuo conto 🙂

Per penale si intendono le conseguenze dovute ad un fatto che si configura come reato (delitto o contravvenzione ).

Nessun assicuratore va in galera per tuo conto 🙂

Volevo un informazione.

 

Parlando di un condominio in buono stato di manutenzione , quindi non ci sono ferri che sporgono o pezzi di intonaco che stanno li li per cadere..

 

se accade un imprevisto come:

 

- distacco pezzi di intonaco (dovuti per tot motivi, non imputabili alla condotta dolosa ovviamente)

- distacco dei tasselli di clinker di cui tutto il prospetto è ricoperto.

- distacco tegola del tetto..

- sdradicamento alberi dopo una tempesta

 

ecc...

 

ripeto, non per mancanza di manutenzione, ma per tot motivi (pioggia abbondante, o motivi non prevedibili..come sbalzi termici nel caso del clinker, vento forte nel caso di sdradicamento alberi)

 

chi paga eventuali danni a cose o persone?

 

so che l'assicurazione ha la responsabilità civile verso terzi, ma non so poi in pratica (e spero di non scoprirlo mai) fino a che punto si spinge..

 

Ve lo chiedo perchè a queste cose nessuno ci fa caso, poi appena avviene un problema, alla prima assemblea tutti iniziano ad agitarsi e a proporre a) di togliere tutti gli alberi b) di togliere tutti i tasselli di clinker di cui tutta la facciata è composta ecc..

 

logicamente sono opere costose a cui il condominio coi tempi che corrono non puo' far fronte economicamente, solo per tranquillare eventuali patemi d'animo (ripeto non parlo di manutenzione, quella va sempre fatta se ci fosse bisogno)

 

Quello che voglio sapere è se, una volta appurato che la manutenzione cè..ergo: gli alberi sono gia inclinati , i tasselli di clinker son tutti al loro posto, non ci sono tegole che stan per cadere...

 

a) è esclusa la responsabilità civile e penale dell'amministratore (e della compagine condominiale)

 

b) l'assicurazione paga i danni a persone o cose..

A) per escludersi da responsabilita' occorre non essere piu" proprietari del bene .(salvo ovviamente dimostrare il caso fortuito )

B) l'assicurazione paga se il fatto e' previsto nel contratto d'assicurazione .

Esatto la responsabilità rimane a carico del proprietario del bene e l'assicurazione copre l'indennizzo ( se previsto nelle garanzie del contratto) dovuto in seguito al danno causato ma solo se la responsabilità è di tipo civile e non penale.

 

Nel gergo si confonde responsabilità con indennizzo ma sono due cose diverse anche se correlate : ad una responsabilità per danno segue un dovere all' indennizzo

Nel gergo si confonde responsabilità con indennizzo ma sono due cose diverse anche se correlate : ad una responsabilità per danno segue un dovere all' indennizzo
Non direi che sono due cose diverse, il responsabile è sempre tenuto al risarcimento del danno, fatto salvo non dimostri il caso fortuito

 

Altrimenti, fai un esempio dove il responsabile del danno, fatto salvo il caso fortuito, non sia tenuto al risarcimento (o lui o chi per esso p.es. l'assicurazione)

Non direi che sono due cose diverse, il responsabile è sempre tenuto al risarcimento del danno, fatto salvo non dimostri il caso fortuito

 

Altrimenti, fai un esempio dove il responsabile del danno, fatto salvo il caso fortuito, non sia tenuto al risarcimento (o lui o chi per esso p.es. l'assicurazione)

Infatti ho scritto che sono due cose diverse ma correlate e che ad una responsabilità per danno segue un dovere all' indennizzo

 

Molto spesso però si confondono i due termini là dive si dice come nel post 1 "so che l'assicurazione ha la responsabilità civile verso terzi". l' assicurazione non ha responsabilità civile ( che rimane del detentore del bene) ma copre l' indennizzo economico che segue a questa responsabilità e quindi colui che è responsabile viene liberato dall'onere di corrispondere il risarcimento pur rimanendo responsabile.

Spero di aver chiarito

Infatti ho scritto che sono due cose diverse ma correlate
Arrampicandosi sugli specchi ....

 

p.s. non è possibile che due cose diverse sono correlate, non credi? Ovvero il responsabile sia esente fatto salvo ecc ecc

 

p.s. fai un esempio e ti sarai spiegata e chiarita

Arrampicandosi sugli specchi ....

