Vai al contenuto
Enzo62

Appalto lavori condominiali

Volevo chiedere un parere a questa platea per i procedimenti che riguardano l'assegnazione dei lavori condominiali.

La problematica è:

AFFIDAMENTO DEI LAVORI CONDOMINIALI

Cosa ne pensate di affidare la SOLA gestione della gara d'appalto, per la ricerca della ditta per l'esecuzione dei lavori condominiali, a società esterna?

L'operato di detta società (formata da un tecnico, un avvocato e un commercialista) consiste nel promuovere ed effettuare la gara d'appalto mediante valutazione delle offerte che perverranno ed indicando al Condominio le migliori 5/6 offerte tra tutte quelle pervenute e delegando comunque il Condominio a scegliere a quale affidare i lavori?

Il costo per il Condominio mi dicono essere 0 (zero), le loro spese sarebbero rimborsate/ripagate mediante pagamento da parte di tutte le ditte concorrenti di una modica cifra (pare 50 €./cad circa).

Tra l'altro mi farebbereo una stima dei lavori da eseguirsi gratuitamente a patto che poi gli faccia fare la procedura di gara.

Una volta scelta la ditta per fare i lavori, loro uscirebbero di scena.

Le figure componenti questa società si occupano di Lavori Pubblici e vorrebbero trasferire nel privato i procedimenti che si fanno nel Pubblico.

 

Ci sono rischi e/o responsabilità per la figura dell'Amministratore? (a me sembrerebbe di no).

Penso che in questo modo mi posso anche pregiare (di fronte ai condòmini) di aver fatto le cose in modo ancor più trasparente.

Che ne pensate?

Enzo62

io da amministratore ti rispondo che non è compito tuo né scegliere la ditta,né impostare i parametri di gara.

Se tu hai un'idea del genere,che io non condivido affatto,portalain assemblea,e falla deliberare.Io nell'offerta di presentazione mi faccio autorizzare per ogni lavoro oltre i 2000 euro a portare fornitori o ditte di mia fiducia,e anche per lavori oltre tale somma.

Fai così anche tu.Fatti autorizzare,sia a portare o meno preventivi,sia a proporre tale tua soluzione,che si basa su una sfiducia profonda in coloro che amministri:non li giudichi in grado,a casa loro,di leggere e capire un capitolato,di richiedere un'offerta,di parametrare i prezzi singoli,di discutere con le ditte che portano i prezzi e le condizioni contrattuali e di pagamento.Insomma,li ritieni degli incapaci,e secondo me sbagli.E'casa loro,il procedimento di gara deve essere fatto dall'assemblea,non da società esterne che potrebbero cadere in mille tentazioni,come chiunque.Me compreso.

Tu sei un contabile e un sostituto d'imposta,come responsabile legale sei delegato a firmare i lavori.

Punto.

Il resto,le scelte,competono SOLO ai proprietari.

Mille volte più scrupolosi di "esperti"presunti "consulenti"esterni.

e perche mai io (ipotetico fornitore )dovrei pagare 50 euro per presentare il mio preventivo per partecipare alla gara d'appalto ?

se il condominio vuole rivolgersi a dei professionisti per svolgere la procedura di una gara ,liberissimi di farlo ma la prestazione la paga il condominio .

anzi dovrebbe essere il condominio a pagarmi il preventivo (visto che occorre tempo e denaro per farlo)

 

Modificato Da - peppe64 il 16 Nov 2012 18:39:37

Per Enrico:

Caro Enrico non era (nè tantomeno è)mio intendimento sottovalutare le capacità dei condòmini.

Il fatto è che con questa soluzione avremmo tutti dei vantaggi:

- maggior numero di imprese (con possibilità di spuntare un prezzo migliore),

- stima preventiva gratis,

- capitolato unico per tutte le imprese (molte volte mi vengono recapitati preventivi con soluzioni tutte diverse per lo stesso problema: chi vuole fare la pittura al quarzo, chi traspirante, chi senza solventi, fra un pò la tinteggiatura la faranno "trasparente" cioè senza pittura), e quindi una migliore valutazione da parte di tutti i condòmini delle offerte pervenute.

 

Inoltre ribadisco (come già detto nella discussione) saranno sempre e comunque i condòmini a scegliere la ditta.

 

Tra l'altro l'apertura delle offerte avverrebbe in Assemblea dinanzi a tutti....

A me sembra un metodo molto più trasparente.

Ringrazio cmq dell'interessamento.

