Vai al contenuto
Sim condomini

Amministratori di condominio - il pos per pagare le rate condominiali

Il problema principale o direi meglio l'ostacolo per l'amministratore di poter installale il POS ad evitare di far confluire tutto su un unico conto correte, è quello che per ogni condominio dovrebbe esserci un apparecchio Pos dedicato, da quanto ne so non esistono pos unici per più conti correnti, questo particolare l'avevo letto su un articolo di tempo fa e non trovo la rivista od il giornale che affermava questo problema.

E' proprio questo il problema che ha risolto l'autore del post.

Ora esiste un UNICO POS in grado di far confluire i pagamenti fatti con bancomat su 100 o 200 conti correnti diversi:

1 POS per 200 c/c.

Infetti nel suo primo intervento, Sim Condomini ha scritto:

 

"Per ciascun amministratore sara’ possibile transare su cento o duecento conti correnti diversi a seconda dell’esigenza ed ogni volta che ci sono delle assemblee o visite nei diversi condomini sempre e’ possibile “pagare su qualsiasi conto” di qualsiasi condominio.Questo tipo di servizio non e’ fornito da altri pos che pur accettando carte e bancomat di ogni tipo riversano sempre la transazione su un unico conto.

Se l'amministratore si presenta a casa tua con quel POS, con il tuo bancomat puoi fare anche un versamento sul mio conto personale 😉

E' proprio questo il problema che ha risolto l'autore del post.

Ora esiste un UNICO POS in grado di far confluire i pagamenti fatti con bancomat su 100 o 200 conti correnti diversi:

1 POS per 200 c/c.

Infetti nel suo primo intervento, Sim Condomini ha scritto:

 

1. "Per ciascun amministratore sara’ possibile transare su cento o duecento conti correnti diversi a seconda dell’esigenza ed ogni volta che ci sono delle assemblee o visite nei diversi condomini sempre e’ possibile “pagare su qualsiasi conto” di qualsiasi condominio.Questo tipo di servizio non e’ fornito da altri pos che pur accettando carte e bancomat di ogni tipo riversano sempre la transazione su un unico conto.

2. Se l'amministratore si presenta a casa tua con quel POS, con il tuo bancomat puoi fare anche un versamento sul mio conto personale 😉

...Per farla breve, siamo nell'ufficio dell'amministratore io e un altro condomino di un altro condominio, lui per turno passa per 1° e versa la sua quota tramite Pos in possesso dell'amministratore, io come 2° verso la mia quota tramite Pos, ma effettivamente le due quote dove vanno a finire?

Su un conto unico a nome dell'amministratore, oppure ciascun condomino troverà la quota sul cc condominiale a nome dello stabile in cui questo è proprietario?

Questo è il problema che pongo.

E' proprio questa la novità proposta dall'autore del post che ha già risposto ai tuoi dubbi.

Si tratta di uno speciale POS PORTATILE utilizzabile anche a domicilio perchè anzichè essere collegato alla rete telefonica è collegato tramite una SIM TELEFONICA.

A seconda delle esigenze dell'amministratore si può richiedere un POS che operi fino a 100 c/c diversi ed un POS che operi fino a 200 c/c diversi.

Nessun problema, quindi, se nello studio sono presenti 50 condòmini di 50 condominii diversi.

Il denaro di ciascuno dei 50 condòmini di edifici diversi finirà nei relativi diversi 50 c/c.

 

Il vero problema è che anzichè disincentivare il pagamento presso lo studio o a domicilio per poter massimizzare le risorse umane, si incentiverà un sistema di pagamento che non porta alcun beneficio all'amministratore, anzi, perfino chi possiede un semplice libretto di risparmio ed è in possesso di una semplice carta prepagata (tipo POSTEPAY) preferirà fare la fila presso l'amministratore anzichè presso la Posta per pagare il bollettino.

 

P.S. Essendo amministratore interno del mio solo condominio che ha il conto presso una banca ad un isolato dall'edificio dove la maggior parte dei condòmini ha il conto personale, anche se può sembrare, la mia non è assolutamente un'opinione di parte ma non possiamo pretendere che l'amministratore corra anche portarci la carta igienica nel momento del bisogno 🙂

1) Nessuno dice: e' obbligatorio fare il pagamento con il pos,ma sarebbe obbligatorio per l'amministratore averlo per dare un servizio in piu'.

2) Considerando che il pagamento dovrebbe essere tracciato,se l'amministratore riceve soldi contanti secondo voi cosa deve fare?

1) Obbligatorio per l'amministratore è un eufemismo... visto che i costi sarebbero sopportati dai suoi condòmini.