 

p.s. non è possibile che due cose diverse sono correlate, non credi? Ovvero il responsabile sia esente fatto salvo ecc ecc

 

p.s. fai un esempio e ti sarai spiegata e chiarita

Significato di correlate:Che è in rapporto di reciprocità, di interdipendenza

 

Quindi due cose possono essere benissimo diverse cioè distinte tra loro ma in stretta relazione ossia interdipendenza:

La responsabilità è una cosa l' indennizzo o risarcimento ( come lo si voglia chiamare)è un altra ma alla prima segue il dovere di attuare la seconda. La prima cioè la responsabilità ricade sempre sul detentore del bene che causa il danno ( art. 2051 c.c.) la seconda ossia il risarcimento in caso di assicurazione con apposita garanzia ricade su quest'ultima

 

Un esempio estemporaneo di due cose diverse ma in correlazione: il ragno e la ragnatela. Due cose distinte ma di solito dove c'è una c'è anche l'altra. Però è sbagliato dire c'è una ragnatela per dire che c'è un ragno perché sono cose distinte-

 

Non mi arrampico sugli specchi come un ragno!

Significato di correlate:Che è in rapporto di reciprocità, di interdipendenza

 

Quindi due cose possono essere benissimo diverse cioè distinte tra loro ma in stretta relazione ossia interdipendenza:

La responsabilità è una cosa l' indennizzo o risarcimento ( come lo si voglia chiamare)è un altra ma alla prima segue il dovere di attuare la seconda. La prima cioè la responsabilità ricade sempre sul detentore del bene che causa il danno ( art. 2051 c.c.) la seconda ossia il risarcimento in caso di assicurazione con apposita garanzia ricade su quest'ultima

 

Un esempio estemporaneo di due cose diverse ma in correlazione: il ragno e la ragnatela. Due cose distinte ma di solito dove c'è una c'è anche l'altra. Però è sbagliato dire c'è una ragnatela per dire che c'è un ragno perché sono cose distinte-

 

Non mi arrampico sugli specchi come un ragno! Ma dai, ancora?

Io non so in che altro modo spiegare...un detto dice : non c'è nessuno più sordo di chi non vuol sentire

Io non so in che altro modo spiegare...un detto dice : non c'è nessuno più sordo di chi non vuol sentire
Sei tu mi devi spiegare quando un responsabile non deve pagare i danni (escluso eventuale caso fortuito e assicurazione che paga al suo posto)

Io sono tutt'orecchi, tutt'altro altro che sordo

Sei tu mi devi spiegare quando un responsabile non deve pagare i danni (escluso eventuale caso fortuito e assicurazione che paga al suo posto)

Io sono tutt'orecchi, tutt'altro altro che sordo

Ora sono io a non capire: se il danno viene risarcito dall'assicurazione perché deve pagare anche l'assicurato?🤔

Ora sono io a non capire: se il danno viene risarcito dall'assicurazione perché deve pagare anche l'assicurato?🤔

vi giro la domanda

 

a) quando l'amministratore ne risponde civilmente di tasca sua, e quando penalmente?

 

b) quando i condomini rispondono di tasca loro ( escluso il caso in cui non sia attivata una polizza assIcurativa)?

Infatti non comprendi neppure quello che ho scritto;

 

... e assicurazione che paga al suo posto ...

però il responsabile è sempre chi ha cagionato il danno, per cui non sono due cose diverse

Sulla parte in neretto sono d'accordo ed è quello che continuo a sostenere ma nel caso in cui ci sia una assicurazione il danno viene risarcito dalla stessa per cui vedi che il responsabile in questo caso non è anche l'indennizzante e le cose sono correlate ma diverse.

 

La frase: "l' assicurazione ha la responsabilità del danno civile verso terzi" è scorretta

 

La frase: "l'assicurazione risarcisce il danno civile verso terzi" è corretta

 

Questa la fondamentale differenza da me sostenuta fino a qui

 

- - - Aggiornato - - -

 

Sei tu mi devi spiegare quando un responsabile non deve pagare i danni (escluso eventuale caso fortuito e assicurazione che paga al suo posto)

Io sono tutt'orecchi, tutt'altro altro che sordo

Comunque rispondendo anche a questo tuo quesito un responsabile del danno non deve pagare i danni nel caso in cui non gli venga richiesto dal danneggiato un risarcimento o nel caso in cui il risarcimento gli venga richiesto oltre i tempi fissati dalla legge

Comunque rispondendo anche a questo tuo quesito un responsabile del danno non deve pagare i danni nel caso in cui non gli venga richiesto dal danneggiato un risarcimento o nel caso in cui il risarcimento gli venga richiesto oltre i tempi fissati dalla legge
Questo è pacifico se un danneggiato non chiede il risarcimento sono affari suoi, ma dire che la responsabilità e indennizzo sono due cose diverse (come da te sostenuto al post #8) non è esatto, perchè se c'è responsabilità si deve risarcire a richiesta del danneggiato, fatto salvo i casi succitati, per cui sono legate una all'altra, per nulla diverse.
vi giro la domanda

 

a) quando l'amministratore ne risponde civilmente di tasca sua, e quando penalmente?

