Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
terzo

Assemblea condominiale: ospiti

salve

il proprietario che partecipa all'assemblea straordinaria di condominio può invitare un ospite con la sola funzione di accompagnatore, nel caso specifico mia sorella

ūüôā

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Si, se l'assemblea all'unanimità accetta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Io di solito i miei ospiti li porto a teatro.cinema. museo. Etc non certo all'assemblea condominiale .‚ėļ‚ėļ‚ėļ

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Si, se l'assemblea all'unanimità accetta.

ciao

 

è solo una questione di lana caprina, ma è un potere riservato al Presidente dell'assemblea.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Relativamente, alle perplessità sulla partecipazione di elementi esterni al condominio durante l'assise, il Garante ha chiarito che tecnici e consulenti possono partecipare all'assemblea per il tempo necessario all'espletamento di quanto richiesto e restare presenti solo con il consenso unanime dei partecipanti. L'unanimità è richiesta ab origine per la partecipazione di "uditori" completamente estranei al condominio.

... commento dell'avv. Alessandro Gallucci e della Dott.ssa Licia Albertazzi

Fonte: Il condominio e la privacy

**********************/condominio/assemblea-privacy.asp

 

Mi spiace ma non riesco a copiare l'indirizzo completo, ma ricopiando la frase - Relativamente, alle perplessità sulla partecipazione di elementi esterni - con una ricerca su Google lo si trova facilmente

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Un proprietario può portare persone di fiducia che lo consigliano su talune questioni, ma non possono intervenire in assemblea; a meno che non ne sia stata anticipata la stessa per motivi specifici. Se sono ospiti, nella semplicità del termine, è giusto che decida l'assemblea. Se è una persona avente diritto, ma che ha formulato una delega, potrà rimanere senza intervenire.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Un proprietario può portare persone di fiducia che lo consigliano su talune questioni, ma non possono intervenire in assemblea; a meno che non ne sia stata anticipata la stessa per motivi specifici. Se sono ospiti, nella semplicità del termine, è giusto che decida l'assemblea. Se è una persona avente diritto, ma che ha formulato una delega, potrà rimanere senza intervenire.

No come riportato da Kurt e Tullio Ts L'unanimità è richiesta ab origine per la partecipazione di "uditori" completamente estranei al condominio......quindi il proprietario NON può portare estranei all'assemblea......

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
No come riportato da Kurt e Tullio Ts L'unanimità è richiesta ab origine per la partecipazione di "uditori" completamente estranei al condominio......quindi il proprietario NON può portare estranei all'assemblea......

ciao

 

delego l'estraneo a rappresentarmi in assemblea, e presenzio solo quale uditore. Che fai ? Mi cacci ? Io, condomino, non sono un estraneo. E allora ?

Ribadisco, è solo una questione di lana caprina o di metodo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

In merito c'è una vecchia pronuncia del Tribunale di Perugia, successive e/o che affermino il contrario non ne ho trovate;

 

Il condomino delegante non pu√≤ pretendere di partecipare all'assemblea assieme al delegato; l'art. 67 Dis. Att. cc infatti prevede che il condomino possa intervenire all'assemblea a mezzo rappresentante ma non prevede la contemporanea presenza di entrambi che va esclusa per motivi di ordine nello svolgimento dei lavori di quest organo condominiale, tanto pi√Ļ che il secondo comma del suddetto articolo ammette un solo rappresentante nel caso di appartamento in compropriet√† (Tribunale di Perugia 9/10.1964)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
ciao

 

delego l'estraneo a rappresentarmi in assemblea, e presenzio solo quale uditore. Che fai ? Mi cacci ? Io, condomino, non sono un estraneo. E allora ?

Ribadisco, è solo una questione di lana caprina o di metodo.

Scusami ma tu da questa frase "Un proprietario può portare persone di fiducia che lo consigliano su talune questioni, ma non possono intervenire in assemblea" da dove evinci che il proprietario abbia dato delega ???

e poi cosa ho scritto partecipazione di "uditori" completamente estranei al condominio mi sembra chiaro.......

