Vai al contenuto
Mirila

Amm.re che non da corso a lavori straordinari urgenti deliberati

buonasera a tutti,

a seguito di mancata esecuzione radicale al problema di infiltrazioni da copertura piana, ma sola esecuzione di piccola riparazione non risolutiva, ci siamo autoconvocati in assemblea urgente e deliberato il rifacimento della copertura; quanto sopra, come detto, in quanto in tarda primavera l'Amm.re è intervenuto con sua ditta di fiducia con una piccola e insignificante riparazione. Sostanza gli alloggi dell'ultimo piano e del piano sottostante... con le piogge di questo ultimo mese sono pressoché allagati; uno in particolare oltre ai soffitti si ritrova con mobili e porte che non si chiudono e addirittura percola acqua meteorica dai punti luce a soffitto. Quindi abbiamo invitato 3 imprese, tra le quali quella dell'Amm.re, che è risultata più cara (esattamente del doppio rispetto alle altre); quindi abbiamo definito di affidare i lavori a una di quelle da noi convocate. dopo aver definito il capitolato e il prezzo finale abbiamo altresì definito modalità di pagamento impresa e emissione di relativi mav per l'incasso a noi condomini. il tutto in copia, anticipata con mail pec. e inviata con raccomandata veloce all'Amm.re. Sono trascorsi oramai oltre 7 sette giorni e l'Amm.ne non si muove ad affidare con lettera i lavori all'impresa da noi designata. Naturalmente gli alloggi continuano ad essere "irrorati" dalla pioggia insistente, salvo sprazzi di tregua che ci avrebbero concesso almeno una preventiva "messa in sicurezza", prevista nel capitolato, con della guaina liquida per contenere i danni almeno sino ad un miglioramento meteo che permetta la posa delle nuove guaine.

Bene considerato che l'Amm.re non si degna neppure di rispondere al telefono, che fare? Si può fare una denuncia alle Autorità per mancato...(non so cosa)? in modo poi di citarlo in giudizio anche per rispondere dei maggiori danni arrecati agli alloggi?Esistono situazioni simili e magari con sentenze per tali situazioni analoghe? Grazie a tutti per i suggerimenti che vorrete inviarci. Cordiali saluti.

Grazie, questo era già in preventivo..., ma nell'immediato? Che fare? Come possiamo muoverci? Esposto, denuncia, racc ANACI o associazione di categoria alla quale è iscritto? Dimenticavo...avevamo previsto anche un compenso (25 + iva 22%) per le incombenze di emissione ordine e pratica recupero fiscale...

 

- - - Aggiornato - - -

 

scusa, quel 25 equivale al 2% + iva 22%. Sorry

Tullio è stato chiaro, va rimosso nel modo più indolore possibile oppure ricorrendo al giudice, non ci sono ricorsi di alcun genere, finché non dovessero sorgere eventuali danni da negligenza, "ma volete arrivare a quel punto?"

Tullio è stato chiaro, va rimosso nel modo più indolore possibile oppure ricorrendo al giudice, non ci sono ricorsi di alcun genere, finché non dovessero sorgere eventuali danni da negligenza, "ma volete arrivare a quel punto?"

Grazie ancora. Purtroppo i danni ci sono già...(derivanti da ciò) infatti il lungo decorso della "pratica", richiesta autoconvocazione, sopralluoghi con le ditte e attesa dei preventivi, attesa di 6 gg.. per assemblea, invio racc. veloce e mail pec con la documentazione per emettere la "conferma d'ordine".... Il tutto in questi ultimi 20 giorni di pioggia continua, di forte intensità e quantità, hanno arrecato all'appartamento dell'ultimo piano nuovi danni causa il percolato meteorico dalle pareti e soffitti (armadio praticamente distrutto, palquet sollevato, una stanza inagibile con secchi a terra, porte delle stanze che non si chiudono causa il rigonfiamento del traverso superiore, continui distacchi di corrente del magnetotermico causa le infiltrazioni nei punti luce, etc) e altri danni a soffitti e pareti all'alloggio sottostante a quello dell'ultimo piano. Credo che a dire "negligenza" sia poco...

Comunque grazie ancora, buon lavoro e un cordiale saluto a tutti.

