Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
Pietro214

Ancora un Passo Carrabile singolare

Salve.

Io e mia sorella siamo proprietari di cinque unità immobiliari, su un totale di sei, di un piccolo fabbricato, formato da piano terra e piano primo (dato il numero di unità non c'è un amministratore).

L'androne al pian terreno è a pianta rettangolare, circa 3x13 metri. Tenendo il lato sinistro, a circa sette metri dall'ingresso, inizia una rampa di scale, larga 1,2 metri, che porta ai due appartamenti del piano primo.

Uno di questi è di mia proprietà, l'altro è stato venduto da poco ad altra persona estranea ai miei familiari.

Continuando oltre l'inizio della rampa al pian terreno, tenendo il lato destro dell'androne (la larghezza di tale tratto tra la scala ed il muro dell'androne è di circa 1,6 metri), si accede ad un cortile interno al fabbricato, anch'esso a pianta rettangolare, circa 9x11 metri.

Nell'atto di vendita notarile dell'appartamento al primo piano alla persona estranea ai miei familiari, è stato fatto scrivere che dalla vendita è escluso l'androne ed il cortile interno, che su di questi l'acquirente non può vantare diritti alcuno e che gli viene riconosciuto solo una servitù di passaggio dall'androne per raggiungere il suo appartamento al primo piano. Sia l'androne che il cortile interno restano di nostra (mia a di mia sorella) esclusiva proprietà.

Vorrei utilizzare il cortile interno per parcheggiare un motociclo e quindi fare richiesta di un passo carrabile (il regolamento comunale non pone ostacoli circa l'ampiezza della luce d'ingresso).

Dato che per raggiungere il suddetto cortile devo transitare dall'androne, (entrambi di esclusiva proprietà mia e di mia sorella), a vostro giudizio, è obbligatorio che chieda il permesso di transito, o simile, al nuovo proprietario?

Grazie per l'attenzione.

 

EDIT: se può essere utile, l'androne ha un cancello che lo separa dalla pubblica via ampio per tutta la sua luce. Su un suo lato, il sinistro, il lato della rampa della scala, vi è ricavato un accesso pedonale

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ciao

 

avete garantito la servitù di passaggio all'"estraneo", quindi quando resta garantita quella, non avete altri obblighi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ciao

il comune potrebbe chiederti la delibera, ma non la può pretendere, visto che ti rilascia l'autorizzazione salvo il diritto di terzi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie ancora!

Delibera... Se intendi la delibera condominiale in realtà non esiste.

Dato che le unità immobiliari sono in totale sei, non c'è alcun amministratore e nessuna riunione condominiale... E nessuna delibera...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Nel senso che non è stato costituito un condominio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Il condominio esiste già, perché c'è più di un proprietario.

 

Due proprietari: se te e tua sorella avete le 5 u.i. in comproprietà indivisa.

Tre proprietari: se te e tua sorella avete intere u.i. intestate ad una sola persona tra voi due.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Tre proprietari. Tutte le unita immobiliari sono divise. Tre sono mie, due di mia sorella e una all'estraneo.

Ma questo è correlato con il quesito iniziale?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

E' correlato ai messaggi #4 #5 #6

Se il comune chiede la delibera condominiale, dovrai fornirgliela.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie per l'informazione.

Quindi, se richiesto dal comune, dovrei convocare l'assemblea condominiale, mettere come ordine del giorno la richiesta del nulla osta per collocare un passo carrabile, far votare i presenti e redigere un verbale?

Quindi, giusto per intendere, il fatto che l'androne ed il cortile interno siano di nostra (mia e di mia sorella) proprietà non sembra avere una certa valenza, o no?

E, se dovessi dar seguito all'assemblea, delibera, verbale etc., per avere esito favorevole, la maggioranza dovrebbe essere composta in che modo?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Adesso però non ribaltarti dalle risate...

 

a) convochi l'assemblea ecc. ecc. ecc. proprio come hai scritto e la convocazione vai fatta pervenire a tutti e tre i condòmini;

b) fate l'assemblea ed il verbale di assemblea;

c) in assemblea al momento di votare la delibera per la richiesta del nulla osta per collocare un passo carrabile andrà specificato (anche a verbale) che gli aventi diritto a votare questa delibera sono solo due condomini (tu e tua sorella) perché il terzo condòmino non ha il titolo di proprietà su androne e cortile interno.

d) la delibera sarà valida se saranno verificate sia la maggioranza di teste (numero di proprietari) che quella millesimale; a livello pratico, votando solo in due, tutti e due dovrete essere favorevoli.

