Vai al contenuto
patri57

Assemblea condominiale e millesimi

buongiorno

devo sottoporre alcune domande e spero di avere delle risposte in merito.

l'anno scorso nell'assemblea annuale è stato deciso di far ricalcolare i millesimi del palazzo, dato che un negozio si è reso conto di avere un errore manifesto i metri quadri non corrispondevano al locale e di conseguenza i millesimi sono esagerati, si è deciso di far prendere le misure degli appartamenti , negozi e box da un geometra per poi rifare i conteggi.

quando è venuto il geometra a calcolare i miei metri quadri (visto che è già passato un anno dalla decisione di farli rifare) ho domandato come mai così tardi e lui mi ha risposto che ha telefonato a parecchi condomini ma o non si fanno trovare e alcuni hanno risposto che non vogliono far misurare l'appartamento.

in questo palazzo ci sono dei negozi al piano terreno, appartamenti al primo e al secondo piano e al terzo piano appartamenti con sottotetti e credo abbiano condonato per farli risultare abitabili....anche perché alcuni appartamenti del terzo piano sono stati divisi dal sottotetto facendo risultare due appartamenti..............perciò vuol dire che il sottotetto è considerato abitabile...........

 

è giusto che le persone non facciano entrare il geometra per le misurazioni?

 

l'esercizio dell'anno trascorso è già scaduto da sei mesi praticamente alla fine del 2014 e dell'assemblea non c'è sentore.........non c'è l'obbligo di farla nel giro di 3 o 4 mesi dalla fine dell'esercizio????

 

se non è una cosa regolare come si può far notare all'amministratore????

 

ringrazio e saluto cordialmente

vuol dire che i termini sono scaduti per la presentazione del rendiconto 2014......e cosa si può fare ????

se l'esercizio va dal I° gennaio al 31 dicembre, i 180 giorni scadranno a fine giugno.

come ricordato da leonardo nell'altra discussione, l'amministratore ha l'obbligo ... L'amministratore, ..., deve...redigere ilrendiconto condominiale annuale della gestione e convocare l'assemblea per la relativa approvazione entro centottanta giorni.

se non ottempera commette una grave irregolarità e può essere rimosso

buongiorno

devo sottoporre alcune domande e spero di avere delle risposte in merito.

l'anno scorso nell'assemblea annuale è stato deciso di far ricalcolare i millesimi del palazzo, dato che un negozio si è reso conto di avere un errore manifesto i metri quadri non corrispondevano al locale e di conseguenza i millesimi sono esagerati, si è deciso di far prendere le misure degli appartamenti , negozi e box da un geometra per poi rifare i conteggi.

quando è venuto il geometra a calcolare i miei metri quadri (visto che è già passato un anno dalla decisione di farli rifare) ho domandato come mai così tardi e lui mi ha risposto che ha telefonato a parecchi condomini ma o non si fanno trovare e alcuni hanno risposto che non vogliono far misurare l'appartamento.

in questo palazzo ci sono dei negozi al piano terreno, appartamenti al primo e al secondo piano e al terzo piano appartamenti con sottotetti e credo abbiano condonato per farli risultare abitabili....anche perché alcuni appartamenti del terzo piano sono stati divisi dal sottotetto facendo risultare due appartamenti..............perciò vuol dire che il sottotetto è considerato abitabile...........

 

è giusto che le persone non facciano entrare il geometra per le misurazioni?

 

l'esercizio dell'anno trascorso è già scaduto da sei mesi praticamente alla fine del 2014 e dell'assemblea non c'è sentore.........non c'è l'obbligo di farla nel giro di 3 o 4 mesi dalla fine dell'esercizio????

 

se non è una cosa regolare come si può far notare all'amministratore????

 

ringrazio e saluto cordialmente

Direi che i punti vanno valutati distintamente:

 

per quanto concerne il rifacimento dei millesimi non è assolutamente necessario entrare nelle abitazioni in quanto lo stesso può mezzo delega in qualità di tecnico incaricato dall'amministratore accedere agli atti di visura immobile, si allungano tempistiche ed eventualmente costi ma ripeto che in ogni caso il singolo non è obbligato a farti accedere.

 

Al riguardo invece della presentazione del bilancio ti allego articolo del C.C. in merito:

 

art. 1130 c.c. comma X redigere il rendiconto condominiale annuale della gestione e convocare l'assemblea per la relativa approvazione entro centottanta giorni.

buongiorno

mi è arrivata la convocazione dell'assemblea per il 18 giugno (il termine dei 180 giorni dovrebbe essere fine giugno più o meno) non c'è nessun punto all'ordine del giorno sulla valutazione dei millesimi, vuol dire che anche questa volta di rimanderà la decisione, nel verbale dell'anno scorso era stato deciso di far misurare gli appartamenti per rifare i millesimi.......qualcuno so che non ha aperto per far entrare il geometra, non vorrei che fosse un sistema per evitare di farli cambiare, guarda caso sono quelli dell'ultimo piano che hanno anche il sottotetto......che una volta mi pare abbiano detto di aver condonato....

se hanno condonato vuol dire che è diventato abitabile il sottotetto?? e se si non avrebbero dovuto avvisare e rifare i millesimi visto che alcuni hanno diviso e venduto due appartamenti invece di uno?

ringrazio e saluto cordialmente

buongiorno

mi è arrivata la convocazione dell'assemblea per il 18 giugno (il termine dei 180 giorni dovrebbe essere fine giugno più o meno) non c'è nessun punto all'ordine del giorno sulla valutazione dei millesimi, vuol dire che anche questa volta di rimanderà la decisione, nel verbale dell'anno scorso era stato deciso di far misurare gli appartamenti per rifare i millesimi.......qualcuno so che non ha aperto per far entrare il geometra, non vorrei che fosse un sistema per evitare di farli cambiare, guarda caso sono quelli dell'ultimo piano che hanno anche il sottotetto......che una volta mi pare abbiano detto di aver condonato....

se hanno condonato vuol dire che è diventato abitabile il sottotetto?? e se si non avrebbero dovuto avvisare e rifare i millesimi visto che alcuni hanno diviso e venduto due appartamenti invece di uno?

ringrazio e saluto cordialmente

Sì, ti riporto art. in merito art. 69 disp.att.c.c.

I. I valori proporzionali delle singole unita' immobiliari espressi nella tabella millesimale di cui all'articolo 68 possono essere rettificati o modificati all'unanimita'. Tali valori possono essere rettificati o modificati, anche nell'interesse di un solo condomino, con la maggioranza prevista dall'articolo 1136, secondo comma, del codice, nei seguenti casi:

1) quando risulta che sono conseguenza di un errore;

2) quando, per le mutate condizioni di una parte dell'edificio, in conseguenza di sopraelevazione, di incremento di superfici o di incremento o diminuzione delle unita' immobiliari, e' alterato per piu' di un quinto il valore proporzionale dell'unita' immobiliare anche di un solo condomino. In tal caso il relativo costo e' sostenuto da chi ha dato luogo alla variazione.

II. Ai soli fini della revisione dei valori proporzionali espressi nella tabella millesimale allegata al regolamento di condominio ai sensi dell'articolo 68, puo' essere convenuto in giudizio unicamente il condominio in persona dell'amministratore. Questi e' tenuto a darne senza indugio notizia all'assemblea dei condomini. L'amministratore che non adempie a quest'obbligo puo' essere revocato ed e' tenuto al risarcimento degli eventuali danni.

III. Le norme di cui al presente articolo si applicano per la rettifica o la revisione delle tabelle per la ripartizione delle spese redatte in applicazione dei criteri legali o convenzionali.

×