Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
Otto44

Appartamento con due ingressi di cui uno murato all'interno

Salve, sono proprietario di un appartamento al primo piano di un edificio che nel corso degli anni ha assunto l'aspetto di un'unica costruzione ma che in origine erano 2 fabbricati. L'appartamento è il risultato della fusione di 2 piccoli appartamenti e possiede 2 ingressi, uno dalla scala A ( murato dall'esterno) e uno dalla scala B. Dalla scala B ( fabbricato B) accedo unicamente al mio appartamento e non ho alcun altra pertinenza mentre dalla scala A ho sia accesso (murato) che pertinenze ( lastrico solare, impianti ecc.). Siamo in fase di rettifica delle tabelle millesimali qualcuno potrebbe indicarmi come ripartire le spese?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ciao

 

la muratura dell'ingresso di per se non porta a nessuna modificazione del diritto o della proprietà.

Deve essere verificato il tuo atto di acquisto e l'elaborato planimetrico per chiarire il tutto diritto di proprietà sulle parti comuni, e quindi la tua conseguenza a partecipare alla spesa.

 

Perchè state rifacendo le tabelle millesimali ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

La casa è stata ereditata , in questo palazzo aveva altre proprietà lasciate ai miei fratelli.

Mia madre aveva conservato un documento, una scrittura privata in carta legale, risalente all'epoca della costruzione e della copertura della scala fino al primo piano, che negli anni '50 era esterna,dalla lettura di questo documento si evince che la mia proprietà sulle parti comuni della scala B ( fabbricato B) si limita al Primo piano e al solo pianerottolo.

L'architetto che sta rifacendo le tabelle dice che il documento non è rilevante per la ripartizione delle spese...ho dei dubbi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ciao

 

in linea di principio, l'architetto ha ragione, però se le altre proprietà sono ancora intestate ai fratelli si dovrebbe verificare la applicazione dell'art. 1062 cod, civ.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ciao

potresti essere così gentile da indicarmi in che modo si dovrebbe fare questa verifica?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

1) quando il fabbricato è diventato condominio, cioè al primo atto di vendita con il quale sono diventati almeno 2 proprietario, quali parti comuni sono state individuate e come sono state ripartite ?

 

2) al momento della nascita del condominio, l'appartamento con entrata nella scala a aveva certi diritti e doveri, quello della scala b ne aveva altri. Ora sono un unico appartamento, ma nulla impedisce che in futuro ritornino ad essere due, ognuna delle due parti, conserva i medesimi diritti e doveri

 

Attualmente avete chiuso l'ingresso della scala a, gli altri della scala a non possono essere chiamati a pagare di più solo perchè a voi non serviva l'ingresso ma non possono nemmeno pretendere che paghiate come da somma dei 2 appartamenti, perchè sarebbe per loro un vantaggio; tutto il contrario per l'appartamento con uscita nella scala B

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ciao

 

chiedi all'amministratore ( o all'architetto - se non già allegato al tuo atto di acquisto) l'elaborato planimetrico e vedi i subalterni attribuiti ai vani scala e quindi verifica nel tuo atto di acquisto se sono elencati nelle parti comuni assegnate alle tue proprietà. Il notaio potrebbe anche aver richiamato genericamente l'art. 1117, ed è per quello che l'elaborato planimetrico dovrebbe chiarire esaustivamente la cosa. Comunque se vai da un collega della tua zona, con l'atto d'acquisto, in 30 secondi sa risponderti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
ciao

 

chiedi all'amministratore ( o all'architetto - se non già allegato al tuo atto di acquisto) l'elaborato planimetrico e vedi i subalterni attribuiti ai vani scala e quindi verifica nel tuo atto di acquisto se sono elencati nelle parti comuni assegnate alle tue proprietà. Il notaio potrebbe anche aver richiamato genericamente l'art. 1117, ed è per quello che l'elaborato planimetrico dovrebbe chiarire esaustivamente la cosa. Comunque se vai da un collega della tua zona, con l'atto d'acquisto, in 30 secondi sa risponderti.

si, ma se nell'elenco trova un sub soppresso che aveva delle parti comuni, l'aver soppresso il sub non sopprime la proprietà delle relative parti comuni

ricordiamoci che il catasto è una buona indicazione dei fatti, ma non è probatorio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ciao

 

la soppressione di un subalterno di per se non sta ad indicare nulla, in quanto quel subalterno è stato variato ( frazionato o accorpato). Il catasto italiano non è probatorio, ma la ricostruzione storica permette di capire esattamente la cosa, e sarà valida, salvo atti contrari.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ciao

la ricostruzione storica è data dal vaglio dei documenti ? tutti i documenti che possono servire a ricostruire e chiarire quindi anche questa scrittura privata che era parte integrante dello strumento di proprietà .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×