Vai al contenuto
Verroc

Amministratore interno: meglio con o senza compenso?

In un Condominio con 14 condomini amministrato da uno dei condomini, regolarmente registrato all'AdE, dobbiamo decidere se dare oppure no il compenso per la gestione.

La domanda è:

- tutti i condomini possono sentirsi più tutelati se a questo "amministratore" diamo un compenso, ovviamente dichiarato?

Grazie.

Non è il compenso che induce un amministratore ad agire come "un buon padre di famiglia"...

Quindi la tutela, in tal senso, non esiste.

Una persona può agire professionalmente o meno.. ma ciò dipende dalla persona stessa.

In un Condominio con 14 condomini amministrato da uno dei condomini, regolarmente registrato all'AdE, dobbiamo decidere se dare oppure no il compenso per la gestione.

La domanda è:

- tutti i condomini possono sentirsi più tutelati se a questo "amministratore" diamo un compenso, ovviamente dichiarato?

Grazie.

Non sono i soldi dati all'amministratore che vi danno maggior tutela.

Se volete sentirvi più tutelati aumentate i massimali della polizza globale fabbricati contro la responsabilità civile.

 

Personalmente, io amministro il mio condominio gratuitamente ma non credo che potrei fare di meglio se percepissi un compenso.

Se, però, il condòmino non vuole amministrare gratuitamente, è giusto che gli venga riconosciuto un compenso perchè comunque, pur se non professionista, ha le stesse responsabilità civili e panali.

Salve,

io consiglio di verificare le sue conoscenze. Gli Amministratori interni che non hanno conoscenza della materia non solo creano danni ma sono una delle cose che non capirò mai della riforma, la cui ratio è quella di professionalizzare la categoria.

Cordiali saluti.

Quesito interessante: da una parte un compenso seppur minimo credo sia doveroso, perchè l'amministratore interno sicuramente rinuncia alle varie percentuali che intascano gli amministratori sui vari lavoretti di manutenzione.

D'altra parte però un compenso implica una responsabilità, se l'amministratore sbaglia potrà sempre difendersi dicendo che in fondo lavora gratis, se viene pagato qualche condomino potrà scagliarsi contro di lui rimarcando che siccome è pagato non ha diritto di sbagliare.

 

Diciamo che se uno fa l'amministratore come si deve, che assicura le varie compliance normative (antincendi, elettriche ecc...) una forma di rimborso la meriterebbe sicuramente...

Quesito interessante: da una parte un compenso seppur minimo credo sia doveroso, perchè l'amministratore interno sicuramente rinuncia alle varie percentuali che intascano gli amministratori sui vari lavoretti di manutenzione.

 

Salve,

quel sicuramente non è certezza al 100%. Conosco molti amministratori interni che tariffano come quelli esterni, specialmente per le spese straordinarie.

Cordiali saluti.

"da una parte un compenso seppur minimo credo sia doveroso, perchè l'amministratore interno sicuramente rinuncia alle varie percentuali che intascano gli amministratori sui vari lavoretti di manutenzione."

 

Qualche tempo fa in veste di Direttore dei lavori di ristrutturazione di un fabbricato mi imbattei in un amministratore che, appena mi incontrò per la prima volta, mi chiese senza indugio e vergogna di far sapere alla ditta appaltatrice dei lavori che si aspettava di ricevere un "ringraziamento" dalla stessa perchè le cose andassero lisce nei pagamenti. Il caso volle che in quel condominio risiedesse un mio amico a cui riferii la cosa: l'amministratore era INTERNO e fu sostituito poco tempo dopo

In un Condominio con 14 condomini amministrato da uno dei condomini, regolarmente registrato all'AdE, dobbiamo decidere se dare oppure no il compenso per la gestione.

La domanda è:

- tutti i condomini possono sentirsi più tutelati se a questo "amministratore" diamo un compenso, ovviamente dichiarato?

Grazie.

Non siete voi che potete decidere se dare o meno un compenso ma spetta al candidato sceglie se vuole o meno un compenso .

In un Condominio con 14 condomini amministrato da uno dei condomini, regolarmente registrato all'AdE, dobbiamo decidere se dare oppure no il compenso per la gestione.

La domanda è:

- tutti i condomini possono sentirsi più tutelati se a questo "amministratore" diamo un compenso, ovviamente dichiarato?

Grazie.

Secondo me vi confondete su di un punto.

