Vai al contenuto
candy

Amministratore negligente e contro il condominio

L'amministratore del condominio in cui abita ha fatto gravissime irregolarità, come ad esempio nessun provvedimento contro i morosi e siamo arrivati a una morosità di 20000 euro con una causa di citazione da parte della società fornitrice del servizio di pulizie.

Dopo tante assemblee che lui fa andare deserte e per gli orari assurdi, 22:30 prima convocazione, 15:00 seconda convocazione, sono riuscita a convincere per altri gravi mancanze e soprattutto per i modi maleducati che ha verso di noi di REVOCARGLI il mandato. Ma poichè non riusciamo a fare un'assemblea in quanto lui le boigotta (non manda comunicazione a tutti ad esempio), ho letto che possiamo indirla noi condomini un'assemblea, come si fa? quanti dobbiamo essere? la procedura per renderla valida?

Potete aiutarmi? siamo 11 condomini su 18 d'accordo e siamo stanchi di pagare e non avere servizi, senza luci nel parco condominiale, senza luci di emergenza, nessuna fattura pagata, un palazzo in degrado come esterno....etc etc

grazie

L'amministratore del condominio in cui abita ha fatto gravissime irregolarità, come ad esempio nessun provvedimento contro i morosi e siamo arrivati a una morosità di 20000 euro con una causa di citazione da parte della società fornitrice del servizio di pulizie.

Dopo tante assemblee che lui fa andare deserte e per gli orari assurdi, 22:30 prima convocazione, 15:00 seconda convocazione, sono riuscita a convincere per altri gravi mancanze e soprattutto per i modi maleducati che ha verso di noi di REVOCARGLI il mandato. Ma poichè non riusciamo a fare un'assemblea in quanto lui le boigotta (non manda comunicazione a tutti ad esempio), ho letto che possiamo indirla noi condomini un'assemblea, come si fa? quanti dobbiamo essere? la procedura per renderla valida?

Potete aiutarmi? siamo 11 condomini su 18 d'accordo e siamo stanchi di pagare e non avere servizi, senza luci nel parco condominiale, senza luci di emergenza, nessuna fattura pagata, un palazzo in degrado come esterno....etc etc

grazie

Non basta revocargli il mandato ma occorre sostituirlo con un nuovo amministratore.

Se siete d'accordo in 11 su 18 e rappresentate almeno la metà del valore dell'edificio (500 millesimi), innanzitutto incontratevi informalmente e cercate un candidato amministratore professionista di fiducia chiedendo informazioni presso gli edifici da lui amministrati e non basandovi solo sul prezzo.

Una volta individuata la persona che fa al caso vostro, se conosce bene la sua professione, vi indicherà lui la strada giusta in modo da non commettere errori formali che potrebbero invalidare la nomina.

Concordo con chi mi ha preceduto e per rendere le cose abbastanza veloci ed in modo economico potete adottare questa prassi, voi condomini potreste avvalervi dell'art. 66 Dacc (almeno 2 condomini rappresentanti almeno 1/6 del valore del condominio pari o superiore a 166.66p mlm) richiedendo all'amministratore in carica un'assemblea straordinaria (meglio con lettera RR) con all'OdG “nomina amm.re” e quant'altro desiderate deliberare, se lui non stabilisce una data per questa assemblea entro 10 gg (dalla ricezione) gli stessi richiedenti potranno convocarla con lo stesso OdG richiesto, inviando una lettera RR, o fax, o Pec, oppure lettera consegnata a mano a tutti i proprietari invitandoli all’assemblea che si terrà in data “gg.mm.aa.” comunicando anche la 2° convocazione che si terrà almeno un giorno dopo e non oltre 10 gg dalla prima, specificando anche luoghi e ore e OdG (lo stesso richiesto), la comunicazione deve giungere almeno 5 gg prima della 1° riunione. Cercate per tempo un bravo amministratore e assicuratevi di ottenere in assemblea la maggioranza del 2°c. Art. 1136. cc 1° e 2° convocazione - maggioranza delle teste dei partecipanti all'assemblea rappresentanti almeno la metà del valore dell'edificio (500 mlm)

Grazie a tutti,

 

abbiamo trovato un nuovo amministratore di fiducia, che tra l'altro è anche avvocato in una causa di citazione che ci ha fatto avere l'amministratore attuale non dando la lista dei morosi alla ditta richiedente ma facendo di proposito citare tutto il condominio.

