Vai al contenuto
Marialuce

Ascensore: due tabelle millesimali?

Buongiorno a tutti e mi scuso per la domanda ignorante. Diversamente dal precedente amministratore che per le spese dell'ascensore utilizzava una sola tabella millesimale, il nuovo invece le distribuisce su due tabelle diverse, con percentuali millesimali diverse per ogni singolo condomino, una per le spese ordinarie ed un altra per spese straordinarie. E' giusto? Grazie e scusate ancora

Marialuce dice:

Buongiorno a tutti e mi scuso per la domanda ignorante. Diversamente dal precedente amministratore che per le spese dell'ascensore utilizzava una sola tabella millesimale, il nuovo invece le distribuisce su due tabelle diverse, con percentuali millesimali diverse per ogni singolo condomino, una per le spese ordinarie ed un altra per spese straordinarie. E' giusto? Grazie e scusate ancora

Non sapendo esattamente come riprtisce le spese il vostro amministratore, fatto salvo una convenzione diversa, pobabilmente sarà giusto, perchè le spese per l'asensore vanno ripartite a norma dell'art 1124 cc, da cui le ordinarie in proporzione all'altezza piano e le spese di manutenzione metà per mlm e metà in proporzione all'altezza piano, esistono sentenze in merito;

 

Art. 1124. Manutenzione e sostituzione delle scale e degli ascensori.

Le scale e gli ascensori sono mantenuti e sostituiti dai proprietari delle unità immobiliari a cui servono. La spesa relativa è ripartita tra essi, per metà in ragione del valore delle singole unità immobiliari e per l'altra metà esclusivamente in misura proporzionale all'altezza di ciascun piano dal suolo. 

Al fine del concorso nella metà della spesa, che è ripartita in ragione del valore, si considerano come piani le cantine, i palchi morti, le soffitte o camere a tetto e i lastrici solari, qualora non siano di proprietà comune.

 

In tema di condominio negli edifici, la ripartizione della spesa per la pulizia delle scale (e spese d'uso ascensore NdR) va effettuata in base al criterio proporzionale dell'altezza dal suolo di ciascun piano o porzione di piano a cui esse servono, in applicazione analogica,"in parte qua", dell'art. 1124 cod.civ., il quale segue, con riferimento al suddetto criterio, il principio generale posto dall'art. 1123, II comma, c.c., della ripartizione della spesa in proporzione all'uso del bene e trova la propria ratio nella considerazione di fatto che i proprietari dei piani alti logorano le scale in misura maggiore rispetto ai proprietari dei piani bassi. Deve farsi riferimento, pertanto, per la ripartizione delle spese in questione, in via analogica, alla regola posta dall'articolo 1124,I comma, c.c.. Di tale precetto, peraltro, può applicarsi, con riguardo alle pulizia e illuminazione delle scale, solo la sua seconda parte - che prevede la ripartizione del relativo onere in misura proporzionale all'altezza di ciascun piano dal suolo - mentre è inapplicabile la prima (che prevede che metà delle spese sia ripartita in ragione del valore dei singoli piani o porzioni di piani). 
Cass civ., Sez. II, 12 gennaio 2007, n. 432

Modificato da Tullio Ts

Quindi, faccio un esempio: per spese ordinarie ascensore lo stesso appartamento, paga per spese ordinarie in rapporto a millesimi X , per spese straordinarie in rapporto a millesimi Y? Cioè due diversi?

 

Marialuce dice:

Quindi, faccio un esempio: per spese ordinarie ascensore lo stesso appartamento, paga per spese ordinarie in rapporto a millesimi X , per spese straordinarie in rapporto a millesimi Y? Cioè due diversi?

 

Devi vedere cosa dice il tuo regolamento e se è contrattuale.

Se il regolamento dice che le spese straordinarie si ripartono per millesimi di proprietà e le spese ordinarie come da art. 1124  c.c. metà per millesimi di propietà e metà per altezza dal suolo, allora ha ragione l'amministratore.

Non si può dire niente su due piedi se non parli con l'amministratore e chiedi innanzitutto delucidazioni a lui

 

  • Mi piace 1
Marialuce dice:

Quindi, faccio un esempio: per spese ordinarie ascensore lo stesso appartamento, paga per spese ordinarie in rapporto a millesimi X , per spese straordinarie in rapporto a millesimi Y? Cioè due diversi?

 

Le spese d'uso, fatto salvo convenzioni o delibere unanimi, energia elettrica dell'ascesore e pulizia va ripartito in base all'altezza piano, p.es. piano terra zero, primo piano 100, 2° piano 200, 3° piano 300 ecc ecc 

Le spese di manutenzione, riparazione e sostituzione, metà della spesa con il principio detto prima, mentre l'altra metà per mlm di proprietà, per cui in questo caso se l'asensore è nato con la costruzione del condominio anche chi abita al pianterreno dovrà partecipare per mlm alla metà della spesa totale, come disposto dall'art 1124 cc.

Modificato da Tullio Ts
correzione errori di digitazione

Scusate, mi aggancio a questa discussione per una problematica simile.

Nel mio condominio abbiamo un regolamento contrattuale.

Nello stesso sono riportate 2 tabelle millesimali, una per le spese/lavori ordinari ed un'altra per le spese/lavori straordinari. L'amministratore non ha mai usato la seconda (nonostante ogni volta venga sollevata la questione) adducendo la motivazione (linguistica) che tutte le spese sono ordinarie (in quanto derivano da uso ed usura e prevedibili anche se sono con cadenza ventennale o superiore) tranne la sostituzione di tutto l'ascensore o parti considerevoli dello stesso.

Ora, dopo circa 40 anni, nella scala dove abito (5 piani, 2 appartamenti per piano) dobbiamo sostituire l'argano ed altri pezzi, per una spesa totale sostanziale (circa 5mila euro).

La mia domanda è duplice. Quali sono le spese straordinarie? Quale tabella va applicata di volta in volta?

Grazie per l'attenzione.

Alessandro

×