Vai al contenuto
67sere

Anagrafe condominiale - ho appena ricevuto dal mio amministratore il foglio da compilare per l'anagrafe condominiale

Buongiorno,

ho appena ricevuto dal mio amministratore il foglio da compilare per l'anagrafe condominiale (i dati non erano da richiedere entro il 31712713?????). Oltre ai dati catastali, che per me continua ad essere una richiesta anticostituzionale e che lede i miei diritti di privacy visto che tutti i condomini e non solo hanno la possibilita' di visionare il registro presso lo studio dell'amministratore, mi ha richiesto fotocopia della carta d'identita' valida. Posso rifiutarmi di mandargli la fotocopia della carta d'identita'???

Grazie

Puoi rifiutarti di fornire il documento d'identità ma devi adattarti ed aggiornarti sul fatto che i dati catastali sono pubblici e come tali non soggetti ad alcuna privacy.

salve,

 

perché non è obbligatorio allegare la carta di identità? Se il modello di anagrafe condominiale è un'autocertificazione di dati come tutte le autocertificazioni un documento dovrebbe esser allegato. ho sbaglio?

sbagli ,visto che tra privati l'autocertificazione deve essere con firma autenticata (quindi non serve nessuna copia di documenti ,visto che la firma e' autenticata da un p.u. ) la copia del documento e' richiesta solo per autocertificazioni alle pubbliche amministrazioni o esercenti /gestori di pubblica utilita' .

 

 

che poi in realta' il modello il raccolta di dati non dovrebbe essere un "autocertificazione" ma una semplice comunicazione .la normativa non afferma di certificare dei dati ma semplicemente di comunicare dei dati .

sbagli ,visto che tra privati l'autocertificazione deve essere con firma autenticata (quindi non serve nessuna copia di documenti ,visto che la firma e' autenticata da un p.u. ) la copia del documento e' richiesta solo per autocertificazioni alle pubbliche amministrazioni o esercenti /gestori di pubblica utilita' .

 

 

che poi in realta' il modello il raccolta di dati non dovrebbe essere un "autocertificazione" ma una semplice comunicazione .la normativa non afferma di certificare dei dati ma semplicemente di comunicare dei dati .

Sulla seconda concordo pienamente. Infatti se chiedono sullo stesso modulo residenza e proprietà di un immobile, è un modello ibrido in quanto per il primo dato serve l'autocertificazione, per il secondo la dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà.

http://www.comuniweb.it/autocertificazione/Index.htm

 

Sulla firma autenticata non è così. Sull'autocertificazione non è necessaria, casomai sulla DSAN, come puoi leggere su queste FAQ.

--link_rimosso--

 

Inoltre, se 67sere ha sul modulo anche i dati sulla sicurezza, sappia che la normativa è cambiata molto recentemente è si è in attesa del Decreto di attuazione.

 

Saluti.

"Sulla seconda concordo pienamente. Infatti se chiedono sullo stesso modulo residenza e proprietà di un immobile, è un modello ibrido in quanto per il primo dato serve l'autocertificazione, per il secondo la dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà.

http://www.comuniweb.it/autocertificazione/Index.htm"

 

ripeto per me non servono ne autocertificazione ,ne dichiarazioni sostitutiva di notorio .(visti che sono degli atti che sostituisco eventuali atti della pubblica amministrazione) la riforma si limita alla comunicazione dei dati(ovvero "far sapere" ) e non alla certificazione di dati ( ovvero "dare certezza"). quindi ritengo che la comunicazione di dati possa avvenire con una semplice missiva .

se io devo autocertificare i miei dati allora pretendo che anche l'amministratore mi autocertifichi i suoi dati. (e voglio che lo autocertifichi ogni anno ) 😜

se io devo autocertificare i miei dati allora pretendo che anche l'amministratore mi autocertifichi i suoi dati. (e voglio che lo autocertifichi ogni anno ) 😜

Grazie per le inforamzioni, infatti l'amministratore mi richede i dati anagrafici e catastali e poi la dichiarazione di conformita' dell'immobile alle condizioni di sicurezza secondo le vigenti normative. Mi richiede pure il "consenso all'utilizzo dei dati ed alla loro comunicazione a terzi coinvolti nella gestione delle parti comuni ai sensi del D.Lgs. 196/2003. Informativa ex art. 13 D.lgs. 196/2003". Sul foglio che mi ha inviato c'e' scritto "scheda per registro anagrafe condominiale" e sotto "dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorieta' (Art. 47 D.P.R. 28.12.2000 n. 445)". Abbiamo fatto dei lavori straordinari (sul contratto e' stato specificato che in caso di morosita' non volevamo la "solidarieta'" - anche se nella nuova legge condominiale e' stata esclusa -) io ho pagato tutto mentre ci sono alcuni condomini morosi. Non e' che l'amministratore ci sta preparando qualche "scherzetto"????

Grazie

Grazie per le inforamzioni, infatti l'amministratore mi richede i dati anagrafici e catastali e poi la dichiarazione di conformita' dell'immobile alle condizioni di sicurezza secondo le vigenti normative. Mi richiede pure il "consenso all'utilizzo dei dati ed alla loro comunicazione a terzi coinvolti nella gestione delle parti comuni ai sensi del D.Lgs. 196/2003. Informativa ex art. 13 D.lgs. 196/2003". Sul foglio che mi ha inviato c'e' scritto "scheda per registro anagrafe condominiale" e sotto "dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorieta' (Art. 47 D.P.R. 28.12.2000 n. 445)". Abbiamo fatto dei lavori straordinari (sul contratto e' stato specificato che in caso di morosita' non volevamo la "solidarieta'" - anche se nella nuova legge condominiale e' stata esclusa -) io ho pagato tutto mentre ci sono alcuni condomini morosi. Non e' che l'amministratore ci sta preparando qualche "scherzetto"????

Grazie

Salto la parte sui lavori perchè è un pò difficile saperlo, ma non mi pare ci possa essere una connessione.

 

In merito a quanto scrivi sull'AC:

 

-dati anagrafici e catastali: ok;

 

-dichiarazione di conformità: in base al DL 145/2013 comma 9 lettera c, non più previsto chiedere ai condomini alcunchè sulla sicurezza dei locali di proprietà. Lo stesso articolo ha chiarito che è invece l'amm.re a dover inserire nell'AC i dati sulle condizioni di sicurezza delle parti comuni. Ciò, salvo il DL non venga convertito in legge, ma resterebbe di dubbia interpretazione.

--link_rimosso--

 

-il consenso al trattamento dei dati non è necessario nè previsto, quando i dati sono trattati sulla scorta dello svolgimento di una prestazione professionale contrattualizzata;

 

-non può essere solo una DSAN, perchè come t'abbiamo scritto sopra, le generalità sono autocertificazione. Inoltre la DSAN avrebbe bisogno della firma autenticata circolando tra privati.

 

Personalmente la vedo così, ma è solo la mia opinione, quindi non un parere qualificato nè una consulenza.

×