Vai al contenuto
Giulio1947

Amministratore non da il verbale dell'assemblea al presidente

E' da un po di tempo che mi chiedo in quale realtà vivo.I fatti:

Assemblea straordinaria del condominio (movimentata).L'amministratore anche condomino assieme al segretario dell'assemblea prendono il verbale dell'assemblea e tergiversano per farla firmare dal presidente.Cosa possiamo fare ?

Tullio le delibere non sono gradite all'amministratore

E' un suo problema , ciò che conta e'che siano gradite alla maggioranza dei condomini .

E' da un po di tempo che mi chiedo in quale realtà vivo.I fatti:

Assemblea straordinaria del condominio (movimentata).L'amministratore anche condomino assieme al segretario dell'assemblea prendono il verbale dell'assemblea e tergiversano per farla firmare dal presidente.Cosa possiamo fare ?

L'amministratore è un estraneo al condominio. Potete fare l'assemblea anche senza di lui.

L'amministratore è un estraneo al condominio. Potete fare l'assemblea anche senza di lui.
L'amministratore in questo caso è condomino, ma anche se non fosse condomino ha diritto di essere presente all'assemblea.
L'amministratore in questo caso è condomino, ma anche se non fosse condomino ha diritto di essere presente all'assemblea.

Ok per il caso specifico ma dove sta scritto che deve essere obbligatoriamente presente in assemblea? In alcuni casi è lo stesso amministratore che dignitosamente si allontana ad esempio per la suaa nomina o compenso.

Ok per il caso specifico ma dove sta scritto che deve essere obbligatoriamente presente in assemblea? In alcuni casi è lo stesso amministratore che dignitosamente si allontana ad esempio per la suaa nomina o compenso.
E chi ha scritto che l'amministratore deve essere presente? Io ho scritto che l'amministratore ha il diritto di essere presente
L'amministratore in questo caso è condomino, ma anche se non fosse condomino ha diritto di essere presente all'assemblea.
E chi ha scritto che l'amministratore deve essere presente? Io ho scritto che l'amministratore ha il diritto di essere presente

La casssazione dice una cosa diversa non parla di diritto ad essere presente: Cass. 12 marzo 2003 n. 3596).In sostanza,*a dire degli ermellini, la partecipazione non è obbligatoria per espressa disposizione di legge ma di fatto è doverosa.Non per tutti*gli argomenti, tuttavia.Molti amministratori,*ad esempio, si allontanano dal luogo di svolgimento dell'assise al momento della discussione sulla conferma e/o revoca per evitare possibili condizionamenti alla libera discussione.

La casssazione dice una cosa diversa non parla di diritto ad essere presente: Cass. 12 marzo 2003 n. 3596).In sostanza,*a dire degli ermellini, la partecipazione non è obbligatoria per espressa disposizione di legge ma di fatto è doverosa.Non per tutti*gli argomenti, tuttavia.Molti amministratori,*ad esempio, si allontanano dal luogo di svolgimento dell'assise al momento della discussione sulla conferma e/o revoca per evitare possibili condizionamenti alla libera discussione.
E cosa intendi tu per presenza doverosa?

 

questo è scritto da un tuo collega amministratore;

 

Ognuno con propri ruoli e competenze e a latere l'Amministratore che in sede assembleare non haalcun ruolo. Capita spesso quindi di chiedersi se l'Amministratore debba essere presente o meno all'assemblea o se la sua presenza non sia vincolante. La risposta è che l'Assemblea può deliberare e quindi riunirsi anche senza la presenza dell'Amministratore anche se ci teniamo a dirlo l'assenza non è proprio un buon esempio di professionalità e correttezza nei confronti del condominio stesso.

http://digilander.libero.it/visca.fabrizio/svolgimentoassemblea.pdf

Salve,

la presenza dell'Amministratore, a mio parere, non è ne un diritto ne un obbligo. La questione deve essere vista dall'ottica dell'istituto giuridico in cui si inserisce la figura dell'Amministratore, cioè quella del rapporto di mandato.

L'assemblea ha conferito un incarico all'Amministratore e dunque è l'assemblea che decide se l'Amministratore debba essere presente o meno. È lei che ha incaricato l'Amministratore della gestione ed è lei che richiede la sua presenza per rendicontare sulla gestione condominiale negli aspetti interni ed esterni.

Dunque l'Amministratore se l'assemblea non lo desidera, a mio parere, non ha diritto a partecipare, nemmeno in caso in cui l'assemblea lo voglia cacciare via perchè si veste male. Il potere assembleare in tal senso infatti non incontra limiti. Non è nemmeno un obbligo perchè appunto si prevede la rendicontazione ma non la presenza fisica.

 

Le norme ovviamente scritte in via generale e generica vanno comunque interpretate ed inserite nel contesto, dunque non ha senso agire in maniera ostruzionistica verso la presenza dell'Amministratore, perchè è importante che lui ci sia personalmente ed a voce chiarisca i vari aspetti della gestione e le eventuali problematiche presenti. Inoltre non avrebbe senso per l'assemblea riunirsi senza poter ascoltare ciò che ha da dire l'incaricato da essi stessi nominato.

Dunque in conclusione la presenza è un opportunità dal lato dell'Amministratore per chiarire gli aspetti poco chiari od anche quelli palesi della sua gestione e per l'assemblea per porre domande, pressioni o chiarimenti all'Amministratore che non potrà accampare scuse.

Il rapporto di fiducia che sta alla base sta proprio sul fatto di dialogare e di incontrasi per far in modo che tale dialogo sia il più possibile costruttivo.

 

A tal riguardo l'Amministratore è mero esecutore della volontà assembleare a prescindere che delibere assembleari incontrino il suo favore o meno. Quindi il verbale andrà firmato e sottoscritto perchè attesta ciò che è avvenuto in sede assembleare. Consiglio a proposito di ciò la lettura di questa consulenza:

 

Presidente, segretario, verbale, obbligatori?

Cordiali saluti.

E' da un po di tempo che mi chiedo in quale realtà vivo.I fatti:

Assemblea straordinaria del condominio (movimentata).L'amministratore anche condomino assieme al segretario dell'assemblea prendono il verbale dell'assemblea e tergiversano per farla firmare dal presidente.Cosa possiamo fare ?

dovrebbe essere il presidente a imporsi e prendere il verbale..... le altre sono chiacchiere !

Salve,

la presenza dell'Amministratore, a mio parere, non è ne un diritto ne un obbligo.

Certo Nicolas, forse parlare di diritto è eccessivo, ma è la prima parola che mi è passata per la mente immaginando che i condomini chiedano all'amministratore di uscire dall'aula all'inizio dell'assemblea.
×