Vai al contenuto
garant44

Amministratore non da accesso ai registri di anagrafe condominiale.E' legale?

Domanda: è lecito negare acquisire indirizzi di tutti nostri condomini?

Siamo in condominio di 9 unità immobiliare di 6 mini appartamenti e tre piccoli esercizi commerciali, ma tutti i condomini sono residenti fuori. Conosco solo alcuni indirizzi postali di proprietari, e vorrei convocare un assemblea straordinaria (ex art 66 disp.att c.c ) da soli due condomini. Motivo: è stata deliberata in ultima riunione ordinaria che si è svolta nel gennaio 2015 che vi sarà convocata una successiva riunione straordinaria da dello stesso anno. In quella ordinaria non è stato raggiunto il quorum per conferma dell'amministratore per prossimo l'incarico e è rimasto in . Lui sa che alcuni , io compreso, vorrebbero revocarlo. Siccome ci sono rimasti anche altri decisioni in sospeso per mancata partecipazione di alcuni condomini cui millesimi erano indispensabili per deliberare sui argomenti, la convocazione successiva era più che urgente, quindi lo abbiamo verbalizzato, L'amministratore non più convocato la assemblea straordinaria e non ha risposto ai miei solleciti. Per convocare assemblea ex art 66 disp. att c.c. ho bisogno comunicare con altri condomini sia per mettersi d'accordo almeno con uno per farlo ( e non ho indirizzi di quasi nessuno) . In ogni caso se dovrei riuscire a convocare con qualcuno,riuscendo raggiungere 1/6 del valore, dovrei convocare tutti condomini senza esclusione, regolarmente, per RR o PEc, ma l' amministratore non da accesso all'anagrafe condominiale. E' legale tale rifiuto?? Anche se il diniego non è stato comunicato esplicitamente, lui è semplicemente si rende irreperibile e non risponde ne al PEC ne al telefono ( ha due segretarie di quali si serve per negarsi). Ho chiesto più volte formalmente farmi accesso in ufficio. Le segretarie hanno detto di non venire altrimenti chiamano volante dei carabinieri per denunciarmi per la violazione del domicilio.(?!) Come ottenere la consegna del elenco dei indirizzi? Rientra questa irregolarità in quel elenco di irregolarità per poter chiedere la Revoca GIUDIZIARIA? Non ha eseguito la delibera, è rimasto in , ha commesso altri irregolarità come per esempio non aveva mai convocato un condomino che abita all'estero per oltre 10 anni.

Richiedi all'amministratore un appuntamento con Raccomandata, se la richiesta non sarà soddisfatta potrai adire alla Volontaria Giurisdizione richiedendo la revoca per grave irregolarità (a tue spese costo c.a. 100 euro), infatti l'amministratore DEVE fornire i dati dell'anagrafe condominiale ai condomini richiedenti con la sua firma;

 

cc art 1129

- Contestualmente all'accettazione della nomina e ad ogni rinnovo dell'incarico, l'amministratore comunica i propri dati anagrafici e professionali, il codice fiscale, o, se si tratta di società, anche la sede legale e la denominazione, il locale ove si trovano i registri di cui ai numeri 6) e 7) dell'articolo 1130, nonché i giorni e le ore in cui ogni interessato, previa richiesta all'amministratore, può prenderne gratuitamente visione e ottenere, previo rimborso della spesa, copia da lui firmata

Costituiscono, tra le altre, gravi irregolarità

7) l'inottemperanza agli obblighi di cui all'articolo 1130, numeri 6), 7) e 9);

cc art 1130

- 6) curare la tenuta del registro di anagrafe condominiale contenente le generalità dei singoli proprietari e dei titolari di diritti reali e di diritti personali di godimento, comprensive del codice fiscale e della residenza o domicilio, i dati catastali di ciascuna unità immobiliare, ...

Non comprendo la presa di posizione di questo amministratore, addirittura dice violazione di domicilio, se vai nel suo ufficio? Ma conosce i compiti dell'amministratore?

Comunque sarebbe interessante sapere se realmente avrà il coraggio di avvisare i carabinieri.

Tullio grazie immense, sei sempre puntualmente disponibile a dare le risposte precise, competenti e legalmente validi.

Ma anche una PEC di preavviso va bene? Il ns. amm.re ha una PEC e anch'io ho una PEC. Anche se di PEC gli avevo spedito numerose.

Delle Raccomandate io ho spedito una immensa quantità, in ultimi 10 anni che hanno inviato Diffide fax telegrammi Messe in Mora,. Lui semplicemente non risponde. In 2011 quando un mio legale gli ha intimato di farmi accedere alla documentazione, pena citarlo in giudizio per inadempimento immediatamente, lui ha scritto che non è vero, e che è stato sempre disponibile. E questa pagliacciata va avanti per anni. Ci sono stati finora 5 diversi legali che gli scrivevano, alle mie fax RR telegrammi e diffide lui non risponde.

