Vai al contenuto
Mirella 59

Amministratori: in teoria tutto chiaro, ma poi ... ?

buongiorno

leggo spesso e anche io ho posto quesiti su comportamenti poco corretti di amministratori.

Forse perchè è quello che sto vivendo in questo periodo come condomina, sono particolarmente "sensibile" e vorrei porre una questione di carattere generale.

Gli utenti segnalano qui un comportamento scorretto del loro amministratore e tempestivamente gli esperti di questo forum indicano una possibile soluzione. Le indicazioni sono tecnicamente e teoricamente perfette, ma poi dal punto di vista pratico spesso risultano di difficile applicazione.

Faccio degli esempi:

A) il mio amministratore sbaglia i conti, gli altri condomini non controllano e in assemblea approvano il consuntivo. Io sono dissenziente. Cosa faccio? "impugna la deliberazione, fai così e così ecc". Si sono anche scatenate sottili discussioni di metodo tra esperti. Perfetto. Peccato che per impugnare devo andare da un avvocato ecc ecc e a fronte di poche decine di euro che pago in più ogni anno, ne debba spendere alcune centinaia. Soluzione praticamente inaccettabile.

B) davvero questo amministratore non va bene, fa questo e quello ecc. Soluzione: alla prossima assemblea non lo nominate più. Peccato che sia inamovibile: la maggioranza dei condomini sono suoi amici

C) provo ad attaccarlo sulle norme. Gli chiedo l'attestato di aggiornamento. E se non me lo presenta (cosa probabile)? vai da un avvocato ecc ecc. Peccato che l'avvocato non lavori gratis e poi, come ha detto qualcuno, lascia perdere perchè l'attestato se lo procura facilmente e velocemente on line.

Leggendo qua e là ci sono diversi casi, spesso si ricade nella casistica di soluzioni di ardua o costrosa attuazione. E si rimane come si era.

Lo so che non c'è domanda, quindi non chiedetemi cosa voglio sapere.

Mi piacerebbe avere commenti da parte non solo degli esperti ma anche di utenti come me.

buongiorno

leggo spesso e anche io ho posto quesiti su comportamenti poco corretti di amministratori.

Forse perchè è quello che sto vivendo in questo periodo come condomina, sono particolarmente "sensibile" e vorrei porre una questione di carattere generale.

Gli utenti segnalano qui un comportamento scorretto del loro amministratore e tempestivamente gli esperti di questo forum indicano una possibile soluzione. Le indicazioni sono tecnicamente e teoricamente perfette, ma poi dal punto di vista pratico spesso risultano di difficile applicazione.

Faccio degli esempi:

A) il mio amministratore sbaglia i conti, gli altri condomini non controllano e in assemblea approvano il consuntivo. Io sono dissenziente. Cosa faccio? "impugna la deliberazione, fai così e così ecc". Si sono anche scatenate sottili discussioni di metodo tra esperti. Perfetto. Peccato che per impugnare devo andare da un avvocato ecc ecc e a fronte di poche decine di euro che pago in più ogni anno, ne debba spendere alcune centinaia. Soluzione praticamente inaccettabile.

B) davvero questo amministratore non va bene, fa questo e quello ecc. Soluzione: alla prossima assemblea non lo nominate più. Peccato che sia inamovibile: la maggioranza dei condomini sono suoi amici

C) provo ad attaccarlo sulle norme. Gli chiedo l'attestato di aggiornamento. E se non me lo presenta (cosa probabile)? vai da un avvocato ecc ecc. Peccato che l'avvocato non lavori gratis e poi, come ha detto qualcuno, lascia perdere perchè l'attestato se lo procura facilmente e velocemente on line.

Leggendo qua e là ci sono diversi casi, spesso si ricade nella casistica di soluzioni di ardua o costrosa attuazione. E si rimane come si era.

Lo so che non c'è domanda, quindi non chiedetemi cosa voglio sapere.

