Vai al contenuto
quartaumentata

Ancora detrazioni 50%

Mi scuso se apro una nuova discussione su un punto già molto discusso, ma dopo una lettura alle altre non mi sembra che l'aspetto particolare che sto per esporre sia stato affrontato.

 

La situazione: avendo riscosso regolarmente da tutti i condomini le quote per dei lavori straordinari; eseguiti tali lavori straordinari nel 2013, e fatti dal condominio i bonifici "parlanti" all'impresa sempre entro il 2013, il quesito è:

 

come mi comporto con le certificazioni per le detrazioni tenuto conto che le unità immobiliari presentano situazioni tra le più varie quanto alla titolarità? Alcune sono in proprietà di un solo soggetto persona fisica, altre in comproprietà per quote uguali o diverse; altre in comproprietà tra coniugi in regime di comunione legale dei beni; una infine risulta composta da quota di piena proprietà, nuda proprietà ed usufrutto.

 

Come amministratore conosco solo questo. Come posso affermare che, ad es nel caso di due comproprietari, l'avente diritto alla detrazione è solo uno dei due? Anche se vedessi che il bonifico con cui sono state versate le quote per quella unità immobiliare proviene dal conto di uno solo dei comproprietari, ciò non dice molto: pensiamo ad un pagamento anticipato da uno dei due per rientrare nei termini di scadenza della riscossione e non mettere in dificoltà il condominio, ma poi restituito con movimenti bancari di cui l'amministrazione è ignara.

 

Pensavo dunque di utilizzare un formula del genere:

 

(dopo aver dichiarato che l'importo totale dei pagamenti fatti dal condominio è TOT)

 

"....certifico che in base ai millesimi di propretà general del condominio, la quota di tale spesa a carico dell'unità immobiliare (interno n....) nella titolarità di... e di....., è pari a euro....."

 

Così la certificazione "parla" del quantum; sarà poi interesse del soggetto che ha materialmente sostenuto la spesa (se ovviamente ne ha titolo: titolare di dritto reale, anche solo per quota, familiare convivente ecc...) tenere sottomano (assieme agli altri documenti allegati alla sua dichiarazione dei redditi) le "pezze" che dimostrino che è stato lui a sostenere la spesa. Ma, ripeto, come fa ad affermarlo l'amministratore? (come si può capire, ho ricevuto richieste verbali in tal senso).

 

Grazie a chi mi aiuterà a fare luce

Non ho molto tempo per dilungarmi.

Ti dico in breve che di norma l'amministratore certifica in capo a chi risulta essere proprietario della u.i. Solo qualora il singolo ne faccia esplicita richiesta all'amministratore si andrà ad intestare la certificazione al soggetto indicato nella richiesta stessa (come potrebbe succedere nel caso in cui vi sia stato un usufruttuario, familiare convivente o comunque altro soggetto avente titolo che ne abbia sostenuto le spese).

Grazie della risposta. Capisco che a volte il tempo è tiranno... e poi, certo, lungi da me pretenere risposte istantanee. Comunque, non siamo ancora con l'acqua alla gola, nel senso che di tempo per produrre queste certificazioni ce n'è. Per questo (solo se puoi e solo se e quando ne hai il tempo), abuserei della tua disponibiità per chiederti ulteriori dettagli.

 

Es, in mancanza di espresse richieste dovrei certificare, come dici, a chi risulta titolare della u.i. Quindi in caso di 2 comproprietari potrebbe andare bene la formula che avevo messo giù (in soldoni: che la quota di competenza della u.i è X) o va espressamente attestato che sia Tizio che Caio hanno diritto alla detrazione? Ed eventualmente anche spingersi a quantificare la ripartizione tra loro in base alla percentuale di comproprietà?

 

Grazie ancora

 

Es, in mancanza di espresse richieste dovrei certificare, come dici, a chi risulta titolare della u.i. Quindi in caso di 2 comproprietari potrebbe andare bene la formula che avevo messo giù (in soldoni: che la quota di competenza della u.i è X) o va espressamente attestato che sia Tizio che Caio hanno diritto alla detrazione? Ed eventualmente anche spingersi a quantificare la ripartizione tra loro in base alla percentuale di comproprietà?

 

Grazie ancora

1) Devi semplicemente certificare in capo ai 2 comproprietari dell'unità ed indipendentemente da come hanno contribuito alla spesa.

2) Assolutamente no: non è infatti compito dell'amministratore dividere ovvero stabilire percentuali.

Sie veramente molto gentile e disponibile.

 

Sul punto due ero convinto che fosse come dici tu, ma ero stato volutamente "esagerato" per ottenere conferma del contrario

 

Grazie mille

×