Secondo me essendoci tutti questi danni sarà necessario sentire un bravo legale e procedere con causa contro l'ammistratore. Auguri

buonasera a tutti,

a seguito di mancata esecuzione radicale al problema di infiltrazioni da copertura piana, ma sola esecuzione di piccola riparazione non risolutiva, ci siamo autoconvocati in assemblea urgente e deliberato il rifacimento della copertura; quanto sopra, come detto, in quanto in tarda primavera l'Amm.re è intervenuto con sua ditta di fiducia con una piccola e insignificante riparazione. Sostanza gli alloggi dell'ultimo piano e del piano sottostante... con le piogge di questo ultimo mese sono pressoché allagati; uno in particolare oltre ai soffitti si ritrova con mobili e porte che non si chiudono e addirittura percola acqua meteorica dai punti luce a soffitto. Quindi abbiamo invitato 3 imprese, tra le quali quella dell'Amm.re, che è risultata più cara (esattamente del doppio rispetto alle altre); quindi abbiamo definito di affidare i lavori a una di quelle da noi convocate. dopo aver definito il capitolato e il prezzo finale abbiamo altresì definito modalità di pagamento impresa e emissione di relativi mav per l'incasso a noi condomini. il tutto in copia, anticipata con mail pec. e inviata con raccomandata veloce all'Amm.re. Sono trascorsi oramai oltre 7 sette giorni e l'Amm.ne non si muove ad affidare con lettera i lavori all'impresa da noi designata. Naturalmente gli alloggi continuano ad essere "irrorati" dalla pioggia insistente, salvo sprazzi di tregua che ci avrebbero concesso almeno una preventiva "messa in sicurezza", prevista nel capitolato, con della guaina liquida per contenere i danni almeno sino ad un miglioramento meteo che permetta la posa delle nuove guaine.

Bene considerato che l'Amm.re non si degna neppure di rispondere al telefono, che fare? Si può fare una denuncia alle Autorità per mancato...(non so cosa)? in modo poi di citarlo in giudizio anche per rispondere dei maggiori danni arrecati agli alloggi?Esistono situazioni simili e magari con sentenze per tali situazioni analoghe? Grazie a tutti per i suggerimenti che vorrete inviarci. Cordiali saluti.

Caro Mirila comprendo il disagio che può recare un infiltrazione di tale entità, detto questo aldilà della mera questione d'inadempienza vi è una questione più urgente, ossia procedere quanto prima con l'esecuzione della stessa.

Ti consiglio di:

 

- provare a far inviare da un tuo avvocato formale atto di diffida ad adempiere a quanto deliberato (€ 80,00/100)

- Avvalervi come precedente dell'art. 66 disp. att. c.c. ed autoconvocarvi per l'eventuale revoca dell'amministratore.

- prima di firmare un qualsivoglia contratto di appalto vi consiglio di verificare tutte le clausole dello stesso ed inserire delle clausole a vostra tutela, in quanto con i lavori su tetto e facciate le cause sono dietro l'angolo.

Si parla di lunghi tempi e poi si citano 7/20 gg. Mah...

 

Ma il vs. problema di infiltrazioni era già conosciuto da tempo o è comparso tutto d'un tratto? Perché se è una cosa successa ora capisco la furia e le accuse all'Amministratore, ma se il problema è una mancata manutenzione negli anni passati che hanno portato alla situazione attuale forse è meglio valutare qualche dato in più prima di sparare sentenze contro l'Amministratore.

 

Non voglio difendere nessuno (men che meno la "categoria"), vorrei solo avere più dati per capire. In poche risposte del thread ci sono minimo 3/4 consigli di sostituire al volo l'Amministratore, mi sembra eccessivo senza aver prima capito bene la situazione. Ci possono essere ben altri consigli che si possono dare all'utente per tutelare i diritti suoi e del condominio, credo.

Si parla di lunghi tempi e poi si citano 7/20 gg. Mah...

 

Ma il vs. problema di infiltrazioni era già conosciuto da tempo o è comparso tutto d'un tratto? Perché se è una cosa successa ora capisco la furia e le accuse all'Amministratore, ma se il problema è una mancata manutenzione negli anni passati che hanno portato alla situazione attuale forse è meglio valutare qualche dato in più prima di sparare sentenze contro l'Amministratore.

 

Non voglio difendere nessuno (men che meno la "categoria"), vorrei solo avere più dati per capire. In poche risposte del thread ci sono minimo 3/4 consigli di sostituire al volo l'Amministratore, mi sembra eccessivo senza aver prima capito bene la situazione. Ci possono essere ben altri consigli che si possono dare all'utente per tutelare i diritti suoi e del condominio, credo.

Gran parte di quanto scrivi lo condivido, ma attenzione bisogna leggere bene quanto scritto in quanto:

 

- 1 da quanto scrive l'utente Mirila si è avvalso dell'art. 66 disp.att.c.c. "autoconvocazione" il che significa che non l'amministratore non ha convocato l'assemblea come richiesto.

