Vai al contenuto
contaf

Anagrafe condominiale - ma cosa si intende per condomini di sicurezza?

La nuova legge parla di: curare la tenuta del registro di anagrafe condominiale contenente le generalita' dei singoli proprietari e dei titolari di diritti reali e di diritti personali di godimento, comprensive del codice fiscale e della residenza o domicilio, i dati catastali di ciascuna unita' immobiliare, nonche' ogni dato relativo alle condizioni di sicurezza.

 

Ma cosa si intende per condizioni di sicurezza?

 

Ve lo chiedo perché sono in discussione con il comune di Terni che vuole il certificato degli impianti di riscaldamento autonomo dei condomini di un palazzo a seguito dell'esposto fatto da un condomino.

 

Ma non è il comune che deve vigilare in queste cose?

 

Grazie.

salve,

si tratta di un argomento trattato moltissimo su questo forum.

Prova ad usare la funzione di ricerca e appariranno molti post su questo argomento, alcuni anche molto recenti.

In bocca al lupo.

La nuova legge parla di: curare la tenuta del registro di anagrafe condominiale contenente le generalita' dei singoli proprietari e dei titolari di diritti reali e di diritti personali di godimento, comprensive del codice fiscale e della residenza o domicilio, i dati catastali di ciascuna unita' immobiliare, nonche' ogni dato relativo alle condizioni di sicurezza.

 

Ma cosa si intende per condizioni di sicurezza?

 

Ve lo chiedo perché sono in discussione con il comune di Terni che vuole il certificato degli impianti di riscaldamento autonomo dei condomini di un palazzo a seguito dell'esposto fatto da un condomino.

 

Ma non è il comune che deve vigilare in queste cose?

 

Grazie.

Il proprietario del riscaldamento autonomo dovrebbe avere il librettino dell'impianto con le schede di verifica e di controllo rilasciate dal tecnico abilitato e l'eventuale " bollino verde " od ogni altra prescrizione regionale/provinciale/comunale in merito.

L'amministratore dovrebbe avere i dati, di questa documentazione, forniti dal proprietario.

Ciao

Nicola.L

I "certificati" il comune li deve richiedere ai proprietari, non all'amministratore...

Il comune li chiede a te in virtù di una legge che con il termine "DEVE" ha incaricato l'amministratore di tenere il registro dell'anagrafe condominiale contenente oltre ai dati relativi alla proprietà anche i dati relativi alla sicurezza che l'amministratore - in virtù del termine "DEVE" è OBBLIGATO a chiedere e li chiede a te perchè da quando è entrata in vigore la legge 220/2012 (giugno 2013) sono passati 6 mesi.

Ciao

Nicola.L

scusa ma la riforma dice che l'amministratore deve tenere un registro anagrafico ,mica che deve darlo al comune .(se poi consideri che detto registro non deve obbligatoriamente avere i certificati ,quindi non e' detto che l'amministratore abbia detti certificati ,quindi in base a quale legge l'amministratore deve fornire al comune un qualcosa che non e' tenuto ad avere? )

scusa ma la riforma dice che l'amministratore deve tenere un registro anagrafico ,mica che deve darlo al comune .(se poi consideri che detto registro non deve obbligatoriamente avere i certificati ,quindi non e' detto che l'amministratore abbia detti certificati ,quindi in base a quale legge l'amministratore deve fornire al comune un qualcosa che non e' tenuto ad avere? )

Infatti l'amministratore non ha documenti ma solo i dati. Al limite l'amministratore può comunicare i dati e se questi signori non sono soddisfatti potranno sempre rivolgersi al proprietario dell'impianto e lasciare in pace l'amministratore.

Speriamo che la legge apporti le modifiche dovute di cui si leggono notizie sul "Sole 24 ore".

Ciao

Nicola.L

e allora si torna al punto di partenza ovvero il comune i certificati deve chiederli al proprietario e non all'amministratore . 😜

sempre al proprietario poichè tu non puoi comunicare nulla a terzi. in pratica la dichiarazione di conformità degli impianti che eventualemtne ti fanno i proprietari degli immobili serve se vai a stipulare una polizza ma se uno ti dice che l'u.i. non è a norma certo il codice non ti impone di farglielo fare

×