Vai al contenuto
domenico bueti

Amministratore e ditta lavori

Buonasera a tutti, avrei il seguente quesito: un amministratore può avere un qualunque ruolo in una ditta che esegue i lavori con il bonus facciate al 90% nel condominio da lui amministrato? grazie a chi potrà darmi una risposta, se possibile anche con un riferimento a qualche norma/articolo che sostenga la cosa. 

domenico bueti dice:

un amministratore può avere un qualunque ruolo in una ditta che esegue i lavori con il bonus facciate al 90% nel condominio da lui amministrato?

Sì, può

Modificato da Massi

grazie, il fatto è che avevo letto tempo fa , non ricordo dove ma farò mente locale, che la ditta deve essere totalmente esterna dagli interessi dell'amministratore.

domenico bueti dice:

grazie, il fatto è che avevo letto tempo fa , non ricordo dove ma farò mente locale, che la ditta deve essere totalmente esterna dagli interessi dell'amministratore.

Se lo ritrovi, postalo per cortesia.

domenico bueti dice:

votata in assemblea dai condomini

 

"Chi è causa del suo mal, pianga se stesso".

esattamente, solo non vorrei che la loro decisione coinvolga anche la nostra. Il mio condominio è composto da due edifici distinti di 3 e 4 scale serviti però da un'unica caldaia e facenti capo ad un unico codice fiscale.

L'amministratore, a mio modo di vedere colpevolmente, aveva convocato solo le 3 scale per deliberare i lavori al 90% per quelle 3 scale, condannando a priori i lavori al 110%. Questi condomini, in gran parte anziani e poco o male informati si sono convinti della bontà della scelta. Ma ad oggi stiamo tutti, anche parte delle 3 scale adoperandoci per mandarlo via per inadempienze ulteriori al suo compito. Questi delle 3 scale temono però, che il cambio di amministratore rallenti il procedimento di inizio lavori avendo già deliberato la ditta e raggiunto l'accordo con una banca. Mi scuso per la lunghezza e la non molta precisione... spero di essermi spiegato decentemente. 

per Massi, di Lecco. Ho ritrovato dove avevo letto quella cosa. Era un opuscolo messo in vendita come allegato del Corriere della Sera... forse di settembre/ottobre 2020, dal titolo: "100 domande e 100 risposte-Ristrutturare casa, guida agli incentivi". A pagina 19, nel paragrafo 45, dove si parla dei certificati necessari a conseguire il miglioramento di 2 classi energetiche, la domanda è: " La certificazione può essere redatta dall'impresa che effettuerà i lavori?" . La risposta: "No, al certificato APE deve essere allegato un documento denominato ' Dichiarazione di indipendenza' che deve attestare l'assenza di conflitto di interesse mediante la dichiarazione del certificatore che non ha nessun coinvolgimento diretto o indiretto nel processo di progettazione e realizzazione dell'edificio valutato e nemmeno con i produttori dei materiali e dei componenti e che non vi sono rapporti di parentela fino al quarto grado con il committente."

domenico bueti dice:

per Massi, di Lecco. Ho ritrovato dove avevo letto quella cosa. Era un opuscolo messo in vendita come allegato del Corriere della Sera... forse di settembre/ottobre 2020, dal titolo: "100 domande e 100 risposte-Ristrutturare casa, guida agli incentivi". A pagina 19, nel paragrafo 45, dove si parla dei certificati necessari a conseguire il miglioramento di 2 classi energetiche, la domanda è: " La certificazione può essere redatta dall'impresa che effettuerà i lavori?" . La risposta: "No, al certificato APE deve essere allegato un documento denominato ' Dichiarazione di indipendenza' che deve attestare l'assenza di conflitto di interesse mediante la dichiarazione del certificatore che non ha nessun coinvolgimento diretto o indiretto nel processo di progettazione e realizzazione dell'edificio valutato e nemmeno con i produttori dei materiali e dei componenti e che non vi sono rapporti di parentela fino al quarto grado con il committente."

L'APE è una cosa diversa, in quel caso il certificatore non può certificare su immobili nel quale è in conflitto di interessi. Ad esempio io che sono certificatore non posso certificare immobili di mia proprietà ed immobili di terzi in condomini che io amministro (anche senza impianti comuni).

Ma con il bonus 90% non c'entra nulla, fosse anche il 110% l'unica cosa che non potrebbe fare l'amministratore è asseverare l'APE.

non c'è nessun problema per il "coinvolgimento" dell'amministratore nell'impresa che esegue i lavori di ristrutturazione.

 

poteva essere un problema se l'impresa vi veniva in qualche modo "imposta" dall'amministratore.

×