Vai al contenuto
Riky-genoa

Amministratore mi richiede di rimuovere tubo scarico che fuoriesce da mio box

Salve, vi scrivo per avere un parere su una questione condominiale di cui mi ritrovo ad esserne coinvolto, mio malgrado.

Pochi giorni fa il mio Amministratore di caseggiato, mi chiede di provvedere alla rimozione di un tubo di scarico che dal mio box privato , attraversando il muro dello stesso attraversa per circa 6 mt l'intercapedine del condominio (quindi area comune calpestabile) per poi venire allacciato alla rete fognaria del palazzo.

La motivazione dell'Amm. è che secondo alcuni condomini, il mio tubo non rispetta il regolamento condominiale (di tipo assembleare e non contrattuale) e quindi va rimosso al più presto.

Da quanto mi risulta tale tubo è stato installato dal costruttore del palazzo circa 40 anni fa, per permettere lo scarico di un piccolo lavamani installato all'interno del mio box; secondo il mio idraulico il tubo è regolare e quindi dice che non sono tenuto a rimuoverlo. Come mi consigliate di comportarmi ?

Sono io che devo dimostrare che il tubo è in regola con le leggi attuali, o è il condominio che mi deve dimostrare (tramite perizia??) che il tubo è irregolare?

 

Grazie per l'interessamento

Da quanto mi risulta tale tubo è stato installato dal costruttore del palazzo circa 40 anni fa, per permettere lo scarico di un piccolo lavamani installato all'interno del mio box;
Se è così si tratta di servitù del padre di famiglia (costruttore), il quale prima di effettuare le vendite delle singole u.i. e proprietario di tutto, ha effettuato questo allaccio di scarico (cc art. 1062), per cui è tutto regolare;

 

cc art 1162 Destinazione del padre di famiglia

La destinazione del padre di famiglia ha luogo quando consta, mediante qualunque genere di prova, che due fondi, attualmente divisi, sono stati posseduti dallo stesso proprietario, e che questi ha posto o lasciato le cose nello stato dal quale risulta la servitù

Se i due fondi cessarono di appartenere allo stesso proprietario senza alcuna disposizione relativa alla servitù, questa si intende stabilita attivamente e passivamente a favore e sopra ciascuno dei fondi separati

×