Vai al contenuto
mariantonietta

Altezza alberi in giardini privati

Ho acquistato 27 anni fà un'appartamento al secondo piano in un condominio con parco e piscina privata. Dal mio balcone avevo una visuale meravigliosa e aperta sia sul parco che sulla piscina. Da tre anni il proprietario del piano terra ha piantato nel suo giardino privato un ciliegio che essendo cresciuto mi impedisce completamente la visuale, cioè io anzichè vedere parco e piscina vedo le fronde del ciliegio, nel piantarlo è stata rispettata la distanza dalla palazzina ma in altezza supera il mio balcone. Poichè a tutt'oggi io subisco anche un danno patrimoniale in quanto l'appartamento è deprezzato non godendo della vista sia del parco che della piscina, volevo chiedere se e cosa posso fare perchè vengano ripristinate le condizioni in cui io ho acquistato l'appartamento, cioè la visuale del parco e della piscina. E' possibile che un condomino possa agire così senza rispettare gli altri?

Ho acquistato 27 anni fà un'appartamento al secondo piano in un condominio con parco e piscina privata. Dal mio balcone avevo una visuale meravigliosa e aperta sia sul parco che sulla piscina.
Quando hai acquistato potevi chiedere al vicino un vincolo a tuo favore per salvaguardare la visuale che godevi, cioè stipulare una servitù di vista, ovviamente questa era a pagamento, in quanto non si può vietare al vicino di piantare degli alberi, curarli e farli cresce come natura concede ed a distanza prevista dalle norme.

Salve,

Due anni fa abbiamo acquistato un appartamento al primo piano che si affaccia su un giardino privato.

Il proprietario del giardino ha 4 alberi ad alto fusto che sono diventati veramente troppo alti.

I loro rami arrivano al tetto dell'edificio(3piani) e hanno danneggiato le grondaie, senza contare che entrano nei balconi e limitano sole e luce oltre a sporcare con ramoscelli, resina e polline. Come se questo non bastasse tiene l'acqua aperta per annaffiare il giardino anche 12 ore al giorno creando pozze di acqua che attirano zanzare di ogni tipo ed ogni genere. Non è intenzionato a potare gli alberi. Come possiamo obbligarlo?

Grazie.

Gli alberi anche se si trovano nel giardino privato di questo condomino vanno potati a cura del condominio, cioè a spese comuni, per le pozze d'acqua che attirano zanzare, prova a fare una segnalazione all'ASL;

 

Alle spese di potatura degli alberi, che insistono su suolo oggetto di proprietà esclusiva di un solo condomino sono tenuti, tuttavia, a contribuire tutti i condomini allorché si tratti di piante funzionali al decoro dell'intero edificio e la potatura stessa avvenga per soddisfare le relative esigenze di cura del decoro stesso. (Cass. 18/04/94 n. 3666)

Scusi perché la devono pagare tutti la potatura? Il giardino si trova in un angolo nascosto del condominio che non si affaccia su nessuna strada( lo vede solo chi come me ha l'affaccio nel lato interno).

Poi non è tanto una questione di costi, quanto il fatto che il proprietario si oppone alla potatura.

I rami hanno già danneggiato le grondaie che siamo costretti a sostituire prima dell'arrivo delle piogge invernali.

L'amministratore può obbligarlo alla potatura? Se no a chi mi posso rivolgere?

Il parere o la perizia di un agronomo indirizzerebbero il confronto sui corretti binari.

Io tramite agronomo ti ho spiegato perché è necessario potare; ora tu spiegami tramite altro tecnico, se lo trova, perché non è necessaria la potatura.

×