Vai al contenuto
kiky72

Articolo 1130 Bis - se il revisore in questione deve essere per forza un commercialista oppure può anche essere

Buongiorno a tutti,

volevo chiedervi il vostro parere sull'argomento che sto per descrivere.

 

Secondo l'art. in oggetto l'assemblea condominiale può, in qualsiasi momento o per più annualità, nominare un revisore che verifichi la contabilità del condominio. L'assemblea può anche nominare, oltre all'amministratore, un consiglio di condominio composto da almeno tre condomini negli edifici di almeno dodici unità immobiliari. Il consiglio ha funzioni consultive e di controllo.

 

Ora, volevo chiedervi, se il revisore in questione deve essere per forza un commercialista oppure può anche essere un altro amministratore? Visto che tra i compiti di un amministratore condominiale c'è la tenuta della contabilità registrando fatture, quote condominiali ecc...può anche assolvere il compito di revisore o assistenza amministrativa per conto terzi.

 

Cosa ne pensate?

 

Vi ringrazio si da ora

 

Un saluto e una buona giornata a tutti

Il termine revisore è troppo vago, per cui ritengo che qualsiasi persona possa essere scelta per effettuare la revisione, e direi chi meglio di un amministratore, commercialista o ragioniere potrebbe farlo?

Ciao Tullio, ti ringrazio della risposta.

 

Inafatti io ho pensato che se non fosse così, anche l'amministratore stesso non potrebbe redigere i bilanci (preventico/consuntivo) ecc...

Ciao Tullio, ti ringrazio della risposta.

 

Inafatti io ho pensato che se non fosse così, anche l'amministratore stesso non potrebbe redigere i bilanci (preventico/consuntivo) ecc...

La Norma parla di un "revisore" che è cosa ben diversa dal "revisore legale" per cui chiunque ne sia capace può fare il revisore, pur non avendo alcun titolo.

Unica condizione: essere nominato dall'assemblea.

Ringrazio anche Leonardo per la sua gentile risposta.

 

Ma secondo voi per un condominio di 20 u.i., dovendo partire dal 2012, quanto sarebbe un costo equo? Stiamo vagliando dei preventivi ma non abbiamo la più pallida idea di quanto possa essere la spesa più giusta (magari per chiedere uno sconto ;-) )

Ringrazio anche Leonardo per la sua gentile risposta.

 

Ma secondo voi per un condominio di 20 u.i., dovendo partire dal 2012, quanto sarebbe un costo equo? Stiamo vagliando dei preventivi ma non abbiamo la più pallida idea di quanto possa essere la spesa più giusta (magari per chiedere uno sconto ;-) )

Parliamo di 3 anni di contabilità.

Dipende se la revisione deve essere fatta da un "revisore legale" in modo da poterla presentare eventualmente in giudizio come perizia di parte o deve essere fatta da un "revisore senza titoli" salvo poi dover sostenere altre spesi in un procedimento legale.

 

Alla media di 6 euro a testa un amministratore prenderebbe 1200 euri annui (3600 per tre anni) per amministrare in toto il vostro condominio, responsabilità civili, penali ed amministrative comprese.

Considerando che devono solo essere controllati e ricontabilizzati tutti i movimenti escludendo le responsabilità e la polizza assicurativa, ritengo che un amministratore di condominio e/o un qualsiasi revisore non legale dovrebbe attestarsi sui mille euro ma è solo una mia opinione personale.

Per curiosità quanto vi hanno chiesto?

I preventivi sono di stati chiesti a "revisori legali" (iscritti ad appositi registri del Ministero delle Finanze) o ad altri soggetti?

Personalmente io ancora non ho richiesto preventivi perchè ho voluto prima informarmi. Ma una mia vicina si è rivolta ad un amministratore di condominio che le ha chiesto € 500 /annualità.

×