Vai al contenuto
fmyh

Amministratore non invia verbale assemblea richiesto che fare ??

Ero presente per delega ad un assemblea del 19.06, ho fatto richiesta a mezzo racc.a.r ricevuta il 4 luglio all'amministratore del verbale della relativa assemblea.

L'amministratore se ne è fregato e non mi manda nulla, il 18 Luglio scadono i 30gg per l'impugnazione e io non so neanche cosa c'è scritto nel verbale, cosa posso fare sta ledendo il mio diritto all'impugnazione ? che norma di legge sta violando l'amministratore, se ne viola qualcuna ? posso sentirmi dire non ho l'obbligo di inviarle il verbale lei poteva venire nel mio studio ( 200km) e prenderne copia e visione ?

Grazie

Ero presente per delega ad un assemblea del 19.06, ho fatto richiesta a mezzo racc.a.r ricevuta il 4 luglio all'amministratore del verbale della relativa assemblea.

L'amministratore se ne è fregato e non mi manda nulla, il 18 Luglio scadono i 30gg per l'impugnazione e io non so neanche cosa c'è scritto nel verbale, cosa posso fare sta ledendo il mio diritto all'impugnazione ? che norma di legge sta violando l'amministratore, se ne viola qualcuna ? posso sentirmi dire non ho l'obbligo di inviarle il verbale lei poteva venire nel mio studio ( 200km) e prenderne copia e visione ?

Grazie

non serve il verbale essendo Lei presente in assemblea...quindi il ricorso si presenta descrivendo i fatti occorsi e le violazioni che si presume siano state fatte.

non serve il verbale essendo Lei presente in assemblea...quindi il ricorso si presenta descrivendo i fatti occorsi e le violazioni che si presume siano state fatte.

La mia delegata mi ha riferito che ha votato secondo istruzioni ricevute, però siccome l'amministratore è solito comportarsi non proprio con correttezza, vorrei accertarmi che abbia verbalizzato giusto, e poi francamente perché non evade la richiesta di un condomino ? ripeto..... che obblighi di legge è tenuto ad osservare l'amministratore davanti a richieste di invio verbali ? cosa rischia se non da seguito ?

 

Grazie

L'obbligo è nei confronti degli assenti al fine di renderli "consapevoli" dell'approvato....e la data di ricezione del verbale garantisce all'assente di poter calcolare i famosi "30 giorni per impugnare". Il fatto che non evada la richiesta non rappresenta gravi irregolarità o altro: ben dovrebbe (perché richiesto) rispondere al condomino che faccia richiesta di copia senza perder tempo.

non serve il verbale essendo Lei presente in assemblea...quindi il ricorso si presenta descrivendo i fatti occorsi e le violazioni che si presume siano state fatte.

In realtà questa è la teoria, nella pratica bisogna sempre presentare il verbale se si intende impugnare altrimenti, il giudice potrebbe addirittura rigettare il ricorso ( non accade quasi mai )... O quanto meno scrivere "bene" il ricorso.

 

- - - Aggiornato - - -

 

La mia delegata mi ha riferito che ha votato secondo istruzioni ricevute, però siccome l'amministratore è solito comportarsi non proprio con correttezza, vorrei accertarmi che abbia verbalizzato giusto, e poi francamente perché non evade la richiesta di un condomino ? ripeto..... che obblighi di legge è tenuto ad osservare l'amministratore davanti a richieste di invio verbali ? cosa rischia se non da seguito ?

 

Grazie

Ma non avete letto il verbale, man mano che veniva compilato??

In realtà questa è la teoria, nella pratica bisogna sempre presentare il verbale se si intende impugnare altrimenti, il giudice potrebbe addirittura rigettare il ricorso ( non accade quasi mai )... O quanto meno scrivere "bene" il ricorso.
Secondo il mio parere e dato che ai presenti (anche per delega), solitamente non viene inviato il verbale, non toglie l'opportunità a questi di impugnare, l'amministratore furbetto troverà mille scuse per non fornire in tempo chi lo richiede per far trascorrere i 30 giorni utili, e di fornire delle prove, ritengo che il Giudice richiederà il verbale al convenuto amministratore e verificherà se il deliberato è valido oppure ha ragione chi l'ha impugnato.
Secondo il mio parere e dato che ai presenti (anche per delega), solitamente non viene inviato il verbale, non toglie l'opportunità a questi di impugnare, l'amministratore furbetto troverà mille scuse per non fornire in tempo chi lo richiede per far trascorrere i 30 giorni utili, e di fornire delle prove, ritengo che il Giudice richiederà il verbale al convenuto amministratore e verificherà se il deliberato è valido oppure ha ragione chi l'ha impugnato.