E a questo punto avrei molto da dire se il mio amministratore mi piazzasse un nuovo costo a bilancio per il pos senza un preventivo passaggio assembleare per raccogliere l'irrinunciabile assenso alla spesa.

Il sottoscritto sicuramente voterebbe contro la spesa del pos.

2) Da quest'anno il mio amministratore non accetta più contanti. Cassa soppressa !

A seconda delle esigenze dell'amministratore si può richiedere un POS che operi fino a 100 c/c diversi ed un POS che operi fino a 200 c/c diversi.
Questa non la sapevo, grazie.
1) Obbligatorio per l'amministratore è un eufemismo... visto che i costi sarebbero sopportati dai suoi condòmini.
Infatti, sono perfettamente d'accordo.

Mi auguro di poter dare informazioni e notizie a tutte e tre le persone che ultimamente hanno risposto.

Premesso che ogni condominio ha un suo conto corrente dove vengono versate le rate condominiali e prelevati i soldi per eventuali lavori.Il pos di cui parlavo che puo' essere classico ( con la spina ) o gsm ( portatile che lavora con una sim ) puo' fare la transazione bassissima a 1,30% ( come dicevo,in altro post,qualche banca arriva a far pagare 2 euro a transazione se non ci sono le transazioni elevate ).In piu' con un unico apparecchio e non uno a condominio,l'amministratore puo' far pagare piu' condomini sul conto del proprio condominio ( quindi,ognuno paghera' su un conto corrente diverso se di condomini diversi ).Con questo apparato pos si puo' scegliere di transare su 100 o 200 conti insieme.Per quanto riguarda i costi.In genere e' sempre da valutare il costo delle transazioni che si andranno a fare indipendentemente dal costo apparato,se si acquista o dal costo del noleggio.Spesso quello che potrebbe sembrare piu' conveniente non lo e'.Con il costo delle transazioni potresti rifare presto il costo dell'apparato o dei canoni ed a volte anche superarlo.I pos di cui io parlavo sono i seguenti:

pos multicontocorrente classico con la spina con possibilita' di transare su 200 conti correnti diversi,non ci sono spese di canone,transazione 1,30%

+ programma di posta con il quale e' possibile inviare tramite Poste Italiane o spedire con Sda dalla scrivania del vostro ufficio con 60 euro di ricarica all'interno euro 600 ( per il solo primo anno );

pos multicontocorrente gsm con possibilita' di transare su 200 conti correnti diversi,non ci sono spese di canone,transazione 1,30%

+ programma di posta con il quale e' possibile inviare tramite Poste Italiane o spedire con Sda dalla scrivania del vostro ufficio con 70 euro di ricarica all'interno euro 700 ( per il solo primo anno ).

Acquistabili in tutt'Italia.

Grazie della esauriente risposta, però a quanto vedo dalla discussione l'amministratore non è obbligato ad installare il POS condominiale, infatti la spesa ricadrà sui condomini i quali non sono obbligati ad usare questo POS per i pagamenti delle quote condominiali ne a pagare questa quota in più, solamente una delibera potrà essere valida per l'installazione dell'apparecchio.

Se invece fosse obbligatorio per il professionista, la spesa dovrebbe competere solamente a lui comprese le transizioni, esattamente come si fa in tutti i negozi, infatti al cliente non viene applicato nessun sovracosto in più del prezzo della spesa effettuata.

Concordo con Tullio !

 

Sta storia del pos sta diventando come l'istituzione del sito internet condominiale.

Domanda >>> perché l'amministratore inserisce in OdG la richiesta dell'istituzione del sito internet ?

Risposta >>> perché è insito un nuovo costo per la compagine condominiale.

Se il nuovo costo è bocciato, il Condominio non disporrà di un sito internet da consultare; nonostante ciò la consultazione della documentazione e della situazione contabile rimarrà sempre possibile nelle tradizionali e consuete forme.

 

Analogamente, per il pos vale lo stesso principio: è liberalità dei condomini scegliere la forma di versamento a favore del Condominio, nel rispetto della normativa. Attualmente di nuovo e di certo rispetto ad un recente passato, c'è che la normativa osta le transazioni per contanti ed è stata offerta una nuova forma di transazione, appunto a mezzo pos.

Nel caso del Condominio, gli Amministratori ed i loro mandatari prima o poi si dovranno rassegnare all'abolizione del contante, mentre per il pos (nel loro rapporto non è un obbligo!) si dovranno accordare sul "chi paga" altrimenti tutti quanti possono vivere tranquillamente anche senza pos, perché appurato l'ostracismo verso i contanti, comunque come era ed ancora sarà, rimangono disponibili le altre numerose forme per una transazione regolare.

