Vai al contenuto
robyuan

Armadio telecom posto in corridoio cantine

Dietro richiesta del condominio oggi e' intervenuto un tecnico telecom per verificare gli impianti delle linee urbane del nostro palazzo. i cavi telefonici sono sparsi all'interno dell'armadio in modo disordinato e ce ne sono alcuni tagliati e non piu' in uso. le morsettiere hanno all'incirca 50 anni cosi' come l'armadio che e' in legno.

ho chiesto al tecnico di fare ottimizzare i cablaggi e, dato che l'armadio e' in legno e non ignifugo, di procedere alla sostituzione con uno a norma antincendio(nei cavi telecom passa corrente continua a basso voltaggio ma discreto amperaggio non protetto da fusibili).

Mi e' stato detto che tutto cio' e' ha carico del condomio con spesa attorno agli 800-1000 euro.

A parte l'ottimizzazione dei cablaggi, puo' telecom in una proprieta' privata avere un armadio non a norma e volere accollare le spese per la sostituzione al condominio? Esistono normative al riguardo?

Grazie per l'attenzione.

All'atto della posa sarà stato rilasciato un precario a favore di Telecom per cui Telecom è a posto.

Che ne sai tu di cablaggi e fili tagliati e amperaggio in un armadio telefonico ripartilinee? E dove sta scritto che i fili devono essere in ordine e non tagliati? Non sono problemi del condominio sono problemi Telecom

ho fatto una domanda. la tua risposta mi pare un po' azzardata circa le mie capacita' elettriche e telefoniche. quanto al precario non credo che sia stato rilasciato proprio nulla nel 1964 inoltre non haidato alcuna risposta circa il fatto che l'armadio non sia a norma secondo le leggi vigenti. cqm grazie.

Prova a relazionati con la Telecom , sicuramente sapra' darti le risposte che cerchi .

ho fatto una domanda. la tua risposta mi pare un po' azzardata circa le mie capacita' elettriche e telefoniche. quanto al precario non credo che sia stato rilasciato proprio nulla nel 1964 inoltre non haidato alcuna risposta circa il fatto che l'armadio non sia a norma secondo le leggi vigenti. cqm grazie.

Non ci sono leggi che vietano di posare impianti telefonici in armadi in legno e nemmeno contro l'apparente disordine negli armadi. (poi protezioni contro le sovracorrenti e sovratensioni sono presenti in centrale e a volte anche lungo le linee. ) Mentre hai il sacrosanto diritto che il servizio telefonico funzioni e funzioni bene.

Gli armadietti per le comunicazioni vengono installati dal costruttore e fanno parte del condominio, non sono di competenza del gestore.

 

Ora si installano armadietti in vetroresina o metallo, ai tempi da te indicati si usavano prevalentemente armadi in legno composito, solo parzialmente ignifughi, visto che nei cavi telefonici la tensione è "bassa", così come il passaggio di corrente, non si riteneva a quei tempi di dover rispettare le norme che invece esistono oggi.

 

Quindi l'armadietto appartiene al condominio, se tu vuoi sostituirlo dovrai chiedere una deliberazione condominiale e lo stanziamento della somma.

 

In milioni di condomini in Italia gli armadietti sono quelli originali, nessuno si "sogna" di cambiarli, salvo in caso di notevoli ristrutturazioni.

 

Le problematiche che hai esposto relative ai cavi, non sono di tua competenza, non puoi intrometterti nel lavoro di un tecnico, responsabile di ciò che fa.

infatti non mi intrometto. solo riporto quel che ho visto. siccome pero' molti di noi hanno adsl questi cavi malandati anche a detta del tecnico con le morsettiere datatissime fanno calare la velocita' di trasmissione. cqm come suggerito abbiamo tramite l'amministrazione del condominio contattato telecom per vedere di comvincerli, se non a cambiare tutto almeno a intervenire sui cablaggi e morsettiere.

grazie a tutti voi per le risposte. saluti

×