 

Perché non leggete prima di dare risposte interpretando quanto scritto dagli altri utenti???

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Sintetizziamo senza trovare pieghe "all'italiana":

 

1 se un condomino delega un suo rappresentante non può assistere contemporaneamente al suo delegato alla riunione, nemmeno in veste di "uditore";

 

2 in assemblea possono intervenire, con il consenso unanime dei partecipanti all'assemblea, solo tecnici e professionisti per esporre e dare delucidazioni sulle materie in discussione in assemblea per il solo tempo necessario all'intervento e successivamente debbono abbandonare la riunione, in quanto le successive decisioni anche quelle prese sul tema del loro intervento non è affar loro;

 

3 se il condomino vuole essere affiancato da una persona di sua fiducia per essere solo consigliato in un'assemblea deve avere il consenso all'unanimità di tutti i condomini 1000/1000, senza se senza ma. Se anche fosse un solo condomino a non gradire presenze estranee, non se ne fa nulla.

 

Salvo diverse disposizioni in merito nei propri regolamenti di condominio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Non so se potete rispondermi, purtroppo non so come si fa ad "aprire" una nuova discussione. Se qualcuno degli esperti può provvedere lo ringrazio. La domanda è questa: nel nostro condominio, villaggio turistico, una persona è proprietaria di terreni e aree edificabili. Può essere considerato condomino? Per essere condomino bisogna essere proprietario solo di unità immobiliari?Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Non so se potete rispondermi, purtroppo non so come si fa ad "aprire" una nuova discussione. Se qualcuno degli esperti può provvedere lo ringrazio. La domanda è questa: nel nostro condominio, villaggio turistico, una persona è proprietaria di terreni e aree edificabili. Può essere considerato condomino? Per essere condomino bisogna essere proprietario solo di unità immobiliari?Grazie
Se questo proprietario proprietario di terreni ed aree fabbricabili insistono nell'area condominiale, ha il diritto d'intervenire all'assemblea ma in virt√Ļ dell'art. cc 1123 3¬į comma a lui interesser√† intervenire e votare soltanto per le faccende di sua competenza.

 

Per aprire una nuova discussione ti posizioni nella sezione opportuna e clicchi su "Inizia Nuova Discussione" a pie pagina.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ringrazio della cortese risposta. Cerco allora di scendere nel dettaglio. Questo proprietario di terreni e aree site nel villaggio turistico ha intenzione di rivolgersi al magistrato per chiedere la nomina di un amministratore giudiziario. Siccome l'art. 1129, 1 c, stabilisce che il ricorrente deve essere un " condomino" e condomino, secondo il mio modesto parere, significa essere dominus, padrone di unità immobiliari, cioè appartamenti o simili vi chiedo, quindi : può il dominus di terreni considerarsi condomino e ricorrere all'art. 1129 1 c, per la nomina dell'amministratore giudiziario? Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ai sensi dell'art. 2 del decreto del Ministero delle Finanze n. 28 del 1998, sono considerate unità immobiliari:

una porzione di fabbricato, un fabbricato, un insieme di fabbricati o un'area, che, nello stato in cui si trovano e secondo l'uso locale, presentano potenzialità di autonomia funzionale e reddituale;

l'abitazione e gli altri immobili strumentali all'esercizio dell'attività agricola da denunciare in catasto autonomamente;

le costruzioni o porzioni di esse, ancorate o fisse al suolo, di qualunque materiale costituite, nonché gli edifici sospesi o galleggianti, stabilmente assicurati al suolo, purché risultino verificate le condizioni funzionali e reddituali;

i manufatti prefabbricati ancorché semplicemente appoggiati al suolo, quando siano stabili nel tempo e presentino autonomia funzionale e reddituale.