La presa dell'amministratore è motivata dalla responsabilità anche gravi che possono derivare dalla eventuale possibilità di accertarli che vorrei fare previo verifica contabili dei bilanci approvati.Non vuole darmi l' anagrafe dei condomini per impedire che io posso mettermi in contatto per informarli della situazione, perché alcuni sono del tutto ignari, gli altri invece sono in accordo con l'amministratore, Uno dei illeciti che ho scoperto, è che ci sono stati alcuni morosità anche notevoli ( tre mila euro e oltre) di alcuni condomini che accumulavano morosità per anni, ma in bilanci non figuravano affatto, non vorrei che gli ammanchi erano distribuiti agli altri. Quando ho scoperto il misfatto hanno cacciato via l'ex amministratore per aver pretesto chiudere c/c condominiale, e hanno messo uno nuovo amm.re che ha aperto un nuovo c/c.

Non si sa più che fine hanno fatto se questi soldi, se sono mai rientrati. Il moroso ha venduto nello stesso anno l'immobile e nuovo amministratore non ha mai più permesso vedere documenti contabili. Di fatto chiedo accesso alla documentazione per verificare quali altri illeciti vi sono all'interno, conosco quali sono i probabili irregolarità, ma qui è lungo ad elencare.

Ho fatto sia la Revoca Giudiziaria, ( respinta - motivazioni: non ci sono prove che l'amm.re abbia mai negato l'accesso. ) Reclamo al decreto di Rigetto in Corte d'Appello( ( respinto - motivazioni: non ho elencato i documenti che volevo vedere, in quando la domanda è generica,) ex art 700 cpc (richiesta prov. cautelare per motivo di urgenza prossimi cause correlate ( ricorso di lavoro dove dovevo presentare prove documentarie, delibere e verbali, nonché i registri di contabilità da dove evincevano detereminati prove che sono in fascicolo condominiali, in quanto mio il io fascicolo ho perso e l'amministratore ne è al corrente, - ( respinto) x rito sbagliato) , ho fatto il Reclamo al Coleggio ( respinto) x domanda generica sugli anni che sono troppi e per rito definito come sbagliato. hanno indicato fare Ho l' ex art 702 cpc - ho udienza tra pochi gg il 11 nov. Ho fatto anche mediazione obbligatoria, sia per la revoca giudiziaria, che per accesso alla documentazione prima di depositare ex art 702 cpc.

Sono alquanto disperata perché in nessuno dei ricorsi che ho già fatto sia la Revoca Giudiziaria sia nei reclamo al rigetto, sia nell' ex art 700 e reclamo al rigetto a questo nessuno dei innumerevoli non sono stati riconosciuti. Sembra che i magistrati sono pilotati. Precisamente il giudice ha detto che diniego di consegnare l'anagrafe dei condomini non rientra in , e neanhe gli altri mancanze dell'amministratore : per mio reclamo che l'amministratore per tre anni non ha riunito assemblea, portando alla riunione del ottobre del 2013 i bilanci consuntivi del 2011, 2012 e solo preventivo per 2013 per il giudice non è una - perché

Contestavo inoltre anche il diniego alla accesso alla documentazione compreso quella dell'anagrafe condominiale, allegando ben 25 tra RR fax telegrammi e diffide formali nonché Messe in Mora e anche lettere di adempiere di svariati legali che avevo incaricati, documentazione di diversi anni 2003-2015, ma per il giudice

In sostanza ogni mio ricorso reclamo è stato respinto,. In memorie difensive l'amministratore ha asserito che è stato sempre disponibile e sono io che non sono mai venuta,. Alle mie dichiarazioni che tutte le volte che ho chiamato era irreperibile, non viene dato alcun ascolto. le mie dichiarazioni che quando sono venuta a citofonare, ho avuto queste risposte di chiamare carabinieri non sono state verbalizzate, ne le motivazioni per quali io voglio vedere i documenti.

QUINDI sono condannata per 5,660 euro di spese legali per rigetto del ricorso di "Revoca Giudiziari" e rigetto del Reclamo in Appello e altri 6.000 euro per respingimento del ricorsi ex art 700 e il Reclamo al collegio. Il trucco sta che L'amministratore guarda bene a non mettere per iscritto nulla dei suoi dinieghi, ma a parole ha detto più volte : non posso far vedere la documentazione, ci sono molte irregolarità. Altre volte : Non ho documentazione in ufficio, è dal avvocato. Altre volte : avvocato mi ha impedito a farle vedere. Altre volte ha detto semplicemente.NON la darò mai,. Posso denunciarlo? chiedere sequestrato preventivo? Posso andare all Guardia di Finanza?

