Vai al contenuto
Ignoto9

Animali, Sicurezza, igiene e utilizzo improprio lastrico solare condominiale

Salve a tutti la situazione è questa, in un edificio di 20 condomini vi è da qualche anno una condomina con due gatti a cui piace far scorrazzare i suoi gatti su e giù per le scale.. e fin qui niente da ridire.. lo ha sempre fatto una tantum nel massimo rispetto non recando problemi ai condomini in quanto i gatti li faceva uscire proprio due minuti giusto per una "corsetta" su e giù per le scale accompagnati da lei per poi farli rientrare in casa.. Anzi era diventata anche una cosa carina da vedere se ne capitava l'occasione.
Purtroppo la nota dolente è che da 1 anno a questa parte si stanno verificando eccessivi episodi di ritrovamenti di vomito, feci e urine dei medesimi gatti per le scale del condominio integre e non pulite (anche su nostro incitamento) dalla medesima persona. In poche parole se ne frega altamente... Addirittura una mattina per andare a lavoro ho notato vomito e urine sul pavimento e la sera al ritorno non erano state minimamente pulite... Anzi erano state semplicemente ricoperte con della carta da cucina (vedi foto) lasciando al di sotto lo sporco senza pulirlo!! Quasi come un affronto!! Come per dire "pulitevela voi!" Inoltre da qualche mese la condomina si è presa purtroppo la libertà, avendo appreso che il lastrico è ad uso comune, di accedere continuamente (anche 3 volte al giorno) ad un piano ex-lavatoio che porta ad un lastrico solare (condominiale dove vi è un cancello di sicurezza installato da qualche anno, di cui tutti hanno le chiavi, in quanto si intrufolavano estranei di ogni genere) lasciando anche di notte quasi sempre il cancello aperto e le chiavi attaccate sia sul cancello di sicurezza che al portoncino del lavatoio/lastrico lasciando inoltre i gatti totalmente incustoditi.
Tant'è che già qualche mese fa c'è stato un episodio di tentato furto con dei ladri che si sono intrufolati dal balcone tramite il tetto proprio perchè fu lasciata (dalla medesima condomina) sia l'inferriata che la porta aperta...
Il colmo lo si è raggiunto qualche giorno fa, per mia amara sorpresa andando per puro caso sul lastrico con il tecnico antennista per far sistemare l'antenna... Ci siamo ritrovati una scena RACCAPRICCIANTE!! Oltre che gli escrementi vari di gatto sparsi su tutto il lastrico addirittura c'erano delle ceste della frutta nascoste in un angolo dove la signora (forse per pigrizia o altro) per mesi ha stipato enormi quantità di feci che ha lasciato li a marcire tra una puzza nauseante, mosche, vermi e quant'altro!!
Per non parlare di un altro problema quello dei rumori che la signora causa spesso (sopratutto la notte) in quanto per giocare con i gatti fa rotolare qualcosa come delle palline oppure si mette a rincorrere i gatti a passo pesante di notte facendo rumore e destando preoccupazione a tutti e 5 i condomini, che come me, abitano all'ultimo piano!
La situazione paradossale è che dei 20 condomini quelli colpiti siamo solo noi 5 dell'ultimo piano ed i restanti condomini che le abitano sotto che non sono stati "colpiti" da tali situazioni sembrano essere totalmente disinteressati ai fatti che si stanno verificando.. Praticamente una specie di omertà condominiale.. Detto questo cosa si può fare oltre che avvertire l'amministratore? abbiamo già cercato di parlarci in modo civile e pacifico ma a prima vista sembra non essere una persona mentalmente stabile o per lo meno una persona con cui ci si può ragionare. Ci sono state scene che rasentano il ridicolo. Ad esempio mentre la stavamo richiamando del fatto che doveva pulire le feci lasciate in giro perchè stavano emanando odori non piacevoli ha incominciato ad urlare "non mi interessa, non mi mettete le mani addosso!! state lontani!!" (quando in realtà gli stavamo a 2 metri di distanza e sbigottiti!!) oppure inveiva su noi condomini sul fatto che visto che tutti fanno come gli pare nel condominio dovevamo solo che stare zitti, non riferendosi mai però ad eventi o qualcosa di specifico, girando intorno al discorso solo per legittimare la sua maleducazione e lo schifo che sta facendo... Insomma visto la strafottenza, la maleducazione con cui si rivolge a noi continuando a non pulire, recandoci problemi sia a livello di sicurezza che igienici calcolando anche l'indifferenza dei restanti altri 14 condomini, cosa si può fare in termini di sicurezza per limitarne quanto meno l'accesso al lastrico? E cosa si può fare a livello di igiene in modo che questi episodi non accadano di nuovo?
Inoltre un'altra domanda che volevo porre è: possibile che un lastrico solare, anche se di proprietà ad uso comune, possa diventare una specie di giardino condominiale dove ognuno può andare quante volte gli pare e fare quello che vuole, quando vuole e come vuole???
Siamo disperati... Dateci qualche soluzione, risposta o consiglio...

Schermata 2019-12-01 alle 23.09.24.jpg

Schermata 2019-12-01 alle 23.09.31.jpg

Schermata 2019-12-01 alle 23.09.36.jpg

Schermata 2019-12-01 alle 23.15.40.jpg

Be', che la signora sia "instabile" penso sia abbastanza evidente; temo che parlarle sia inutile. Presumo che la situazione possa essere problematica anche per se stessa.