Mi piacerebbe avere commenti da parte non solo degli esperti ma anche di utenti come me.

Tra le soluzioni che hai citato ne manca una, la più economica e forse la più complicata da attuare, ovvero parlare con i condomini e spiegare gli errori che compie l'amministratore, e convincerli con un paziente lavoro e discussione con i vicini magari proponendo di bere un caffè assieme a casa tua od al bar sotto casa o quattro chiacchiere sul pianerottolo, so che è difficile, ma pian piano facendo così si può arrivare ad un buon risultato ed ottenere quella maggioranza necessaria per sostituire l'amministratore con uno più in gamba e ligio alle norme civilistiche.

Grazie Tullio. La soluzione che suggerisci, semplice ed economica, nonché pacifica, non è stata citata perché è quella che ho adottata per prima, precedentemente a tutte le questioni che ho posto a questo forum. Ma, come vedi, ho poi dovuto ricorrere ai vostri consigli. L'amministratore e' intoccabile e inamovibile.

L'amministratore e' intoccabile e inamovibile.
Fatto salvo le solite e già citate soluzioni a pagamento, altro che io so non c'è, per cui tra quelle dette, e se uno proprio vuole c'è la soluzione giusta, per cui l'amministratore non è intoccabile e inamovibile, basta volerlo.
Grazie Tullio. La soluzione che suggerisci, semplice ed economica, nonché pacifica, non è stata citata perché è quella che ho adottata per prima, precedentemente a tutte le questioni che ho posto a questo forum. Ma, come vedi, ho poi dovuto ricorrere ai vostri consigli. L'amministratore e' intoccabile e inamovibile.

Io ero più o meno nelle tue condizioni ma l'amministratore non aveva amici particolari; regnava solo il disinteresse assoluto e soprattutto perchè, essendoci rendite condominiali, nessuno tirava fuori un centesimo, l'amministratore faceva i suoi comodi.

Ho fatto proprio quello che ti ha suggerito Tullio sensibilizzando i condòmini e mai avrei pensato di amministrare il mio condominio perchè ero completamente ignorante in materia ed ho dovuto imparare tutto da zero quando avevo già 56 anni.

 

Per me è stato facile parlare con gli altri condòmini perchè siamo una ex cooperativa, entrati in casa da giovani ed invecchiati insieme.

Se, però, tu non riesci ad ottenere la maggioranza dei consensi davanti a un caffè, purtroppo per te, da CONDOMINO, ti dico che non c'è via di uscita.

Se ci riesci, sopporta, altrimenti cambia casa.

Se la maggioranza è con l'amministratore, anche se tu ottenessi una revoca giudiziale, vinceresti forse solo una battaglia ma non la guerra.

L'assemblea nominerebbe come nuovo amministratore il compagno di merende dell'ex e probabilmente, con contabilità al limite della legalità, potresti pagarne il conto.

Ringrazio tutti per i consigli, le opinioni e le consulenze che mi sono state elargite in questo forum.

Mi commiato da voi con qualche considerazione di carattere personale e non tecnico:

1. Sono proprietaria per eredità di quell'appartamento, ma per fortuna mia non abito li

2. Con i condomini inutile cercare ulteriore dialogo, per loro sono troppo istruita

3. Questo appartamento per me è un debito di famiglia da pagare: tasse sulla casa, spese di condominio calcolate impropriamente, debiti lasciati da ex inquilino con la connivenza dell'amministratore (ovviamente non dimostrabile)....

e' vuoto, nonché in vendita a due anni tramite ottimo agente. Ma pare che se non lo regalo mi debba tenere il debito.

Auguri a tutti voi

Scusate, ancora una cosa.

Non mi chiamo Mirella, 59 non è il anno di nascita, non abito a Ravenna.

Di vero c'è la situazione esposta nonché la situazione che sto affrontando.