...la spesa ricadrà sui condomini i quali non sono obbligati ad usare questo POS per i pagamenti delle quote condominiali ...

A parte la spesa per i condòmini che, guardata dal punto di vista dell'amministratore. potrebbe non interessare (tanto pagano i condòmini)...

Ma qual'è il vantaggio per l'amministratore che anzichè indirizzare i condòmini fuori dal suo studio mettendoli in condizione di versare l'importo netto sul conto come meglio preferiscono (pagamento allo sportello, bollettino, bonifico on line senza spese...), con l'utilizzo del POS aumenterebbe il lavoro nello studio?

 

Io, per esempio, non riscuoto contanti.

Nel mio condominio chi ha il conto on line fa il bonifico senza spese.

Chi versa direttamente allo sportello della banca all'angolo dell'edificio lo fa con versamento diretto (per accordi presi) senza spese.

Per chi vuole fare bonifici da altri sportelli di altre banche il condominio riceve la quota netta e non interessa quante spese paga il condòmino.

 

Le domande che mi nascono spontanee sono:

In tutto questo cosa ci guadagna l'amministratore?

Ci sono provvigioni per l'amministratore per questo ulteriore lavoro che deve svolgere presso il suo studio o porta a porta?

C'è un premio iniziale una tantum?

Oppure a trarne beneficio è solo l'azienda che tratta questi POS? 🙂

Oppure a trarne beneficio è solo l'azienda che tratta questi POS? 🙂 dico che alla fin fine l'interesse è per questa azienda, per cui se non esiste d'obbligo il Pos per l'amministratore perchè installarlo?

Ma secondo voi...l'amministratore che ha il pos ha delle percentuali perche' ha un pos? Dara' un ulteriore servizio se vuol darlo agli utenti.Ho ricevuto poco fa' un'informativa e ve ne rendo partecipi.C'e' una banca che da' il pos multicontocorrente e da' la possibilita' di transare su quindici conti correnti diversi ma tutti della stessa banca,quella di cui parlavo con la possibilita' di transazioni su molti piu' conti correnti vende con canoni trimestrali possibilita' di transare fino a 20 conti correnti diversi con possibilita' di aggiungerne altri 30 ( ed arriva a 50 conti correnti diversi ).Il costo e' di euro 60 ( per i 20 ) e di 12 euro ( per altri 30 ).Pero',e' una comodita'...Ritengo.Il pos e' in vendita e c'e' un accesso per spedire posta e richiedere spedizioni plichi e pacchi con 60 euro di ricarica all'interno.I costi dei pos sono e confermo euro 600 per il classico ed euro 700 per il mobile con anticipo all' ordine di euro 150.Ho capito che siete contrari ma che volete comunque informazioni precise e sto' delucidando rispetto alle ultime informazioni avute poco fa'.

Ma secondo voi...l'amministratore che ha il pos ha delle percentuali perche' ha un pos? Dara' un ulteriore servizio se vuol darlo agli utenti.Ho ricevuto poco fa' un'informativa e ve ne rendo partecipi.C'e' una banca che da' il pos multicontocorrente e da' la possibilita' di transare su quindici conti correnti diversi ma tutti della stessa banca,quella di cui parlavo con la possibilita' di transazioni su molti piu' conti correnti vende con canoni trimestrali possibilita' di transare fino a 20 conti correnti diversi con possibilita' di aggiungerne altri 30 ( ed arriva a 50 conti correnti diversi ).Il costo e' di euro 60 ( per i 20 ) e di 12 euro ( per altri 30 ).Pero',e' una comodita'...Ritengo.Il pos e' in vendita e c'e' un accesso per spedire posta e richiedere spedizioni plichi e pacchi con 60 euro di ricarica all'interno.I costi dei pos sono e confermo euro 600 per il classico ed euro 700 per il mobile con anticipo all' ordine di euro 150.Ho capito che siete contrari ma che volete comunque informazioni precise e sto' delucidando rispetto alle ultime informazioni avute poco fa'.