Confermo che il Giudice non opera alcun rigetto e la causa continua senza alcun problema.

Confermo che il Giudice non opera alcun rigetto e la causa continua senza alcun problema.

Attenzione io non ho detto che il giudice rigetta, ho scritto "potrebbe", non accade quasi mai, continuo con il dire, perchè non vai al suo studio?? Ed eliminiamo qualsiasi dubbio??

Attenzione io non ho detto che il giudice rigetta, ho scritto "potrebbe", non accade quasi mai, continuo con il dire, perchè non vai al suo studio?? Ed eliminiamo qualsiasi dubbio??
Giustissimo, ma l'amministratore per far scadere i 30 giorni utili potrebbe accampare mille scuse, comunque e quantomeno agli assenti il verbale deve essere inviato;

 

L'amministratore di condominio ha l`onere di comunicare al condomino risultato assente durante l`assemblea il verbale della deliberazione adottata e ciò al fine di far decorrere, in mancanza di una conoscenza acquisita aliunde, il termine di decadenza stabilito dall`articolo 1137 del Codice civile per la proposizione dell'eventuale ricorso in opposizione. Per contro, sul condomino assente non grava alcun dovere di attivarsi al fine di conoscere le decisioni assembleari adottate qualora manchi la prova dell`avvenuto recapito all`indirizzo del destinatario del verbale che la contenga. E` quanto sancito dai giudici di Cassazione nel testo della decisione n. 29386 del 29 dicembre 2011.

Più tardi arriva più tardi scatteranno i 30 giorni per eventuali impugnazioni.

Attenzione io non ho detto che il giudice rigetta, ho scritto "potrebbe", non accade quasi mai, continuo con il dire, perchè non vai al suo studio?? Ed eliminiamo qualsiasi dubbio??

Chi scrive ha detto che lo studio è a 200 Km, ma non è quello il problema.

Il problema è se ha verbalizzato altro oppure non ha affatto verbalizzato durante l'assemblea riservandosi di scrivere il verbale in seguito.

In tal modo l'amministratore avrebbe l'oppurtunità di cambiare versione e chi impugna potrebbe ritrovarsi solo a sostenere costi inutili per aver impugnato una delibera che non esiste.

Quello che non ha previsto il codice civile, però, lo può prevedere un regolamento di condominio. Il nostro recita:

6] Copia del verbale deve essere trasmessa a tutti i condòmini (presenti e assenti) entro dieci giorni dalla data della deliberazione, mediante raccomandata a mano se possibile, altrimenti mediante raccomandata postale. Le spese postali sono caricate individualmente ai condòmini interessati.

Domanda: ammesso che "riscriva" il verbale mi chiedo cosa potrebbe "manipolare".

Forse le presenze e quindi i quorum deliberativi?? Non è un tantino pericoloso??

Domanda: ammesso che "riscriva" il verbale mi chiedo cosa potrebbe "manipolare".

Forse le presenze e quindi i quorum deliberativi?? Non è un tantino pericoloso??

Se i condòmini non sono partecipi e/o non sanno nulla di come funziona un condominio, tutto è possibile.

Quel regolamento che ho citato è stato scritto su esperienze vissute.

Anche scappare con la cassa del condominio è più che un tantino pericoloso, però...

Secondo me la soluzione possibile a questo problema potrebbe essere, scrivere il verbale in duplice copia con la vecchia e cara carta carbone, al termine rileggere tutto ai presenti e firma su ambedue le copie del Presidente e Segretario e magari con la firma di qualche condomino (questo in mancanza di fotocopiatrice), una copia rimane al Presidente e una andrà consegnata all'amministratore.

