Vai al contenuto
paul_cayard

Agevolazione fiscale per spicconatura e messa in sicurezza

buondì.

abbiamo eseguito lavori di spicconatura al fabbricato su parti pericolanti di cornicione e frontalini.

ciò a seguito di precedenti cadute di parti ammalorate con intervento dei vvff e successiva ordinanza comunale.

la spicconatura e messa in sicurezza, sono considerate ammissibili alla detrazione per agevolazione fiscale o è ammissibile solo la ristrutturazione o risanamento ?

dovrò pagare la fattura quindi con bonifico parlante o normalmente con bonifico std e ritenuta d'acconto ?

grazie.

grazie.

ho paura che passerà del tempo prima che i condomini si decidano a ripristinare il fabbricato (che ne ha proprio bisogno).

per cui, non essendoci continuità tra le due cose, spicconatura e ripristino, mi faccio fare una fattura con r.a. e rinunceremo all'agevolazione (... in media 9,50 euro l'anno a testa per 10 anni). 🙂

Ho un problema simile, il ripristino avverrà in futuro e la messa in sicurezza è stata predisposta urgentemente, quindi tale spesa rientra tra quelle agevolabili? Spero di ricevere lumi perchè alcuni condomini ritengono sia possibile portarla in detrazione.

Ho un problema simile, il ripristino avverrà in futuro e la messa in sicurezza è stata predisposta urgentemente, quindi tale spesa rientra tra quelle agevolabili? Spero di ricevere lumi perchè alcuni condomini ritengono sia possibile portarla in detrazione.

se il ripristino non avverrà entro tempi ragionevolmente brevi, non si può parlare di continuità fra i due interventi e pertanto i lavori di messa in sicurezza non possono godere delle agevolazioni fiscali

E' il mio stesso pensiero, ma come posso dimostrarlo ai condomini che ritengono l'intervento agevolabile? Nonostante abbia riferito che nella guida alle ristrutturazioni dell'agenzia delle entrate non è prevista la voce messa in sicurezza, sono fermamente convinti della possibilità di detrazione. Tieni conto che l'intervento di ripristino dei prospetti deve essere ancora deliberato, deve essere nominato il tecnico quindi seguirà la redazione del computo metrico, poi il contatto con le imprese a partecipare alla gara d'appalto, la raccolta dei fondi e tutto ciò richiederà dei tempi medio lunghi. Rispetto ad una messa in sicurezza eseguita l'estate scorsa che continuità ci può essere se con molta probabilità si riuscirà ad avviare il tutto non prima della fine dell'anno in corso. Vorrei poter trovare dei riscontri inconfutabili sull'indetraibilità dell'intervento, che in quel caso è stato fine a se stesso.

E' il mio stesso pensiero, ma come posso dimostrarlo ai condomini che ritengono l'intervento agevolabile? Nonostante abbia riferito che nella guida alle ristrutturazioni dell'agenzia delle entrate non è prevista la voce messa in sicurezza, sono fermamente convinti della possibilità di detrazione. Tieni conto che l'intervento di ripristino dei prospetti deve essere ancora deliberato, deve essere nominato il tecnico quindi seguirà la redazione del computo metrico, poi il contatto con le imprese a partecipare alla gara d'appalto, la raccolta dei fondi e tutto ciò richiederà dei tempi medio lunghi. Rispetto ad una messa in sicurezza eseguita l'estate scorsa che continuità ci può essere se con molta probabilità si riuscirà ad avviare il tutto non prima della fine dell'anno in corso. Vorrei poter trovare dei riscontri inconfutabili sull'indetraibilità dell'intervento, che in quel caso è stato fine a se stesso.

i miei condomini sono stati più tranquilli dei tuoi all'epoca.

puoi inviare una mail all'ade con la domanda secca : la spesa per la sola spicconatura delle parti comuni senza successivo ripristino o restauro o manutenzione (nell'anno di competenza) può essere portata in detrazione ?

se ti rispondono in tempo utile per le tue cose ne fai copie e le distribuisci ...

 

comunque dipende anche dal modo con cui hai pagato: se bonifico normale non può essere certo portata in detrazione.

Ho pagato con bonifico normale perchè ritengo non sia ammissibile la detrazione per i motivi sopra esposti e anche da te condivisi. Pensi che mandando una mail l'ade risponderà? con quali modalità va inoltrata?

Ho pagato con bonifico normale perchè ritengo non sia ammissibile la detrazione per i motivi sopra esposti e anche da te condivisi. Pensi che mandando una mail l'ade risponderà? con quali modalità va inoltrata?

se vai sul sito dell'ade

http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/nsilib/nsi/contatta/assistenza+fiscale

scegli la modalità e segui le istruzioni.

a volte limitano gli ingressi e devi riprovare magari il mattino dopo o il pomeriggio ...