Più che delucidare stai facendo pubblicità e dando informazioni non proprio esatte in quanto hai scritto "Da notare che essendo diventato obbligatorio per gli amministratori di condominio"........come detto dal nostro amico Leonardo53 a trarne beneficio è solo l'azienda che tratta questi POS

Ma secondo voi...l'amministratore che ha il pos ha delle percentuali perche' ha un pos? Dara' un ulteriore servizio se vuol darlo agli utenti.Ho ricevuto poco fa' un'informativa e ve ne rendo partecipi.C'e' una banca che da' il pos multicontocorrente e da' la possibilita' di transare su quindici conti correnti diversi ma tutti della stessa banca,quella di cui parlavo con la possibilita' di transazioni su molti piu' conti correnti vende con canoni trimestrali possibilita' di transare fino a 20 conti correnti diversi con possibilita' di aggiungerne altri 30 ( ed arriva a 50 conti correnti diversi ).Il costo e' di euro 60 ( per i 20 ) e di 12 euro ( per altri 30 ).Pero',e' una comodita'...Ritengo.Il pos e' in vendita e c'e' un accesso per spedire posta e richiedere spedizioni plichi e pacchi con 60 euro di ricarica all'interno.I costi dei pos sono e confermo euro 600 per il classico ed euro 700 per il mobile con anticipo all' ordine di euro 150.Ho capito che siete contrari ma che volete comunque informazioni precise e sto' delucidando rispetto alle ultime informazioni avute poco fa'.
Se questi 60 euro di canone li mette l'amministratore nulla da eccepire, solo così fornirà un servizio in più ai suoi condomini, e poi c'è da calcolare che non tutti sono dotati di bancomat, specialmente le persone anziane, mia madre e mia zia non lo hanno, lo stesso succede a mia moglie, le sue parenti anziane sono sprovviste per cui ...

Sono d'accordo con chi mi ha preceduto, non c'è nessun obbligo per l'amministratore di dotarsi di Pos.

Se questi 60 euro di canone li mette l'amministratore nulla da eccepire, solo così fornirà un servizio in più ai suoi condomini...

I 60 euro di canone sono a trimestre (240 euro annui) per transare su 20 c/c/. diversi.

A questi canoni c'è da aggiungere il costo iniziale del POS ( 600 o 700 euro) che neanche ti consegnano se non versi anticipatamente 150 euro al momento dell'ordine (prima della consegna):

"...600 per il classico ed euro 700 per il mobile con anticipo all' ordine di euro 150..."

Inoltre, caro Tullio, per fornire questo ulteriore servizio l'amministratore deve mettere in conto anche il costo per il tempo che ci dedica lui o la sua segretaria ed il costo giornaliero dell'impresa di pulizia per pulire l'ufficio nelle giornate piovose in cui i condòmini ti onoreranno della loro visita con le scarpe bagnate e magari piene di fango. 🙂

I 60 euro di canone sono a trimestre (240 euro annui) per transare su 20 c/c/. diversi.

A questi canoni c'è da aggiungere il costo iniziale del POS ( 600 o 700 euro) che neanche ti consegnano se non versi anticipatamente 150 euro al momento dell'ordine (prima della consegna):

"...600 per il classico ed euro 700 per il mobile con anticipo all' ordine di euro 150..."

Inoltre, caro Tullio, per fornire questo ulteriore servizio l'amministratore deve mettere in conto anche il costo per il tempo che ci dedica lui o la sua segretaria ed il costo giornaliero dell'impresa di pulizia per pulire l'ufficio nelle giornate piovose in cui i condòmini ti onoreranno della loro visita con le scarpe bagnate e magari piene di fango. 🙂

Inoltre, caro Tullio, per fornire questo ulteriore servizio l'amministratore deve mettere in conto anche il costo per il tempo che ci dedica lui o la sua segretaria ed il costo giornaliero dell'impresa di pulizia per pulire l'ufficio nelle giornate piovose in cui i condòmini ti onoreranno della loro visita con le scarpe bagnate e magari piene di fango. Se l'amministratore ci mette del suo, non posso oppormi, ma so che alcune banche forniscono a casa il servizio del conto corrente on line con tutte le operazioni che si possono fare in banca e senza aggiunte di costi ulteriori neppure per il Mav, ovviamente eccetto il prelievo.
Ahahah grande Leonardo hai detto la pura e sacrosanta verità........tu pensa invece che ogni tanto anche io contraccambio andando a trovare alcuni "condomini" per rompergli le scatole.........(addirittura con alcuni, ci sono andato a mangiare insieme)....

 

P:s caro Leonardo ogni tanto perdere un pò di tempo con qualche condomino per fare 2 chiacchiere fa piacere anche a te......di la verita 🙂

Se l'amministratore ci mette del suo, non posso oppormi, ma so che alcune banche forniscono a casa il servizio del conto corrente on line con tutte le operazioni che si possono fare in banca e senza aggiunte di costi ulteriori neppure per il Mav, ovviamente eccetto il prelievo.