Puoi chiedere al tuo delegato cosa è stato deliberato dall'assemblea e, se vuoi fare opposizione ad una delibera, devi farlo entro i 30 giorni dalla data dell'assemblea in quanto eri presente per delega. Puoi anche chiedere una copia del verbale a qualche condomino che l'ha ricevuta perché assente alla riunione. Se ti senti leso in un tuo diritto o ritieni che la delibera sia contro legge, anche senza la copia del verbale, sempre nei termini, puoi richiedere al Giudice l'annullamento della delibera facendo presente che l'amministratore non ti ha inviato il verbale richiesto (alleghi copia della raccomandata). Il Giudice provvederà in merito. E' appena opportuno ricordare che l'amministratore è tenuto ad inviare, a spese del richiedente, tutti gli atti e documenti richiesti da un condomino senza che questi debba giustificarne la motivazione; il rifiuto da parte dell'amministratore a tale richieste costituisce inadempienza per cui il condomino può chiedere la sua revoca, attivandosi nei modi di legge.

Grazie Tullio, vorrei leggere questa sentenza e anche qualche altra su tema del Condomnio e o in relazione di altri casi. Sai se esiste un sito che tu conosci dove si può consultarsi sulle pronuncie della Cassazione o solo sulle tematiche condominiali, o in generale? Inntendo che il sito sia gratuito, perché a pagamento ci sono tanti. Ma se devi vedere una sola sentenza o max due al mese, non so vale la pena .

Grazie Tullio, vorrei leggere questa sentenza e anche qualche altra su tema del Condomnio e o in relazione di altri casi. Sai se esiste un sito che tu conosci dove si può consultarsi sulle pronuncie della Cassazione o solo sulle tematiche condominiali, o in generale? Inntendo che il sito sia gratuito, perché a pagamento ci sono tanti. Ma se devi vedere una sola sentenza o max due al mese, non so vale la pena .

http://www.condomini.altervista.org/

 

... è lo stesso sito che ho linkato ad un altro post in cui chiedevi (un po' polemicamente) la stessa informazione

L'amministratore non è obbligato a mandare il verbale ai presenti, anche se mezzo delega.

Al termine dell'assemblea, di solito, si legge rapidamente il verbale soffermandosi sui punì salienti e poi si scrive in bella copia in seguito. Chi firma il verbale, controlla che riporti quanto discusso in assemblea.

Resta l'obbligo per l'amministratore di avere il verbale e quindi Lei potrebbe mandare, sempre mezzo delega, una persona in studio a prenderlo.

Io, ad esempio, mando sempre a tutti (presenti e assenti) il verbale mezzo mail in quanto non costa nulla e sto più tranquilla.

I condomini senza mail ormai sono pochi, ma anche a quelli cerco di fare recapitare copia del verbale ...

Però mi scusi tanto...che senso ha dare la delega ad una persona di cui non ci si fida?! Allora è meglio essere assenti.....

Se chiedo il verbale l'Amministratore me lo deve consegnare.
Certo che si;

 

cc art. 1129

...

- Contestualmente all'accettazione della nomina e ad ogni rinnovo dell'incarico, l'amministratore comunica i propri dati anagrafici e professionali, il codice fiscale, o, se si tratta di società, anche la sede legale e la denominazione, il locale ove si trovano i registri di cui ai numeri 6) e 7) dell'articolo 1130, nonché i giorni e le ore in cui ogni interessato, previa richiesta all'amministratore, può prenderne gratuitamente visione e ottenere, previo rimborso della spesa, copia da lui firmata.

Il nostro amministratore, sono 5 anni che è stato nominato e rinnovato, non ci ha mai comunicato giorni e ore in cui si può prendere visione dei documenti indicati ai numeri 6 e 7 dell'art.1130. È regolare? Come faccio a conoscere e richiedere per iscritto che mi venga fornita questa importante informazione? E qualora potessi accedere per la visione dei documenti e lui pretende di essere presente mentre lo faccio sono obbligato ad accettare la sua presenza o posso chiedere di essere lasciato solo per visionarli? 

 

Dopo oltre un mese dalla richiesta di invio degli ultimi 3 verbali di assemblea (ne facciamo due l'anno), proseguita in vari modi nelle settimane successive, con promesse reiterate di consegna mai realizzate, ieri sera l'amministratore mi ha inviato per email in PDF questi verbali. Ma mentre il primo era la copia di quello scritto a mano il giorno dell'assemblea riportante le firme di presidente e segretario gli ultimi due sono stati inviati evidentemente  riscritti con il computer con la sola firma dell'amministratore. Non è riportato su tali verbali che sono copie conformi all'originale.

