Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
tommaso92

Amministratore furfante - secondo voi ci sono le condomini per ricorrere in sede penale per truffa?

Salve

distaccato riscaldamento centralizzato 2002.

Nel 2012 viene cambiata la caldaia e vengo assoggettata alla spese per Tabella COnsumo, scrivo raccomandata all'amministratore vengo ignorata, invia fax il mio legale ignorato. Propongo la mediazione in organismo di conciliazione, l'amminsitratore si presenta senza delega del Condominio viene rimandato l'incontro.

Prime dell'incontro fissato, l'amminsitratore durante approvazione rendiconto annuale suddivide le spese di sostituzione caldaia per Tabella generale.

All'incontro successivo in OCF, all'amminitratore manca sempre la delega del condominio però sembra che questa volta abbia diviso le spese in modo equo e si decide di chiudere la mediazione lì, senza nulla di fatto, pagato spese, pagato avvocato e nessun beneficio anzi danno economico.

Dopo qualche mese mi accorgo che solo a me è stato fatto pagare la sostituzione della caldaia in Tabelle generali, mentre a tutti gli altri condomini è rimasto il pagamento in Tabella COnsumo.

Faccio notare questa cosa in Assemblea e nessuno mi considera, possibile che siano tutti d'accordo anzi vengo aggredito a male parole da un condomino che è anche Avvocato.

Secondo voi ci sono le condizioni per ricorrere in sede penale per truffa?

Esiste in Italia un avvocato che sia disposto ad ascoltare?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Anche essendo staccata dal riscaldamento, sei sempre proprietaria della caldaia, perciò se questa viene sostituita devi le spese per mlm di proprietà, cosa che sembra sia stata richiesta dall'amministratore, inoltre quello che non devi pagare è il solo consumo volontario, ma non puoi esimerti da quello involontario (nuova norma uni 10200), secondo me non c'è nessuna truffa nei tuoi confronti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Non ho mai scritto che non volevo pagare la sostituzione della caldaia.

Ho scritto che mi è stata fatta pagare la sostituzione in TABELLA CONSUMo, che ho dovuto ricorrere all'OCF, pagando soldi e ottenendo il pagamento in Tabella millesimi proprietà

quando tutti gli altri condomini hanno pagato in tabella consumo.

Non è truffa?

Cosa è? Io pago in modo e tutti gli altri in un altro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Non ho mai scritto che non volevo pagare la sostituzione della caldaia.

Ho scritto che mi è stata fatta pagare la sostituzione in TABELLA CONSUMo, che ho dovuto ricorrere all'OCF, pagando soldi e ottenendo il pagamento in Tabella millesimi proprietà

quando tutti gli altri condomini hanno pagato in tabella consumo.

Non è truffa?

Cosa è? Io pago in modo e tutti gli altri in un altro

Bisognerebbe vedere bene la partizione, non solo quella tua ma anche quella di tutti i condomini, in quanto quello che ti è stato fatto pagare per il consumo in termini mlm potrebbe significare la parte da te dovuta come consumo involontario, che deve essere corrisposta anche da tutti gli altri.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Non ho mai scritto che non volevo pagare la sostituzione della caldaia.

Ho scritto che mi è stata fatta pagare la sostituzione in TABELLA CONSUMo, che ho dovuto ricorrere all'OCF, pagando soldi e ottenendo il pagamento in Tabella millesimi proprietà

quando tutti gli altri condomini hanno pagato in tabella consumo.

Non è truffa?

Cosa è? Io pago in modo e tutti gli altri in un altro

Se il costo totale della sostituzione è stato diviso per mille e tu hai pagato la tua quota in base ai tuoi millesimi di proprietà, non preoccuparti di come sia stata ripartita la differenza.

Ovviamente vi è un errore ma se agli altri condòmini sta bene così cerca di buttarti tutto alle spalle.

Non ti sentirai soddisfatto e non so quanto ti sia convenuto, hai speso dei soldi ma hai ottenuto la ripartizione corretta, almeno per te.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
... Dopo qualche mese mi accorgo che solo a me è stato fatto pagare la sostituzione della caldaia in Tabelle generali, mentre a tutti gli altri condomini è rimasto il pagamento in Tabella COnsumo.

Faccio notare questa cosa in Assemblea e nessuno mi considera, possibile che siano tutti d'accordo anzi vengo aggredito a male parole da un condomino che è anche Avvocato.