I fabbricati costruiti abusivamente costituiscono oggetto di tassazione, a prescindere dal fatto che per essi sia stata presentata o meno la relativa istanza di sanatoria edilizia (risoluzione ministeriale 6 giugno 1994 protocollo 2/138).

Fonte; Dossier.Net

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

@ vianmasci

Secondo me condomino non si ferma a dire solamente di essere proprietario di u.i. ma qualsiasi proprietario di qualche parte del condominio, appunto il terreno circostante il fabbricato, ovviamente facendo parte del fondo, oppure chi fosse proprietario del solo lastrico solare dello stabile, o anche chi possiede solamente una cantina, un magazzino ecc ecc.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ringrazio per la precisa e tecnica risposta. Preciso che il dominus di cui parlo è il Comune, che su queste aree o terreni deve o meglio dovrebbe ( ma non ha soldi in cassa!) costruire edifici a carattere sociale tipo caserma, chiesa e cose simili quindi, mi pare costruzioni che non presentano potenzialità reddituale. Quindi, ciò precisato, chiedo : il Comune può considerarsi condomino? Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ringrazio per la precisa e tecnica risposta. Preciso che il dominus di cui parlo è il Comune, che su queste aree o terreni deve o meglio dovrebbe ( ma non ha soldi in cassa!) costruire edifici a carattere sociale tipo caserma, chiesa e cose simili quindi, mi pare costruzioni che non presentano potenzialità reddituale. Quindi, ciò precisato, chiedo : il Comune può considerarsi condomino? Grazie.

certo ,il comune e' condomino -

 

 

 

p.s. sia allo stato attuale (terreni edificabili) sia un domani (caserma ,chiesa etc) possono produrre reddito .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

@ vianmasci

Direi di si, ti assicuro che nel condominio dove abito il Comune è proprietario di una parte del condominio, in questo caso preciso è proprietario di un appartamento, ma nulla vieta che sia proprietario di altre parti condominiali, ovvero se è in possesso di un Rogito sarà condomino a tutti gli effetti, qualsiasi sia la sua proprietà ed avrà diritto di voto in assemblea come tutti gli altri proprietari, con valore di un voto rappresentanti i millesimi di proprietà.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ringrazio entrambi per le gradite risposte anche se mi resta un piccolo dubbio : io ho sempre saputo che il Comune, per legge, anzi visto che ne ha interesse, deve mettere a disposizione dei carabinieri, per esempio, una costruzione utilizzabile a caserma, così come, mi pare per gli edifici di culto. Sbaglio?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

non conta nulla ,quello che conta e' "autonomia funzionale e reddittuale " ovvero a prescindere dall'uso detti immobili essendo autonomi nella loro funzionalita' possono produrre reddito .

 

- - - Aggiornato - - -

 

Ringrazio entrambi per le gradite risposte anche se mi resta un piccolo dubbio : io ho sempre saputo che il Comune, per legge, anzi visto che ne ha interesse, deve mettere a disposizione dei carabinieri, per esempio, una costruzione utilizzabile a caserma, così come, mi pare per gli edifici di culto. Sbaglio?

leggenda metropolitana .

 

il ministero della difesa affitta le caserme .

 

e per le chiese , ogni culto si paga o affitta l'edificio .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

...ho la cessita' di consultare tutti i verbali di asseblea. Come faccio ad otterne una copia, esiste una procedura particolare per richiederle? Posso io condomino prendere in consegna il registro delle assemblee e farmi tutte le fotocopie?

grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Puoi recarti nell'ufficio dell'amministratore e chiedere la visione dei verbali che ti interessano e se lo vorrai potrai richiedere le copie a tue spese.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

@terzo:

se ne fa richiesta all'amministratore sopportandone le spese oppure ci si reca presso il suo studio per prenderne visione, dietro appuntamento.

Art. 1129 c.c. II comma

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

va fatta sempre una richiesta, ma nel caso non dovesse rispondere.......si deve, purtroppo, procedere per vie legali

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. √ą facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×