Mi sono camuffata per timore di essere riconosciuta ma ho sopravvalutato l'amministratore. Per lui sarebbe troppo faticoso informarsi.

Ha,ha...il mio mi ha rintracciato,perchè non ho paura di firmare quello che scrivo. Abbiamo avuto anche qualche "scambio di idee". Questo è un forum,tutti siamo liberi di esporre i nostri problemi,nessuno sta qua a rubare il tempo degli altri per raccontare la bugie.

Eh si Tullio,le Tue sono parole sante ma...dipende dalle situazioni.Nel nostro caso sono proprio i condomini a lamentarsi e di brutto,usando anche epiteti disumani nei confronti dell'amministratore ma ...in assemblea sono tutte pecorelle.Naturalmente ci sono anche le persone che capiscono veramente poco,non distinguono il preventivo dal consuntivo,per dire una:si parlava dei millesimi,chi ne ha 60 chi 65 chi 70. Salta su una delle condomine chiedendo :e io che sono del 1938 quanti ne ho?

E cosa dire di quelli che per tutto l'anno ti rompono le scatole dicendo:dobbiamo tirarla via questa amministratrice,non sa fare un tubo,non capisce nulla e poi in assemblea ...tutti la confermano.Basta così,questi sono esempi più banali,quelli poco significanti...Cordialmente Marghy

Eh si Tullio,le Tue sono parole sante ma...dipende dalle situazioni.Nel nostro caso sono proprio i condomini a lamentarsi e di brutto,usando anche epiteti disumani nei confronti dell'amministratore ma ...in assemblea sono tutte pecorelle.Naturalmente ci sono anche le persone che capiscono veramente poco,non distinguono il preventivo dal consuntivo,per dire una:si parlava dei millesimi,chi ne ha 60 chi 65 chi 70. Salta su una delle condomine chiedendo :e io che sono del 1938 quanti ne ho?

E cosa dire di quelli che per tutto l'anno ti rompono le scatole dicendo:dobbiamo tirarla via questa amministratrice,non sa fare un tubo,non capisce nulla e poi in assemblea ...tutti la confermano.Basta così,questi sono esempi più banali,quelli poco significanti...Cordialmente Marghy

Chi è colpa del suo mal pianga se stesso

 

Ovvero è inutile lamentarsi e poi alla resa dei conti quando si vota soccombere e diventare tutti delle pecorelle.

In più il comportamento così è molto logorante.Spesso mi arrabbio con quelle persone ma sono tutti anziani e non mi va di litigare anche se la lingua prude...Nota,sono tutti pensionati,ceto medio,non abbiamo dei professori con 10 mila euro mensili.Abbiamo anche un moroso grave(circa 7 mila euro),più lavori straordinari fai più si aggrava la situazione dei morosi.Se si trattasse di lavori veramente necessari -ben venga,ma rifare un tetto che,detto dall'artigiano,con piccolo intervento potrebbe durare ancora anni è assurdo. Niente da fare.Vorrebbero fare tutto senza spendere soldi,dopo si lamentano che le rate sono troppe,che debbono pagare anche per i morosi. Spiega e rispiega,è un si,si hai ragione ma in assemblea...ci risiamo.Se si trattasse di due tre persone pazienza ma il 70% è così.Be,tiriamo avanti.Grazie mille,Marghy

scusa ma non mi risulta che i professori guadagnano 10000 euro mensili . (neanche quelli universitari)

scusa ma non mi risulta che i professori guadagnano 10000 euro mensili . (neanche quelli universitari)

Peppe non farmi ridere,hai voglia di qualche polemica???Non faccio riferimento agli insegnanti o docenti,calmati un pochino,vedo che ultimamente i Tuoi commenti sono carichi di qualche risentimento,se non hai captato il senso del discorso non è colpa mia.Scambiare professori con insegnanti va la,per favore.Che senso ha la Tua risposta mi spieghi?Dormici sopra che è meglio

×