Scritto da peppe64 il 16 Nov 2012 - 18:23:12: e perche mai io (ipotetico fornitore )dovrei pagare 50 euro per presentare il mio preventivo per partecipare alla gara d'appalto ?

se il condominio vuole rivolgersi a dei professionisti per svolgere la procedura di una gara ,liberissimi di farlo ma la prestazione la paga il condominio .

anzi dovrebbe essere il condominio a pagarmi il preventivo (visto che occorre tempo e denaro per farlo)

 

Modifi [...]

Non sono pienamente d'accordo su quanto dici.

Innanzitutto nei Lavori Pubblici le ditte pagano una tassa all'Autorità di Vigilanza dei Lavori Pubblici che parte da 20 e arriva fino a 500 €. (in base agli importi della gara) oltre a spendere altri soldi per cauzione provvisoria, marche da bollo, ecc... E NON VIENE RIMORSATA SE NON VINCE.......

Inoltre l'impresa avrebbe già il preventivo fatto nelle quantità (dovrà solamente mettere il prezzo a fianco di ogni singola voce) e quindi un risparmio di tempo e denaro, inoltre il computo sarebbe uguale per tutti (vale quanto detto sopra ad Enrico a propsito della pittura), ed in ultima analisi la ditta può sempre non partecipare se non vuole spendere 50 €.

Aggiungo inoltre:

Se l'impresa vuole essere pagata solamente per presenatare un preventivo.... dove sta il rischio di impresa.

Se io fossi impresa da domani mi metto a fare preventivi (improponibili e senza senso)a tutti i condomini così mi faccio dare 50 €. che dico di aver speso per fare il preventivo. Che ne pensi? sarebbe un ottimo lavoro.

ovviamente era una battuta il farsi pagare un preventivo .

 

zio Ben:Da un grande potere derivano grandi responsabilità»

comunque detta tassa si paga solo per appalti pubblici superiori a 150000 euro e non per tutti gli appalti ,e la cauzione viene restituita a chi non vince .

zio Ben:Da un grande potere derivano grandi responsabilità»

comunque buona l'idea di chiedere i soldi per far presentare i preventivi .

d'ora in poi nel nostro condominio per la presentazione dei loro preventivi verranno chiesti 100 euro agli amministratori che vorranno partecipare alla gara per l'amministrazione del nostro condominio .

 

zio Ben:Da un grande potere derivano grandi responsabilità»

Scusa enzo,

1)il numero di imprese dipende dall'interessamento dei tuoi condòmini.E dalla loro attenzione a saperle selezionare.

Conosco benissimo la zona,ho lavorato come amministratore nel sud pontino per via di una seconda casa di famiglia,(amo quei posti,sono sincero!)e se sai trovare la ditta seria,ti lavorano bene e hai un grande dialogo con la manovalanza.Molto seria.

2)la stima,o computo metrico estimativo sono affari dell'impresa dopo sopralluogo e redazione offerta.

3)il capitolato ovviamente è unico,e lo fai fare con apposito incarico da un tecnico,che poi si spera sia anche quello che ti farà da direttore dei lavori,se no corri il rischio che i calcoli siano differenti.Nel capitolato fai scrivere i materiali da usare,il procedimento d'uso,ecc,compito dl tecnico incaricato.

Non bisogna essere "absolutament modern" come diceva Rimbaud,in tutto,qui vecchia scuola.

a)nomina tecnico

b)capitolato

c)distribuzione capitolato tra i condòmini e richiesta a loro di farti autorizzare a portare preventivi.

d)nomina d.l.

e)apertura buste in apposita assemblea.

f)parametrare prezzi singolie scegliere in una seconda assemblea.

Ciao.

 

L'operato di detta società (formata da un tecnico, un avvocato e un commercialista) consiste nel promuovere ed effettuare la gara d'appalto mediante valutazione delle offerte che perverranno ed indicando al Condominio le migliori 5/6 offerte tra tutte quelle pervenute e delegando comunque il Condominio a scegliere a quale affidare i lavori?

detto procedimento non e' trasparente anzi potrebbe incentivare "movimenti" sospetti .

ovvero chi garantirebbe che le 5/6 offerte indicate come migliori siano veramente le migliori visto che la societa' e' stipendiata dalle ditte partecipanti (la modica cifra di 50 euro ufficiale )

non e' mai trasparente che il giudicante sia pagato dai giudicati ,anche perche' uno dei giudicanti potrebbe sentirsi "autorizzato" a "stipendiare" con una cifra maggiore il giudicante per ottenere un giudizio maggiore.

 

zio Ben:Da un grande potere derivano grandi responsabilità»

×