Se lo denunci senza prove lui ti potrà querelare, per avere qualche speranza di revoca devi avere delle prove, se te lo consente portati qualche persona di fiducia che possa testimoniare il diniego alla visione delle documentazioni che tu richiedi.

Salve io fossi in te agirei in questo modo : fax con indicazione del giorno e ora in cui andrai nel suo ufficio. Se non ci sono problemi vai e se lui vuole chiamare i cc ben venga. Al seguito avrai anche una copia della norma senza farla vedere a lui eventualmente con l'intervento dei cc , conservatela in tasca.poi si vedrà. Secondo lui avrà timore.Saluti.

Tullio, per farti ricordare gli eventi: sono già andata due volte dai carabinieri, in entrambi casi esattamente dopo quelle volte che non mi avevano aperto la porta, ed ero in presenza di testimoni che avevo portato appositamente perché non è prima volta che mi rifiutavano ricevere con gli stessi avvertimenti. Quelle volte, dopo aver preavvisato che venivo in studio, anticipando telefonicamente, ho ricevuto questo tipo di dinieghi verbali. Avevo spiegato ai carabinieri ( che sono a due passi dallo studio) il problema , ma i carabinieri (ovviamente!) mi hanno ribadito quello che sapevo già: che non costituisce in se un reato penale di non dare l'accesso alla documentazione condominiale contabile e amministrativa, e quindi per ogni problema per problematiche per l’ accesso alla documentazione io devo adire il Tribunale. Invece costituisce reato insistere di essere ricevuta e tentare accesso in studio che è un luogo privato, quindi potevano veramente fare una denuncia per violazione del domicilio chiamando la volante. E mi hanno rimandato di risolvere tutti problemi in Tribunale. Vuol dire che non posso neanche denunciarlo per non aprire la porta. Volevo farlo per qualche altro motivo, tipo raggiro, truffa, per occultare di far vedere quello che è dovuto. Per questo volevo chiedere accertamenti fiscali alla Guardia di Finanza, non so se si occupano dei questi piccoli imprenditori (è una società di gestione e amministrazione di 50 condomini.) Non so se posso chieidere di accertare reati fiscali e contabili in bilanci e gestioni condominiali, so di certo che le autorità si occupano di bilanci delle società depositati nei Tribunali. Quindi mi indicavano adire il Tribunale, ma in Tribunale lo sai già come è andata: Per giudice civile pare il diniego dev’essere esplicitamente dichiarato per iscritto, infatti ha scritto in decreto di rigetto: “non ci sono prove che amministratore non mi abbia "negato" l’accesso nonostante numerosi miei reclami scritti all'amministratore per RR fax e telegarmmi , nonché dal miei legali, ben 5 avvocati in ultimi 10 anni ! Siccome l’amministratore sa bene dove raggirare la legge è stato sempre attento di non mettere nulla per iscritto e non ha mai risposto a nessuno delle mie missive formali RR fax e Diffide e Messe in Mora, ignorandoli con silenzio,o fare dichiarazioni verbali dal vivo ma solo al telefono oppure semplicemente rendendosi irripetibile. P.Q.M., pare che per legge non si può attribuirgli che ha “negato “ perché "non rispondere" non vuol dire "negare" , e non è reato penale.

In un unico caso ha scritto ( in 2011 ) di fronte di un preavviso del mio legale di agire in giudizio con frase ambigue: ; e dopo di che si è ripetuto tutto questo giro di pagliacciate – la sua permanente irreperibilità, le segretarie non fanno entrare in studio adducendo scuse che gli appuntamenti devono essere gestiti con lui personalmente e in sua assenza non aprono a nessuno. Per questo volevo sapere come meglio uscire da questo incubo, se si può fare una richiesta di accertamenti fiscali alla guardia di Finanza, ma non essendo i bilanci della gestione condominiale soggette al deposito in Tribunale, e essendo sua una ditta individuale, e una società di persone e di capitali, ( srl, SpA, ) non so se posso fare e non so che cosa potrei fare. Hai qualche idea ?

Salve, se vuoi comportarti concretamente nei confronti di colui che si fa' chiamare amministratore e se hai anche alcuni condomini dalla tua parte recati da un legale spiega tutto e chiedi la revoca presso il Tribunale. Ma per farlo devi essere convinto. Purtroppo il sistema è questo.Non ho parole...

