Vai al contenuto
ice1000

Affitto: pagamento con ricevuta ma senza contratto di locazione

Ciao a tutti...

 

Vorrei, con questo mio primo post, richiedere informazione a qualche esperto circa la mia situazione di affitto in riferimento alla Legge in vigore.

 

Circa 2 anni fa, entro in un appartamento precedentemente occupato da una amica che, per circa 5 mesi e con contratto di affitto correttamente registrato a suo solo nome, abitava al suo interno.

 

Allo scadere di tale periodo, entro nell'appartamento ed il Proprietario mi richiede la stessa somma di affitto ma, ancora oggi, senza stipulare con me alcun contratto di affitto a mia firma e, quindi, senza consegnarmi alcuna copia registrata.

Io, puntualmente, ogni mese pago il Proprietario con assegno e lui mi rilascia, ogni volta, una ricevuta in cui indica l'importo di affitto.

Fino a qualche mese fa, queste ricevute erano ancora a nome della signorina (ex inquilina) poi, in modo del tutto arbitrario, ha deciso di indicare il mio nominativo.

Per quanto riguarda il pagamento delle utenze, queste vengono da lui pagate anticipatamente su suo conto corrente bancario e, successivamente, restituite da me in aggiunta all'importo dell'assegno che consegno.

 

Mi domando se tale situazione sia normale e se il comportamento del Proprietario non è eventualmente in antitesi con quanto impone la Legge in materia di locazione.

 

Grazie mille a tutti

 

/Andrea

Non è normale, credo che puoi andare tu stesso all'Ade (se non erro) e regolarizzare il contratto mostrando una ricevuta, poi chiedi al proprietario la metà della spesa.

Però aspettati alla fine del periodo del contratto non ti sarà rinnovato nulla.

Non è normale, credo che puoi andare tu stesso all'Ade (se non erro) e regolarizzare il contratto mostrando una ricevuta, poi chiedi al proprietario la metà della spesa.

Ma sopratutto preparati a subire le conseguenze di una falsa denuncia nel caso il contratto originario della sua amica fosse ancora pienamente valido e il proprietario ci pagasse regolarmente tassa di registro e IRPEF.

La soluzione più logica è andare all'Ade con un f23 di 67 euro, mod.69 con indicato CES (Cessione) e una dichiarazione di subentro.

Jerry nel caso prospettato da te, ma non ci sarebbe una certa responsabilità del proprietario, il quale non ha modificato all'ade il nome dell'inquilino?

Riconosco però una certa responsabilità dell'inquilino il quale ha lasciato correre due anni senza dire assolutamente nulla.

Vi ringrazio per le vs. risposte ed informazioni.

Tuttavia non mi è ancora chiaro se tale situazione è contro legge oppure no.

Anche se fosse che il proprietario continuasse a pagare regolarmente rispetto al vecchio contratto (ex inquilina), resta che io NON ho mai firmato nulla nè ho ricevuto alcuna copia di contratto.

Il mio nominativo non compare mai e su nessun documento. Quindi mi domando se il comportamento del proprietario è comunque tutelato dal "vecchio" contratto oppure è potenzialmente perseguibile.

Grazie

 

- - - Aggiornato - - -

 

Riconosco però una certa responsabilità dell'inquilino il quale ha lasciato correre due anni senza dire assolutamente nulla.

Non mi pare che sia compito dell'inquilino comunicare la sua presenza, ma il proprietario che a casa sua deve darne comunicazione a norma di Legge!

Non mi pare che sia compito dell'inquilino comunicare la sua presenza, ma il proprietario che a casa sua deve darne comunicazione a norma di Legge!
Non deve comunicare a nessuno è certo, ma controllare il contratto di locazione che riporti i suoi dati e non dati di altre persone?
Non deve comunicare a nessuno è certo, ma controllare il contratto di locazione che riporti i suoi dati e non dati di altre persone?

Ovviamente.

Ma io, come dicevo, non ho mai sottoscritto alcun contratto di locazione a mio nome.

E quindi non ho mai firmato nulla.

Suppongo, ma se sbaglio correggetemi, che se anche avesse cambiato i dati dell'ex inquilina con i miei, senza una mia firma, poco possa essere quella carta.

Ovviamente.

Ma io, come dicevo, non ho mai sottoscritto alcun contratto di locazione a mio nome.

E quindi non ho mai firmato nulla.

Suppongo, ma se sbaglio correggetemi, che se anche avesse cambiato i dati dell'ex inquilina con i miei, senza una mia firma, poco possa essere quella carta.

Per questo motivo (mancanza della firma) dicevo che c'è una certa responsabilità dell'inquilino, appunto per il fatto che i contratti vanno firmati e registrati all'Ade, entro 1 mese dalla stipula, altrimenti il contratto è assolutamente nullo, in pratica siete degli abusivi, con probabile ammenda a vostro carico.

p.s. se il contratto non lo registra il proprietario, è facoltà dell'inquilino adempiere per essere regolare.

Hai mai comunicato i tuoi dati fiscali al proprietario?? se si probabilmente lo stesso ha comunicato la cessione del contratto all'AdE a tuo nome pertanto potrebbe essere tutto a norma (vedi messaggio di JerriSM). Mi sembra strano, infatti, se la situazione fosse irregolare, che il proprietario ti rilasci la ricevuta ed oltretutto accetti pagamenti con assegni, il che lo lascerebbe "con il fianco scoperto" sotto tutti i punti di vista.

L'unica cosa da fare pertanto è discutere con il proprietario dell'argomento e chiarire con lui la posizione contrattuale.

×