Ho pagato con bonifico normale perchè ritengo non sia ammissibile la detrazione per i motivi sopra esposti e anche da te condivisi. Pensi che mandando una mail l'ade risponderà? con quali modalità va inoltrata?

se hai pagato con bonifico normale, indipendentemente da quello che ti risponderà L'ade, non puoi più portare in detrazione l'intervento

se hai pagato con bonifico normale, indipendentemente da quello che ti risponderà L'ade, non puoi più portare in detrazione l'intervento
Forse (?) potrebbe (forse)?

farsi ridare indietro quei soldi dall'impresario edile che ha spicconato,

e magari essendo presenti insieme allo sportello della banca (!)

fare immediatamente un secondo Bonifico giusto per Ristrutturazioni ?

 

(della serie... l'avvocato del diavolo, per anticipare richeste possibili in assemblea...)

Forse (?) potrebbe (forse)?

farsi ridare indietro quei soldi dall'impresario edile che ha spicconato,

e magari essendo presenti insieme allo sportello della banca (!)

fare immediatamente un secondo Bonifico giusto per Ristrutturazioni ?

 

(della serie... l'avvocato del diavolo, per anticipare richeste possibili in assemblea...)

dovrebbe anche non aver versato la r.a. o fare in modo di recuperarla ...

e non aver passato l'anno di riferimento ...

la vedo complicata.

Sposterei l'attenzione più sull'effettiva indetraibilità dell'intervento, da quanto scrivete sopra sembra invece il contrario, tanto da cercare possibilità per rimediare. E' stata eseguita una messa in sicurezza per parti di muratura in distacco dall'edificio. Stop, l'intervento di ripristino se avverrà sarà eseguito più di un anno dopo. Per la sola messa in sicurezza è ammessa la detrazione?

Sposterei l'attenzione più sull'effettiva indetraibilità dell'intervento, da quanto scrivete sopra sembra invece il contrario, tanto da cercare possibilità per rimediare. E' stata eseguita una messa in sicurezza per parti di muratura in distacco dall'edificio. Stop, l'intervento di ripristino se avverrà sarà eseguito più di un anno dopo. Per la sola messa in sicurezza è ammessa la detrazione?

no......................................

Sposterei l'attenzione più sull'effettiva indetraibilità dell'intervento, da quanto scrivete sopra sembra invece il contrario, tanto da cercare possibilità per rimediare. E' stata eseguita una messa in sicurezza per parti di muratura in distacco dall'edificio. Stop, l'intervento di ripristino se avverrà sarà eseguito più di un anno dopo. Per la sola messa in sicurezza è ammessa la detrazione?

io dico che la sola spicconatura ai fini della sicurezza non è detraibile, come anche altri sostengono.

per togliere dubbi ho suggerito di scrivere all'ade ponendo una domanda precisa.

in una manutenzione completa di ripristino è evidente che è la prima fase di tutto il processo il quale è detraibile.

 

sopra ho solo risposto ad una ipotesi di caval che si poneva degli interrogativi.

la sola spicconatura non è un intervento di ristrutturazione edilizia, ma semplicemente la messa in sicurezza del fabbricato o parti dello stesso.

Vi aggiorno sull'esito della mail inviata all'agenzia delle entrate. Premetto che oltre a trovare conforto nel forum, in più occasioni ho contattato telefonicamente l'agenzia parlando con l'operatore di turno e sottoponendo il quesito e mi è stato sempre risposto che la sola spicconatura delle parti compromesse senza il contestuale ripristino non è soggetta a beneficio. L'agenzia mi risponde testualmente richiamando la lettera i dell'art. 16-bis del TUIR "che si possono portare in detrazione le spese sostenute per l'adozione di misure antisismiche, con particolare riguardo all'esecuzione di opere per la messa in sicurezza statica. La detrazione è concessa se gli interventi vengono eseguiti su parti strutturali degli edifici o su complessi di edifici collegati strutturalmente e se comprendono interi edifici".

Il dubbio è se il mio quesito sia stato interpretato correttamente o viceversa, perchè dalla risposta ricevuta mi sembra si parli d'altro.

I vostri pareri?