L'amministratore è "optional" se in un condominio ci sono meno di 9 proprietari (fino a 8).

Superata questa "sogliola" ....è un obbligo avere chi si assume le responsabilità civili, penali, amministrative del lavoro che svolge... cioè amministratore. Responsabilità che in mancanza di questa figura, ricade su tutti i proprietari.

 

Un amministratore anziano un giorno mi disse..... non è tanto acquisire la gestione del maggior numero di condomini possibile a fare la differenza tra un amministratore ricco ed uno povero. Quanto piuttosto..capire quale condominio te lo metterà in quel posto.... e rinunciare a gestirlo prima che sia troppo tardi.

Secondo me vi confondete su di un punto.

L'amministratore è "optional" se in un condominio ci sono meno di 9 proprietari (fino a 8).

Superata questa "sogliola" ....è un obbligo avere chi si assume le responsabilità civili, penali, amministrative del lavoro che svolge... cioè amministratore. Responsabilità che in mancanza di questa figura, ricade su tutti i proprietari.

 

Un amministratore anziano un giorno mi disse..... non è tanto acquisire la gestione del maggior numero di condomini possibile a fare la differenza tra un amministratore ricco ed uno povero. Quanto piuttosto..capire quale condominio te lo metterà in quel posto.... e rinunciare a gestirlo prima che sia troppo tardi.[/QU

 

prima dei 9 non è obbligatorio, ci può essere un rappresentante condomino

dopo i nove deve esserci l'amministratore che se è un condomino interno a parte essere maggiorenne, può anche non saper leggere e scrivere

... dopo i nove deve esserci l'amministratore che se è un condomino interno a parte essere maggiorenne, può anche non saper leggere e scrivere

Per puntualizzare... dopo gli otto.

Ma perchè avete cominciato una guerra tra amministratori interni ed esterni?

La domanda mi sembrava fosse un'altra.

 

Domanda provocatoria:

Un amministratore professionista analfabeta ma che ha amministrato almeno un anno tra il 18/06/2010 ed il 18/06/2013 è obbligato a saper leggere e scrivere oppure è obbligato solo a saper rispondere alle domande che gli saranno fatte all'esame finale del corso di aggiornamento?

Salve,

io consiglio di verificare le sue conoscenze. Gli Amministratori interni che non hanno conoscenza della materia non solo creano danni ma sono una delle cose che non capirò mai della riforma, la cui ratio è quella di professionalizzare la categoria.

Cordiali saluti.

Se disponi di una statistica dei danni creati dagli amministratore interni VS i danni creati dai professionisti sarò lieto di leggerla. (in valore relativo/percentuale).

 

Per quanto al quesito ritengo sia nell'interesse del condominio trovare un'accordo chiaro sul compenso e rimborsi spese parlandone serenamente.

La trasparenza è sempre importante .

 

E più del compenso per fare l'amministratore interno ci vuole TEMPO e conoscenza delle normative (che richiede tempo).

Col compenso non si compra tempo...non so se mi spiego.

Per puntualizzare... dopo gli otto.

Ma perchè avete cominciato una guerra tra amministratori interni ed esterni?

La domanda mi sembrava fosse un'altra.

 

Domanda provocatoria:

Un amministratore professionista analfabeta ma che ha amministrato almeno un anno tra il 18/06/2010 ed il 18/06/2013 è obbligato a saper leggere e scrivere oppure è obbligato solo a saper rispondere alle domande che gli saranno fatte all'esame finale del corso di aggiornamento?

io rispondevo ad Hahorem .....

Salve,

io consiglio di verificare le sue conoscenze. Gli Amministratori interni che non hanno conoscenza della materia non solo creano danni ma sono una delle cose che non capirò mai della riforma, la cui ratio è quella di professionalizzare la categoria.

Cordiali saluti.

credo che dalla risposta sei un'amministratore anche una persona che non sa niente di condominio , che non ha fatto corsi e altro possa amministrare il proprio condominio col tempo si farà le ossa noi nel condominio abbiamo già cambiato 5 amministratori tutti ladri ......

credo che dalla risposta sei un'amministratore anche una persona che non sa niente di condominio , che non ha fatto corsi e altro possa amministrare il proprio condominio col tempo si farà le ossa noi nel condominio abbiamo già cambiato 5 amministratori tutti ladri ......

Avessero istituito l'albo degli amministratori di condominio si sarebbe garantita maggiore professionalità.

×