Caro Biaggio, Adesso faccio una PEC, perché fax è uno strumento che un disonesto o malintenzionato può contestare il ricevimento anche se hai la ricevuto in mano, potrebbe dire: ho ricevuto un foglio bianco oppure che la ricevuta si riferisce ad un altro messaggio, non quello. E devi dimostrare che hai mandato quel preciso messaggio e non era un altro foglio, ed è impossibile, se non hai un fax che stampa la copia della intera lettera trasmessa, a dimostrarlo.

Adesso lo faccio un elenco preciso dei documenti e farò presente che verro con testimoni e con un legale. Adesso ho contattato un legale che già è andato con me una volta ma di fronte di diniego verbale dell'amministratore non ha voluto insistere, ha detto che tanto non faceva vedere, mica si poteva mettergli la forza. Questo legale dopo doveva fare un'altra richiesta di accesso, e accompagnarmi ma ha detto che : "Tanto non lo darà mai, l'accesso, e devi rinunciare, altrimenti devi fare cause". Infatti ho fatto cause e ho perso tutti per continuo raggiro e dichiarazione mendaci che l'amministratore attraverso suo avvocato dichiarava al giudice. Oggi dovrei risentire avvocato che mi ha già espresso sua indisponibilità, ma questo è dovuto agli accordi segreti che ovviamente ha preso con la controparte. Dovevamo acquisire una serie di documentazione importante : assemblee verbali e bilanci di determinato periodo nonché dimostrare che per ben 12 anni non vi era assunta alcuna ditta. Si sperava che con documentazione a mano ( che io non ho perché non mi hanno mai invitato ne in queste assemblee ne spediti i verbali e nessun bilancio) , documenti che mi avrebbero forse dato ragione, o almeno era dimostrabile di certo tipo di andazzo di cose in nostro condominio. Esattamente che vi era un Lavoro in nero, tollerato da molti anni, sia dall'amministratore che dalla assemblea. Altrimenti non c'è una logica, accesso agli atti della gestione condominiale faceva parte del suo mandato della causa di Lavoro che lui mi faceva. Infatti ha perso la causa e concausa del rigetto era stata anche delucidata in decreto del giudice . (Testualmente in sentenza è scritto, citando alcuni frammenti: …)

Non ho nessuno da parte mia, siamo in soli 9 persone, tutti residenti fuori e ad ognuno lui concede qualche irregolarità o notevoli favori, anche se in violazione e a discapito degli interessi del intero condominio. Ma in cambio ottiene i loro voti. Vi era una copia di persone che abitano all'estero con i quali avevo buon rapporto, pur avendo una certa perplessità della loro presunta collaborazione che mi avevano assicurato, perché avevano organizzato una bed & Breakfast, anzi, casa vacanza e gli ospiti mi spesso citofonavano, quando l'agenzia non veniva in tempo ad accoglierli e quindi mi disturbavano, anche per ogni altra loro esigenza perché convinti che ero io a gestire la loro appartamento - sul mio citofono era scitto ; "Office". Ma era relativo alla mia attività. Mi sono lamentata con loro perché l'agenzia non era mai puntuale e chiedevo che mettono targa su loro citofoni, ma loro non vogliono che appare scritta per non dare troppo all'occhio per non pagare tasse, il solito. Anche per rendere meno visibile questa intensiva attività alberghiera agli altri condomini, altrimenti ci vuole la autorizzazione dell'assemblea., Ma appena sono arrivati in Italia dopo tre anni che non vi erano più tornati, sono andati dall'amministratore e hanno subito cambiato idea, chissà che lui li ha detto. Volavano prima darmi delega per rappresentarli in riunioni, perché nessuno mai li rappresentava in assemblee, volevano propormi addirittura come amministratore ( ma non ho ne titoli e non mi interessa).

Poi hanno trovato scusa che per la delega . Sai per casi se si può dare delega all'amministratore, ma ho sentito che per nuova riforma non si può più fare. l'amministratore dev'essere imparziale in votazioni e non può più ricevere deleghe dai condomini? Quindi da sola che cosa posso fare?

Inoltre la revoca giudiziaria ho già chiesto, ( leggi quello che ho scritto al Tullio SS), ma ho perso la causa e reclamo per rigetto. Penso che non è stata applicata la legge, ( se potessi mandarti il ricorso e la risposta del giudice, capiresti meglio) . Credo sia illogico interpretare la legge che dice , ma poi leggere in rigetto del giudice un escamotage che giustifica tale inadempimento dell'amministratore come adeguato solo perché . Per il fatto che gli altri , non aveva riunito assemblee per tre e poi per altri tre due anni, eche relativi bilanci vengono approvati postdatati, preventivi e consuntivi insieme, non è legale, ci sono tanti irregolarità ma elenco è lungo, mi sembra tutto pilotato.

×