 

b) quando i condomini rispondono di tasca loro ( escluso il caso in cui non sia attivata una polizza assIcurativa)?

a) l' amministratore risponde per i danni causati dal proprio comportamento : se ha un'assicurazione quelli civili saranno coperti quelli penali no anche perché di solito per il penale non vi è solo una sanzione ammnistrativa ma appunto penale ( quindi "la tasca" non è sufficiente)

 

b) I condomini rispondono economicamente per i danni civili nel caso in cui la polizza assicurativa non abbia le garanzie relative al danno causato o alla sua causa, l'assicurazione non copra tutto il danno per superamento ( del valore del danno)dei massimali stabiliti dalla stessa e/o per franchigie previste: in questo caso quanto non risarcito dovrà essere corrisposto dai condomini.

Questo è pacifico se un danneggiato non chiede il risarcimento sono affari suoi, ma dire che la responsabilità e indennizzo sono due cose diverse (come da te sostenuto al post #8) non è esatto, perchè se c'è responsabilità si deve risarcire a richiesta del danneggiato, fatto salvo i casi succitati, per cui sono legate una all'altra, per nulla diverse.

se c'è responsabilità si deve risarcire : su questo sono e sono sempre stata più che d'accordo ma non per questo sono la stessa cosa. Se c'è una ragnatela c'è sicuramente un ragno che la ha tessuta ma ragno e ragnatela sono due cose diverse anche se correlate tra loro (senza l'una non c'è l'altra)

Chiudo:o

si indubbiamente, ma i casi che pongono l'amministratore in prima persona responsabile quali sono?

 

le diciture: incura, non perizia e negligenza son vaghe..

 

è facile desumerlo se cè un condominio molto vetusto , con ferri esposti da tempo, pezzi di intonaco li li per cadere, alberi pericolanti, buche che sembrano voragini ecc..

 

ma per un condominio visibilmente messo bene?

 

un pezzo di clinker (tasselli) di cui è coperta tutta la facciata , o un albero che per tot motivi (compresa una forte pioggia) cade e uccide uno (facciamola grave, perchè se cade e striscia una bicicletta vien da se che il danno è pari a zero) o crea danni invalidanti?

 

interviene l'assicurazione (se è presente nella polizza la voce "responsabilità verso terzi) e morta la, o comunque ci son conseguenze ulteriori?

perchè leggendo le sentenze pare che ci sia molta arbitrarietà, si passa dalla sentenza dove nessuno è ritenuto responsabile del femore rotto della signora che cade dalle scale, poichè ben sapendo che l'impianto di luci scale era rotto doveva porre maggiore attenzione

 

ai casi in cui l'amministratore è stato ritenuto personalmente responsabile civilmente e penalmente per danni causati alla persona che ha subito un danno per un distacco di calcestruzzo dalla facciata condominiale

si indubbiamente, ma i casi che pongono l'amministratore in prima persona responsabile quali sono?

 

le diciture: incura, non perizia e negligenza son vaghe..

 

è facile desumerlo se cè un condominio molto vetusto , con ferri esposti da tempo, pezzi di intonaco li li per cadere, alberi pericolanti, buche che sembrano voragini ecc..

 

ma per un condominio visibilmente messo bene?

 

un pezzo di clinker (tasselli) di cui è coperta tutta la facciata , o un albero che per tot motivi (compresa una forte pioggia) cade e uccide uno (facciamola grave, perchè se cade e striscia una bicicletta vien da se che il danno è pari a zero) o crea danni invalidanti?

 

interviene l'assicurazione (se è presente nella polizza la voce "responsabilità verso terzi) e morta la, o comunque ci son conseguenze ulteriori?

perchè leggendo le sentenze pare che ci sia molta arbitrarietà, si passa dalla sentenza dove nessuno è ritenuto responsabile del femore rotto della signora che cade dalle scale, poichè ben sapendo che l'impianto di luci scale era rotto doveva porre maggiore attenzione

 

ai casi in cui l'amministratore è stato ritenuto personalmente responsabile civilmente e penalmente per danni causati alla persona che ha subito un danno per un distacco di calcestruzzo dalla facciata condominiale

Non credo che nessuno dei forumisti possa esprimere delle sentenze, per cui per ogni caso ed evenienza sarà il Giudice a decidere responsabilità civili ed eventualmente penali per i casi posti e se e/o quando succederanno
×