Ti anticipo sui valori millesimali....(anche se esula dal problema che hai postato)

Che tu sarai già lì pronto a dire che non li avete: nella vostra realtà possono anche non esser necessari. Nel senso che si può adottare con accordo unanime (3 condòmini su 3 d'accordo) un metodo di calcolo diverso dai millesimi per ripartirsi le poche spese comuni che ci sono.

Le rendite catastali, i metri quadrati, i metri cubi, quello che voi tre preferirete, possono benissimo sostituire i valori millesimali da attribuire alle singole u.i. e di conseguenza ai tre proprietari.

Questi valori saranno importanti in futuro, laddove avrete diritto e dovrete decidere e votare tutti e tre insieme: se tutti presenti in assemblea la maggioranza valida sarà 2 proprietari con prevalenza di millesimi (o rendite catastali, o quello che vorrete)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Altrochè ribaltato! :icon_eek:

Comunque vedrò cosa mi diranno all'atto della presentazione della richiesta e vi saprò dire come andra a finire.

Grazie ancora!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ciao

 

non serve l'assemblea se lo spazio è tuo e di tua sorella, mentre il terzo ha solo una servitù.

Se il Comune vuole la delibera, sostituiscila con una dichiarazione firmata da te e tua sorella che siete proprietari esclusivi di tale area, allegando eventualmente un atto che confermi ciò, anche se dovrebbe essere sufficiente una autocertificazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie Admin.

Le questioni condominiali, eventi dai quali ero stato graziato fino ad ora, sembrano piuttosto intricate...

A questo punto, raccolti i Vostri autorevoli pareri, vedrò cosa mi diranno al comune e, giusto per essere sicuro di non lasciar nulla al caso, farò in modo da presentarmi il giorno in cui il mio quadro astrale sarà particolarmente favorevole.... 😎

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Riporto su la discussione per un aggiornamento.

Nonostante il quadro astrale positivo, all'ufficio della mobilità urbana mi hanno detto che, pur essendo di nostra esclusiva proprietà (mia e di mia sorella) sia l'androne, sia il cortile interno, è necessario l'autorizzazione del nuovo proprietario.

Se non ho un suo benestare firmato, non mi darebbero la concessione del passo carrabile.....

 

🤔

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ciao

 

presenta formale richiesta all'impiegato che ti richiede cio, chiedendogli di precisare quale è la norma che ti obbliga ad avere il parere determinante di uno che non è proprietario, ma ha solo una servitù di passaggio ?

 

Non impedisci l'esercizio di tale servitù, quindi ...

 

Fatelo mettere per iscritto con tanto di nome e cognome

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Da una discussione informale, sembra che sia necessaria l'autorizzazione di tutti i condomini poichè la indicano come un caso di limitazione del potere di disporre dei condòmini sulle parti di loro proprietà esclusiva.

Dato che comunque c'è il condominio, anche se il cortile è di mia proprietà esclusiva, non ne posso disporre a mia discrezione come, ad esempio, luogo di parcheggio del motociclo.

Comunque non c'è un regolamento condominiale e non c'è un elenco di attività proibite da svolgere nella propria proprietà esclusiva...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ciao

 

il signore che usa il tuo passaggio, non è comproprietario di tale spazio, come tu scrivi nel post. 1. Quindi, relativamente ad esso non è condomino. in quanto quello spazio non fa parte del condominio, da come affermi e da ciò che è scritto nell'atto. In ogni caso verifica se tale spazio è un subalterno del lotto su cui insiste l'edificio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Lo spazio in questione è l'androne, come ho indicato nel primo post.

Nella vendita dell'unita immobiliare, nell'atto redatto dal notaio, tale spazio lo abbiamo escluso dalla vendita. Il signore, sempre scritto sull'atto notarile, ha solo la servitù di passaggio. L'androne, essendo fino a prima della vendita, una parte comune, non ha il numero di subalterno poichè non è stato catastato come unità separata dalle parti comuni del fabbricato.

Viceversa, il cortile interno che vorrei utilizzare per parcheggiare il motociclo, che posso raggiungere dalla strada solo e soltanto percorrendo l'androne, ha lo stesso numero di subalterno dell'immobile di mia proprietà al piano terra.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×