Vi aggiorno sull'esito della mail inviata all'agenzia delle entrate. Premetto che oltre a trovare conforto nel forum, in più occasioni ho contattato telefonicamente l'agenzia parlando con l'operatore di turno e sottoponendo il quesito e mi è stato sempre risposto che la sola spicconatura delle parti compromesse senza il contestuale ripristino non è soggetta a beneficio. L'agenzia mi risponde testualmente richiamando la lettera i dell'art. 16-bis del TUIR "che si possono portare in detrazione le spese sostenute per l'adozione di misure antisismiche, con particolare riguardo all'esecuzione di opere per la messa in sicurezza statica. La detrazione è concessa se gli interventi vengono eseguiti su parti strutturali degli edifici o su complessi di edifici collegati strutturalmente e se comprendono interi edifici".

Il dubbio è se il mio quesito sia stato interpretato correttamente o viceversa, perchè dalla risposta ricevuta mi sembra si parli d'altro.

I vostri pareri?

se non sbaglio nel tuo caso non si è trattato di misure antisismiche con particolare riguardo all'esecuzione di opere per la messa in sicurezza statica

Ma infatti nel mio quesito non ho parlato di interventi del genere ma semplicemente ho scritto che sono stati fatti cadere pezzi d'intonaco in distacco (la spicconatura per intenderci) e nient'altro.

Non so come interpretare.

Ma infatti nel mio quesito non ho parlato di interventi del genere ma semplicemente ho scritto che sono stati fatti cadere pezzi d'intonaco in distacco (la spicconatura per intenderci) e nient'altro.

Non so come interpretare.

non è intervento detraibile.

 

vedi risposte di josefat (post #5, 14, 16) e in parte mia (post#15).

Ma infatti nel mio quesito non ho parlato di interventi del genere ma semplicemente ho scritto che sono stati fatti cadere pezzi d'intonaco in distacco (la spicconatura per intenderci) e nient'altro.

Non so come interpretare.

se nel tuo caso non sono previsti interventi antisismici, non puoi portare in detrazione la semplice spicconatua per la sola messa in sicurezza dello stabile

Concordo assolutamente con voi ma la risposta dell'ADE insinua il dubbio. Per dirla tutta ho formulato nuovamente il quesito spiegando ancora più dettagliatamente in cosa ha consistito l'intervento. La risposta ricevuta è stata in questi termini "Le confermiamo quanto indicato nella precedente risposta" invitandomi a rivolgermi direttamente all'Ufficio dell'Agenzia delle Entrate che si occupa di controlli formali, competente sulla base della residenza fiscale. Dovrei quindi sottoporre nello specifico il quesito all'agenzia di città?

Concordo assolutamente con voi ma la risposta dell'ADE insinua il dubbio. Per dirla tutta ho formulato nuovamente il quesito spiegando ancora più dettagliatamente in cosa ha consistito l'intervento. La risposta ricevuta è stata in questi termini "Le confermiamo quanto indicato nella precedente risposta" invitandomi a rivolgermi direttamente all'Ufficio dell'Agenzia delle Entrate che si occupa di controlli formali, competente sulla base della residenza fiscale. Dovrei quindi sottoporre nello specifico il quesito all'agenzia di città?

visto che comunque hai pagato con bonifico normale, comunque non puoi portarle in detrazione.

quanto è stata la spesa ?

quanti condomini avrebbero dovuto dividerla (se fosse stata detraibile) ?

fai un conto a spanne: dividi la spesa a metà, dividi ancora per il numero dei condomini e poi ancora per 10 (anni): quel che risulta è quanto "perdono" annualmente i tuoi condomini.

noi all'epoca spendemmo circa 12000 euro: divisi tra 52 condomini abbiamo "perso" circa 12 euro l'anno.

chiedi a chi fuma di recuperarli comprando meno sigarette o caricando meno il telefonino ...

... e poi ... se vogliono sfiduciarti lo facciano ...

Si tratta di una spesa ancora minore e solo una questione di principio perchè alcuni condomini forti dei lori convincimenti sostengono che era detraibile, io al contrario anche per il conforto ricevuto dagli operatori telefonici e adesso la risposta inattesa e non condivisa dell'ADE che crea molte incertezze e riserve. Simili interventi futuri li passerò per detraibili?

Si tratta di una spesa ancora minore e solo una questione di principio perchè alcuni condomini forti dei lori convincimenti sostengono che era detraibile, io al contrario anche per il conforto ricevuto dagli operatori telefonici e adesso la risposta inattesa e non condivisa dell'ADE che crea molte incertezze e riserve. Simili interventi futuri li passerò per detraibili?

simili interventi, non riguardano lavori di ristrutturazione, ma semplicemente una messa in sicurezza di alcune parti della facciata, pertanto non potendoli equiparare a ristrutturazione, non sono detraibili.

A meno che, dopo la messa in sicurezza, seguano i lavori di ristrutturazione, in questo caso sono detraibili.

Ospite
Questa discussione è chiusa.
×