 

Ho dubbi sulla piena conformità all'originale presente sul libro dei verbali in quanto queste ultime due riunioni si sono svolte in una stanza di un legale amico dell'amministratore e non c'erano computer a disposizione per cui ha scritto a mano lo svolgimento dell'assemblea.

 

Lunedì pomeriggio c'è l'assemblea dove verranno decise cose per cui ho necessità di sapere con certezza quando è stato scritto in un punto all'ordine del giorno. Come posso controllare che tali copie siano fedeli al verbale originario. Posso chiedergli di portare il libro delle assemblee alla riunione o fare foto degli stessi, temo che poi con una scusa non lo faccia. Il fatto che abbia tergiversato per così tanto tempo ad inviarmele mi fa sentire puzza di bruciato.

 

Inoltre non legge mai i verbali a fine assemblea e nessuno di noi, colpevolmente, chiede e verifica cosa sia stato scritto e riportato. È obbligatorio farlo? In una circostanza ha detto che avrebbe compilato verbale con calma al suo studio i giorni successivi all'assemblea. È accettabile anche questo? Si può richiedere di fare foto del verbale a fine assemblea ed ha valore probatorio come la copia cartacea?

 

Ultima cosa possiamo mettere nel regolamento condominiale l'obbligo di inviare i verbali a presenti e assenti indicando il termine max entro cui farlo? Questo farebbe superare il mancato obbligo di invio ai presenti previsto dal codice civile? Con che maggioranze di legge può essere fatta questa modifica del regolamento condominiale? 

Modificato da GIADAC

Premesso che l'amministratore deve fornire in tempi ragionevoli quanto richiesto,

sulla correttezza del verbale dovrebbero essere il presidente e segretario dell'assemblea

che al termine (o talvolta il giorno dopo) firmano il verbale, sperando che anche

lo leggano e che quindi ne confermino la correttezza. E se il segretario ha preso

appunti di quanto detto in riunione oppure ha buona memoria. 

Giova-over dice:

Premesso che l'amministratore deve fornire in tempi ragionevoli quanto richiesto,

sulla correttezza del verbale dovrebbero essere il presidente e segretario dell'assemblea

che al termine (o talvolta il giorno dopo) firmano il verbale, sperando che anche

lo leggano e che quindi ne confermino la correttezza. E se il segretario ha preso

appunti di quanto detto in riunione oppure ha buona memoria. 

Ed io devo avere fiducia di presidente e segretario che sono da anni sempre gli stessi e fanno parte dello schieramento e del blocco che protegge in ogni modo l'amministratore e che noi, dell'altro blocco, ingenuamente, abbiamo sempre lasciato che fossero loro a svolgere questo ruolo senza mai chiedere lettura a fine assemblea del verbale o premunirci facendo foto o scansione con apposita app dello stesso visto che poi si oppone in ogni modo a rilasciarci copia del verbale?

 

Chi ce lo dice che senza lettura e senza firma di un componente dell'altro schieramento, non manipolano lo svolgimento dell'assemblea cambiando a loro piacimento aspetti fondamentali, ed omettendone o non citandone altri, con nuove firme apposte da presidente e segretario invitati al suo studio?

 

P.s. uno di questi, quello che fa sempre il presidente, è un laureato in legge praticante avvocato un personaggio che delle minacce, dei ricatti e dell'intimidazione fa il suo sport preferito cercando in ogni modo di avere pieno potere e controllo su tutto e tutti anche su un'amministratore non all'altezza del suo compito?

Modificato da GIADAC

cercate di aumentare il vostro blocco in modo da avere la maggioranza per cambiare

l'amministratore ed in primis non nominare i soliti a dirigere l'assemblea.

Sarebbe stato meglio aprire una nuova discussione perchè siccome mi è arrivata la notifica in quanto a questa discussione avevo già partecipato, solo dopo essermi letto tutto ed essere arrivato quasi alla fine mi sono accorto che questa discussione non c'entra niente con quella alla quale ho partecipato 6 anni fa.

Scusa Leonardo sono d'accordo con te. Mi sono agganciato a questa discussione in quanto per un argomento, forse il più importante, era legata alla situazione attuale che sto vivendo. Poi ho aggiunto altro che non dovevo aggiungere. Posso aprire nuova discussione e cancellate tutto quanto ho scritto nei miei post.

 

Grazie mille.

Modificato da GIADAC
Ospite
Questa discussione è chiusa.
×