Vai al contenuto
Orazio71

Appropriazione rendiconto Esercizio 2013 - 2014 (dal xx/09/2013 al 31/12/2014)

Buonasera, l'amministratore ha convocato assemblea ordinaria per discutere, tra i punti all'odg, anche del rendiconto relativo all’esercizio che va dal 09/09/2013 (data del suo insediamento) al 31/12/2014. Posto che il rendiconto dell’esercizio 2012 non è stato approvato dai condomini per presunte irregolarità contabili del precedente amministratore e che il 2013 – a dire del neo amministratore - non è stato oggetto di approvazione in quanto i documenti in suo possesso sono quelli a partire dalla data del suo insediamento ed è per questo che ha inserito tra i punti all’odg l’affidamento ad un professionista per la revisione dei consuntivi della precedente gestione.

 

Domande: E’ possibile approvare un rendiconto di gestione che coinvolge due annualità (o meglio una e mezza) tralasciando uno o più esercizi precedenti ? E’ attendibile la situazione patrimoniale al 31/12/2014 se non si conoscono eventuali debiti/crediti pregressi, entità dei fondi o delle anticipazioni ? Come si dovrebbero comportare i condomini in una casistica del genere ?

Nel ringraziare anticipatamente, porgo cordiali saluti a tutti.

Orazio

Vorrei saperlo anch'io. Nella stessa condizione.

Mancano i 2012 0 2013 e si è passati direttamente al 2014 ( che non so se siamo in ritardo per legge).

... Posto che il rendiconto dell’esercizio 2012 non è stato approvato dai condomini per presunte irregolarità contabili del precedente amministratore e che il 2013 – a dire del neo amministratore - non è stato oggetto di approvazione in quanto i documenti in suo possesso sono quelli a partire dalla data del suo insediamento ed è per questo che ha inserito tra i punti all’odg l’affidamento ad un professionista per la revisione dei consuntivi della precedente gestione.

Domande: E’ possibile approvare un rendiconto di gestione che coinvolge due annualità (o meglio una e mezza) tralasciando uno o più esercizi precedenti ?

Dici che l'amministratore non ha documentazione in suo possesso riguardante il 2012 -2013.

Perchè?

Il vecchio amministratore non ha consegnato la documentazione?

E' stato richiesto provvedimento d'urgenza per il passaggio di consegne?

Se il vecchio amministratore è scappato con tutti i documenti, poco può fare il nuovo amministratore.

Giusto, a mio parere, il suo modo di fare di cominciare una gestione partendo sa zero, come se il condominio fosse appana nato, con zero crediti e zero debiti.

Se e quando usciranno spese di competenza di anni precedenti si contabilizzeranno nello stato patrimoniale come debiti precedenti.

Corretto anche l'ordine del giorni di affidare la revisione dei conti ad un professionista perchè, senza documentazione, sarà un lavoraccio andare a richiedere tutte le quote pagate dai condòmini (anche per contanti) e tutte le spese pagate dai condòmini ai fornitori.

Chi pagherà questo lavoraccio?

 

E’ attendibile la situazione patrimoniale al 31/12/2014 se non si conoscono eventuali debiti/crediti pregressi, entità dei fondi o delle anticipazioni ? Come si dovrebbero comportare i condomini in una casistica del genere ?

Nel ringraziare anticipatamente, porgo cordiali saluti a tutti.

Orazio

Più che attendibile, come accennato, è l'assemblea che deve decidere se troncare con il passato, partire da zero, prendere atto dell'attuale situazione patrimoniale ed essere disposta a modificarla se saltano fuori vecchi debiti.

In alternativa, l'unica soluzione è la revisione contabile che ha un costo e che non è detto che possano essere rilevati tutti i pagamenti effettuati.

 

Se non ci sono grossi scompensi dovuti a morosità arretrate, partire da zero potrebbe essere la soluzione migliore.

Nel mio caso l'amministratore è sempre lo stesso.

Solo che non ha presentato rendiconto per 2012- 2013 - 2014.

 

Adesso porta il 2014. ed il 2012 e 2013?

 

Non rimane sempre un illegalità e possibile revoca?

 

Che valenza ha il 2014 senza quelli prima?

×