 

- 2 ad essere sincero è capitato anche a noi in sti giorni un problema simile, ossia copiosa perdita in degli appartamenti ma purtroppo non abbiamo potuto far nulla se non tamponare le perdite in quanto vi è una causa in corso e non si possono fare interventi, ma ciò non significa che non siamo usciti a parlare con i condomini e visionare il problema.

 

- 3 non so te ma se in 20 gg che mi piove in casa l'amministratore non mi risponde dopo che ho dovuto anche autoconvocare un assemblea a me girerebbero un tantino le scatole.

 

- 3 non so te ma se in 20 gg che mi piove in casa l'amministratore non mi risponde dopo che ho dovuto anche autoconvocare un assemblea a me girerebbero un tantino le scatole.

Che si può fare all'amministratore che non fa nulla dopo 20 giorni di infiltrazioni? Minimo mimino spedirlo a casa e prenderne uno più efficiente.

Beh ovvio, che in 20gg. non abbia risposto nemmeno al telefono è chiaramente inaccettabile.

 

Per il resto ripeto, non voglio spezzare lance, vorrei solo un po' più di obbiettività, non da parte dell'utente che di sicuro è arrabbiato, ma da parte di chi gli risponde.

 

Peraltro, nel peggiore dei casi, c'è sempre la possibilità da parte del condomino (o dei condomini) di eseguire eventuali interventi e riparazioni d'urgenza a spese proprie rimborsabili poi dal Condominio. Forse conviene seguire quella strada intanto, senza perdere altro tempo dietro all'Amministratore, che poi però dovrà giustificare il suo operato (mancato).

...in quanto in tarda primavera l'Amm.re è intervenuto con sua ditta di fiducia con una piccola e insignificante riparazione.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------

Il fatto. I proprietari di due appartamenti, dopo aver subito danni ai loro immobili causati da infiltrazioni di acqua derivanti dal lastrico solare, citano in giudizio il condominio ed il proprietario dell'appartamento all'ultimo piano poiché titolare del diritto di uso esclusivo del terrazzo, nonché la ditta appaltatrice che aveva eseguito i lavori di pavimentazione.

 

Fonte /lavori-e-danni-da-infiltrazioni-chi-paga.11502#ixzz3L2OY4LxRhttps://www.condominioweb.com/lavori-e-danni-da-infiltrazioni-chi-paga.11502#ixzz3L2OY4LxR

https://www.condominioweb.com

Chi gli risponde (io sono uno dei tanti) risponde come ha sempre fatto nel caso di inefficienza dell'amministratore "lo si sostituisce con uno più efficiente".

Se leggi i miei commenti ti renderai conto che non sono il tipo che critica solamente gli amministratori ma valuto prima di rispondere e se l'ammistratore ha ragione sto dalla sua parte, ma in questo caso non mi sento in grado di muovere neppure un dito per chi lascia a mollo i condomini per 20 giorni e non risponde neppure.

Buongiorno, sempre io. Innanzi tuto desidero ringraziare tutti per la collaborazione e faremo "tesoro" di quanto indicato. come consigliato è stato scritto da Studio legale e finalmente l?Amm.re si è mosso...facendo l'ordine alla ditta da noi scelta: ora una ultima domanda: presentata l'offerta con un piccolo capitolato, aiutati, per l'esecuzione la Ditta ha anche allegato un piccolo POS, C.C.I.A. E DURC. Ma...ecco la domanda, per un lavoro di 5 gg con due addetti, artigiani, è necessario avere il cartello di cantiere, l'elenco prezzi splittato con gli oneri della sicurezza (naturale che i prezzi contengano anche gli oneri della sicurezza, come indicato nel 81/2008)? Oltre ad una serie di "gabelle" richieste dall'Amm.re? Siccome il prezzo della nostra Ditta è notevolmente inferiore (40% in meno), comunque riconducibili al listino C.C.I.A. di Milano, a quelli offerti dalla Ditta inviata dall'Amm.ne...peraltro non indicato nella loro offerta pervenuta...mi sembra una ulteriore "forzatura" fatta dall'Amm.re ! Speriamo di ultimare in fretta questa "telenovela" e di mettere al sicuro gli alloggi dell'ultimo piano prima dell'inverno che incombe, poi pensiamo che in assemblea generale...qualche cosa succederà con la presentazione di altre due alternative all'attuale Amm.ne. Grazie ancora di tutti i consigli e per quanto scrivere nel Forum. Con l'occasione auguro Buon Lavoro a Felici Festività.

×