Stasera si terrà assemblea straordinaria dove si revocherà tra varie ed eventuali l'amministratore attuale e si chiederà nuova assempblea entro 30 gg, verrà anche l'avvocato che abbiamo designato con la delega di uno dei condomini.

 

il condominio è costituito da due palazzine di 15 appartamenti uno e circa 12 l'altro con un totale di 18 proprietari e stasera saremo 11 proprietari penso che rappresentiamo una buona maggioranza.

 

Grazie per i consigli vi informo sull'evolversi della situazione.

Stasera si terrà assemblea straordinaria dove si revocherà tra varie ed eventuali l'amministratore attuale e si chiederà nuova assempblea entro 30 gg, verrà anche l'avvocato che abbiamo designato con la delega di uno dei condomini...

Se l'argomento non è all'ordine del giorno, qualsiasi delibera adottata tra le "varie e eventuali" è annullabile.

Se proprio volete adottare una delibera annullabile, tanto vale che deliberate stasera oltre alla revoca, anche la nuova nomina.

Se nessuno dei contrari e degli assenti impugnerà rispettivamente entro 30 giorni dalla data di delibera (per i contrari) ed entro 30 giorni dalla data di ricevimento del verbale (per gli assenti), la delibera resterà definitivamente valida.

P.S. Poichè i Tribunali vanno in ferie dal 1 agosto al 15 settembre, il conteggio dei 30 giorni è sospeso in tale periodo.

Nel caso di un presente stasera che vota contrario e desidera impugnare, potrà farlo entro il 30 settembre.

è riuscito a sospendere l'assemblea perchè ha istigato un condomino il quale è caduto nella sua trappola gli ha dato uno schiaffo, lui ha chiamato i carabiniere e ha detto che c'erano le telecamere e che erano tutto registrato...sospesa assemblea

avete capito in che mani stiamo?

Ripetete la riunione appena possibile.

 

Uno schiaffo costerà relativamente caro...ma le telecamere hanno registrato anche la provocazione.

 

Per le irregolarità descritte non trascurerei di citare tale amministratore per eventuali danni.

il problema che molti hanno paura, e temo questo li abbia fatti ritirare nella lotta.

cmq fino al terzo punto abbiamo deliberato e c'erano tutti i numeri legali, ero la presidente e abbiamo chiuso la riunione e firmato fino a quel punto.

la domanda è fino al punto che abbiamo deliberato e preso decisione, valgono?

SE il Presidente (in questo caso sembra tu) ha firmato il verbale e rispettato tutte le norme su rilevazione di quorum e maggioranze i punti delle delibere votate sono validi, attivi e vincolanti.

 

SE l' amministratore è stato revocato in uno di quei 3 punti o ne è stato nominato uno nuovo provvedete che venga inviato il verbale a quanti erano assenti (meglio inviarlo a tutti spiegandone validtà ed eficacia) per i rituali 30 gg. di tempo per eventuale impugnazione.

 

Se non è stato nominato un sostituto ma solamente revocato, il precedente resta in "regime di "prorogatio".

Mi sono. Spiegata male, quando stavo per deliberare la revoca e nomina nuovo amministratore, ha fatto scattare la lite di proposito ha fermato. Tutto fatto venire i carabiniere e quindi non ho potuto deliberare ho solo dovuto scrivere assemblea sospesa alle ore e ho fatto firmare oltre me è il segretario due comdomini

passati gli accertamenti dei carabinieri potevate riprendere l'assemblea .

Ha fatto verbalizzare che era in stato confusionale dopo aggressione da un condomino e che doveva andare in ospedale lasciando l'assemblea essendo presso il suo studio ci ha cacciato fuori.

 

Se ancora non lo avete capite 22000 euro di debito di cui lui ha fatto niente e campa solo di questo con alterazione dei vari lavoretti....boigotta le riunione e finge di dare le dimissi ...ma finalmente il condomino se ne è reso conto e vuole mandarlo via ceravamo quasi riuscì mahh...ora non so cosa possiamo fare io ho proposito denuncia presso procura e quanto altro.....ma vorrebbero evitare non vogliono danneggiarlo poveretto.....

a me sembra che manchi la volonta' di revocarlo . se c'e' la volonta' si prende e lo si revoca .

Hai ragione...ora ne parlo con gli altri...direttamente lettera di revoca

Se l'amministratore non è stato revocato non potete revocarlo con una lettera.

