Vai al contenuto
Slappete

Assemblea straordinaria indetta con all'O.d.G:nomina amministratore

Buonasera.

Abbiate pazienza se continuo a chiedere consigli.L'amministratore ha indetto un'assemblea straordinaria martedi' prossimo con all'O.d.G

 anche la sua nomina,senza pero' presentare il consuntivo 2019.È  corretto?

Grazie

la gestione potrebbe non coicidere con l'anno solare......peraltro la nomina o

rinnovo amministratore è consuetudine abbinarla all'esame del consuntivo.

  • Grazie 1

Ok. Allora che c’è di strano? L’assemblea è straordinaria. Proporrà qualcosa e fa capire che se non la votano devono revocarlo. Dire conferma amministratore equivale a dire anche revoca. 

Luigibrand dice:

Siamo nel 2019 come fa a presentare consuntivo?

ok.Ha tempo 180 giorni.Ma io chiedevo se sia normale inserire  la conferma del proprio mandato in un'assemblea straordinaria

È burocratese. Chiede la fiducia sull’argomento dell’assemblea straordinaria. 

Slappete dice:

ok.Ha tempo 180 giorni.

non abbiamo ancora capito quando è finita o finirà la gestione.

  • Haha 1
Giova-over dice:

non abbiamo ancora capito quando è finita o finirà la gestione.

finita il 31 agosto

Finita il 31 agosto😁

Luigibrand dice:

Ok. Allora che c’è di strano? L’assemblea è straordinaria. Proporrà qualcosa e fa capire che se non la votano devono revocarlo. Dire conferma amministratore equivale a dire anche revoca. 

Si parla di nomina,Non di conferma

Slappete dice:

finita il 31 agosto

Finita il 31 agosto

Si parla di nomina,Non di conferma

Ormai dopo la riforma ci sono tante interpretazioni sulla nomina/conferma ed ancora nessuna sentenza.

- C'è chi dice che poichè secondo l'art. 1129 c.c. il mandato si rinnova automaticamente, l'argomento non va più messo all'ordine del giorno finchè qualche condòmino non chiede la convocazione.

- C'è chi dice che la conferma vale solo l'anno successivo alla nomina ed al secondo anno deve essere rimessa la nomina all'ordine del giorno.

 

Nel tuo caso specifico questi potrebbero essere tra possibili casi:

 

1) E' stata fatta richiesta di assemblea con ordine del giorno "nomina amministratore" da almeno 2 condòmini ed almeno 1/6 dei millesimi (art. 66 d.a.c.c.)

 

2) L'amministratore fa parte di quella corrente di pensiero che l'amministratore vada nominata ogni anno ed ha messo la sua nomina all'ordine del giorno per non avere polemiche sulla conferma e/o nomina.

 

3) L'amministratore ha sentito voci di corridoio che sparlano del suo operato e vuole verificare la tenuta della fiducia della maggioranza rimettendo in discussione il suo mandato in modo che se ci sono ancora i 500 millesimi favorevoli resta in carica con buona pace dei condòmini che mormorano, altrimenti lascerà campo libero per la scelta di un nuovo amministratore. 

 

Tanto per dirtene una, io ogni anno oltre a mettere all'ordine del giorno la nomina metto anche le mie dimissioni scrivendo nell'ordine del giorno "dimissioni amministratore - nomina amministratore"

Nel verbale di assemblea, poi siscrive più o meno così:

 

L’amministratore, avendo ottemperato agli obblighi previsti dall’art. 1130 del cod. civile ed essendo in scadenza di mandato, rassegna le dimissioni.

L’assemblea, all’unanimità, respinge le dimissioni e conferma quale amministratore di condominio l'amministratore in carica, Sig leonardo53, che accetta l’incarico...

Leonardo53 dice:

Ormai dopo la riforma ci sono tante interpretazioni sulla nomina/conferma ed ancora nessuna sentenza.

- C'è chi dice che poichè secondo l'art. 1129 c.c. il mandato si rinnova automaticamente, l'argomento non va più messo all'ordine del giorno finchè qualche condòmino non chiede la convocazione.

- C'è chi dice che la conferma vale solo l'anno successivo alla nomina ed al secondo anno deve essere rimessa la nomina all'ordine del giorno.

 

Nel tuo caso specifico questi potrebbero essere tra possibili casi:

 

1) E' stata fatta richiesta di assemblea con ordine del giorno "nomina amministratore" da almeno 2 condòmini ed almeno 1/6 dei millesimi (art. 66 d.a.c.c.)

 

2) L'amministratore fa parte di quella corrente di pensiero che l'amministratore vada nominata ogni anno ed ha messo la sua nomina all'ordine del giorno per non avere polemiche sulla conferma e/o nomina.

 

3) L'amministratore ha sentito voci di corridoio che sparlano del suo operato e vuole verificare la tenuta della fiducia della maggioranza rimettendo in discussione il suo mandato in modo che se ci sono ancora i 500 millesimi favorevoli resta in carica con buona pace dei condòmini che mormorano, altrimenti lascerà campo libero per la scelta di un nuovo amministratore. 

 

Tanto per dirtene una, io ogni anno oltre a mettere all'ordine del giorno la nomina metto anche le mie dimissioni scrivendo nell'ordine del giorno "dimissioni amministratore - nomina amministratore"

Nel verbale di assemblea, poi siscrive più o meno così:

 

L’amministratore, avendo ottemperato agli obblighi previsti dall’art. 1130 del cod. civile ed essendo in scadenza di mandato, rassegna le dimissioni.

L’assemblea, all’unanimità, respinge le dimissioni e conferma quale amministratore di condominio l'amministratore in carica, Sig leonardo53, che accetta l’incarico...

Grazie. di cuore. Sei stato di una precisione e di una competenza uniche.complimenti 

Slappete dice:

Grazie. di cuore. Sei stato di una precisione e di una competenza uniche.complimenti 

Di nulla

×