Vai al contenuto

Sono proprietaria di un appartamento sito in un fabbricato costruito negli anni 60 senza ascensore.

Alcuni condomini hanno deciso di realizzare a loro spese un ascensore nel vano scala mediante il taglio delle scale.

La cabina dell’ascensore ha le seguenti misure nette:

Dimensione esterna 1080x500

Dimensione interna 1050x460

Luce netta porta 450

Alcuni condomini dissenzienti lamentano che l’ascensore non rispetta le dimensioni previste dall’art. 8.1.12, lett. c, del D.M. LL.PP. n. 236/89, che prevede che in caso di adeguamento di edifici preesistenti, ove non sia possibile l'installazione di cabine di dimensioni superiori, l’ascensore deve avere una cabina di dimensioni minime di 1,20 m di profondità e 0,80 m di larghezza nonché porta con luce netta minima di 0,75 m posta sul lato corto. Tra l’altro c’è chi sostiene che il D.M. non è applicabile nella fattispecie.

Detti condomini sostengono che per siffatte dimensioni l’ascensore dovrebbe definirsi un montacarichi.

Lo stesso dicasi per le scale che una volta tagliate avrebbero una larghezza di 0,80 m.

Il punto di contrasto risiede nel fatto che vi è una diversa interpretazione sulla luce definitiva delle scale, ovvero c’è chi sostiene che debba essere al netto del corrimano e chi sostiene che è al lordo.

Alla luce di quanto esposto, si chiede a codesta autorevole Associazione chiarimenti in merito seguenti punti:

1.    per le dimensioni previste, il manufatto può definirsi ascensore o è un montacarichi;

2.    la luce delle scale dopo il taglio è al loro o al netto del corrimano;

3.    qual è la normativa di riferimento sia per l’ascensore che per le scale.

Gualtierino dice:

si chiede a codesta autorevole Associazione

Questo è un forum, non un'associazione.

Hai fatto "copia e incolla"?

  • Mi piace 1

Ciao

 

come tu lo voglia chiamare non ha nessuna importanza, quel che è certo è che nelle condizioni descritte tale manufatto non è realizzabile, a prescindere dalle norme in materia, senza un parere unanime e favorevole di tutti i partecipanti al condominio. E' anche in quel caso è comunque irrealizzabile non essendo possibile ridurre la larghezza delle scale a 80 cm.

×