La lettera dovete inviarla con richiesta d'assemblea con all'ordine del giorno "nomina amministratore".

E questa volta se vi caccia continuate l'assemblea fuori della porta dello studio e verbalizzate tutto.

La lettera deve specificare che è stata fatta riunione con delibera dove tutti hanno votato a favore della revoca.

Poichè anche revocato resterebbe in regime di prorogatio diventa imprescindibile che contemporaneamente alla revoca nominate un nuovo amministratore.

 

Se volete bypassare la richiesta di assemblea che impone l' Art. 66....dovete essere tutti presenti, votanti e che si palesi almeno una maggioranza.

 

Servono i fatti (azioni) non le parole.

 

Ps.

Appena postato mi son accorto di essere stato preceduto da Leonardo...unico puntualizzazione visto che la sostanza è coincidente:

se fanno richiesta di convocazione assemblea il "saltinbanco" potrebbe fissare la data per le già citate calende greche.

 

Molto meglio evitare simile possibilità.

 

Molto meglio evitare simile possibilità.

Se TUTTI concordi, per evitare una nuova convocazione, chissà se può essere valido un verbale "convenzione" di questo tipo (anche firmando il verbale senza svolgere l'assemblea):

 

Visto il ripetersi degli annullamenti o sospensioni di assemblee presso lo studio dell'amministratore, oggi..... presso l'abitazione del condòmino A sono presenti TUTTI i condòmini per deliberare la revoca dell'amministratore X e la nomina di un nuovo amministratore.

All'unanimità dei partecipanti viene revocato il Sig. X e viene nominato come amministratore il Sig. Y. che provvederà a trasmettere copia del verbale all'amministratore uscente per poter essere effettuato un regolare passaggio di consegne.

Firme di TUTTI i condòmini (1.000 millesimi).

ma non siamo tutti, siamo solo 550 millesimi d'accordo, gli altri sono i morosi di altre 20000 euro.....

ma la revoca non è stata verbalizzata.....come ora siamo in mano a un avvocato per guidarci nel cambiare.

Se TUTTI concordi, per evitare una nuova convocazione, chissà se può essere valido un verbale "convenzione" di questo tipo (anche firmando il verbale senza svolgere l'assemblea):

 

Visto il ripetersi degli annullamenti o sospensioni di assemblee presso lo studio dell'amministratore, oggi..... presso l'abitazione del condòmino A sono presenti TUTTI i condòmini per deliberare la revoca dell'amministratore X e la nomina di un nuovo amministratore.

All'unanimità dei partecipanti viene revocato il Sig. X e viene nominato come amministratore il Sig. Y. che provvederà a trasmettere copia del verbale all'amministratore uscente per poter essere effettuato un regolare passaggio di consegne.

Firme di TUTTI i condòmini (1.000 millesimi).

SE fossi un Giudice preposto in caso di impugnazione non avrei nulla da eccepire. Il documento sarebbe una chiara dimostrazione della volontà condominiale.

Meglio di una delibera di cui solo 1 Presidente appone la firma a garanzia.

ma non siamo tutti, siamo solo 550 millesimi d'accordo, gli altri sono i morosi di altre 20000 euro.....

ma la revoca non è stata verbalizzata.....come ora siamo in mano a un avvocato per guidarci nel cambiare.

550 millesimi non è sufficente...io ho sempre parlato di unanimità qualora derogaste all' Art. 66.

 

Più che ovvio ritenere che, in caso seguiate sistemi non previsti, i condomini "morosi" facciano immediata impugnazione della delibera "viziata" da mancata convocazione.

 

Il Giudice non potrebbe fare altro che dare loro ragione annullando la delibera e i suoi effetti (torna il vecchio amministratore e al nuovo non spetta alcun compenso) e addebitando le spese legali e processuali.

 

Mi pareva di essere stato chiaro ed esaustivo.

L'amministratore non ha messo all'ordine del giorno la messa in sicurezza del condominio e dei condomini per una ristrutturazione completa del condominio decidendo lui ed qualche consigliere di non aprire una discussione perché secondo loro costava troppo. E' cominciata la ristrutturazione senza nessuna discussione in sede assembleare.Cosa posso o possiamo fare?. Grazie

La messa in sicurezza e la ristrutturazione sono cose ben distinte. Il lavori che sono "partiti" senza delibera assembleare cui ti riferisci sono solo la messa in sicurezza o la ristrutturazione?

×