Secondo voi ci sono le condizioni per ricorrere in sede penale per truffa?

Scusa ma non capisco perchè vuoi occuparti per forza dei fatti degli altri.

Ti volevano far pagare con la tabella consumi, hai fatto ricorso ed hai ottenuto di pagare con la tabella di proprietà.

 

Hai avvisato i condòmini che era loro diritto pagare anche loro con la tabella di proprietà ma a questi non interessa.

Ammesso che anche un solo condòmino si fosse offerto pagare la quota di tutti i restanti, quale sarebbe la truffa? Che danno avresti subito?

 

ovvio che se tutti gli altri desiderano pagare la loro quota in comune accordo ripartendosi la spesa come meglio credono e tu ti intrometti con insistenza, poi devi subire le male parole del tipo... "hai ottenuto quello che volevi, ora che "caspita" ti interessa come noi altri ci riparti ci ripartiamo la spesa"?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Se hai subito un danno con un maggiore esborso (danno economico) rispetto la ripartizione è ravvisabile l'eccesso di potere dell'assemblea.

L'eccesso di potere rende nulla qualsiasi delibera, quindi impugnabile in ogni tempo.

 

https://www.condominioweb.com/eccesso-di-potere-dellassemblea-o-dellamministratore-di-condominio.13579

http://avvertenze.aduc.it/condominio/responsabilita+civile+penale+dell+amministratore_20347.php

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Se riesci a provare che ci sono gli artifici e raggiri, oltre al vantaggio per chi li ha posti in essere e pure al danno concreto per te, perché la condotta deve avere tutti questi requisiti affinché il fatto rilevi penalmente come truffa, accomdati pure.

 

Però aspettati anche una denuncia per calunnia contro di te, a sto punto, come diciamo a Napoli "rutt pe' rutt..."

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Se riesci a provare che ci sono gli artifici e raggiri, oltre al vantaggio per chi li ha posti in essere e pure al danno concreto per te, perché la condotta deve avere tutti questi requisiti affinché il fatto rilevi penalmente come truffa, accomdati pure.

 

Però aspettati anche una denuncia per calunnia contro di te, a sto punto, come diciamo a Napoli "rutt pe' rutt..."

Non riesco a capire la truffa.

Facciamo un esempio pratico:

Ci sono 8 condòmini tra cui Tommaso con 100 millesimi.

Si deve ripartire una spesa di 1.000 euro e, applicando a Tommaso il criterio legale di riparto, gli vengono fatti pagare i giusti 100 euro.

 

Se i restanti 7 condòmini vogliono ripartirsi i restanti 900 euro in parti uguali o per numero di residenti oppure tre dei sette condòmini vogliono accollarsi i 900 euro pagando anche per gli altri 4...

qual''è il problema per Tommaso? Che truffa ha subito visto che lui ha pagato precisamente i 100 euro che gli spettava pagare?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Si ho capito, sicuramente truffa non è il termine giusto.

Secondo me la suddivisione degli importi dovrebbe essere fatta a livello legale, cioè il rendiconto legale con gli importi giusti in base alla tabella di riferimento, poi se i condomini vogliono pagare di più si ingegnano diversamente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Si ho capito, sicuramente truffa non è il termine giusto.

Secondo me la suddivisione degli importi dovrebbe essere fatta a livello legale, cioè il rendiconto legale con gli importi giusti in base alla tabella di riferimento, poi se i condomini vogliono pagare di più si ingegnano diversamente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Si ho capito, sicuramente truffa non è il termine giusto.

Secondo me la suddivisione degli importi dovrebbe essere fatta a livello legale, cioè il rendiconto legale con gli importi giusti in base alla tabella di riferimento, poi se i condomini vogliono pagare di più si ingegnano diversamente.

Infatti i restanti condòmini, accettando il riparto e non impugnandolo, si impegnano tacitamente ad un riparto in CONVENZIONE tra loro, come previsto dal 1° comma dell'art. 1123 del codice civile:

 

Art. 1123 c.c.

Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti comuni dell’edificio, per la prestazione dei servizi nell’interesse comune e per le innovazioni deliberate dalla maggioranza sono sostenute dai condomini in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno, salvo diversa convenzione

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ho capito, e' quel "salvo diversa convenzione" che cambia tutto.

La ringrazio per la chiarezza espositiva, comunque ho pagato soldi per andare in OCF per vedere riconoscere un mio diritto perchè l'amminsitratore non ha mai risposto alle raccomandate.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×