Vai al contenuto
michela_x

Agenzia entrate si rifiuta di chiudere il contratto

Salve ragazzi, ho ottenuto finalmente dal giudice la convalida dello sfratto per morosità del mio inquilino, sono andata all'agenzia delle entrate però e mi hanno detto che per la chiusura del contratto dal punto di vista dell'agenzia delle entrate, serve che l'inquilino lasci il locale e restituisca le chiavi, fino a quel punto l'agenzia delle entrate non può chiudere il contratto. A voi risulta questo? Io sapevo che basta la convalida dello sfratto del giudice per l'agenzia delle entrate. Grazie a chi vorrà aiutarmi

Se il contratto non è stato risolto precedentemente (ad es facendo valere una clausola risolutiva espressa), l'ordinanza con cui il giudice convalida lo sfratto ha proprio l'effetto di risolvere la locazione. Da questo momento in poi il contratto non esiste più e quindi non c'è neppure più un canone di locazione tassabile.

L'ade dovrebbe prendere atto di questa situazione, ovviamente producendo all'ufficio una copia del verbale di udienza in cui l'ordinanza è stata pronunciata.

Se, come è certo, la cosa è stata seguita da un tuo legale, non dovrebbe avere problemi a farti avere questa copia da presentare all'Ade.

 

Se però hai già fatto così, direi che la risposta dell'Agenzia è sconcertante e va affrontata seriamente (un legale ce l'hai già per lo sfratto...)

si infatti è come dici tu , sono andata all'ade ed ho presentato la copia del verbale dell'udienza che pronuncia lo sfratto, ma non ce stato verso di convincere il dipendente dell'age, il problema è che mettere di nuovo l'avvocato per questa cosa sono altri soldi e già di soldi ne ho persi molti per la causa dello sfratto :-(

Mi spiace per la situazione. Possibili espedienti:

 

- telefonare all'ade (la sede dove poi si dovrebbe andare di persona), sperando di scoprire che altri la pensano diversamente; dopodiché

tornare effettivamente per chiudere facendo valere le informazioni (corrette) avute per telefono

 

- stessa cosa chiedendo informazioni al n. verde nazionale dell'ade (occhio che ci vuole la pazienza di giobbe, sia per prendere la linea sia per mantenersi

calmi quando diventa chiaro che l'interlocutore ne sa meno di noi...)

 

- se tutto questo non serve: tornare allo sportello chiedendo la registrazione della fine della locazione in base all'ordinanza di convalida dello sfratto; se segue il rifiuto con le argomentazioni (errate) della prima volta, chiedere che tale rifiuto venga messo nero su bianco a firma dell'impiegato; se si rifiuta chiedere di parlare con persona gerarchicamente superiore; se viene opposto che risposte scritte si danno solo a seguito di domande scritte esibire (preparala prima a casa) una richiesta in cui si dice: " io sottoscritto...., presento oggi addì ..... richiesta di registrazione di termine della locazione .... per intervenuta ordinanza di convalida di sfratto in data.... (copia fotostatica dell'ordinanza allegata, oltre al necessario modello compilato). Chiedere di protocollare in entrata tale richiesta e avere copia protocollata indietro.

 

Insomma: farsi valere.

 

Comunque in un caso identico, l'ade delle mie parti mi ha fatto sapere che il soggetto può non dichiarare il reddito della locazione a partire dalla data dell'ordinanza (ovviamente anche se non ha mai visto un centesimo, paga l'irpef sui canoni precedenti). In caso di controllo sulla dichiarazione il documento giustificativo è proprio l'ordinanza.

grazie proverò a fare così, ma devo pagare il modello f23 con allegato il modello 69 anche nel mio caso, di una fine contratto causa sfratto del giudice?

Interessante. Non so risponderti perché nel mio caso si trattava di locazioni sotto il regime della cd "cedolare secca", per cui prima registrazione e ogni adempimento successivo sono esenti da bollo e imposta di registro.

Anche se significa aprire un altro potenziale filone di informazioni imprecise, io chiederei all'ade, aggiungendo anche questo punto agli argomenti del colloquio informativo telefonico preventivo.

La sentenza di convalida dello sfratto conclude la locazione.

Torna da quell'impiegato dell'AdE e pretendi per iscritto il suo diniego a recepire la documentazione presentata completa di motivazione. Ad ulteriore diniego chiedi di conferire col Dirigente responsabile dell'Ufficio.

Se ancora rimani con un pugno di mosce, invia allora la documentazione a quell'Ufficio AdE a mezzo di Raccomandata AR.

 

Quanto alle imposte di registro di 67 €. da versare tramite F24 Elide ( e non più F23) presentando modello RLI (e non più mod. 69), a fronte di una sentenza di convalida sfratto, dette imposte non sono dovute perché la sentenza non è soggetta all'imposta di registro.

Anche in questo caso gli Uffici AdE sono fenomenali nella capacità di distinguersi in senso negativo: c'è chi illegalmente pretende detta imposta, e ci sono cittadini che piuttosto che metterci in mezzo un legale preferiscono versare i 67 €. anche se non dovuti....

https://www.condominioweb.com/sfratto-morosit%E0.12797

andata oggi all'age, ho trovato un altro funzionario e mi ha convalidato la fine del contratto, dando semplicemente la copia della convalida dello sfratto del giudice, senza farmi pagare nulla.

Viva l'italia e grazie per l'aiuto

×