Vai al contenuto
frariv

Antenna privata - posso mettere una mia antenna tv esterna se si è già in presenza di un impianto centralizzato?

Salve a tutti,

 

ho un serio problema legato alla visione della TV collegata all'impianto centralizzato condominiale nella mia casa per le vacanze.

 

Negli ultimi 18 mesi, a periodi alterni, non mi è stato possibile vedere la TV a causa di interferenze non meglio identificate. Ho cambiato presa nel mio appartamento, cavi e persino TV, senza miglioramenti.

 

Ho quindi fatto periziare da un tecnico con rilevamento strumentale che il segnale in entrata dalla parte condominiale dell'impianto era disturbato e lo stesso avveniva direttamente nel centralino nel sottotetto.

 

Ho quindi passato la perizia all'amministratore richiedendo che l'impianto fosse sistemato per farmi usufruire del servizio televisivo.

 

In risposta, il "manutentore dell'impianto" (un altro condomino molto vicino all'amministratore) ha effettuato un intervento imprecisato e non certificato che non ha cambiato nulla nel mio appartamento, come da seconda perizia.

 

A questo punto mi è stato detto che essendo solo io ad avere problemi, sono "affari miei". Ho fatto notare che i disturbi in antenna c'erano ancora e a quel punto in assemblea sono stato accusato di aver manomesso IO l'impianto condominiale.

 

Le accuse sono state poi ritrattate per non incorrere nella giusta querela.

 

Ora però mi trovo ancora senza segnale TV fruibile e sono arrivato ai ferri corti con l'amministratore che rifiuta ulteriori interventi.

 

Ho quindi deciso di farmi un impianto indipendente. Ho due soluzioni:

 

1) antenna satellitare sul tetto, cavo in discesa su parti comuni interne, soluzione abbastanza costosa. Problema: ottenere il consenso al passaggio sulle parti comuni;

 

2) antenna TV tradizionale DTT sul mio balcone che dà sul giardino condominiale (non facciata principale), molto meno costosa e facilmente realizzabile. Problema: posso mettere una mia antenna TV esterna se si è già in presenza di un impianto centralizzato?

 

Quindi, tirando le somme, quali sono le procedure secondo legge (anche dopo l'imminente entrata in vigore della riforma condominiale) per agire nei due casi?

 

Devo darne comunicazione all'amministratore? Devo chiedere permessi all'assemblea anche nel caso di cui al punto 2?

 

Ringrazio anticipatamente per gli eventuali consigli.

Non devi chiedere nulla a nessuno in entrambe i casi, non devi avvisare nessuno.

Di contro dovrai continuare a pagare le spese per l'impianto condominiale in ogni caso.

 

 

La possibilità di ricevere le trasmissioni è un diritto ben difeso dalle leggi.

Devi comunque verificare cosa prevede in primis il Regolamento Condominiale e poi quello del Comune.

Se sei l' unico ad aver problemi ed hai già provveduto alla sostituzione di tutti i componenti interni alla tua abitazione, l'unico imputato può essere il tratto di cavo che dal ripartitore porta il segnale nei tuoi locali (ammesso non dipenda dal tv).

 

Se di "interfrenza" si tratta dovrebbe colpire anche gli altri condomini...o significa e è 9 su 10 all' interno della tua proprietà.

 

 

 

 

Modificato Da - dimaraz il 08 Apr 2013 13:39:04

Scritto da frariv il 08 Apr 2013 - 11:45:04: Salve a tutti,

 

1) antenna satellitare sul tetto, cavo in discesa su parti comuni interne, soluzione abbastanza costosa. Problema: ottenere il consenso al passaggio sulle parti comuni;

A meno che il regolamento contrattuale disponga diversamente cozzando con il diritto del singolo all'informazione ,in forza e nel rispetto dell'art.1102cc potrai fare l'intervento senza alcuna autorizzazione assembleare.

Attualmente le parti comuni possono essere utilizzate per un miglior godimento del singolo.

 

 

Staff

Grazie mille per le risposte.

 

Il regolamento condominiale non prevede nulla in merito, quindi penso che potrò agire in piena libertà.

 

Probabilmente sceglierò la soluzione numero 2, meno problematica dal punto di vista tecnico in quanto quella satellitare sul tetto comporterebbe nuovi decoder per i TV, più di 30 metri di cavo e diversi lavori in muratura per fare entrare il cavo in casa.

 

 

Scritto da wolverine75 il 08 Apr 2013 - 11:57:08: Non devi chiedere nulla a nessuno in entrambe i casi, non devi avvisare nessuno.

Di contro dovrai continuare a pagare le spese per l'impianto condominiale in ogni caso.

Questo l'avevo già messo in preventivo.

 

 

 

Scritto da dimaraz il 08 Apr 2013 - 13:35:30: Se sei l' unico ad aver problemi ed hai già provveduto alla sostituzione di tutti i componenti interni alla tua abitazione, l'unico imputato può essere il tratto di cavo che dal ripartitore porta il segnale nei tuoi locali (ammesso non dipenda dal tv).

Il mio tecnico, oltre ad aver rilevato problemi direttamnte in antenna (il centralino è a filtri e le potenze in entrata non erano equilibrate e ciò mandava in saturazione determinate apparecchiature hardware), aveva prospettato anche questa possibilità.

 

Il cavo nello specifico è parecchio lungo e vecchio, parliamo di almeno quarant'anni, ma l'amministratore non lo vuol toccare, per paura di dover rifare tutto l'impianto, secondo quanto mi ha detto di persona.

 

 

 

 

 

×