In questi casi, se non ha parenti prossimi che possano essere coinvolti per controllare la situazione, puoi rivolgerti ai servizi di assistenza sociale del comune, nella speranza che possano intervenire, non per i gatti, ma per una situazione che sembra di disagio per la signora.

Danielabi dice:

Be', che la signora sia "instabile" penso sia abbastanza evidente; temo che parlarle sia inutile. Presumo che la situazione possa essere problematica anche per se stessa.

In questi casi, se non ha parenti prossimi che possano essere coinvolti per controllare la situazione, puoi rivolgerti ai servizi di assistenza sociale del comune, nella speranza che possano intervenire, non per i gatti, ma per una situazione che sembra di disagio per la signora.

Prima di agire in extremis in quel modo, cosa si può fare a livello condominiale o cosa può fare l'amministratore? Cioè è mai possibile che un lastrico solare (anche se ad uso comune) possa essere utilizzato quotidianamente per fare i fatti propri? C'è una legge o qualcosa (non solo per la signora in questione ma per tutti i condomini) che limiti l'utilizzo del lastrico solare esclusivamente per lavori di manutenzione come antenne, solare etc..?
Anche perchè tralasciando un attimo gli eventi di questa signora la situazione è un pò più articolata e sta degenerando, ovvero da quando si è sparsa la voce che il terrazzo è di uso comune non solo lei sta facendo come vuole, ma anche gli altri condomini dei piani inferiori (che molto probabilmente non vogliono intromettersi proprio per questo motivo) da quello che ho capito vorrebbero utilizzarlo come fosse una sorta di terrazza "giardino" condominiale... Insomma per tagliare la testa al toro c'è una legge che limiti l'uso del lastrico solare per motivi di sola manutenzione ordinaria? Visto e considerato che all'ultimo piano sono stati spesi soldi anche nostri per aumentare la sicurezza blindando di fatto con portoncino e inferriate il piano ex-lavatorio/lastrico?

Modificato da Ignoto9
Ignoto9 dice:

c'è una legge che limiti l'uso del lastrico solare

Si, la legge è il regolamento condominiale. Potete regolamentare voi condòmini l'uso e l'accesso al terrazzo, a maggioranza: è un bene di vostra proprietà, quindi potete disporne l'utilizzo. Potete anche decidere di irrogare sanzioni a chi non rispettasse la regola posta dall'assemblea, per, in effetti, il problema sarà far rispettare il regolamento....ma è altrettanto vero che il problema si pone con ogni legge.

Danielabi dice:

Si, la legge è il regolamento condominiale. Potete regolamentare voi condòmini l'uso e l'accesso al terrazzo, a maggioranza: è un bene di vostra proprietà, quindi potete disporne l'utilizzo. Potete anche decidere di irrogare sanzioni a chi non rispettasse la regola posta dall'assemblea, per, in effetti, il problema sarà far rispettare il regolamento....ma è altrettanto vero che il problema si pone con ogni legge.

Per varare un simile regolamento andrebbe approvato all'unanimità o in maggioranza? Ad ogni modo credo che il problema non verrebbe risolto perchè, da quel che ho capito, anche agli altri condomini interessa l'utilizzo del lastrico solare per fini ovviamente personali.. Addirittura ho sentito che vorrebbero utilizzarlo come fosse un "beach terrace" o comunque giardino per portare animali... Quindi anche sul fatto di ottenere la maggioranza per cambiare il regolamento condominiale la vedo dura...
D'altro canto volevo far notare che il muretto perimetrale del lastrico solare è alto 88cm, se non erro il limite minimo consentito per legge è di 100cm. Eventualmente sarebbe possibile procedere in questo senso chiedendo l'intervento dei VVF per rendere inagibile il lastrico solare?

Ignoto9 dice:

Eventualmente sarebbe possibile procedere in questo senso chiedendo l'intervento dei VVF per rendere inagibile il lastrico solare?

Teoricamente dovrebbe bastare la mancanza di sicurezza, perchè sia vietato l'accesso al lastrico, considerando che l'amministratore è responsabile delle parti comuni, dovrebbe di suo inibirne l'utilizzo.

Se hai proprio bisogno dei VVF, chiamali, ma mi sembra un eccesso.....anche se capisco le tue motivazioni.

Ignoto9 dice:

D'altro canto volevo far notare che il muretto perimetrale del lastrico solare è alto 88cm, se non erro il limite minimo consentito per legge è di 100cm. Eventualmente sarebbe possibile procedere in questo senso chiedendo l'intervento dei VVF per rendere inagibile il lastrico solare?

non sono necessari i vigili.

coinvolgete l'amministratore affinchè, essendo il lastrico non praticabile (parapetto non a norma), impedisca l'accesso libero a chicchessia: già c'è un cancello, cambi la serratura e non dia la chiave a nessuno.

 

se qualcuno deve far fare qualcosa a qualche impresa sul lastrico (vedi antennista, asfaltisti) si fissa un bell'appuntamento, l'amministratore si fa rilasciare da chiunque voglia andare una manleva da danni che possono accadere a causa del terrazzo non protetto a norma, apre il cancello e da l'accesso.

a lavoro concluso si richiude e arrivederci.

 

non è che siano risolti tutti i problemi

×