Tullio figurati che la mia banca non ha costi neanche per il prelievo 😉

Neppure la mia in sede e neanche nelle altre del Gruppo con un prelievo bancomat, ma intendevo dire "con eccetto il prelievo" che non è possibile effettuarlo on line da casa ​😉
E' sufficiente che io mi presenti con maschera in volto e pistola in pugno. :icon_lol:
Se hai provato e la racconti ti è andata bene :icon_lol:
Mi auguro di poter dare informazioni e notizie a tutte e tre le persone che ultimamente hanno risposto.

Premesso che ogni condominio ha un suo conto corrente dove vengono versate le rate condominiali e prelevati i soldi per eventuali lavori.Il pos di cui parlavo che puo' essere classico ( con la spina ) o gsm ( portatile che lavora con una sim ) puo' fare la transazione bassissima a 1,30% ( come dicevo,in altro post,qualche banca arriva a far pagare 2 euro a transazione se non ci sono le transazioni elevate ).In piu' con un unico apparecchio e non uno a condominio,l'amministratore puo' far pagare piu' condomini sul conto del proprio condominio ( quindi,ognuno paghera' su un conto corrente diverso se di condomini diversi ).Con questo apparato pos si puo' scegliere di transare su 100 o 200 conti insieme.Per quanto riguarda i costi.In genere e' sempre da valutare il costo delle transazioni che si andranno a fare indipendentemente dal costo apparato,se si acquista o dal costo del noleggio.Spesso quello che potrebbe sembrare piu' conveniente non lo e'.Con il costo delle transazioni potresti rifare presto il costo dell'apparato o dei canoni ed a volte anche superarlo.I pos di cui io parlavo sono i seguenti:

pos multicontocorrente classico con la spina con possibilita' di transare su 200 conti correnti diversi,non ci sono spese di canone,transazione 1,30%

+ programma di posta con il quale e' possibile inviare tramite Poste Italiane o spedire con Sda dalla scrivania del vostro ufficio con 60 euro di ricarica all'interno euro 600 ( per il solo primo anno );

pos multicontocorrente gsm con possibilita' di transare su 200 conti correnti diversi,non ci sono spese di canone,transazione 1,30%

+ programma di posta con il quale e' possibile inviare tramite Poste Italiane o spedire con Sda dalla scrivania del vostro ufficio con 70 euro di ricarica all'interno euro 700 ( per il solo primo anno ).

Acquistabili in tutt'Italia.

Quello che dici forse è vero se io ho tutti i conti correnti con la stessa banca.Ma se io ho i conti correnti condominiali spalmati con 10 banche comunque dovrò avere 10 pos diversi e non tutte le banche fanno le stesse condizioni

Ciao,Giulio.Questo tipo di pos puo' transare su duecendo conti correnti diversi siano essi della stessa banca o di diverse banche.Sulla proposta del pos e per quanto riguarda i costi del canone si legge : fino a 20 conti correnti diversi ( canone euro 60 a trimestre ) ,ulteriori 30 conti correnti ( euro 12 a trimestre ).Si arriva a 50 sul contratto perche' si presume che gli amministratori non abbiano tutti piu' di 50 condomini e di conseguenza 50 conti correnti diversi sui quali transare.

 

Con l'occasione volevo rispondere anche ad un'altra persone che scriveva riguardo ai conti correnti dicendo che un amministratore di sua conoscenza faceva versare piu' condomini su un unico conto corrente e ad un altro che invece affermava che non e' necessario che il condominio abbia un conto corrente "dedicato"( proprio ).

 

art.1129 c.c. Comma VII L’amministratore e’ obbligato a far transitare le somme ricevute a qualunque titolo dai condomini o da terzi,nonche’ quelle a qualsiasi titolo erogate per conto del condominio,su uno specifico conto corrente,postale o bancario,intestato al condominio;ciascun condominio per il tramite dell’amministratore puo’ chiedere di prendere visione ed estrarre copia a proprie spese,della rendicontazione periodica.

 

Art. 1129 comma XII punto 3 La mancata apertura ed utilizzazione del conto di cui al settimo comma. ( costituisce grave irregolarità ).

Perchè io Sim condomini ho l'impressione che tu stia cercando di vendere quello che tu definisci "tipo di pos che può transare su 200 c/c ecc ecc"?

Al max potevi inziare una discussione chiedendo che c'è qualcuno che è a conoscenza della possibilità di pagamento con pos e se c'è qualche amministratore che ha nel suo studio questa macchinetta che permette ai condomini di recarsi nello studio e pagare il condominio come stessero facendo un bancomat...

così non vendi niente...dire che la legge obbliga (chi?) ha effettuare pagamenti sopra i 30 euro con metodo "tracciabile" e dire che esiste un pos che ti da tutto l'elenco che hai fatto è VENDERE...e questo non è un forum commerciale!

×